home search menu
Associazione terroristica e suoi requisiti
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di legittimità
Associazione terroristica e suoi requisiti
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 14 luglio 2016 (dep. 14 novembre 2016), n. 48001, Pres. Lapalorcia, Rel. Zaza

Con la sentenza in esame, la Corte Suprema ha annullato relativamente al reato di cui all'art. 270-bis c.p. quella emessa dalla Corte d'Assise d'Appello di Bari, che aveva confermato la condanna di quattro imputati per avere uno diretto e organizzato e gli altri preso parte ad una associazione di matrice islamica, operante dal 2008 e finalizzata al compimento di atti di terrorismo in Italia e all'estero.

I Giudici di secondo grado, sulla base dei contenuti di intercettazioni, avevano affermato che gli imputati erano stretti da un legame associativo per l'attuazione di un programma  criminoso avente come scopo quello di avviare altri soggetti al martirio “inteso come esaltazione e ricerca della morte insieme al maggior numero possibile di infedeli”.

I Giudici di secondo grado avevano ritenuto sussistente il reato di cui all'art. 270-bis c.p. in quanto le conversazioni intercettate facevano riferimento a un “gruppo”, a luoghi di incontro appositamente destinati all'indottrinamento e a computers utilizzati per collegarsi a siti riconducibili all'area jihadista, contenenti filmati su attentati, scene di guerra e documenti illustrativi della preparazione di armi ed esplosivi e delle modalità per raggiungere luoghi di combattimento e trasmettere in rete messaggi criptati.

Gli imputati, con i propri ricorsi, si sono difesi deducendo l'inesistenza di una struttura associativa organizzata e la mancanza di una condotta che fosse in concreto idonea a cagionare un grave danno ad uno Stato o ad una organizzazione internazionale.

Le censure mosse dai ricorrenti vengono condivise dalla Corte, che accoglie i ricorsi.

Più in dettaglio.

Come prima cosa, la Corte tiene a precisare che il delitto di cui all'art. 270-bis c.p. è un reato di pericolo presunto.

Ciononostante, secondo la Corte, è pur sempre necessario che la condotta associativa si manifesti attraverso una struttura organizzata “con un livello di effettività che renda possibile la realizzazione del progetto criminoso”.

Conseguentemente, l'associazione non deve tendere genericamente verso la finalità terroristica, ma deve proporsi in concreto la realizzazione di atti violenti con finalità di terrorismo. 

“Costituiscono pertanto”, scrive la Corte, “elementi necessari, per l'esistenza del reato, in primo luogo l'individuazione di atti terroristici posti come obiettivo dell'associazione, quanto meno nella loro tipologia; e, in secondo luogo, la capacità della struttura associativa di dare agli atti stessi effettiva realizzazione”.

Orbene, secondo la Corte, è proprio con tali elementi che la sentenza impugnata dai ricorrenti non ha saputo confrontarsi.

Secondo la Corte, infatti, la semplice attività di indottrinamento, potendo al massimo far sorgere nei destinatari una generica disponibilità al martirio, non basta a dare “la necessaria consistenza a quegli atti di violenza terroristica o eversiva il cui compimento, per quanto detto, deve costituire specifico oggetto dell'associazione”.

Lo stesso deve dirsi in ordine agli ulteriori elementi, di cui vi è traccia nella sentenza impugnata, consistenti nei filmati e nei documenti propagandistici, atteso che il loro procacciamento e la loro visione altro non sono che “attività strumentali all'indottrinamento”.

Oltre a questo, secondo la Corte, la sentenza impugnata merita censura perché non fornisce la prova che gli imputati fossero capaci di realizzare, in concreto, atti potenzialmente dannosi per lo Stato “nei termini di un reale impatto intimidatorio sulla popolazione dello stesso, tale da ripercuotersi sulle condizioni di vita e sulla sicurezza dell'intera collettività”.

Al riguardo, nel passo più importante della decisione, la Corte osserva che non è sufficiente aver messo in evidenza semplici attività di proselitismo ed indottrinamento, dal momento che tali condotte possono, semmai, costituire “una precondizione, quale base ideologica, per la costituzione di un'associazione effettivamente funzionale al compimento di atti terroristici, ma che non integra gli estremi perché tale risultato possa dirsi conseguito”.

