home search menu
Contro una pena inutile. Fassone letto da un magistrato di sorveglianza
Magistratura e società
Contro una pena inutile. Fassone letto da un magistrato di sorveglianza
di Fabio Gianfilippi
magistrato di sorveglianza, Tribunale di sorveglianza di Spoleto
Un libro che diventa l’occasione per "fermarsi ai bordi della strada e, dopo la catarsi che segue il dramma, riprendere il cammino ancor più consapevoli del sentiero da imboccare"
Contro una pena inutile. Fassone letto da un magistrato di sorveglianza

"Non penso siano molte, ormai, le professioni che richiedono una lettura assidua di testi redatti a mano. Succede certamente al magistrato di sorveglianza, che riceve istanze, reclami e memorie su ogni argomento dai detenuti di cui si occupa. Lettere, dunque, perché nell’universo penitenziario il mondo dell’informatica è ancora colpevolmente quasi assente e si fabbricano così analfabeti tecnologici sempre meno adatti al moderno mondo del lavoro.

Ho spesso pensato che questo mio intenso decrittare fosse un giusto contrappasso, avendo sempre imposto a tutti, dai tempi della scuola, la mia pessima grafia da mancino appassionato di geroglifici.

D’altra parte però, in quei testi scritti a mano, e corretti con ripensamenti ed incertezze, in tanti diversi momenti delle giornate sempre uguali del carcerato, c’è più cuore che nelle mail impersonali cui siamo ormai abituati. C’è soprattutto quel poco di fisicità che i reclusi riescono a far passare attraverso le sbarre. Forse per questo nell’aprire una busta da lettera che proviene da un istituto penitenziario di cui mi occupo, mi sento depositario di qualcosa di prezioso, anche se lo scritto non contiene che l’ennesimo sollecito a decidere una pratica che, in attesa di qualche completamento istruttorio ignoto al destinatario, giace da mesi.

Il libro di Elvio Fassone si sviluppa proprio intorno alla corrispondenza intercorsa tra lui e l’ergastolano Salvatore per ventisei lunghi anni.

Fassone ha condannato all’ergastolo Salvatore. Non è il suo magistrato di sorveglianza. Eppure, con sensibilità e preveggenza, il giudice sa che non tutto finisce con la condanna. Non soltanto per chi intraprende l’espiazione della propria pena e, naturalmente e sempre, per la persona offesa, ma anche per chi l’ha comminata.

Nasce un rapporto di amicizia piena di rispettose distanze tra Salvatore ed il giudice, perché l’istituzione si fa carne e si assume l’onere di testimoniare. Il condannato che è carne, invece, scopre di essere qualcosa di più del suo corpo recluso. Scopre una verità profondamente liberante: il delitto, per quanto atroce, non può annullare la dignità della persona. “Potrà perdere la libertà per un tempo anche lungo, ma non deve perdere la dignità e la speranza.” sscrive il giudice a Salvatore. Se non deve perderla in carcere, significa che ce l’ha, prima del delitto e nonostante il delitto.

Il magistrato di sorveglianza che legge vola con la mente alle condizioni detentive che gli è toccato valutare nell’esercizio dei suoi compiti di garante dei diritti delle persone detenute: il sovraffollamento, i trasferimenti conseguenti lontano dalle famiglie, il difetto di percorsi rieducativi e poi le piccole cose, dalla muffa sul soffitto ai bagni inadeguati. Si lavora e si può fare di più. Ma neppure questo toglie la dignità. La toglie piuttosto l’infantilizzazione e, soprattutto, l’assenza di prospettive che può far dimenticare il proprio valore di persona umana, intangibile anche dopo aver commesso il più efferato dei crimini.

Salvatore trae dal confronto con il suo giudice la forza per mettersi in cammino. I propositi del condannato diventano di recupero, di crescita culturale e di abbandono delle dinamiche criminali che ne hanno segnato la giovinezza. La detenzione però è lunga, anzi non può finire per legge nel suo caso, ed è fatta di uno stillicidio di quotidiano e di procedure, di ritualità e di piccole e grandi incoerenze, anche personali ma purtroppo pure istituzionali.

Nel percorso di Salvatore compaiono spesso i magistrati di sorveglianza. Sono citati perché hanno concesso, oppure hanno rigettato, hanno ritenuto questo o quello. La loro voce però non viene raccontata in termini significativi. Cosa gli hanno lasciato i dialoghi che certamente ha svolto con loro? Cosa ha compreso dei provvedimenti che nel tempo ne hanno scandito piccole aperture premiali e dolorose interruzioni?

Mentre leggo la sua storia, penso ai tanti colloqui svolti in questi anni in carcere e non posso che associare quelle domande al mio lavoro. Non posso che scorrere nella mente i tanti volti che sono rimasti impenetrabili al rituale scambio di saluti di cortesia, mentre mi affacciavo nelle celle o facevo un cenno a un gruppetto di detenuti intenti a giocare a carte. Non posso che sperare che almeno la presenza, al di là delle mie sempre insufficienti energie, sia bastata a ricordare che la pena ha un senso, un senso costituzionale, che si invera ogni giorno con la fattiva collaborazione di tutti gli operatori coinvolti e della stessa persona condannata.

"C'è una stagione, ignota agli altri ma vera, nella quale il detenuto ha maturato la convinzione di avere pagato il giusto. Sa che doveva "pagare" e sente che quella quantità corrisponde al dovuto secondo la "sua" idea di giustizia. Se siamo capaci di cogliere quel tempo, è salvo lui con tutto il percorso fatto, e siamo salvi noi. Se siamo sordi, è salvo solo lui: "quando arriverà lei (ndr: la morte) me ne andrò io".

In queste poche righe mi sembra condensarsi il cuore ed il dramma del libro di Fassone. Occorre che gli operatori conoscano quel tempo e lavorino con la persona che sconta la sua pena perché quella convinzione personale sia frutto di un retto discernimento, di un percorso di comprensione vera dei danni arrecati alla società. E’ però anche necessario che, quando è così, gli strumenti normativi e una discrezionalità costituzionalmente conformata da parte delle istituzioni coinvolte sappiano rispondere alla maturazione della persona condannata con la fiducia.

Mi risuonano nella mente le parole della storica sentenza 204/1974 della Corte Costituzionale che, in relazione alla liberazione condizionale, ribadiva a chiare lettere la sussistenza del “diritto per il condannato a che, verificandosi le condizioni poste dalla norma di diritto sostanziale, il protrarsi della realizzazione della pretesa punitiva venga riesaminato al fine di accertare se in effetti la quantità di pena espiata abbia o meno assolto positivamente al suo fine rieducativo”.

Quando il tempo personale combacia con quello costituzionale si realizza l’auspicio di Fassone. Altrimenti è troppo tardi. Allora i tanti Salvatore che ospitiamo nelle nostre carceri hanno perso la speranza di vedersi riconosciuto il percorso fatto e la società ha perso l’opportunità di recuperare a sé una persona pienamente responsabile, capace di leggere nel suo passato per costruire il proprio futuro nella società.

Sono molte le questioni aperte, che la lettura di “Fine pena: ora”, evoca con l’immediatezza di tutte le storie vere, e tra queste particolarmente il tema dell’ergastolo, soprattutto quello ostativo, che non consente l’accesso ad alcun beneficio penitenziario salvo che si collabori con la giustizia. Credo però che al magistrato di sorveglianza susciti prima di ogni altra considerazione un senso dell’urgenza, drammatico e a volte persino frustrante, per le risorse scarse e per i numeri ingenti dei suoi procedimenti. Nemmeno un’ora del tempo della detenzione può essere sprecato senza lavorare per la responsabilizzazione e la risocializzazione delle persone condannate.

Le risposte che pervengono dalle istituzioni non possono mai essere solo burocratiche. I percorsi devono rispondere sempre più ad una efficace individualizzazione ed orientare chi espia la pena verso prospettive credibili di avvenire. C’è insomma una pena che deve finire oggi, ed è quella inutile. Su questa strada difficile, in salita, cammina sempre il magistrato di sorveglianza con il suo fardello di fascicoli distinti solo per numero e a volte per colore. Un libro come quello di Fassone, allora, diventa l’occasione per fermarsi ai bordi della strada e, dopo la catarsi che segue il dramma, riprendere il cammino ancor più consapevoli del sentiero da imboccare."

 

9 gennaio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Un Viaggio avventuroso!
Un Viaggio avventuroso!
di Marco Patarnello
La decisione della Corte costituzionale di collocare nelle carceri il suo secondo fronte del viaggio nel Paese reale è un fatto senza precedenti. Un incontro ai massimi livelli (la più alta magistratura ed uno dei carceri più popolosi e delicati d’Italia) fra due realtà prive di contatti. Eppur funziona. Fra applausi scroscianti e qualche silenzio tattico, due mondi lontani, per tre ore, hanno comunicato guardandosi in viso, ricordando che il diritto alla dignità, come il valore della Carta costituzionale, non si arresta sulla soglia di un carcere
8 ottobre 2018
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
di Alessandra Galluccio
La dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’art. 58-quater, comma 4, ord. pen. – che prevedeva un trattamento penitenziario estremamente rigido e rigoroso per i condannati all’ergastolo ai sensi degli artt. 630, comma 3 e 289-bis, comma 3 cp (sequestro di persona a scopo di estorsione o terrorismo ed eversione, con morte del sequestrato) – è l’occasione, per la Consulta, di affermare nuovamente la centralità del finalismo rieducativo della sanzione, nella forma del reinserimento sociale del condannato che dimostri di partecipare al percorso rieducativo
16 luglio 2018
Carcere e recidiva, l'offensiva controle statistiche per fermareil cambiamento (vero)*
Carcere e recidiva, l'offensiva contro
le statistiche per fermare
il cambiamento (vero)*
di Donatella Stasio
La campagna contro il cambiamento maturato negli ultimi dieci anni sul carcere parte dalla recidiva, con il tentativo maldestro di delegittimare gli studi statistici, cioè uno degli argomenti più forti per una politica penitenziaria onesta, impostata su misure alternative e carcere aperto
28 maggio 2018
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione 
e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
di Donatella Stasio
Contro la demagogia che ha portato alla paralisi della riforma penitenziaria, il 14 maggio, nel Tribunale di Monza, verrà firmato un Protocollo d’intenti tra giudici, pm, carcere, imprese, avvocati, commercialisti, Comune, Provincia, Prefettura, ufficio dei minorenni, per la creazione di una Rete che favorisca, attraverso formazione, lavoro, cultura, il reinserimento sociale di detenuti ed ex detenuti, anche minorenni.
11 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé
28 aprile 2018
Capovolgere la giustizia?
Capovolgere la giustizia?
di Francesco Cascini
La Costituzione, l’ordinamento penitenziario, le regole penitenziarie europee, perfino le condanne della Cedu non hanno scalfito le fondamenta di una concezione retributiva della giustizia penale erette sul codice Rocco. Nel corso degli anni nel sistema si è strutturato un paradosso per cui convivono un eccesso di carcere ed un eccesso di impunità. Per eliminare questi eccessi va dato corpo allo scopo del diritto penale aprendo a soluzioni sanzionatorie alternative finalizzate alla riparazione del danno prodotto dal reato ed al reinserimento. Solo rendendo efficaci e veloci questi strumenti si potrà fare strada una diversa cultura della repressione penale e del carcere.
23 aprile 2018
Solo un incubo. Forse
Solo un incubo. Forse
di Glauco Giostra
La Commissione speciale della Camera non esaminerà il testo della Riforma penitenziaria, che andrà in Commissione giustizia dopo la sua costituzione. Forse il colpo di grazia a una riforma che il dibattito pubblico, anche tra magistrati, ha travisato e trasformato. I toni di quel dibattito e del clima in cui è maturato sono evocati in questo racconto allegorico.
11 aprile 2018
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
di Donatella Stasio
Le due riforme sono in bilico e solo nei prossimi giorni se ne conoscerà la sorte. A rischio soprattutto le nuove norme sugli ascolti, anche per il largo fronte contrario, che va da Lega e 5 Stelle a magistrati, avvocati e stampa
6 aprile 2018
Parole che smuovono le pietre
Parole che smuovono le pietre
di Caterina Bubba
A tre anni dalla sua uscita, Fine pena: ora di Elvio Fassone − il libro che racconta il carteggio ultredecennale tra un ergastolano e il suo giudice − è diventato uno spettacolo teatrale. Le sue pagine continuano ad agitare le nostre coscienze, emozionandoci e ponendo questo quesito: «Come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato»? Un interrogativo che coinvolge il nostro Paese in un momento storico in cui la riforma penitenziaria è stata finalmente approvata dal Consiglio dei ministri il 16 marzo 2018, anche se il suo iter non si è ancora concluso.
17 marzo 2018
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
di Davide Galliani
Una pena che distrugge e annienta una persona non è pensabile. E ciò che non è pensabile non è nemmeno giuridico. A questo serve la clemenza: a togliere di mezzo dal mondo del diritto l’inimmaginabile, il non pensabile, che ancora accade nei nostri penitenziari.
8 marzo 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
Diritti, identità, culture (tra alti e bassi giurisprudenziali)*
di Nicola Colaianni
Nella società delle grandi migrazioni il principio della legge uguale per tutti subisce l’assalto di nuove culture e di pretesi diritti culturali differenziati. La fallacia di questa interpretazione alla luce del dettato costituzionale non di rado, tuttavia, viene fondata su un inesistente obbligo di adesione ai “valori occidentali”. Viceversa il rispetto del diritto all’identità cultural-religiosa consente una interpretazione del diritto positivo in modo accogliente le altre culture, fino a che queste non contrastino con i diritti fondamentali: un uso interculturale del diritto
24 settembre 2018
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
di Andrea Natale
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22 settembre 2018
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
di Giuseppe Calzati
Un magistrato impegnato nell’associazionismo delle origini, che previde la deriva autoritaria del fascismo e che ad esso si oppose fino alla scelta di abbandonare l’ordine giudiziario e fino al sacrificio della vita durante la Resistenza
14 settembre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
di Vittorio Borraccetti
Nella comunità del Forteto, in territorio toscano, molte persone affidate per ragioni di cura e sostegno sono state maltrattate e abusate per decenni. La lettura delle sentenze del processo conclusosi da poco in Cassazione, e anche di precedenti decisioni giudiziarie, ha fatto emergere non solo i fatti delittuosi ma anche i comportamenti negligenti se non corrivi di chi doveva vigilare
11 settembre 2018