home search menu
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
Giurisprudenza e documenti
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 31 maggio 2017 (dep. 19 luglio 2017), n. 35590, Pres. Palla, Rel. Gorjan

La sentenza, qui succintamente annotata, va segnalata perché afferma che la commissione di più reati della stessa indole legati dal vincolo della continuazione, qualora siano realizzati nelle medesime circostanze di tempo e di luogo, non è ostativa all'applicabilità della causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131 bis cp.

L'accadimento concreto oggetto del giudizio può essere così sintetizzato.

In primo grado l'imputato veniva assolto ai sensi dell'art. 131 bis cp dai delitti di violazione di domicilio e minaccia, che erano stati commessi per questioni di eredità in danno della nipote.

Nella specie era stato accertato che l'imputato, dopo essere entrato nell'abitazione della nipote, si era intrattenuto nella casa contro la volontà di quest'ultima, che nel contempo era stata pure minacciata dall'imputato.

La sentenza di assoluzione veniva impugnata in cassazione dal Procuratore generale per violazione di legge.

Secondo il procuratore, infatti, l'art. 131 bis cp non poteva trovare applicazione, avendo l'imputato commesso più reati della stessa indole.

Secondo il ricorrente i due reati potevano ritenersi della stessa indole dal momento che, anche alla luce dell'unitario episodio criminoso, presentavano caratteri comuni, essendo stati entrambi realizzati per contrastare i diritti ereditari della persona offesa.

La Corte suprema, però, respinge il ricorso del Procuratore generale sulla base del seguente ragionamento.

In particolare, la Corte opera una distinzione tra continuazione diacronica e continuazione sincrona.

Nell'ambito della continuazione diacronica, la Corte fa rientrare quelle fattispecie in cui i reati vengono commessi in momenti spazio-temporali distinti tra loro.

Nell'ambito della continuazione sincrona, invece, la Corte fa rientrare quelle fattispecie in cui i reati vengono commessi nelle medesime circostanze di tempo e di luogo.

Orbene, secondo la Corte, il caso di specie deve essere ricondotto nell'ambito della continuazione sincrona, in quanto le due azioni dell'imputato sono state poste in essere nel medesimo contesto spazio-temporale e hanno rappresentato l'espressione di una volizione criminosa sostanzialmente unica, derivando da questo un giudizio favorevole in punto di applicazione della nuova causa di non punibilità di cui all'art. 131 bis cp, potendo ritenersi che il comportamento criminoso tenuto in concreto dall'imputato sia stato un fatto estemporaneo.

La Corte, invece, sembrerebbe contraria all'applicabilità della causa di non punibilità in questione nell'ipotesi di continuazione diacronica in quanto, in questo caso, la volizione criminosa, pur manifestandosi nell'ambito di un medesimo disegno criminoso, non è unica, ma reiterata «a sostegno dell'ulteriore azione illecita commessa in diverse condizioni di tempo e luogo» e, dunque, sintomatica di una maggiore pervicacia criminale, ostativa alla concessione del beneficio.

La sentenza in esame parrebbe essere la prima che si pone il problema di distinguere tra continuazione diacronica e continuazione sincrona, analizzando, nello specifico, la compatibilità di quest'ultima con la nuova causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto[1].

Inoltre, in seno alla giurisprudenza di legittimità, la sentenza qui segnalata e la recente pronuncia n. 19932, emessa dalla Sez. II penale della Cassazione in data 29 marzo 2017, costituiscono le prime voci che si sono levate contro l'orientamento maggioritario, secondo il quale invece la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto non può essere applicata in presenza di più reati avvinti dalla continuazione[2].



[1] Basti pensare che, in un caso recente in cui l'imputato era stato assolto in primo grado per particolare tenuità del fatto dai reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, legati dal vincolo della continuazione e commessi in un unico contesto, su ricorso proposto dal Procuratore della Repubblica, la Cassazione con l'arresto n. 13414/17 ha annullato la sentenza impugnata, limitandosi ad affermare, fra l'altro, che la causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto non può essere dichiarata in presenza di più reati legati dal vincolo della continuazione, in quanto anche il reato continuato configura un'ipotesi di comportamento abituale, ostativa al riconoscimento del beneficio, senza porsi dunque il problema se sia necessario distinguere tra continuazione sincrona, quale era quella che caratterizzava il vincolo sussistente tra i due reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni contestati all'imputato, e continuazione diacronica.

[2] La giurisprudenza di legittimità assolutamente maggioritaria esclude che la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto possa essere applicata in presenza di più reati uniti dal vincolo della continuazione, in quanto il reato continuato configurerebbe un'ipotesi di comportamento abituale, segno di una devianza non occasionale (cfr. fra gli arresti più recenti: Cass. Pen., Sez. III, 38021/17; Cass. Pen., Sez. IV, 32108/17; Cass. Pen., Sez. V, 31667/17; Cass. Pen., Sez. II, 28341/17; Cass. Pen., Sez. V, 28193/17). Di recente, però, come già ricordato sopra nel testo, la Corte di cassazione, con l'arresto n. 19932/17, discostandosi dall'opinione maggioritaria, ha sostenuto che la presenza di due o più reati avvinti dal vincolo della continuazione non può portare ad una automatica esclusione della causa di non punibilità prevista dall'art. 131 bis cp. In particolare su questa sentenza si veda, volendo, anche per gli ulteriori richiami che si fanno all'orientamento contrario e maggioritario della giurisprudenza di legittimità, F. Piccichè, Continuazione e particolare tenuità del fatto, in questa Rivista on-line, 3 luglio 2017.

22 settembre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
di Elisa Pazè
In materia di commercio di prodotti contraffatti si assiste ad un intreccio di fattispecie penali e ad una stratificazione di interpretazioni giurisprudenziali; l’esame degli intrecci e delle stratificazioni permette di constatare che i reali interessi oggetto della tutela penale sono sempre meno la fede pubblica o l’interesse del singolo consumatore o della generalità dei consumatori, e sempre più i diritti di proprietà intellettuale, alla cui tutela penale spesso si provvede con la contestazione di fattispecie incriminatrici che nacquero a presidio di altri beni giuridici. Il presente contributo è l’occasione per un’ulteriore riflessione su un tema che attraversa la quotidiana esperienza di molti operatori giudiziari e ci ricorda ancora una volta che l’attività di interpretazione delle norme non è mai un’attività neutra.
9 maggio 2018
Modificata la disciplina del regime di procedibilità per taluni reati contro la persona e il patrimonio
Modificata la disciplina del regime di procedibilità per taluni reati contro la persona e il patrimonio
di Federico Piccichè
Prima nota al recente decreto legislativo del 10 aprile 2018, n. 36, in vigore dal 9 maggio
7 maggio 2018
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
di Giuseppe Battarino
Turno affari di pronta definizione, turno reati di “fascia B” e, addirittura, turno reati di “fascia C”. I disegni organizzativi dei nostri tribunali e delle nostre procure – al lodevole scopo di far funzionare l’elefantiaca macchina della giustizia – escogitano congegni sempre più efficientisti, che tendono all’obiettivo della ragionevole durata del processo. Ma che rischiano di sottovalutare in modo grave la irripetibilità della vicenda di ciascun imputato e di ciascuna vittima. E, allora, occorre chiedersi con l’Autore – e con un osservatore d’altri tempi – se davvero questa sia la ragionevole durata di un processo; e – più gravemente – se davvero questa sia giurisdizione.
27 aprile 2018
Capovolgere la giustizia?
Capovolgere la giustizia?
di Francesco Cascini
La Costituzione, l’ordinamento penitenziario, le regole penitenziarie europee, perfino le condanne della Cedu non hanno scalfito le fondamenta di una concezione retributiva della giustizia penale erette sul codice Rocco. Nel corso degli anni nel sistema si è strutturato un paradosso per cui convivono un eccesso di carcere ed un eccesso di impunità. Per eliminare questi eccessi va dato corpo allo scopo del diritto penale aprendo a soluzioni sanzionatorie alternative finalizzate alla riparazione del danno prodotto dal reato ed al reinserimento. Solo rendendo efficaci e veloci questi strumenti si potrà fare strada una diversa cultura della repressione penale e del carcere.
23 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
La qualità delle indagini e della loro resa dibattimentale, insieme alla ritenuta credibilità delle dichiarazioni delle persone offese, ha confermato, secondo i giudici dell’assise, un contesto di privazione della libertà dei migranti e di violenze di ogni tipo che scolpisce una realtà che per la sorte dei diritti umani è fondamentale non ignorare.
