home search menu
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza costituzionale
Crimini del Terzo Reich: la Consulta interviene di nuovo sulla questione della giurisdizione del giudice italiano
L'ordinanza n. 30-2015 della Corte Costituzionale
Crimini del Terzo Reich: la Consulta interviene di nuovo sulla questione della giurisdizione del giudice italiano

Pubblichiamo l'ordinanza della Corte Costituzionale n. 30 del 2015, che, decidendo sulla quarta ordinanza di rimessione della quesione di legittimità costituzionale proposta dal Tribunale di Firenze, confema integralmente l'orientamento adottato dalla Consulta con la sentenza 238/2014 in ordine alla inconstituzionalità della norma consuetudinaria e delle norme che imponevano al giudice italiano, in conformità con la sentenza della CIG 3.2.2012 resa nel conflitto tra Germania ed Italia, di negare la propria giurisdizione civile sulle domande di risarcimento del danno proposte contro la Germania per i crimini del terzo reich. 

La Corte Costituzionale ha ritenuto manifestamente inammissibili, per sopravvenuta carenza di oggetto, atteso che, con la sentenza di questa Corte n. 238 del 2014, è giàstata dichiarata l’illegittimità costituzionale sia dell’art. 1 della legge n. 848 del 1957, sia dell’art. 3 della legge n. 5 del 2013.

Ma ha, anche, dichiarato manifestamente inammissibile per inesistenza (ab origine) del suo oggetto anche la questione rivolta verso la norma consuetudinaria confermando la tesi per la quale la norma internazionale confliggendo con i principi fondamentali non è, mai, entrata nell'ordinamento italiano.

Non hanno trovato ascolto le obiezioni che una parte della dottrina aveva rivolto a questo profilo della pronuncia della Corte.

Il tema sarà oggetto di un obiettivo di approfondimento sul n. 1 di QUestione Giustizia - trimestrale digitale.

13 marzo 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Atlante delle stragi, debito tedesco e crediti italiani
Atlante delle stragi, debito tedesco e crediti italiani
di Luca Baiada
Alcune riflessioni sull'iniziativa, approvata da vari e sostenuta finanziariamente dalla Germania, per catalogare le uccisioni commesse durante l'occupazione dei tedeschi, con o senza l’aiuto di fascisti italiani
28 ottobre 2016
Tribunale di Firenze e crimini di guerra: i semi evolutivi mettono radici
L’armadio invisibile
L’armadio invisibile
di Luca Baiada
Ancora silenzi sulle stragi nazifasciste in Italia
27 gennaio 2016
Non solo crimini nazisti
Non solo crimini nazisti
L’attualità della sentenza 238/2014 della Corte Costituzionale per gli atti di terrorismo internazionale
12 gennaio 2016
Il Tribunale di Firenze e i risarcimenti per crimini di guerra: questo processo non s’ha da fare
Crimini nazisti, le prime sentenze di merito dopo la 238/2014 della Corte Costituzionale
Crimini nazisti, le prime sentenze di merito dopo la 238/2014 della Corte Costituzionale
Il Tribunale di Firenze accerta la giurisdizione civile italiana e condanna la Germania
6 luglio 2015
Crimini del Terzo Reich: l'ultima mediazione, dopo la 238/2014 della Corte Costituzionale
Ancora sull'ordinanza del Tribunale di Firenze sui crimini di guerra nazisti
di Francesco Berti Arnoaldi Veli
Un altro commento sul provvedimento che dubita della legittimità costituzionale delle norme che escludono la giurisdizione nel caso dei crimini di guerra commessi in Italia
11 aprile 2014
L’accesso alla giustizia per i crimini contro l’umanità commessi da uno Stato estero
di Franco De Stefano
Nessun diritto fondamentale è adeguatamente protetto se al suo titolare non venga assicurata quanto meno una tutela a posteriori, in termini di risarcimento non meramente simbolico
18 marzo 2014
Alla Consulta l'immunità giurisdizionale dello Stato tedesco per i crimini nazisti commessi in Italia
di Giovanni Zaccaro
Pubblichiamo la questione di legittimità costituzionale promossa dal Tribunale di Firenze (est. Minniti)
27 gennaio 2014
Newsletter


Fascicolo 2/2018
Giustizia e disabilità

La riforma spezzata.
Come cambia
l’ordinamento penitenziario
Giurisprudenza e documenti
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
di Giulia Caveglia
Mentre la giurisprudenza di legittimità discute sulla legittimità o meno delle condotte di detenzione e cessione della cannabis sativa L (cannabis light), ritornare a questa sentenza appare importante per ripercorrere tutti gli orientamenti in materia di coltivazione non autorizzata e, più in genere, di offensività penale nel campo delle sostanze stupefacenti
19 febbraio 2019
L’art. 147 cpc e la notifica in via telematica dopo le ore 21
L’art. 147 cpc e la notifica in via telematica dopo le ore 21
di Patrizia Papa
Brevi note a margine di Corte di cassazione, sez. VI Civile-2, ordinanza n. 31257/18
11 febbraio 2019
Richiesta di differimento dell’udienza di riesame tra esigenze di difesa ed esigenze di celerità del giudizio
Richiesta di differimento dell’udienza di riesame tra esigenze di difesa ed esigenze di celerità del giudizio
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. II, Sent. 29 maggio 2018, n. 51932, Pres. Gallo, Rel. De Crescienzo
24 gennaio 2019
Open Arms: l’avviso di conclusione indagini. Se la disobbedienza diventa violenza…
Open Arms: l’avviso di conclusione indagini. Se la disobbedienza diventa violenza…
di Andrea Natale
Riflessioni sull'avviso di conclusione delle indagini della Procura di Ragusa nei confronti di Open Arms e sulla funzione del diritto e del processo penale
18 dicembre 2018
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
di Silvia Massimi
La complessità delle norme in materia di terre e rocce da scavo è il paradigma di come il susseguirsi di regole e deroghe da fonti di diverso livello, rischi di compromettere la funzione del diritto penale in materia di tutela dell’ambiente
14 dicembre 2018
Cassazione, i principi fondamentali di disciplina dell’assegno di divorzio: libertà, autoresponsabilità e pari dignità *
di Marzia Di Bari
L’interpretazione dell’assegno divorzile, accolta dalle Sezioni Unite (sent. n. 18287/2018), alla luce dei principi costituzionali di libertà, autoresponsabilità e pari dignità, quale strumento di tutela dell’affidamento dei coniugi nel momento dello scioglimento del vincolo, autorizza la lettura del principio europeo di responsabilità in termini di reciprocità e determina il superamento delle criticità insite nell’orientamento inaugurato dalle Sezioni semplici della suprema Corte
4 dicembre 2018