Tirando le somme e per concludere.

La pronuncia in esame, che si è voluto brevemente tratteggiare, fissa, in ossequio al principio di rango costituzionale della necessaria offensività del reato, alcuni punti fermi che devono sempre guidare l'opera interpretativa del Giudice.

La Corte statuisce, in modo chiaro, che l'associazione terroristica deve consistere in una struttura organizzata, che sia in grado, in quanto tale, di rendere in concreto possibile l'attuazione del proprio progetto criminoso.

In questo senso anche la partecipazione all'associazione non deve limitarsi “a un'adesione ideale al programma criminoso”, ma deve tradursi “nell'assunzione di un ruolo concreto nel sodalizio”.

Un'associazione terroristica può essere ricondotta alla fattispecie di cui all'art. 270-bis c.p. soltanto se poggia su legami stabili e concreti, potenzialmente capaci di dotare l'associazione della forza effettiva ed organizzativa necessaria per realizzare le finalità, di tipo terroristico, normativamente individuate dall'art. 270-sexies c.p., consistenti nell'arrecare grave danno ad un Paese o ad un'organizzazione internazionale, allo scopo di intimidire la popolazione o costringere i poteri pubblici a compiere o astenersi dal compiere un qualsiasi atto o destabilizzare o distruggere le strutture politiche fondamentali, costituzionali, economiche e sociali dello Stato o dell'organizzazione.

Non basta dunque un generico progetto di avviamento al martirio, basato su attività di indottrinamento e proselitismo.

Tali attività, costituendo, come si è già detto, “una precondizione, quale base ideologica, per la costituzione di un'associazione effettivamente funzionale al compimento di atti terroristici”, possono, forse, giustificare l'applicazione di una misura cautelare ai fini della valutazione della sussistenza dei gravi indizi, oppure, realizzare il presupposto della pericolosità ai fini dell'applicazione di misure di prevenzione; di certo, però, non possono ritenersi da sole sufficienti a formare, con il necessario rigore, la prova dell'esistenza di una struttura associativa rientrante, a pieno titolo, nel perimetro applicativo segnato dall'art. 270-bis c.p..

Concludendo, secondo il massimo organo nomofilattico, al fine di integrare i requisiti indispensabili per la configurabilità di una struttura associativa, riconducibile alla fattispecie di cui all'art. 270-bis c.p., l'associazione deve esistere come struttura organizzata ed essere composta da persone che siano in grado di attuare condotte che abbiano “caratteristiche di materialità” e, cioè, che siano concretamente e significativamente idonee ad offendere gravemente, con effetti dalla portata disastrosa, gli interessi collettivi fondamentali di un Paese o di una organizzazione internazionale.

 

