home search menu
Associazione terroristica e suoi requisiti
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di legittimità
Associazione terroristica e suoi requisiti
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 14 luglio 2016 (dep. 14 novembre 2016), n. 48001, Pres. Lapalorcia, Rel. Zaza

Con la sentenza in esame, la Corte Suprema ha annullato relativamente al reato di cui all'art. 270-bis c.p. quella emessa dalla Corte d'Assise d'Appello di Bari, che aveva confermato la condanna di quattro imputati per avere uno diretto e organizzato e gli altri preso parte ad una associazione di matrice islamica, operante dal 2008 e finalizzata al compimento di atti di terrorismo in Italia e all'estero.

I Giudici di secondo grado, sulla base dei contenuti di intercettazioni, avevano affermato che gli imputati erano stretti da un legame associativo per l'attuazione di un programma  criminoso avente come scopo quello di avviare altri soggetti al martirio “inteso come esaltazione e ricerca della morte insieme al maggior numero possibile di infedeli”.

I Giudici di secondo grado avevano ritenuto sussistente il reato di cui all'art. 270-bis c.p. in quanto le conversazioni intercettate facevano riferimento a un “gruppo”, a luoghi di incontro appositamente destinati all'indottrinamento e a computers utilizzati per collegarsi a siti riconducibili all'area jihadista, contenenti filmati su attentati, scene di guerra e documenti illustrativi della preparazione di armi ed esplosivi e delle modalità per raggiungere luoghi di combattimento e trasmettere in rete messaggi criptati.

Gli imputati, con i propri ricorsi, si sono difesi deducendo l'inesistenza di una struttura associativa organizzata e la mancanza di una condotta che fosse in concreto idonea a cagionare un grave danno ad uno Stato o ad una organizzazione internazionale.

Le censure mosse dai ricorrenti vengono condivise dalla Corte, che accoglie i ricorsi.

Più in dettaglio.

Come prima cosa, la Corte tiene a precisare che il delitto di cui all'art. 270-bis c.p. è un reato di pericolo presunto.

Ciononostante, secondo la Corte, è pur sempre necessario che la condotta associativa si manifesti attraverso una struttura organizzata “con un livello di effettività che renda possibile la realizzazione del progetto criminoso”.

Conseguentemente, l'associazione non deve tendere genericamente verso la finalità terroristica, ma deve proporsi in concreto la realizzazione di atti violenti con finalità di terrorismo. 

“Costituiscono pertanto”, scrive la Corte, “elementi necessari, per l'esistenza del reato, in primo luogo l'individuazione di atti terroristici posti come obiettivo dell'associazione, quanto meno nella loro tipologia; e, in secondo luogo, la capacità della struttura associativa di dare agli atti stessi effettiva realizzazione”.

Orbene, secondo la Corte, è proprio con tali elementi che la sentenza impugnata dai ricorrenti non ha saputo confrontarsi.

Secondo la Corte, infatti, la semplice attività di indottrinamento, potendo al massimo far sorgere nei destinatari una generica disponibilità al martirio, non basta a dare “la necessaria consistenza a quegli atti di violenza terroristica o eversiva il cui compimento, per quanto detto, deve costituire specifico oggetto dell'associazione”.

Lo stesso deve dirsi in ordine agli ulteriori elementi, di cui vi è traccia nella sentenza impugnata, consistenti nei filmati e nei documenti propagandistici, atteso che il loro procacciamento e la loro visione altro non sono che “attività strumentali all'indottrinamento”.

Oltre a questo, secondo la Corte, la sentenza impugnata merita censura perché non fornisce la prova che gli imputati fossero capaci di realizzare, in concreto, atti potenzialmente dannosi per lo Stato “nei termini di un reale impatto intimidatorio sulla popolazione dello stesso, tale da ripercuotersi sulle condizioni di vita e sulla sicurezza dell'intera collettività”.

Al riguardo, nel passo più importante della decisione, la Corte osserva che non è sufficiente aver messo in evidenza semplici attività di proselitismo ed indottrinamento, dal momento che tali condotte possono, semmai, costituire “una precondizione, quale base ideologica, per la costituzione di un'associazione effettivamente funzionale al compimento di atti terroristici, ma che non integra gli estremi perché tale risultato possa dirsi conseguito”.

Tirando le somme e per concludere.

La pronuncia in esame, che si è voluto brevemente tratteggiare, fissa, in ossequio al principio di rango costituzionale della necessaria offensività del reato, alcuni punti fermi che devono sempre guidare l'opera interpretativa del Giudice.

La Corte statuisce, in modo chiaro, che l'associazione terroristica deve consistere in una struttura organizzata, che sia in grado, in quanto tale, di rendere in concreto possibile l'attuazione del proprio progetto criminoso.

In questo senso anche la partecipazione all'associazione non deve limitarsi “a un'adesione ideale al programma criminoso”, ma deve tradursi “nell'assunzione di un ruolo concreto nel sodalizio”.

Un'associazione terroristica può essere ricondotta alla fattispecie di cui all'art. 270-bis c.p. soltanto se poggia su legami stabili e concreti, potenzialmente capaci di dotare l'associazione della forza effettiva ed organizzativa necessaria per realizzare le finalità, di tipo terroristico, normativamente individuate dall'art. 270-sexies c.p., consistenti nell'arrecare grave danno ad un Paese o ad un'organizzazione internazionale, allo scopo di intimidire la popolazione o costringere i poteri pubblici a compiere o astenersi dal compiere un qualsiasi atto o destabilizzare o distruggere le strutture politiche fondamentali, costituzionali, economiche e sociali dello Stato o dell'organizzazione.

Non basta dunque un generico progetto di avviamento al martirio, basato su attività di indottrinamento e proselitismo.

Tali attività, costituendo, come si è già detto, “una precondizione, quale base ideologica, per la costituzione di un'associazione effettivamente funzionale al compimento di atti terroristici”, possono, forse, giustificare l'applicazione di una misura cautelare ai fini della valutazione della sussistenza dei gravi indizi, oppure, realizzare il presupposto della pericolosità ai fini dell'applicazione di misure di prevenzione; di certo, però, non possono ritenersi da sole sufficienti a formare, con il necessario rigore, la prova dell'esistenza di una struttura associativa rientrante, a pieno titolo, nel perimetro applicativo segnato dall'art. 270-bis c.p..

Concludendo, secondo il massimo organo nomofilattico, al fine di integrare i requisiti indispensabili per la configurabilità di una struttura associativa, riconducibile alla fattispecie di cui all'art. 270-bis c.p., l'associazione deve esistere come struttura organizzata ed essere composta da persone che siano in grado di attuare condotte che abbiano “caratteristiche di materialità” e, cioè, che siano concretamente e significativamente idonee ad offendere gravemente, con effetti dalla portata disastrosa, gli interessi collettivi fondamentali di un Paese o di una organizzazione internazionale.

 

30 novembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
<i>Contre l'état d'urgence</i>, un saggio di Paul Cassia
Contre l'état d'urgence, un saggio di Paul Cassia
di Alberto Perduca
A quattordici mesi dalla tragica sera degli attentati di Parigi, lo stato di emergenza resta in vigore, e lo rimarrà fino al 15 luglio 2017. In forza delle quattro proroghe che l’Assemblea nazionale ha deciso con leggi approvate a larghissima maggioranza
4 febbraio 2017
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismo<br><i>Another brick off the wall?</i>
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismo
Another brick off the wall?
di Nicola Colacino
Nonostante le forti perplessità suscitate, il Justice Against Sponsor of Terrorism Act presenta più di un aspetto meritevole di considerazione
18 gennaio 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Uno sguardo comparatistico sul bilanciamento tra libertà delle comunicazioni ed esigenze della sicurezza nazionale ed internazionale
Ultima cena a Dacca
Ultima cena a Dacca
di Andrea Venegoni
Un ricordo e un pensiero per tutti gli italiani partiti a esplorare il mondo
15 luglio 2016
Mafie e corruzione: potere, giustizia e verità*
Il contrasto al terrorismo in Europa. Che cosa (non) fa e che cosa dovrebbe fare l’Unione europea*
Terrorismo internazionale. Politiche della sicurezza. Diritti fondamentali: il ruolo del diritto e l’impegno dei magistrati
Stato di diritto e stato d'emergenza in Francia
Conoscere il terrorismo jihadista: strumenti e tecniche di indagine
Conoscere il terrorismo jihadista: strumenti e tecniche di indagine
di Giovanni Salvi
L'intervento di Giovanni Salvi al nostro seminario di Pisa: "Terrorismo internazionale. Politiche della sicurezza. Diritti Fondamentali"
23 marzo 2016
Newsletter


