home search menu
Dialoghi su giurisdizione e legge: diritto giurisprudenziale, certezza del diritto e prevedibilità delle decisioni
Magistratura e società
Dialoghi su giurisdizione e legge: diritto giurisprudenziale, certezza del diritto e prevedibilità delle decisioni
Magistratura democratica, Questione giustizia in collaborazione con Fondazione per la formazione forense dell'Ordine degli avvocati di Firenze e con il patrocinio di Università degli Studi di Firenze (Dsg - Dipartimento scienze giuridiche; Scuola di giurisprudenza)
Giovedì, 11 maggio 2017 (ore 15.00-19.00)
Auditorium di sant’Apollonia, Via San Gallo, 25/a - Firenze
Dialoghi su giurisdizione e legge: diritto giurisprudenziale, certezza del diritto e prevedibilità delle decisioni

Nel numero 4 del 2016, la pubblicazione trimestrale di Questione Giustizia ospita il confronto tra diverse ed in parte opposte letture delle problematiche coinvolte dal sempre mutevole rapporto tra legge e giurisdizione. Da una parte quella che esalta la funzione (pre)normativa delle giurisdizioni spinte dai mutamenti in atto a porre rimedio, anche oltre le norme, alle diseguaglianze, ai conflitti, al diffondersi delle pretese di protezione e tutela. Dall’altra quella di coloro che mettono in guardia dai rischi che corre la legittimazione democratica delle istituzioni rappresentative per effetto di uno “sconfinamento” del ruolo tradizionale della giurisdizione. Al centro del confronto culturale, la comune esigenza di costruire, su basi nuove ed all’altezza dei tempi, un sostrato di certezze, di garanzie, di tutele al riparo dai pericoli conseguenti al disarmonico e conflittuale dialogo tra istituzioni sospinte dalle emergenze, tra le quali, egemone, il potere dei mercati sovranazionali. Antiche gerarchie e distinzioni vacillano. Persino quelle aventi origine in sistemi giuridici un tempo non comunicanti. Nel seminario abbiamo chiamato al confronto tre coppie di interlocutori con esperienze professionali differenti, chiedendo loro di concentrare la riflessione intorno a tre nuclei tematici attraversati dalla domanda diffusa di certezza del diritto, di prevedibilità delle decisioni, di effettività delle tutele. In definitiva di coerenza della giurisdizione. Per contribuire a capire, attraverso la riflessione di giuristi impegnati quotidianamente nella pratica giudiziaria, come e fino a qual punto la diversa declinazione di quel tema, dall’alto della sua complessità teorica, si riflette nella concreta, realtà della giurisdizione.

Il programma

ore 14.30 - Registrazione partecipanti

Ore 15.00 - Saluti

Paola Belsito, segretario Sez. Toscana di Magistratura democratica

Sergio Paparo, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Firenze

Patrizia Giunti, direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Firenze

Paolo Cappellini, preside della Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Firenze

Antonella Miccoli, Fondazione per la Formazione Forense dell’Ordine degli Avvocati di Firenze

ore 15.30 - Introduzione

Luca Minniti, giudice del Tribunale di Firenze e componente del Comitato di Redazione di Questione Giustizia

ore 16.00 - Primo dialogo: Le regole del processo. Overruling e legittimo affidamento

Antonello Cosentino (consigliere della Corte di cassazione) intervista Andrea Proto Pisani (emerito di diritto processuale civile, Università di Firenze)

Ore 17.00 - Secondo dialogo: La tutela dei diritti, i rimedi giurisdizionali e l'effettività

Giuseppe Vettori (ordinario di diritto civile, Università di Firenze) intervista Carlo De Chiara (consigliere della Corte di cassazione)

Ore 18.00 - Terzo dialogo: L’integrazione tra ordinamenti, le difficoltà del diritto positivo, il ruolo pre-normativo della giurisdizione

Gaetano Viciconte (avvocato del Foro di Firenze) intervista Maurizio Fioravanti (ordinario di storia delle costituzioni moderne, Università di Firenze)

INFORMAZIONI GENERALI

Modalità di iscrizione: la partecipazione al corso è gratuita

Verranno accettate le prime 180 iscrizioni ricevute telematicamente attraverso l’area riservata Sfera alla quale si potrà accedere dal link presente sulla pagina dell’evento pubblicato sul sito www.fondazioneforensefirenze.it

Sarà cura della Segreteria della Fondazione per la Formazione Forense inviare conferma scritta dell'avvenuta iscrizione. Si invita, inoltre, a dare notizia tempestiva di eventuali disdette della partecipazione (attraverso l’area Sfera) per consentire l’ammissione dei colleghi esclusi.

