home search menu
Bis in idem e Convenzione EDU. La Corte Costituzionale detta la semantica del “medesimo fatto”
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza costituzionale
Bis in idem e Convenzione EDU. La Corte Costituzionale detta la semantica del “medesimo fatto”
di Marco Sacquegna
Giudice del Tribunale di Livorno
Sintesi delle questioni affrontate con la sentenza della Corte Costituzionale n. 200 del 31.05/21.07.2016

A distanza di pochi mesi dalla pronuncia n. 102/2016, la Corte Costituzionale torna ad occuparsi dell’art. 649 c.p.p., ed offre una nuova tessera del mosaico che cerca di comporre ed equilibrare i rapporti, spesso tesi, tra normativa nazionale e sovranazionale, interposto l'art. 117 Cost.

In quest'occasione è stata investita dal GUP del Tribunale di Torino in relazione al procedimento a carico del responsabile della gestione delle società del Gruppo Eternit spa, accusato di omicidio plurimo in conseguenza di condotte tutte riconducibili, direttamente o indirettamente, all’esposizione alle fibre di asbesto, dopo che nei confronti del medesimo imputato è stato definito, con dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione (Cass. Schmidheiny, 19.11.2014), altro procedimento per i delitti di disastro doloso e rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro.

La complessità della decisione richiede assai più intenso impegno nell’analisi del percorso motivazionale, ma, a caldo, può svilupparsi  questa sintesi essenziale dei temi trattati.

I termini normativi del confronto dai quali muove l’ordinanza di rimessione sono costituiti dall’art. 649 c.p.p. nel quale è espresso il divieto di secondo giudizio penale per il medesimo fatto, dall’art. 4 del Protocollo n. 7 alla CEDU delineante lo stesso divieto e dall’art. 117 Cost., quale norma di raccordo.

Il sospetto di illegittimità costituzionale ha colpito la norma processuale poiché, in conformità ad una costante interpretazione giurisprudenziale di legittimità del principio del ne bis in idem che ne costituisce il contenuto, il divieto concernerebbe l’identità del fatto giuridico, ovvero la coincidenza di tutti gli elementi costitutivi del reato e dei beni giuridici tutelati.

Tanto non consentirebbe l’operatività del divieto nel caso di concorso formale di reati, poiché le plurime fattispecie attinte dalla condotta recano elementi differenzianti sotto i profili della natura dei reati, degli eventi giuridici, dei fini di tutela.

Così, non risponderebbe ai criteri giuridici di identità, conchiusi nella triade “condotta-evento-nesso di causa”, il fatto previsto dagli artt. 434 e 437 c.p. e quello di omicidio, pur innanzi alla medesima condotta connessa all’esposizione alle polveri di amianto.

Le due prime fattispecie incriminatrici descrivono reati di pericolo, anziché di danno come l’omicidio e sono dirette alla salvaguardia della pubblica incolumità, anziché della vita.

Inoltre, l’evento morte non entra nella costituzione dei due illeciti contro l’incolumità, neanche nelle ipotesi aggravate dei rispettivi commi 2.

Assai più vasta, invece, l’area di applicazione del principio di ne bis in idem espresso dall’art. 4, prot. n. 7 alla CEDU, secondo l’ampiezza assegnata dalla Corte EDU.

Non già rispetto al fatto giuridico, bensì solo con riferimento alla condotta, commissiva od omissiva, deve misurarsi la medesimezza del fatto e darsi applicazione del divieto (v. sentenza Corte EDU, 10.02.2009, Zolotoukhine contro Russia).

Dunque, nella logica CEDU il giudizio deve arrestarsi a considerare la condotta, restando del tutto irrilevanti nella comparazione dei fatti, le sue conseguenze (l’evento) e le altre componenti che caratterizzano le differenti fattispecie.

Nel caso concreto la condotta tenuta dall’imputato è, ad avviso del Giudice rimettente, unica nel senso storico-naturalistico e, da qui, il contrasto tra la disposizione processuale di cui all’art. 649 c.p.p. e la norma CEDU.

È, dunque, nel confronto tra le nozioni di idem factum, recepito dalla Corte EDU ed idem legale, fatto proprio dalla Corte di Cassazione, che si sospetta annidarsi il vizio di illegittimità costituzionale rimesso allo scrutinio della Consulta.

Ebbene, i Giudici della Corte smentiscono tale tesi, muovendo dalle sue radici e negando che i contenuti e l’ampiezza del divieto del secondo giudizio in ambito CEDU siano rigidamente quelli additati dal Giudice remittente.

La prima delle asserzioni della Corte costituisce il prius orientante l’intera decisione:

Il fatto storico-naturalistico rileva, ai fini del divieto di bis in idem, secondo l’accezione che gli conferisce l’ordinamento, perché l’approccio epistemologico fallisce nel descriverne un contorno identitario dal contenuto necessario. Fatto, in questa prospettiva, è l’accadimento materiale, certamente affrancato dal giogo dell’inquadramento giuridico, ma pur sempre frutto di un’addizione di elementi la cui selezione è condotta secondo criteri normativi.

Non vi è, in altri termini, alcuna ragione logica per concludere che il fatto, pur assunto nella sola dimensione empirica, si restringa all’azione o all’omissione, e non comprenda, invece, anche l’oggetto fisico su cui cade il gesto, se non anche, al limite estremo delle nozione, l’evento naturalistico che ne è conseguito, ovvero la modificazione della realtà indotta dal comportamento dell’agente.

La nozione e il contenuto del sintagma del “medesimo fatto” tratta dall’art. 649 c.p.p. secondo il diritto vivente sembra, dunque, preferibile.

Ma, la Corte, ovviamente, non è chiamata a scegliere, tra più, una soluzione ermeneutica, quanto ad esercitare il controllo sulla possibile lesione di una norma costituzionale e lo fa con un’opera di revisione dell’interpretazione del bis in idem convenzionale dedotta dal rimettente.

Invero, nessuna delle decisioni della Corte EDU reca l’affermazione che il fatto va assunto, ai fini del divieto di bis in idem, con esclusivo riferimento all’azione o all’omissione dell’imputato, anzi, ferma l’inidoneità dimostrativa di quelle intervenute sulla comparazione di reati di sola condotta (ad esempio sentenza  04.03.2014, Grande Stevens contro Italia), molte sono le sentenze dei Giudici europei che nella misurazione della medesimezza del fatto sono andate ben oltre il mero dato della condotta tenuta dall’agente.

Queste osservazioni, in sostanza, indicano l’insussistenza di un’univoca presa di posizione della Corte EDU sulla nozione di bis in idem.

Per di più, anche estendendo l’orizzonte alla logica sistematica, osservano i Giudici costituzionali che con effetti molto meno favorevoli per l’imputato di quelli che vincolano la pronuncia ex art. 649 c.p.p., l’art. 4 del Prot. n. 7 della CEDU, secondo paragrafo, ammette la compatibilità con la Convenzione di una vistosa deroga al divieto di secondo giudizio, se fatti sopravvenuti o nuove rivelazioni sono in grado inficiare la sentenza (dunque anche quella di assoluzione) già passata in giudicato, mentre la Corte EDU si è pronunciata sulla necessità di bilanciare il divieto di bis in idem con gli artt. 2 e 3 della Convenzione, con conseguente inoperatività del divieto in presenza di crimini contro l’umanità.

Ben più rigida, invece, nel sistema processuale italiano la salvaguardia del giudicato, il quale, pur non del tutto insensibile a revisioni (vedi, oltre ai casi tassativamente elencati dall’art.  630 c.p.p. – e solo per le sentenze o i decreti penali di condanna - i recenti interventi della Corte di Cassazione sulle pene dell’art. 73 DPR n. 309/1990), non tollera di essere rimesso in discussione per effetto di fatti sopravvenuti e qualunque sia il reato per cui si procede.

In definitiva, dunque, la Convenzione impone agli Stati membri di applicare il divieto di bis in idem in base ad una concezione naturalistica del fatto, ma non di restringere quest’ultimo nella sfera della sola azione od omissione.

Questo, invece, esclude che possa assumere rilevanza l’idem legale, inteso quale differente qualificazione giuridica o ridefinizione della cornice normativa in un'accezione ampia della medesima (ad esempio con riferimento a profili circostanziali) di uno stesso fatto storico.

Del resto, che l’identità del fatto vada ricercata nel fatto naturalistico e non nella astratta dimensione normativa (come orientamento minoritario sembra indicare) è ben espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza, a Sez. Un. n. 34655 del 28.06.2005: l’identità del fatto sussiste quando via sia corrispondenza storico-naturalistica nella configurazione del reato, considerato in tutti i suoi elementi costitutivi (condotta, evento, nesso causale) e con riguardo alle circostanze di tempo, di luogo e di persona.

La seconda parte della sentenza affronta, poi, il tema dei rapporti tra divieto di secondo giudizio e concorso formale di reati.

Il costante orientamento della giurisprudenza di legittimità nega l'operatività del divieto quando il reato sul quale si è consolidato il giudicato concorre formalmente con altro contestato in separato procedimento.

Dunque, al medesimo fatto storico, empiricamente valutato, possono agganciarsi più fattispecie di reato, espressive di differenziate esigenze di tutela.

Si tratta di un istituto di diritto sostanziale che – osservano i Giudici costituzionali – non interferisce con quello processuale del ne bis in idem eppure nella giurisprudenza della Corte di Cassazione i due profili processuale e sostanziale hanno sempre trovato una sintesi compositiva; così il Giudice, in presenza di un'ipotesi di riconducibilità del fatto a più ideal-tipi, non deve attardarsi a ricercare elementi costitutivi di natura empirica, risultando la via del secondo processo già segnata.

La Corte Costituzionale prende atto di tanto e senza mettere mano, almeno negli intenti dichiarati, a questo risultato ermeneutico, incide profondamente la disposizione dell'art. 649 c.p.p..

La prima osservazione concerne il riproporsi del tema del idem legale appena escluso dalla nozione di stesso fatto, posto che proprio la struttura del concorso formale impone di recepire quei dati di pretta natura normativa che, invece, non devono involgere il fatto.

Ebbene, questi presupposti denunciano il contrasto con l'art. 4 Prot. n. 7 della CEDU che, invece, dispone il divieto del secondo giudizio sul fatto storico-naturalistico, ancorché con i contenuti sopra indicati; da qui la violazione costituzionale dell'art. 117.

Contrasto svelato con ancora maggiore evidenza, peraltro, dai limiti che quella stessa giurisprudenza di legittimità frappone tra l'automatismo del secondo giudizio per  medesimo fatto attratto dal concorso formale; limiti individuati nelle pronunce di assoluzione perché il fatto non sussiste o perché l'imputato non l'ha commesso nel primo processo, col fine di evitare il rischio di conflitti di giudicato.

Dunque, anche nel caso di concorso formale il metro per valutare la medesimezza del fatto resta quello empirico del fatto storico-naturalistico e il giudizio potrà concludere per la simmetricità tra primo e secondo fatto solo ove si riscontri la coincidenza degli elementi della condotta, dell'evento, del nesso causale.

Con riferimento ai fatti relativi alle malattie professionali connesse all'esposizione all'amianto, in termini concreti, occorrerà allora vagliare se la morte e/o le lesioni siano già state specificamente considerate, unitamente al nesso di causalità con la condotta dell'imputato, cioè se dal fatto giudicato sia nei suoi elementi materiali realmente il medesimo, anche se diversamente qualificato per il titolo, per il grado e per le circostanze.

La pronuncia non aggiunge altro e, sebbene l'ultimo suo passaggio illumini il percorso che il Giudice dovrà battere, risulta forse ancora da chiarire come possa sciogliersi il dubbio sulla medesimezza del fatto con giudizio fondato sulla ricerca di quegli elementi fattuali nel primo processo quando questo, come nel caso che occupa, si sia concluso con una dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione.

Il dubbio, in altri termini, è che innanzi all'impossibilità materiale di sondare i profili di stretta fattualità il giudizio, inevitabilmente ipotetico, scivoli ancora una volta sul versante legale astratto.

Del resto, l'incidenza non vincolante della prescrizione rispetto ad effetti penali, come la confisca, è stata anch'essa oggetto di scrutinio costituzionale con la sentenza n. 49 del 14.01/01.04.2015, ma la Corte ha specificato che intanto è possibile l'applicazione della confisca, in quanto, anche solo incidentalmente, esista un giudizio sul fatto.

Quale giudizio dovrà allora esercitare il Giudice per stabilire la medesimezza del fatto in assenza di un qualsivoglia accertamento della condotta-evento-nesso causale, peraltro, in costanza di un prevalente orientamento di legittimità per il quale «La formula di proscioglimento nel merito prevale sulla dichiarazione di improcedibilità per intervenuta prescrizione soltanto nel caso in cui sia rilevabile, con una mera attività ricognitiva, l'assoluta assenza della prova di colpevolezza a carico dell'imputato ovvero la prova positiva della sua innocenza, e non anche nel caso di mera contraddittorietà o insufficienza della prova che richiede un apprezzamento ponderato tra opposte risultanze» (Cass. Pen. 10284/2014).

Si tratta di interrogativo forse ingenuo che, tuttavia, richiederà un'attenta uso dei criteri indicati dalla Corte.

Per quanto concerne, tuttavia, le due fattispecie di cui all'art. 434 e 437 c.p. a confronto con quella di omicidio, qualche considerazione è in ipotesi già spendibile.

Intanto, il delitto di disastro innominato neanche contempla l'evento morte, neanche al verificarsi del disastro, e la stessa Corte ha spiegato che il pericolo per la pubblica incolumità denota la messa a repentaglio di un numero non preventivamente individuabile di persone, in correlazione alla capacità diffusiva propria degli effetti dannosi dell'evento qualificabile come disastro (Corte Cost. n. 327 del 30.07/06.08.2008)

La Corte, infine, è intervenuta anche sul delitto di cui all'art. 437 c.p., in merito a questione di illegittimità costituzionale della norma per contrasto con gli art. 3 e 24 Cost. nella parte in cui la norma configura il reato di rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro e non prevede cautele contro il rischio scaturente dalle malattie professionali (la nozione di infortunio sul lavoro, pur elastica, è contenuta nell'art. 2 R. D. n. 1765/1935 e coincide con l'alterazione dell'organismo determinato da causa violenta in occasione del lavoro da cui sia derivata la morte o un'inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, ovvero un'inabilità temporanea assoluta che comporti l'astensione dal lavoro per più di tre giorni).

Ebbene, la Corte ha dichiarato manifestamente inammissibile la questione, poiché l'eventuale accoglimento avrebbe comportato l'estensione in malam partem  di una fattispecie incriminatrice preclusa dal principio di riserva di legge sancito dall'art. 25, pur rilevando incidentalmente che l'eguale trattamento delle due ipotesi risponda al criterio della piena e razionale tutela dell'ambiente di lavoro e sia stato disposto in altra normativa  (ordinanza Corte Cost. n. 232 del 15.07.1983), così di fatto sollecitando un intervento legislativo, non verificatosi.

23 luglio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Un Viaggio avventuroso!
Un Viaggio avventuroso!
di Marco Patarnello
La decisione della Corte costituzionale di collocare nelle carceri il suo secondo fronte del viaggio nel Paese reale è un fatto senza precedenti. Un incontro ai massimi livelli (la più alta magistratura ed uno dei carceri più popolosi e delicati d’Italia) fra due realtà prive di contatti. Eppur funziona. Fra applausi scroscianti e qualche silenzio tattico, due mondi lontani, per tre ore, hanno comunicato guardandosi in viso, ricordando che il diritto alla dignità, come il valore della Carta costituzionale, non si arresta sulla soglia di un carcere
8 ottobre 2018
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
di Alessandra Galluccio
La dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’art. 58-quater, comma 4, ord. pen. – che prevedeva un trattamento penitenziario estremamente rigido e rigoroso per i condannati all’ergastolo ai sensi degli artt. 630, comma 3 e 289-bis, comma 3 cp (sequestro di persona a scopo di estorsione o terrorismo ed eversione, con morte del sequestrato) – è l’occasione, per la Consulta, di affermare nuovamente la centralità del finalismo rieducativo della sanzione, nella forma del reinserimento sociale del condannato che dimostri di partecipare al percorso rieducativo
16 luglio 2018
Sull’attenuazione della clausola di salvaguardia in materia di responsabilità civile del magistrato: questioni ancora aperte? *
di Federico Sorrentino
La sentenza della Corte costituzionale n. 164 del 2017, che ha ritenuto infondata la questione di legittimità costituzionale sull’abrogazione (ad opera della legge 27 febbraio 2015, n. 18) del procedimento di ammissibilità (cd. filtro) delle domande risarcitorie in tema di responsabilità civile del magistrato, non si è invece pronunziata su altre questioni coinvolgenti le modifiche apportate alla legge n. 117 del 1988. Tra queste, si esamina quella concernente l’attenuazione della cd. clausola di salvaguardia (posta a garanzia della funzione giurisdizionale), per vagliarne i possibili esiti alla luce del quadro normativo interno, costituzionale ed eurounitario
27 giugno 2018
La Corte costituzionale ed il regime delle spese di giudizio nel processo del lavoro
La Corte costituzionale ed il regime delle spese di giudizio nel processo del lavoro
di Rita Sanlorenzo
Con la sentenza n. 77 del 2018, la Corte costituzionale cancella la riforma del 2014 che limitava fortemente la possibilità di compensazione fra le parti all'esito del giudizio civile e affida al giudice, ed in particolare a quello del lavoro, uno strumento efficace di adeguamento del regolamento delle spese alle peculiarità del caso concreto.
1 maggio 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
di Gianfranco Amendola
Il contributo che pubblichiamo ragiona sulla recente decisione n. 58 del 2018, con cui la Consulta torna ad occuparsi del tema della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori negli stabilimenti dell’Ilva di Taranto. L’autore registra qualche non irrilevante mutamento di rotta nella giurisprudenza costituzionale rispetto alla precedente sentenza n. 85 del 2013 e rimarca con forza come il diritto alla salute non può soggiacere, se non a prezzo di qualche forzatura del dettato costituzionale, a bilanciamenti con altri interessi pur costituzionalmente rilevanti (essendo il diritto alla salute l’unico diritto che, non a caso, è definito fondamentale dalla nostra Costituzione).
10 aprile 2018
La salute, il lavoro, i giudici
La salute, il lavoro, i giudici
di Riccardo De Vito
Un breve commento alla sentenza (n. 58/2018) con la quale la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del cd. decreto Ilva. Vi si leggono parole chiare sul rapporto tra i diritti fondamentali della persona e iniziativa economica
24 marzo 2018
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
di Diletta Tega
Di fronte al problema di doppia pregiudizialità rappresentato dalla violazione tanto della Costituzione (e di fonti internazionali, come la Cedu, che operano attraverso la mediazione dell’art. 117, primo comma, Cost.), quanto della Cdfue, l’ordinanza in commento della Corte di cassazione, seguendo l’impostazione della sentenza costituzionale n. 269/17, solleva una articolata questione di legittimità costituzionale, nella quale operano come parametri (interposti) anche le norme della Cdfue, pure quando esse, secondo la Suprema corte, avrebbero efficacia diretta. È espressamente lasciata alla Corte costituzionale la valutazione se rivolgersi con un rinvio pregiudiziale di interpretazione alla Corte di giustizia: alle prese con dubbi di compatibilità della normativa italiana con la Cdfue, la Cassazione avrebbe voluto – e dovuto, in base all’art. 267 Tfue – far rinvio pregiudiziale alla Corte di Lussemburgo; ma consapevole di quanto affermato dalla Corte costituzionale, ha deciso di rivolgersi, in prima battuta, a Palazzo della Consulta.
12 marzo 2018
Dj Fabo: la Corte d’assise di Milano solleva una questione davanti alla Corte costituzionale*
Dj Fabo: la Corte d’assise di Milano solleva una questione davanti alla Corte costituzionale*
di Francesca Paruzzo
Contrasto tra la disposizione dell’art. 580 cp e, da un lato, gli artt. 3, 13 primo comma e 117 primo comma Cost. – in relazione, quest’ultimo, agli artt. 2 e 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo – e, dall’altro, gli artt. 3, 13, 25 secondo comma e 27 terzo comma Cost.
16 febbraio 2018
Un bambino e le sue mamme: dall’invisibilità al riconoscimento ex art. 8 legge 40
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Giurisprudenza e documenti
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 3, Sent. 21 marzo 2018 (dep. 7 maggio 2018), n. 19689, Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi
19 ottobre 2018
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
di Elena Nadile
Commento a Cass., Sez. unite, sentenza 21 giugno 2018, n. 40983: un vero vademecum per il calcolo della pena
16 ottobre 2018
Protezione internazionale, l'ordinanza del Tribunale di Milano del 25 luglio 2018
L’ordinanza di Riace. I fatti contro le polemiche
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
di Alice Giurlanda
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 6963 del 20 marzo 2018 enuncia il seguente principio di diritto: «L’adottato ha diritto, nei casi di cui all’art. 28 c. 5 L. 184 del 1983, di conoscere le proprie origini accedendo alle informazioni concernenti, non solo l’identità dei propri genitori biologici, ma anche quella delle sorelle e fratelli biologici adulti, previo interpello di questi mediante procedimento giurisdizionale idoneo ad assicurare la massima riservatezza ed il massimo rispetto della dignità dei soggetti da interpellare, al fine di acquisirne il consenso all’accesso alle informazioni richieste o di costatene il diniego, da intendersi impeditivo dell'esercizio del diritto»
26 settembre 2018
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
di Giovanni Dinisi
La sentenza della Corte di assise di Milano rappresenta la realtà dei “campi di raccolta” dei migranti in Libia, un dato di conoscenza imprescindibile nella costruzione delle politiche migratorie europee
25 settembre 2018