Fascicolo 4/2016
NUMERO MONOGRAFICO
Il giudice e la legge
Giurisprudenza e documenti
Sulla specificità dell'appello
Sulla specificità dell'appello
di Luca Semeraro
Con la sentenza che oggi Questione Giustizia pubblica (n. 8825/17), le Sezioni unite della Corte di cassazione hanno risolto il contrasto esistente in giurisprudenza affermando la necessità della cosiddetta specificità estrinseca dei motivi di appello, cioè della necessaria correlazione tra i motivi di appello e le ragioni di fatto o di diritto su cui si basa la sentenza impugnata
24 febbraio 2017
Il datore di lavoro e l’asso nella manica. Il licenziamento per giusta causa e la tardività della contestazione
Il datore di lavoro e l’asso nella manica. Il licenziamento per giusta causa e la tardività della contestazione
di Maura Nardin
La non immediatezza della contestazione è vizio procedimentale che impedisce in radice l’accertamento giudiziale, ma prima ancora vizio sostanziale perché la valutazione dell’insussistenza del fatto – inteso come inadempimento non irrilevante – è contenuta nel comportamento di inerzia del datore di lavoro, cui l’ordinamento impone il dovere di reagire
20 febbraio 2017
Accesso alle origini, intervengono le Sezioni Unite
Accesso alle origini, intervengono le Sezioni Unite
di Alice Giurlanda
Nota a Cassazione civile Sezioni unite, sentenza 25 gennaio 2017 n. 1946
17 febbraio 2017
Sulla tutela del segreto investigativo
Sulla tutela del segreto investigativo
di Giuseppe Cascini
Primo commento alla circolare emanata il 7 febbraio 2017 dal Procuratore della Repubblica di Torino contenente “Direttive a tutela del segreto investigativo” conseguenti all’art. 18 (Disposizioni Transitorie e finali) n. 5 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 177 - “Disposizioni in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo forestale dello Stato, ai sensi dell’articolo 8, co. 1, lettera a), della Legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”
14 febbraio 2017
Il nuovo orientamento della Cassazione sul licenziamento per giustificato motivo oggettivo
Il nuovo orientamento della Cassazione sul licenziamento per giustificato motivo oggettivo
di Carla Ponterio
Con la sentenza n. 25201 del 7 dicembre 2016, la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione è intervenuta sul licenziamento per giustificato motivo oggettivo sposando, tra i due orientamenti interpretativi che si fronteggiavano, quello più incline a proteggere lo spazio della libera iniziativa economica privata, e che legittima la scelta datoriale che si sostanzia nella soppressione del posto di lavoro
8 febbraio 2017
I dubbi di legittimità costituzionale della disciplina sanzionatoria in materia di sostanze stupefacenti
I dubbi di legittimità costituzionale della disciplina sanzionatoria in materia di sostanze stupefacenti
di Davide Barbagiovanni
L'autore ripercorre le tappe che hanno delineato una disciplina sanzionatoria che appare il frutto non di scelte consapevoli del legislatore, bensì della stratificazione di interventi del legislatore e della Consulta che sollevano delicate questioni di compatibilità con alcuni principi costituzionali
7 febbraio 2017