home search menu
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
Giurisprudenza e documenti
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 31 maggio 2017 (dep. 19 luglio 2017), n. 35590, Pres. Palla, Rel. Gorjan

La sentenza, qui succintamente annotata, va segnalata perché afferma che la commissione di più reati della stessa indole legati dal vincolo della continuazione, qualora siano realizzati nelle medesime circostanze di tempo e di luogo, non è ostativa all'applicabilità della causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131 bis cp.

L'accadimento concreto oggetto del giudizio può essere così sintetizzato.

In primo grado l'imputato veniva assolto ai sensi dell'art. 131 bis cp dai delitti di violazione di domicilio e minaccia, che erano stati commessi per questioni di eredità in danno della nipote.

Nella specie era stato accertato che l'imputato, dopo essere entrato nell'abitazione della nipote, si era intrattenuto nella casa contro la volontà di quest'ultima, che nel contempo era stata pure minacciata dall'imputato.

La sentenza di assoluzione veniva impugnata in cassazione dal Procuratore generale per violazione di legge.

Secondo il procuratore, infatti, l'art. 131 bis cp non poteva trovare applicazione, avendo l'imputato commesso più reati della stessa indole.

Secondo il ricorrente i due reati potevano ritenersi della stessa indole dal momento che, anche alla luce dell'unitario episodio criminoso, presentavano caratteri comuni, essendo stati entrambi realizzati per contrastare i diritti ereditari della persona offesa.

La Corte suprema, però, respinge il ricorso del Procuratore generale sulla base del seguente ragionamento.

In particolare, la Corte opera una distinzione tra continuazione diacronica e continuazione sincrona.

Nell'ambito della continuazione diacronica, la Corte fa rientrare quelle fattispecie in cui i reati vengono commessi in momenti spazio-temporali distinti tra loro.

Nell'ambito della continuazione sincrona, invece, la Corte fa rientrare quelle fattispecie in cui i reati vengono commessi nelle medesime circostanze di tempo e di luogo.

Orbene, secondo la Corte, il caso di specie deve essere ricondotto nell'ambito della continuazione sincrona, in quanto le due azioni dell'imputato sono state poste in essere nel medesimo contesto spazio-temporale e hanno rappresentato l'espressione di una volizione criminosa sostanzialmente unica, derivando da questo un giudizio favorevole in punto di applicazione della nuova causa di non punibilità di cui all'art. 131 bis cp, potendo ritenersi che il comportamento criminoso tenuto in concreto dall'imputato sia stato un fatto estemporaneo.

La Corte, invece, sembrerebbe contraria all'applicabilità della causa di non punibilità in questione nell'ipotesi di continuazione diacronica in quanto, in questo caso, la volizione criminosa, pur manifestandosi nell'ambito di un medesimo disegno criminoso, non è unica, ma reiterata «a sostegno dell'ulteriore azione illecita commessa in diverse condizioni di tempo e luogo» e, dunque, sintomatica di una maggiore pervicacia criminale, ostativa alla concessione del beneficio.

La sentenza in esame parrebbe essere la prima che si pone il problema di distinguere tra continuazione diacronica e continuazione sincrona, analizzando, nello specifico, la compatibilità di quest'ultima con la nuova causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto[1].

Inoltre, in seno alla giurisprudenza di legittimità, la sentenza qui segnalata e la recente pronuncia n. 19932, emessa dalla Sez. II penale della Cassazione in data 29 marzo 2017, costituiscono le prime voci che si sono levate contro l'orientamento maggioritario, secondo il quale invece la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto non può essere applicata in presenza di più reati avvinti dalla continuazione[2].



[1] Basti pensare che, in un caso recente in cui l'imputato era stato assolto in primo grado per particolare tenuità del fatto dai reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, legati dal vincolo della continuazione e commessi in un unico contesto, su ricorso proposto dal Procuratore della Repubblica, la Cassazione con l'arresto n. 13414/17 ha annullato la sentenza impugnata, limitandosi ad affermare, fra l'altro, che la causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto non può essere dichiarata in presenza di più reati legati dal vincolo della continuazione, in quanto anche il reato continuato configura un'ipotesi di comportamento abituale, ostativa al riconoscimento del beneficio, senza porsi dunque il problema se sia necessario distinguere tra continuazione sincrona, quale era quella che caratterizzava il vincolo sussistente tra i due reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni contestati all'imputato, e continuazione diacronica.

[2] La giurisprudenza di legittimità assolutamente maggioritaria esclude che la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto possa essere applicata in presenza di più reati uniti dal vincolo della continuazione, in quanto il reato continuato configurerebbe un'ipotesi di comportamento abituale, segno di una devianza non occasionale (cfr. fra gli arresti più recenti: Cass. Pen., Sez. III, 38021/17; Cass. Pen., Sez. IV, 32108/17; Cass. Pen., Sez. V, 31667/17; Cass. Pen., Sez. II, 28341/17; Cass. Pen., Sez. V, 28193/17). Di recente, però, come già ricordato sopra nel testo, la Corte di cassazione, con l'arresto n. 19932/17, discostandosi dall'opinione maggioritaria, ha sostenuto che la presenza di due o più reati avvinti dal vincolo della continuazione non può portare ad una automatica esclusione della causa di non punibilità prevista dall'art. 131 bis cp. In particolare su questa sentenza si veda, volendo, anche per gli ulteriori richiami che si fanno all'orientamento contrario e maggioritario della giurisprudenza di legittimità, F. Piccichè, Continuazione e particolare tenuità del fatto, in questa Rivista on-line, 3 luglio 2017.

22 settembre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? 
Istruzioni per l’uso
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
di Gianmarco Marinai
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19 ottobre 2017
«No a iscrizioni frettolose». Pignatone sfata la leggenda dell’”atto dovuto”
«No a iscrizioni frettolose». Pignatone sfata la leggenda dell’”atto dovuto”
di Donatella Stasio
Il procuratore della Repubblica di Roma invia una circolare sulla gestione delle iscrizioni delle notizie di reato dopo la riforma penale entrata in vigore ad agosto, segnalando rischi e costi delle prassi basate sull’automatismo. Come per le intercettazioni, è la prima circolare sulla materia
17 ottobre 2017
L’“evoluzione” dell’assegno di divorzio. Una recente decisione della suprema Corte, tra nomofilachia e creazione giudiziaria del diritto
L’estate immobile del carcere. Aspettando la <i>“rupture”</i> di Orlando
L’estate immobile del carcere. Aspettando la “rupture” di Orlando
di Donatella Stasio
Il Ministro della giustizia ha insediato prima dell’estate le Commissioni per la stesura della riforma e spinge per presentare al più presto le modifiche politicamente “più scabrose”, che la campagna elettorale può mettere a rischio. Ma l’imperativo è anche farle camminare una volta approvate
7 settembre 2017
Dodici donne per il vertice della Cassazione
Dodici donne per il vertice della Cassazione
di Donatella Stasio
Dal 20 luglio al 30 settembre si può presentare domanda per la prima presidenza e le potenziali candidature femminili, interne ed esterne al Palazzaccio, sono almeno 12. Il Csm alla “prova di genere”. Mai più un caso-Luccioli
18 luglio 2017
La rilevanza penale dei fumetti pedopornografici
La rilevanza penale dei fumetti pedopornografici
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. III, Sent. 13 gennaio 2017 (dep. 9 maggio 2017), n. 22265, Pres. Fiale, Rel. Rosi
13 luglio 2017
Continuazione e particolare tenuità del fatto
Continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. II, Sent. 29 marzo 2017 (dep. 26 aprile 2017), n. 19932, Pres. De Crescienzo, Rel. Pellegrino
3 luglio 2017
Lo strano caso della prescrizione <i>prendere</i> o <i>lasciare</i>
Lo strano caso della prescrizione prendere o lasciare
di Donatella Stasio
Il paradosso: norme subito in vigore ma applicabili solo ai fatti commessi dopo l’entrata in vigore della riforma e quindi non misurabili, quanto a efficacia, prima di 5-10 anni. La necessità di dati trasparenti e di valutazioni di impatto
26 giugno 2017
La sfuggente nozione di atto contrario ai doveri d’ufficio nei delitti di corruzione
La sfuggente nozione di atto contrario ai doveri d’ufficio nei delitti di corruzione
di Eugenio Fusco
1. La crescente evanescenza dell’atto contrario ai doveri d’ufficio nei fenomeni di grande corruzione – 2. La vendita della funzione tra corruzione propria e impropria – 3. Vendita della funzione e traffico di influenze illecite – 4. Riqualificazione del fatto e dinamiche corruttive, tra iura novit curia e rispetto delle garanzie convenzionali – 5. Fenomeni corruttivi e onere di rinnovazione dell’istruttoria in appello
22 giugno 2017
Rimessa alle Sezioni unite la questione sul luogo di deposito della richiesta di riesame delle misure cautelari reali
Rimessa alle Sezioni unite la questione sul luogo di deposito della richiesta di riesame delle misure cautelari reali
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. III, Ord. 14 marzo 2017 (dep. 28 aprile 2017), n. 20255, Pres. Cavallo, Rel. Andronio
21 giugno 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Giurisprudenza e documenti
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
di Marco Vitali
Con la sentenza n. 687 del 4 novembre 2016, il Tribunale di Vicenza ha dichiarato la nullità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo poiché intimato in frode alla legge, ai sensi dell’art. 1344 cc, ed ha applicato la tutela reintegratoria prevista al comma 1 dell’art. 18 Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92/2012. Il caso induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015 che ha elevato a regola la tutela indennitaria, escludendo del tutto la tutela reintegratoria per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. Nonostante la restrizione delle tutele così attuata, le categorie civilistiche della nullità – in particolare l’illiceità della causa – devono ritenersi operanti nella materia dei licenziamenti
11 ottobre 2017
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
di Federico Grillo Pasquarelli
Con l’attesa sentenza sul caso Abercrombie la Corte di giustizia Ue ha dichiarato che il contratto di lavoro intermittente – che, in base all’art. 34 d.lgs 276/2003, poteva essere concluso “in ogni caso” con soggetti di età inferiore a 25 anni – e persino la sua cessazione automatica al compimento dei 25 anni, non contrastano con la Direttiva 2000/78 e con il principio di non discriminazione per ragioni di età: la sentenza, che trascura la precedente giurisprudenza della stessa Cgue, non convince sotto vari profili
2 ottobre 2017
L’“evoluzione” dell’assegno di divorzio. Una recente decisione della suprema Corte, tra nomofilachia e creazione giudiziaria del diritto
Il sequestro della Iuventa: Ong e soccorso in mare
Il sequestro della Iuventa: Ong e soccorso in mare
di Roberta Barberini
Il sequestro della Iuventa coinvolge questioni di diritto internazionale che mai, finora, si erano presentate, nei processi contro i trafficanti. L’apertura del procedimento ha purtroppo avuto la conseguenza di portare in secondo piano le gravi responsabilità dell’Europa nella gestione del fenomeno migratorio. Esso può essere, tuttavia, l’occasione per fare chiarezza, anche nel mondo delle Ong, su come si declinino i principi umanitari dell’accoglienza e del soccorso in mare e su come sia necessario mantenerli – nell’interesse degli stessi migranti – nella cornice di legalità con cui l’Italia, per una volta sostenuta dall’Europa, sta provando a definire un perimetro che tenga insieme diritti e doveri dell’accoglienza
18 settembre 2017
La partecipazione degli stranieri extracomunitari regolari al concorso pubblico per assistente giudiziario
Discriminazione diretta per orientamento sessuale e organizzazioni di tendenza (nota a Corte d’appello di Trento, 23 febbraio 2017)
Discriminazione diretta per orientamento sessuale e organizzazioni di tendenza (nota a Corte d’appello di Trento, 23 febbraio 2017)
di Elisabetta Tarquini
La sentenza che si commenta, e che ha ritenuto discriminatorio per ragioni di orientamento sessuale il mancato rinnovo di un contratto a termine a un’insegnante di una scuola paritaria cattolica, prosegue la complessa opera di rivisitazione, o forse di ricostruzione, dei propri orientamenti avviata dalla giurisprudenza nazionale in ordine all’estensione e ai limiti dei divieti di discriminazione.
20 luglio 2017