home search menu
Giurisprudenza e documenti
I rapporti fra Procuratori e Media nel parere del CCPE (Consiglio consultivo dei Pubblici ministeri europei)
di Giovanni Salvi
Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catania
Il parere del CCPE è Fondato sulla concezione dell'informazione non come diritto del PM, ma come dovere, corrispondente al diritto della collettività ad essere informata
I rapporti fra Procuratori e Media nel parere del CCPE (Consiglio consultivo dei Pubblici ministeri europei)

Il Consiglio Consultivo dei Pubblici Ministeri Europei (CCPE) ha approvato un importante parere sulle relazioni tra i procuratori e i media, Opinion (2013) (INGLESE - FRANCESE) nr. 8 of the Consultative Council of European Prosecutors, adottato a Yerevan 8-9 Ottobre 2013; le citazioni che seguono sono tradotte dal redattore.

Il CCPE è organismo consultivo del Consiglio d’Europa, il cui Comitato dei Ministri ne deliberò la costituzione nel luglio 2005, al fine di rafforzare il ruolo dei procuratori nel sistema dello Stato di diritto.

Esso è organo parallelo al Consiglio Consultivo dei Giudici (CCJE), con il quale redasse la Dichiarazione di Bordeaux, su Giudici e magistrati del pubblico ministero in una società democratica, adottata ufficialmente a Brdo (Slovenia) il 18 novembre 2009.

Il Consiglio è costituito dai rappresentanti degli Stati membri ed opera raccogliendo ed elaborando le informazioni provenienti da contesti istituzionali e culturali radicalmente differenti tra loro.

Non è infatti facile individuare le costanti che tratteggiano le linee di fondo di un pubblico ministero europeo, traendole da esperienze storiche e radici culturali così profondamente diversificate e che pure costituiscono la grande ricchezza dell’Europa.

Lo sforzo del CCPE è dunque innanzitutto quello di far maturare il terreno per la realizzazione di un vero pubblico ministero europeo, ormai previsto dagli stessi Trattati dell’Unione.

Del CCPE ha fatto parte in passato, quale rappresentante italiano, Vito Monetti ed ora ne è presidente Antonello Mura.

Merito del CCPE è quello di aver sempre, con chiarezza e fermezza, richiamato la necessità dei requisiti di indipendenza, autonomia ed imparzialità quali caratteristiche fondanti il p.m. in uno Stato di diritto, legando tale affermazione al valore dell’indipendenza e della terzietà del giudice.

Il CCPE opera a partire dalla fondamentale Raccomandazione nr. 19 del 2000 del Comitato dei Ministri sul Ruolo del Pubblico Ministero nell’Ordinamento Penale, nella quale iniziò a porsi il tema della rilevanza della corretta informazione sia nel rapporto tra p.m. e giudice, sia nel rapporto col pubblico.

Sin da quel momento si delinearono i due corni del problema: informazione come dovere d’ufficio del p.m. e riservatezza come obbligo di condotta, permeante l’intera azione del p.m..

Porre in risalto contemporaneamente i due aspetti è molto importante.

Troppo spesso polemiche nazionali offuscano la rilevanza dell’informazione come componente dell’attività del p.m., dovuta alle parti, al pubblico e alle istituzioni coinvolte, sia sulle linee di fondo dell’impegno dell’ufficio, sia sulle singole vicende procedimentali, quando la loro rilevanza pubblica lo richiede: “Queste condizioni vanno di pari passo con una esigenza di trasparenza. Al di là delle singole decisioni che sono soggetto di particolari raccomandazioni, ogni Pubblico ministero in quanto agisce a nome della società, deve rendere conto delle sue attività a livello locale, regionale ovvero centrale, se è organizzato a quest’ultimo livello. ……. Spesso già messo in opera negli ordinamenti in cui il Pubblico ministero beneficia di una vasta indipendenza, tale resoconto pubblico presenta vantaggi anche negli altri ordinamenti, permettendo una migliore percezione dell’azione del Pubblico ministero” (parte motiva del punto 11 della Racc. 19/2000).

Più di recente il CCPE, nel parere (2012) n. 7, ha correlato doveri di informazione alla trasparenza necessaria nell’azione dei pubblici poteri e dunque anche del pubblico ministero nell’uso delle risorse finanziarie.

Si afferma in particolare che “l’indipendenza finanziaria delle attività volta all’azione penale è finalizzata a garantire la correttezza dell’azione stessa, la protezione effettiva dei diritti umani e le libertà fondamentali nei procedimenti penali in generale e, in sostanza, una corretta amministrazione della giustizia penale”; cosicché l’ufficio di procura deve mantenere un livello appropriato di trasparenza e di informazione pubblica sul proprio lavoro.

D’altra parte le garanzie di imparzialità e indipendenza del p.m. e il loro collegamento con la realizzazione di un’effettiva autorità del giudice, quale soggetto terzo amministrante lo ius dicere, impongono al p.m. come istituzione, e al singolo magistrato che ne faccia parte, doveri di correttezza nella gestione dell’informazione che siano riflesso e manifestazione dell’imparzialità e dell’indipendenza.