Attestato di frequenza

Non è previsto il rilascio di alcun attestato posto che potranno verificare la propria situazione crediti aggiornata direttamente dal proprio profilo Sfera successivamente alla chiusura di ogni incontro

Crediti formativi

Ai sensi dell’art. 20, comma 1, lettera a) del nuovo Regolamento per la formazione continua approvato dal CNF il 16/07/2014 e modificato con delibera del 30/07/2015, per la partecipazione all’evento è prevista l’attribuzione di n. 3 crediti formativi in materia non obbligatoria. Si ricorda che ai sensi dell’art. 20, comma 5 dello stesso regolamento, per la partecipazione agli eventi della durata di una o mezza giornata i crediti formativi verranno riconosciuti solo qualora risulti documentata la partecipazione dell’iscritto all’intero evento.

Con il contributo di Gruppo 24 Ore

SEGRETERIA SCIENTIFICA ED ORGANIZZATIVA

Fondazione per la Formazione Forense dell'Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia (blocco G, piano 1)

Viale A. Guidoni, 61 - 50127 FI

Tel. 055 4364999 Fax 055 489180

e-mail: fondazione@ordineavvocatifirenze.eu

www.fondazioneforensefirenze.it

5 maggio 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
“Il giudice e la legge”<br>L'editoriale del n. 4/2016
“Il giudice e la legge”
L'editoriale del n. 4/2016
di Renato Rordorf
Al centro di questo numero il rapporto tra la legge ed il giudice chiamato ad applicarla
21 febbraio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
di Enrico Scoditti
Si deve a Stefano Rodotà la riscrittura del diritto civile alla luce delle clausole generali e, con gli altri giovani civilisti degli anni Sessanta del secolo scorso, il rinnovamento del sapere giuridico. Il modello di giurista come scienziato sociale, che quel rinnovamento propose, era parte della scoperta della politicità del diritto. Rodotà esaltò più di tutti il ruolo attivo del giudice nell’esperienza giuridica. Oggi che la dimensione giurisdizionale del diritto è ormai un dato acquisito la stella polare non è più puramente e semplicemente il linguaggio della politica dei diritti ma il bilanciamento quale funzione di giustizia.
20 settembre 2017
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
di Massimo Turtulici
Con una introduzione di Barbara Fabbrini (Direttore generale del personale e della formazione, Ministero della giustizia)
15 settembre 2017
Alle origini del discorso sulla mafia
Alle origini del discorso sulla mafia
di Piergiorgio Morosini
Recensione al libro di Umberto Santino La mafia dimenticata. La criminalità organizzata in Sicilia dall’unità d’Italia ai primi del Novecento (Melampo, 2017).
9 settembre 2017
Giustizia crocifissa: le ferite, mai rimarginate, del processo a Sacco e Vanzetti*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
di Beniamino Deidda
Più passa il tempo che ci separa dalla scomparsa di Sandro Margara (un anno, ormai), più diventa urgente la necessità di testimoniare la sua idea della giustizia e del lavoro di magistrato, la sua immaginazione, il suo coraggio. Per Qg non c’è modo migliore di ricordarlo che lasciare la parola a un compagno e amico storico di Sandro, di Magistratura democratica, di questa Rivista: Beniamino Deidda. Le poche righe introduttive che state leggendo, questa volta, non anticipano nulla del brano. Ogni lettore potrà trovarvi quel che più lo interessa o lo appassiona: un pezzo della storia di Magistratura democratica, l’invenzione del “magistrato di sorveglianza”, la passione per la Costituzione e per gli uomini, la capacità di abbassare lo sguardo sui più disgraziati. Buona lettura
29 luglio 2017