home search menu
Osservatorio internazionale / giudici e PM in Europa e nel mondo
A rischio la democratizzazione
del sistema giudiziario in Turchia
di Gualtiero Michelini
Consigliere Corte d’Appello di Roma e rappresentante italiano in MEDEL
Presentazione dell'intervista del Presidente di MEDEL, Antonio Cluny
A rischio la democratizzazione del sistema giudiziario in Turchia

Le molte notizie rimbalzate sui media negli ultimi mesi sulle tensioni sociali e le riforme legislative e istituzionali in Turchia hanno portato molti osservatori a lanciare l'allarme sulla concreta minaccia in essere per le regole dello Stato di diritto, come nell'intervista di Antonio Cluny, presidente di Medel, qui segnalata.

In quel grande paese mediterraneo, membro della NATO, che chiese di entrare nell'allora CEE nel 1987, che ottenne lo status di paese candidato nel 1999con il quale sono stati aperti i negoziati per l’adesione all’UE nel 2005, negli ultimi mesi si sono registrati scontri di piazza, indagini e processi che hanno coinvolto membri del governo loro familiari, progetti di legge limitativi della libertà di espressione, rimozione di ufficiali di polizia e pubblici ministeri impegnati in complesse investigazioni, progetti di legge diretti a riformare il Consiglio superiore della magistratura (HSYK).

Il Consiglio superiore turco é attualmente alla prima consiliatura con elezione diretta di metà dei membri da parte dei magistrati in servizio, mentre in precedenza era composto di diritto dai soli vertici delle giurisdizioni superiori.

Il Consiglio è presieduto dal Ministro della giustizia, circostanza considerata non in linea con gli standard europei espressi in particolare nelle pertinenti raccomandazioni ed opinioni del Consiglio d'Europa e del CCJE, ed i progetti di riforma tendono ad ulteriormente incrementare il ruolo del Ministro in tale organo, sia con riferimento a disciplina e carriera dei magistrati, sia con riferimento all'esercizio dell'azione penale;  disegno di riforma al momento sospeso anche per le reazioni internazionali (oltre a Medel, il CCJE ha stigmatizzato in un proprio comunicato del 12.2 u.s. leccessiva concentrazione di poteri consiliari in capo alMinistro della giustizia e la limitazione dell'autonomia didattica della Scuola per la magistratura contenuti nei progetti di riforma).

In questa, come in altre materie, il rapporto delle istituzioni turche con l’UE è ambivalente: se la riforma del Consiglio della magistratura turco con l'introduzione di un organo elettivo (con elettorato attivo di tutti giudici) ha rappresentato uno straordinario elemento di democratizzazione, il ruolo del Ministro della giustizia quale componente del Governo, ancor più se ulteriormente accentuato in base ai progetti di riforma, resta un elemento di arretramento; inoltre la Turchia non ha dato corso all'istituzione di un sistema con doppio grado di giudizio ed apertura di Corti d’appello come richiesto dall’UE, e continua ad avere regole sulla detenzione preventiva e sui reati di opinione decisamente critiche, come spesso evidenziato dalla Corte Europea dei Diritti Umani

Nel suo ultimo Progress report del 2013, la Direzione generale Allargamento della Commissione europea segnalava la necessità per la Turchia di completare il processo di democratizzazione del sistema giudiziario, di restringere la portata e l'ambito di applicazione dei reati di terrorismo (che spesso coinvolgono giornalisti per le loro pubblicazioni), la necessità di consolidare indipendenza ed imparzialità del sistema giudiziario (anche attraverso un migliore equilibrio di genere, in generale e nei posti direttivi).

Raccomandazioni che, sembra, devono essere accompagnate da un realistico progresso e da una prospettiva credibile nei negoziati di adesione per potere avere una significativa influenza sulla situazione in evoluzione.

L'eccellente intervento di Antonio Cluny sulla situazione della giustizia in Turchia, diffuso da TV5 Monde è visibile di seguito.

Questione Giustizia ringrazia MEDEL per aver acconsentito alla diffusione

17 marzo 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
di Francesco Luigi Gatta
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
9 aprile 2018
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Oggi a Strasburgo, si celebra l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Tra gli ospiti il presidente della Corte di giustizia europea, Koen Lenaerts.
26 gennaio 2018
All’ombra delle bandiere di Istanbul*
All’ombra delle bandiere di Istanbul*
di Alessandro Simoni
La Turchia che dimentichiamo. Impressioni sulle celebrazioni del 15 luglio nella prospettiva del nuovo conservatorismo nazionalista
17 luglio 2017
Il Giudice ed il Sultano
Il Giudice ed il Sultano
di Francesco Florit
La vicenda del giudice internazionale Aydin Sefa Akay
9 maggio 2017
Turchia: il prevedibile sovraffollamento carcerario, a seguito del fallito colpo di stato, è motivo sufficiente per respingere una richiesta di estradizione
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
di Gualtiero Michelini
Lo sforzo di mobilitazione deve continuare, per un'azione di ritorno dei principi democratici nel Paese e per una effettiva assistenza legale degli arrestati, verificata da osservatori internazionali
13 ottobre 2016
Per una giustizia indipendente in Europa
Per una giustizia indipendente in Europa
I documenti elaborati da MEDEL per la giornata di "allerta per la giustizia", celebrata ogni anno nella data dell'assassinio di Giovanni Falcone
23 maggio 2016
La relatività del male
La relatività del male
di Antonello Ciervo
Alcune osservazioni a prima lettura sulla sentenza Perinçek contro Svizzera della Grande Chambre
15 dicembre 2015
Questione curda e protezione internazionale in una recente sentenza della Corte d'Appello di Bari
L’independance du parquet, de la declaration de Medel, en janvier de 1993, a la Charte de Rome de dicembre de 2014
L’independance du parquet, de la declaration de Medel, en janvier de 1993, a la Charte de Rome de dicembre de 2014
di António Cluny
Il contributo è stato pubblicato in italiano sul n.4/2014 della rivista trimestrale, in distribuzione in questi giorni
24 luglio 2015
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Osservatorio internazionale
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
di Nello Rossi
Il drammatico e infinito conflitto tra israeliani e palestinesi è caratterizzato da una costante: l’oppressione e la repressione dello Stato di Israele nei confronti del popolo palestinese. Ma, accanto a questa tragica “costante”, che ha avuto un nuovo picco nei massacri di questi mesi, si sta verificando un fatto nuovo e diverso, e cioè la creazione di due diritti differenti per i due popoli che vivono in quell’area del mondo? Si è di fronte alla istituzionalizzazione, a danno dei palestinesi, di un vero e proprio regime di apartheid, bollato come un crimine dalle Convenzioni internazionali? L’articolo tenta di rispondere a questo interrogativo attraverso l’analisi dei molteplici comportamenti vessatori e discriminatori posti in essere dalle autorità israeliane e della “mens rea” del crimine di apartheid alla luce del diritto internazionale.
23 maggio 2018
CGUE, pillole di marzo
CGUE, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a marzo 2018
18 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
di Nicola Colaianni
La Corte di giustizia si occupa per la prima volta dell’art. 4, par. 2, della direttiva 2000/78/CE sui limiti dell’esenzione delle organizzazioni di tendenza religiosa dal divieto di discriminazioni di carattere religioso in materia di lavoro. A fronte di un ordinamento come quello tedesco, che ha dato attuazione piuttosto blanda alla direttiva favorendo ampiamente l’autonomia confessionale e limitando conseguentemente il controllo giurisdizionale alla mera plausibilità del provvedimento confessionale, Corte giust. 17 aprile 2018, causa C-414/16 opta per l’interpretazione rigorosa del carattere essenziale, legittimo e giustificato del nesso tra mansioni del lavoratore e attività dell’ente, da accompagnare con l’applicazione del principio di proporzionalità (dalla stessa direttiva non richiamato espressamente). Il riconoscimento di una cognizione piena ed esauriente da parte del giudice consente una valutazione oggettiva, e non spiritualistica, del rapporto tra lavoro e tendenza in direzione di una tutela più efficace dei cittadini da discriminazioni di carattere religioso.
3 maggio 2018
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
di Francesco Buffa
Il 12 aprile scorso, con la ratifica ad opera della Francia, si è perfezionato l’iter del Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu ed il Protocollo può entrare in vigore con decorrenza dal 1° agosto prossimo. Il Protocollo introduce il nuovo istituto del parere consultivo, che i giudici nazionali superiori possono chiedere alla Corte Edu in merito a questioni di principio riguardanti l'interpretazione o l'applicazione dei diritti e delle libertà stabiliti nella Convenzione. La prassi chiarirà l’effettiva utilità ed opportunità del ricorso al nuovo strumento.
2 maggio 2018