3 aprile 2018
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
di Ennio Tomaselli
Partendo da casi di cronaca, si approfondiscono problematiche sulla valutazione giurisprudenziale dell’imputabilità ex art. 98 cp, anche alla luce di dati statistici recenti. Si discute, in particolare, della correttezza formale e dell’opportunità, rispetto anche ad esigenze di chiarezza e credibilità dell’agire istituzionale, di pronunce dichiarative di non imputabilità in concreto non precedute da una valutazione collegiale e specializzata. Si segnala anche recente giurisprudenza di legittimità relativa agli infraquattordicenni, non imputabili ex lege, e si conclude sottolineando l’importanza che la giurisprudenza in questa materia, cruciale sul piano concettuale e sistematico, sia sempre più coerente con l’esigenza di una giustizia comunque a misura delle persone di minore età.
27 marzo 2018
Parole che smuovono le pietre
Parole che smuovono le pietre
di Caterina Bubba
A tre anni dalla sua uscita, Fine pena: ora di Elvio Fassone − il libro che racconta il carteggio ultredecennale tra un ergastolano e il suo giudice − è diventato uno spettacolo teatrale. Le sue pagine continuano ad agitare le nostre coscienze, emozionandoci e ponendo questo quesito: «Come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato»? Un interrogativo che coinvolge il nostro Paese in un momento storico in cui la riforma penitenziaria è stata finalmente approvata dal Consiglio dei ministri il 16 marzo 2018, anche se il suo iter non si è ancora concluso.
17 marzo 2018
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Giurisprudenza e documenti
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
di Franca Mangano
Nell’ultimo anno i giudici della I Sezione civile del Tribunale di Roma si sono confrontati con la sentenza n. 11504/2017 valorizzando, per quanto possibile, gli aspetti di continuità con la precedente giurisprudenza, in vista di una interpretazione dell’istituto dell’assegno divorzile adeguata alla mutata fisionomia del matrimonio ma anche coerente con i principi di solidarietà garantiti dalla Costituzione, nell’auspicio che le Sezioni unite prestino attenzione allo sforzo ricostruttivo dei giudici di merito.
10 maggio 2018
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
di Elisa Pazè
In materia di commercio di prodotti contraffatti si assiste ad un intreccio di fattispecie penali e ad una stratificazione di interpretazioni giurisprudenziali; l’esame degli intrecci e delle stratificazioni permette di constatare che i reali interessi oggetto della tutela penale sono sempre meno la fede pubblica o l’interesse del singolo consumatore o della generalità dei consumatori, e sempre più i diritti di proprietà intellettuale, alla cui tutela penale spesso si provvede con la contestazione di fattispecie incriminatrici che nacquero a presidio di altri beni giuridici. Il presente contributo è l’occasione per un’ulteriore riflessione su un tema che attraversa la quotidiana esperienza di molti operatori giudiziari e ci ricorda ancora una volta che l’attività di interpretazione delle norme non è mai un’attività neutra.
9 maggio 2018
La tutela delle vittime di tratta di fronte alla Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze
La tutela delle vittime di tratta di fronte alla Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze
di Diana Genovese
Una recente ordinanza della Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze prende in considerazione il particolare intreccio tra il percorso della protezione internazionale e quello di assistenza e tutela delle vittime di tratta di esseri umani proponendo un approccio inedito al problema dell’emersione di indicatori di tratta durante l’audizione del richiedente la protezione internazionale in sede di ricorso giurisdizionale.
4 maggio 2018
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
di Marco Patarnello
Pur nella difficoltà di trovarsi al centro del Mediterraneo nel disinteresse molto interessato del resto d’Europa e nella preoccupazione di divenire la meta di ogni migrante, con la decisione del gip di Ragusa l’Italia si sforza di non interrompere il collegamento fra diritto e umanità.
19 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale