home search menu
Osservatorio internazionale / giudici e PM in Europa e nel mondo
A rischio la democratizzazione
del sistema giudiziario in Turchia
di Gualtiero Michelini
Consigliere Corte d’Appello di Roma e rappresentante italiano in MEDEL
Presentazione dell'intervista del Presidente di MEDEL, Antonio Cluny
A rischio la democratizzazione del sistema giudiziario in Turchia

Le molte notizie rimbalzate sui media negli ultimi mesi sulle tensioni sociali e le riforme legislative e istituzionali in Turchia hanno portato molti osservatori a lanciare l'allarme sulla concreta minaccia in essere per le regole dello Stato di diritto, come nell'intervista di Antonio Cluny, presidente di Medel, qui segnalata.

In quel grande paese mediterraneo, membro della NATO, che chiese di entrare nell'allora CEE nel 1987, che ottenne lo status di paese candidato nel 1999con il quale sono stati aperti i negoziati per l’adesione all’UE nel 2005, negli ultimi mesi si sono registrati scontri di piazza, indagini e processi che hanno coinvolto membri del governo loro familiari, progetti di legge limitativi della libertà di espressione, rimozione di ufficiali di polizia e pubblici ministeri impegnati in complesse investigazioni, progetti di legge diretti a riformare il Consiglio superiore della magistratura (HSYK).

Il Consiglio superiore turco é attualmente alla prima consiliatura con elezione diretta di metà dei membri da parte dei magistrati in servizio, mentre in precedenza era composto di diritto dai soli vertici delle giurisdizioni superiori.

Il Consiglio è presieduto dal Ministro della giustizia, circostanza considerata non in linea con gli standard europei espressi in particolare nelle pertinenti raccomandazioni ed opinioni del Consiglio d'Europa e del CCJE, ed i progetti di riforma tendono ad ulteriormente incrementare il ruolo del Ministro in tale organo, sia con riferimento a disciplina e carriera dei magistrati, sia con riferimento all'esercizio dell'azione penale;  disegno di riforma al momento sospeso anche per le reazioni internazionali (oltre a Medel, il CCJE ha stigmatizzato in un proprio comunicato del 12.2 u.s. leccessiva concentrazione di poteri consiliari in capo alMinistro della giustizia e la limitazione dell'autonomia didattica della Scuola per la magistratura contenuti nei progetti di riforma).

In questa, come in altre materie, il rapporto delle istituzioni turche con l’UE è ambivalente: se la riforma del Consiglio della magistratura turco con l'introduzione di un organo elettivo (con elettorato attivo di tutti giudici) ha rappresentato uno straordinario elemento di democratizzazione, il ruolo del Ministro della giustizia quale componente del Governo, ancor più se ulteriormente accentuato in base ai progetti di riforma, resta un elemento di arretramento; inoltre la Turchia non ha dato corso all'istituzione di un sistema con doppio grado di giudizio ed apertura di Corti d’appello come richiesto dall’UE, e continua ad avere regole sulla detenzione preventiva e sui reati di opinione decisamente critiche, come spesso evidenziato dalla Corte Europea dei Diritti Umani

Nel suo ultimo Progress report del 2013, la Direzione generale Allargamento della Commissione europea segnalava la necessità per la Turchia di completare il processo di democratizzazione del sistema giudiziario, di restringere la portata e l'ambito di applicazione dei reati di terrorismo (che spesso coinvolgono giornalisti per le loro pubblicazioni), la necessità di consolidare indipendenza ed imparzialità del sistema giudiziario (anche attraverso un migliore equilibrio di genere, in generale e nei posti direttivi).

Raccomandazioni che, sembra, devono essere accompagnate da un realistico progresso e da una prospettiva credibile nei negoziati di adesione per potere avere una significativa influenza sulla situazione in evoluzione.

L'eccellente intervento di Antonio Cluny sulla situazione della giustizia in Turchia, diffuso da TV5 Monde è visibile di seguito.

Questione Giustizia ringrazia MEDEL per aver acconsentito alla diffusione

17 marzo 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
di Francesco Luigi Gatta
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
9 aprile 2018
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Oggi a Strasburgo, si celebra l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Tra gli ospiti il presidente della Corte di giustizia europea, Koen Lenaerts.
26 gennaio 2018
All’ombra delle bandiere di Istanbul*
All’ombra delle bandiere di Istanbul*
di Alessandro Simoni
La Turchia che dimentichiamo. Impressioni sulle celebrazioni del 15 luglio nella prospettiva del nuovo conservatorismo nazionalista
17 luglio 2017
Il Giudice ed il Sultano
Il Giudice ed il Sultano
di Francesco Florit
La vicenda del giudice internazionale Aydin Sefa Akay
9 maggio 2017
Turchia: il prevedibile sovraffollamento carcerario, a seguito del fallito colpo di stato, è motivo sufficiente per respingere una richiesta di estradizione
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
di Gualtiero Michelini
Lo sforzo di mobilitazione deve continuare, per un'azione di ritorno dei principi democratici nel Paese e per una effettiva assistenza legale degli arrestati, verificata da osservatori internazionali
13 ottobre 2016
Per una giustizia indipendente in Europa
Per una giustizia indipendente in Europa
I documenti elaborati da MEDEL per la giornata di "allerta per la giustizia", celebrata ogni anno nella data dell'assassinio di Giovanni Falcone
23 maggio 2016
La relatività del male
La relatività del male
di Antonello Ciervo
Alcune osservazioni a prima lettura sulla sentenza Perinçek contro Svizzera della Grande Chambre
15 dicembre 2015
Questione curda e protezione internazionale in una recente sentenza della Corte d'Appello di Bari
L’independance du parquet, de la declaration de Medel, en janvier de 1993, a la Charte de Rome de dicembre de 2014
L’independance du parquet, de la declaration de Medel, en janvier de 1993, a la Charte de Rome de dicembre de 2014
di António Cluny
Il contributo è stato pubblicato in italiano sul n.4/2014 della rivista trimestrale, in distribuzione in questi giorni
24 luglio 2015
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Osservatorio internazionale
CGUE, pillole di giugno
CGUE, pillole di giugno
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a giugno 2018
21 settembre 2018
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
di Elisabetta Grande
Qual è la fonte del diritto ad armarsi negli Stati Uniti? Un simile diritto è da sempre garantito ai cittadini americani? Quali ne sono i limiti? Esplorare la portata del diritto alle armi in quel Paese e le gravi conseguenze sulla vita e la morte di chi vi vive, significa capire le ragioni delle proteste dei tanti giovani americani per i quali quel diritto rappresenta una minaccia. Significa anche aver consapevolezza di quel che potrebbe accadere da noi qualora allargassimo le maglie della possibilità di armarci, come in base all’ultimo rapporto del Censis molti italiani parrebbero volere
12 settembre 2018
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no?
L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no? L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
di Sara Benvenuti
Può la solidarietà configurare un’ipotesi di reato? In Francia, se finalizzata a prestare aiuto all’ingresso o (fino a poco tempo fa) alla circolazione di stranieri irregolari, sì. Prende il nome, nel gergo comune, di délit de solidarité (o di délit d’hospitalité) ed è al centro di un’annosa vicenda giudiziaria che vede come protagonista, tra gli altri, Cédric Herrou, contadino francese divenuto da alcuni anni uomo-simbolo della difesa dei migranti in transito sulla Val Roia al confine con l’Italia. Sulla questione è intervenuta recentemente un’importante decisione del Conseil constitutionnel che, affermando il valore costituzionale della fraternità, sembra voler richiamare all’ordine il legislatore, imponendogli maggior cautela nel punire coloro che mossi da puro intento solidaristico prestano aiuto a stranieri irregolari sul territorio francese. Ma è realmente così?
7 settembre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
di Gualtiero Michelini
Commento a prima lettura dell’attesa sentenza della Corte di giustizia del 25 luglio 2018, nel procedimento pregiudiziale d’urgenza su rinvio dell’Alta Corte irlandese nel corso di una procedura di esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dall'autorità giudiziaria polacca. La decisione della Corte di giustizia affronta le questioni, determinate dalle riforme attuate dal governo polacco in pregiudizio dell’indipendenza del sistema giudiziario, della rilevanza giuridica e dell’impatto sull’applicazione della normativa del mandato di arresto europeo dell'avvio, da parte della Commissione europea, della procedura di accertamento della violazione sistemica dei principi di indipendenza del sistema giudiziario e dello Stato di diritto in Polonia in relazione alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
27 luglio 2018
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2018
24 luglio 2018