30 novembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Appunti per una relazione sul terrorismo di destra *
di Giovanni Salvi
Esauritosi il conflitto tra scelte ideologiche totalizzanti, caratterizzante la guerra fredda, il collante delle destre radicali diviene l’identità etnico-nazionale. Le destre radicali europee guardano quindi all’esperienza statunitense del suprematismo bianco e del super-nazionalismo. Nel mutuarne alcune opzioni organizzative, come la leaderless resistance, il riferimento al nazi-fascismo resta nei simboli e soprattutto nell’originario richiamo al rapporto tra suolo e cultura. Un ruolo fondamentale svolge il web, il cui uso è direttamente collegato alle modifiche di strategia politica. Deve di conseguenza cambiare anche l’approccio investigativo, basata su di una approfondita conoscenza delle nuove realtà.
27 aprile 2018
La violazione dell’art. 2 della Cedu con riferimento all’utilizzo permissivo della forza pubblica, quando da essa sia derivata la morte come conseguenza non intenzionale
Auto-addestramento con finalità di terrorismo
Auto-addestramento con finalità di terrorismo
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 19 luglio 2016 (dep. 9 febbraio 2017), n. 6061, Pres. Fumo, Rel. Micheli
23 maggio 2017
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti 
nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
di Antonio Gialanella
Riflessioni sul libro “Scritti dell’avvocato Adolfo Gatti”, a cura di Giovanna Corrias Lucente. Prefazioni di Paola Severino e Giovanna Corrias Lucente (Aracne editrice)
8 aprile 2017
In ricordo di Emilio Alessandrini e Guido Galli
In ricordo di Emilio Alessandrini e Guido Galli
di Edmondo Bruti Liberati
Milano, 29 gennaio 1979. Prima Linea uccide il giudice Emilio Alessandrini con otto colpi di pistola. Poco più di un anno dopo, il 19 marzo del 1980, dopo una lezione all'Università di Milano, ancora un commando di Prima Linea uccide il giudice Guido Galli. Oggi, a trentasette anni da quell'omicidio, pubblichiamo un ricordo dei due giudici, intervenuti entrambi, sotto profili diversi, nelle indagini sulla strage di Piazza Fontana*
19 marzo 2017
Contre l'état d'urgence, un saggio di Paul Cassia
Contre l'état d'urgence, un saggio di Paul Cassia
di Alberto Perduca
A quattordici mesi dalla tragica sera degli attentati di Parigi, lo stato di emergenza resta in vigore, e lo rimarrà fino al 15 luglio 2017. In forza delle quattro proroghe che l’Assemblea nazionale ha deciso con leggi approvate a larghissima maggioranza
4 febbraio 2017
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismoAnother brick off the wall?
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismo
Another brick off the wall?
di Nicola Colacino
Nonostante le forti perplessità suscitate, il Justice Against Sponsor of Terrorism Act presenta più di un aspetto meritevole di considerazione
18 gennaio 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Uno sguardo comparatistico sul bilanciamento tra libertà delle comunicazioni ed esigenze della sicurezza nazionale ed internazionale
Ultima cena a Dacca
Ultima cena a Dacca
di Andrea Venegoni
Un ricordo e un pensiero per tutti gli italiani partiti a esplorare il mondo
15 luglio 2016
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Giurisprudenza e documenti
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
di Franca Mangano
Nell’ultimo anno i giudici della I Sezione civile del Tribunale di Roma si sono confrontati con la sentenza n. 11504/2017 valorizzando, per quanto possibile, gli aspetti di continuità con la precedente giurisprudenza, in vista di una interpretazione dell’istituto dell’assegno divorzile adeguata alla mutata fisionomia del matrimonio ma anche coerente con i principi di solidarietà garantiti dalla Costituzione, nell’auspicio che le Sezioni unite prestino attenzione allo sforzo ricostruttivo dei giudici di merito.
10 maggio 2018
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
di Elisa Pazè
In materia di commercio di prodotti contraffatti si assiste ad un intreccio di fattispecie penali e ad una stratificazione di interpretazioni giurisprudenziali; l’esame degli intrecci e delle stratificazioni permette di constatare che i reali interessi oggetto della tutela penale sono sempre meno la fede pubblica o l’interesse del singolo consumatore o della generalità dei consumatori, e sempre più i diritti di proprietà intellettuale, alla cui tutela penale spesso si provvede con la contestazione di fattispecie incriminatrici che nacquero a presidio di altri beni giuridici. Il presente contributo è l’occasione per un’ulteriore riflessione su un tema che attraversa la quotidiana esperienza di molti operatori giudiziari e ci ricorda ancora una volta che l’attività di interpretazione delle norme non è mai un’attività neutra.
9 maggio 2018
La tutela delle vittime di tratta di fronte alla Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze
La tutela delle vittime di tratta di fronte alla Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze
di Diana Genovese
Una recente ordinanza della Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze prende in considerazione il particolare intreccio tra il percorso della protezione internazionale e quello di assistenza e tutela delle vittime di tratta di esseri umani proponendo un approccio inedito al problema dell’emersione di indicatori di tratta durante l’audizione del richiedente la protezione internazionale in sede di ricorso giurisdizionale.
4 maggio 2018
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
di Marco Patarnello
Pur nella difficoltà di trovarsi al centro del Mediterraneo nel disinteresse molto interessato del resto d’Europa e nella preoccupazione di divenire la meta di ogni migrante, con la decisione del gip di Ragusa l’Italia si sforza di non interrompere il collegamento fra diritto e umanità.
19 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale