home search menu
Assunzione di lavoratori disabili e limiti del contratto a termine
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di legittimità
Assunzione di lavoratori disabili e limiti del contratto a termine
di Francesco Buffa
Consigliere della Cassazione attualmente in distacco alla CEDU
Commento a Cass. 17867 del 9 settembre 2016

Nella materia delle assunzioni dei disabili vengono in applicazione da un lato la legge 12 marzo 1999, n. 68, che reca “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”, e dall’altro lato il decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, che dà attuazione alla direttiva del Consiglio del 28 giugno 1999, n. 1999/70/CE relativa all’accordo quadro CES, UNICE, CEEP sul lavoro a tempo determinato.

Due discipline diverse, accomunate dal fatto che ciascuna di esse amplia le tutele dei lavoratori, ciascuna in relazione al proprio ambito specifico di operatività: la disciplina del lavoro dei disabili riguarda le assunzioni (obbligatorie) dei disabili; la disciplina del termine riguarda in generale la durata del rapporto di lavoro subordinato.

La prima disciplina, quella dettata dalla legge n. 68/1999, si occupa del lavoro dei disabili, disciplinandone gli obblighi di costituzione del rapporto ed i relativi caratteri e supponendolo a tempo indeterminato, mentre non disciplina il lavoro a termine degli stessi (all’epoca disciplinato da altra specifica normativa). Lo stesso articolo 11, co. 2, della legge, che menziona il lavoro a termine, prevede il termine nell’ambito del più ampio strumentario per favorire l’inserimento lavorativo dei disabili mediante convenzioni, mentre non detta alcuna disciplina in ordine all’apposizione del termine ed a relativi requisiti e condizioni (e quindi implicitamente richiama quella generale vigente all’epoca in materia).

La seconda disciplina, quella dettata dal d.lgs. 368/2001, prevede la regola che il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro e limita i casi e le modalità di apposizione del termine; dispone, tra l’altro, in via generale, che è consentita l'apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato - di regola (ossia salvo che ricorrano le situazioni disciplinate dal comma seguente) - solo a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, anche se riferibili alla ordinaria attività del datore di lavoro, e che tuttavia tali ragioni devono essere indicate per iscritto (co. 2) pena l’inefficacia del termine.

Due normative, dunque, che dettano discipline diverse, dei cui benefici effetti, in modo sinergico, i lavoratori possono avvalersi cumulativamente: il lavoratore si avvale della disciplina della durata indeterminata del rapporto, sia egli disabile o meno.

La diversità delle due normative era già in parte emersa con Cass. Sez. L, n. 9658 del 26/09/1998 e poi n. 15951 del 16/8/2004, che avevano escluso la possibilità di utilizzare contratti a termine per coprire la quota di riserva (considerato che la base di calcolo della quota d’obbligo va computata sul personale stabile dell’impresa, come ritenuto pure da circ. Min. Lav. n. 4/2000). Oggi il problema che si pone, pur sempre pertinente al rapporto tra le due discipline del termine e del collocamento obbligatorio, è però diverso, riguardando l’indicazione della causale del termine.

A ben vedere, il richiamo dell’art. 11 della legge n. 68/1999 al lavoro a termine nulla dice circa le condizioni di valida ed efficace apposizione del termine, né potrebbe immaginarsi nella norma una liberalizzazione del termine con riferimento ai soli disabili: una simile interpretazione sarebbe infatti da un lato discriminatoria (per di più violando gravemente principi contenuti in strumenti internazionali ratificati dall’Italia) e dall’altro contrastante con i principi europei (del pari recepiti nel nostro ordinamento) in tema di lavoro a termine.

Noi tutti sappiamo che quando più interpretazioni sono possibili, l’interprete è vincolato a scegliere l’interpretazione che è conforme alla disciplina internazionale, europea e costituzionale: qui, però, a ben vedere sembra davvero difficile poter ritenere che il mero richiamo alla possibilità di lavoro a termine contenuto nell’art. 11 possa permettere di ipotizzare pur in astratto un’interpretazione in deroga alla disciplina generale del termine, e dunque siamo nell’ambito non della scelta tra due interpretazioni possibili, ma nell’ambito della lettura piana di una disposizione che non riguarda le condizioni di apposizione del termine.

Cass. n. 13285 del 31/5/2010 aveva inteso le due normative in rapporto di specialità, sicché la fonte normativa del 2001 non derogava alla precedente del 1999 per la specialità di quest’ultima (anche rispetto alla pregressa disciplina del lavoro a termine) ed aveva affermato che nel caso di assunzione a termine di un disabile psichico non è richiesta l’indicazione in contratto delle ragioni dell’apposizione del termine, sicché la relativa mancanza non implica la trasformazione del contratto in lavoro a tempo indeterminato.

La sentenza Cass. Sez. Lavoro n. 17867 del 9 settembre 2016 in commento, molto ben argomentata e chiara, e davvero efficace nella sua sintesi, evidenzia criticamente le conseguenze paradossali del difforme precedente:

- in primo luogo, la previsione di agevolazioni per i datori di lavoro non solo in relazione agli incentivi fiscali previsti dalla disciplina dei disabili, ma anche in riguardo alla sterilizzazione della normativa che disciplina il ricorso a termine, con effetto sinergico delle due normative, ma non a favore dei lavoratori (cui certo le due discipline sono orientate), ma solo dei datori (addirittura pagati dalla collettività per essere più potenti);

- in secondo luogo, l’attribuzione al datore di lavoro dell’inedito potere di predisporre all’interno del ciclo produttivo ordinario alcuni posti di lavoro riservati in via stabile ai disabili, godendo per di più di robuste facilitazioni da parte degli organi pubblici, sicché il meccanismo legale di agevolazione finisce, “in una perversa eterogenesi dei fini”, di perpetuare la precarietà dei disabili, escludendone l’inserimento stabile nel modo del lavoro.

La critica del precedente, condotta dalla sentenza in commento alla luce degli imprescindibili richiami alla disciplina internazionale, non poteva essere più netta, eliminando definitivamente il pericolo di assunzioni all’infinito di disabili assunti a termine e giungendo così all’inevitabile affermazione in chiave nomofilattica, e nonostante il difforme parere del procuratore generale, di un principio giusto: in caso di assunzione a tempo determinato di un lavoratore disabile ex art. 11 L. n. 68/1999 è richiesta l’indicazione nel contratto di lavoro delle ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo che giustificano l’apposizione del termine come previsto dal regime generale di cui al d.lgs. n. 368/2001.

 

3 ottobre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
di Federico Bardelle
Il condannato con decreto penale, il quale non paghi la sanzione pecuniaria, può beneficiare comunque dell'effetto estintivo di cui all’art. 460, comma cinque, cpp, se l'organo esecutivo competente non ha attivato l'esecuzione della pena inflitta
5 giugno 2018
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
di Chiara Favilli
La Cassazione eleva l’integrazione sociale a motivo rilevante per la determinazione della vulnerabilità individuale e di riconoscimento della protezione umanitaria. Motivo autonomo, ma non indipendente dalla condizione di origine del richiedente, che implica l’accertamento del fatto che egli nel suo Paese corra il rischio di veder sacrificati i propri diritti fondamentali anche per ragioni diverse da quelle per cui opera la protezione internazionale con lo status di rifugiato e con la protezione sussidiaria. Ma al giudice del merito spetta il compito di verificare se tale rischio di pregiudizio sia attuale. E tale gravosa funzione si può e si deve giovare dell’obbligo di cooperazione istruttoria e del beneficio del dubbio.
14 marzo 2018
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
di Diletta Tega
Di fronte al problema di doppia pregiudizialità rappresentato dalla violazione tanto della Costituzione (e di fonti internazionali, come la Cedu, che operano attraverso la mediazione dell’art. 117, primo comma, Cost.), quanto della Cdfue, l’ordinanza in commento della Corte di cassazione, seguendo l’impostazione della sentenza costituzionale n. 269/17, solleva una articolata questione di legittimità costituzionale, nella quale operano come parametri (interposti) anche le norme della Cdfue, pure quando esse, secondo la Suprema corte, avrebbero efficacia diretta. È espressamente lasciata alla Corte costituzionale la valutazione se rivolgersi con un rinvio pregiudiziale di interpretazione alla Corte di giustizia: alle prese con dubbi di compatibilità della normativa italiana con la Cdfue, la Cassazione avrebbe voluto – e dovuto, in base all’art. 267 Tfue – far rinvio pregiudiziale alla Corte di Lussemburgo; ma consapevole di quanto affermato dalla Corte costituzionale, ha deciso di rivolgersi, in prima battuta, a Palazzo della Consulta.
12 marzo 2018
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 4, Sent. 15 dicembre 2017 (dep. 11 gennaio 2018), n. 832, Pres. Di Salvo, Rel. Picardi
20 febbraio 2018
Violenza di genere e protezione internazionale. Note a margine di un recente orientamento della Corte di cassazione
Violenza di genere e protezione internazionale. Note a margine di un recente orientamento della Corte di cassazione
di Diana Genovese
Già nel 2002 l’Unhcr (Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati) aveva evidenziato come storicamente la definizione di “rifugiato” fosse legata ad un quadro di esperienze tipicamente maschili, trascurando la particolare condizione in cui si trovano le donne in alcune zone di provenienza.
5 febbraio 2018
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
di Raffaello Magi
Una riflessione sulle proposte “riduzionistiche” del ricorso alla suprema Corte in materia penale
17 gennaio 2018
Le Sezioni unite si pronunciano sul luogo di deposito della richiesta di riesame di misure cautelari reali
Le Sezioni unite si pronunciano sul luogo di deposito della richiesta di riesame di misure cautelari reali
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. unite, Sent. 22 giugno 2017 (dep. 13 ottobre 2017), n. 47374, Pres. Canzio, Rel. Bonito
19 dicembre 2017
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
di Guido Federico
Le Sezioni unite della Cassazione escludono la nullità sopravvenuta della clausola contrattuale di determinazione degli interessi, che, originariamente infra-soglia, abbia superato in corso di rapporto il tasso soglia dell’usura. Affermano inoltre che la pretesa del mutuante di riscuotere gli interessi secondo il tasso validamente concordato non costituisce comportamento contrario a buona fede. In queste brevi note viene indagata la possibilità di applicare al fenomeno della cd. “usurarietà sopravvenuta” la disposizione dell’art. 1339 cc, quale strumento idoneo ad incidere sul contenuto del contratto, non solo in chiave statica ma anche e soprattutto dinamica, in relazione al mutato contesto normativo, mediante inserzione di disposizioni aventi carattere imperativo, indipendentemente dalla nullità delle clausole contrattuali sostituite.
24 novembre 2017
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
di Federico Piccichè
Nota a Cass., Pen., Sez. IV, Sent. 16 maggio 2017 (dep. 15 settembre 2017), n. 42346, Pres. Bianchi, Rel. Ranaldi
15 novembre 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Giurisprudenza e documenti
Open Arms e Sea Watch, la richiesta di archiviazione della Procura di Palermo
Open Arms e Sea Watch, la richiesta di archiviazione della Procura di Palermo
Pubblichiamo, in attesa di commenti più approfonditi, la richiesta di archiviazione formulata dalla Procura della Repubblica di Palermo – accolta dal gip – in relazione ad un procedimento penale in cui si ipotizzava, a carico di ignoti, la commissione dei reati di associazione per delinquere (art. 416, comma 6, cp) e favoreggiamento dell’immigrazione irregolare sul territorio nazionale (art. 12, d.lgs n. 286/1998)
21 giugno 2018
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
di Luigi Petrucci
La risoluzione n. 114/E emanata dall’Agenzia delle entrate il 31 agosto 2017 detta l’interpretazione dell’art. 50, comma 2, d.lgs n. 159/2011 in tema di confusione dei crediti erariali alla quale si dovranno attenere gli uffici finanziari. Pur essendo un atto formalmente volto all’interpretazione della normativa vigente, il modo innovativo in cui affronta molte delle questioni che si erano poste nella prassi e nei commenti dottrinali lo rende un atto sostanzialmente innovativo dell’ordinamento, destinato ad incidere in modo profondo nell’amministrazione dei beni in sequestro e nella fase di verifica e pagamento dei crediti sorti ante e post sequestro. L’articolo si propone di illustrare le novità in materia e le ricadute sugli adempimenti fiscali dell’amministratore giudiziario in continuità con un precedente intervento dell'Autore su questa Rivista*
15 giugno 2018
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
di Federico Bardelle
Il condannato con decreto penale, il quale non paghi la sanzione pecuniaria, può beneficiare comunque dell'effetto estintivo di cui all’art. 460, comma cinque, cpp, se l'organo esecutivo competente non ha attivato l'esecuzione della pena inflitta
5 giugno 2018
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
di Franca Mangano
Nell’ultimo anno i giudici della I Sezione civile del Tribunale di Roma si sono confrontati con la sentenza n. 11504/2017 valorizzando, per quanto possibile, gli aspetti di continuità con la precedente giurisprudenza, in vista di una interpretazione dell’istituto dell’assegno divorzile adeguata alla mutata fisionomia del matrimonio ma anche coerente con i principi di solidarietà garantiti dalla Costituzione, nell’auspicio che le Sezioni unite prestino attenzione allo sforzo ricostruttivo dei giudici di merito.
10 maggio 2018
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
di Elisa Pazè
In materia di commercio di prodotti contraffatti si assiste ad un intreccio di fattispecie penali e ad una stratificazione di interpretazioni giurisprudenziali; l’esame degli intrecci e delle stratificazioni permette di constatare che i reali interessi oggetto della tutela penale sono sempre meno la fede pubblica o l’interesse del singolo consumatore o della generalità dei consumatori, e sempre più i diritti di proprietà intellettuale, alla cui tutela penale spesso si provvede con la contestazione di fattispecie incriminatrici che nacquero a presidio di altri beni giuridici. Il presente contributo è l’occasione per un’ulteriore riflessione su un tema che attraversa la quotidiana esperienza di molti operatori giudiziari e ci ricorda ancora una volta che l’attività di interpretazione delle norme non è mai un’attività neutra.
9 maggio 2018