La Dichiarazione di Bordeaux, dopo aver ricordato al paragrafo 6, che “i magistrati del pubblico ministero debbono essere indipendenti ed autonomi nell’assunzione delle loro decisioni e debbono esercitare le loro funzioni in modo equo, obiettivo e imparziale”, sottolineava che “è altresì interesse della società che i mezzi di comunicazione possano informare il pubblico sul funzionamento del sistema giudiziario. Le autorità competenti dovranno fornire tali informazioni, rispettando in particolare la presunzione di innocenza degli accusati, il diritto ad un giusto processo ed il diritto alla vita privata e familiare di tutti i soggetti del processo. I giudici ed i magistrati del pubblico ministero debbono redigere, per ciascuna professione, un codice di buone prassi o delle linee-guida in ordine ai loro rapporti con i mezzi di comunicazione” (par. 10).

Con il parere dell’Ottobre 2013 il CCPE fornisce ora le linee guida essenziali per “un corretto bilanciamento tra i diritti di libertà di espressione e di informazione come garantiti dall’art. 10 della CEDU e il diritto e dovere dei mezzi di informazione di informare il pubblico circa i procedimenti legali, e i diritti alla presunzione di innocenza, a un processo giusto e al rispetto della vita privata e familiare come garantiti dagli artt. 6 e 8 della CEDU” e sulla base della giurisprudenza della Corte.

A tal fine il CCPE enuclea tre gruppi di principi basici che richiedono un corretto bilanciamento:

1) Quelli finalizzati a garantire un appropriato bilanciamento tra le necessità di assicurare una giustizia (e non dunque soltanto l’azione del p.m.) “indipendente, imparziale e trasparente” e la libertà di espressione e di stampa, che peraltro possono anch’esse esser soggette a limitazioni di vario genere.

2) La protezione dei diritti individuali, in particolari degli accusati e delle vittime, tra cui – oltre la presunzione di innocenza - anche la dignità e la riservatezza della vita privata.

3) Diritti procedurali, in particolare quando il p.m. agisce come parte in un contraddittorio.

Il punto di partenza è l’affermazione che l’informazione, osservata dal punto di vista del p.m., non è solo un diritto, ma innanzitutto un dovere: “Il diritto del pubblico a ricevere informazioni deve essere assicurato” (punto 22). Nel far ciò, però, il p.m. “deve far sì che l’informazione fornita ai media non mini l’integrità delle investigazioni o l’esercizio dell’azione o le loro finalità. Neppure essa può danneggiare i diritti di terzi o influenzare quelli coinvolti nelle indagini o nel processo. Essa non deve influenzare gli esiti dei procedimenti legali”.

Il diritto alla dignità e alla riservatezza della vita privata permea ogni fase della procedura.

Soprattutto nel corso delle indagini, il sacrificio della riservatezza delle parti deve corrispondere a un’effettiva esigenza di pari livello.

Questo è dunque un principio cardine del modo di informare, che non può esser travalicato dagli organi pubblici.

La presunzione di innocenza è fondamentale anche ai fini della correttezza dell’informazione.

Il p.m. deve dunque operare per ridurre al minimo l’impatto negativo che sull’opinione pubblica può determinarsi, circa la convinzione di colpevolezza, a causa della presentazione dei fatti e dello stato del procedimento da parte dell’organo pubblico.

Particolare cura deve essere prestata per evitare che questo impatto provenga dalla presentazione delle persone in stato di detenzione.

Analoga attenzione deve essere prestata alla tutela della vittima, che non deve essere esposta senza necessità alla curiosità del pubblico.

Con queste premesse (doverosità e limiti) la CCPE pone alcune fondamentali affermazioni, che è opportuno tradurre per intero: “La trasparenza nell’esercizio delle funzioni del p.m. è una componente essenziale dello Stato di diritto (rule of law) e al tempo stesso una delle importanti garanzie di un processo giusto (fair trail). Giustizia deve esser fatta e deve apparire che essa è stata fatta. Per assicurare che ciò avvenga, i media devono esser posti in grado di informare sulle procedure, criminali e di altro genere” (punto 30)

L’applicazione del principio di trasparenza al lavoro del p.m. è un modo per assicurare la fiducia e l’affidamento del pubblico, con la diffusione delle informazioni sui loro poteri e funzioni. Così, l’immagine dell’attività svolta dalla procura costituisce un importante elemento della fiducia nel corretto funzionamento del sistema giudiziario. Il più ampio accesso possibile dei media all’informazione sulle attività del p.m. serve anche a rafforzare la democrazie e a sviluppare un’interazione aperta con il pubblico” (31)

A queste funzioni essenziali dell’informazione, strategiche per una società aperta, si accompagnano quelle più strettamente concernenti l’efficacia delle investigazioni o dell’azione del p.m., quando dalla disseminazione di informazioni sul procedimento o sulle modalità di azione della procura possono derivare benefici diretti per l’accertamento o la prevenzione dei reati.

Le modalità con le quali il p.m. svolge queste funzioni varia a seconda dei diversi sistemi ordinamentali e spazia dall’attribuzione ai singoli magistrati di tale compito fino ad organi specializzati oppure ai capi degli uffici.

Quale che sia la modalità prescelta, le relazioni con i media “devono essere costruite sulla base del reciproco rispetto, dell’affidamento, dell’eguale trattamento e della responsabilità e devono essere rispettose delle decisioni del giudice".

Questo punto era stato evidenziato anche dalla Raccomandazione n. 19/2000 al punto 19: “I membri dell’ufficio del Pubblico ministero devono rispettare l’indipendenza e l’imparzialità dei giudici; in particolare essi non possono esprimere dubbi sulle decisioni giudiziali o ostacolare la loro esecuzione, salvo quando esercitano i loro diritti di appello o invocano altre procedure declaratorie".

Ancor più, nell’esercizio delle loro funzioni, i p.m. devono operare in uno "spirito di imparzialità e di uguaglianza nei confronti degli operatori dei media” (punto 36 del parere in commento).

Il p.m. deve anche assicurarsi che analoghe modalità vengano seguite dalla polizia giudiziaria, quando è questa a rilasciare le informazioni.

La CCPE considera quindi implicitamente con particolare severità quelle modalità di rapporto con i media che, in violazione del principio di fondo della trasparenza, si basano sulla tessitura di rapporti personali, quando non di veri e propri baratti, volti nel migliore dei casi ad assicurare un maggior risalto all’azione dell’ufficio e nel peggiore a costruire carriere personali, interne ed esterne alla magistratura.

Come possa esser realizzato l’obiettivo di una informazione correttamente ed equanimemente disseminata non è indicato in maniera vincolante: si potrà ricorrere a qualunque mezzo, comprese le conferenze stampa o il web, purchè l’obiettivo sia raggiunto (punto 42).

In questo contesto, particolare attenzione deve esser posta dal p.m. nell’evitare di esprimere opinioni personali o giudizi di valore; ciò fa parte di una comunicazione che risponda a principi di obiettività e di indipendenza, resistendo alle pressioni che possono venire invece in tal senso.

Dunque, anche quando al singolo del magistrato del p.m. è consentito di disseminare informazioni sulle indagini o sul processo, deve sempre tenersi fermo il punto di partenza: ciò è fatto non nell’interesse del magistrato e tanto meno al fine di valorizzarne la figura pubblica; al contrario, anche in questo caso l’unica finalità ammessa è quella della corretta, oggettiva, imparziale e indipendente informazione, in adempimento di un dovere di ufficio, cui corrisponde il diritto della collettività ad essere informata nei termini sopra ricordati.

Il magistrato del p.m. ha peraltro integri i suoi diritti a manifestare il proprio pensiero, come riconosciuto dalla Rec. 19/2000 e dalla Dichiarazione di Bordeaux.

Tuttavia la funzione pubblica che egli esercita ne condiziona modalità e limiti, nei sensi sopra indicati.

Il parere in esame interviene espressamente sul tema della tutela del magistrato del p.m. rispetto ad attacchi, anche individuali, che abbiano origine nelle funzioni svolte.

Egli, afferma il parere, può certamente tutelarsi direttamente, fornendo le informazioni corrette e rettificando quelle false.

Tuttavia sarebbe preferibile che il magistrato venisse sollevato da questo compito, che lo vedrebbe personalmente esposto, e si raccomanda quindi che siano i vertici delle organizzazioni del p.m., a seconda dei diversi assetti ordinamentali, a tutelare l’immagine del p.m. attaccato, con la forza necessaria in considerazione della qualità e delle caratteristiche di queste critiche. I

l CCPE è organismo che raccoglie i rappresentanti dei 47 Paesi membri del Consiglio d’Europa.

Essi hanno ordinamenti e situazioni politiche interne molto differenziate.

Sarebbe dunque errato leggere con l’ottica nazionale le diverse proposizioni in cui il parere si articola. Non vi è dubbio, peraltro, che in molti passi risuonano le polemiche italiane sul ruolo del p.m., la sua esposizione mediatica, gli attacchi ad esso portati da politici di primo piano. Sarebbe vano cercare una risposta del tutto appagante nel parere.

Esso però costituisce un importante punto di riferimento, soprattutto laddove lega indissolubilmente le modalità dell’informazione con il ruolo del p.m. in una società democratica e dinanzi a un giudice terzo.

La riaffermazione dei valori di indipendenza e imparzialità non è senza ricadute sugli obblighi che incombono sul magistrato: tanto più autonomo e indipendente, tanto più gravato da doveri di imparzialità, anche nella gestione dell’informazione.

Ancora più in profondità: l’informazione non è un diritto di libertà del magistrato del p.m.; essa è un dovere, corrispondente al diritto della collettività ad essere informata.

La collettività ha quindi il diritto a un’informazione completa, corretta, obiettiva e non personalizzata.

La personalizzazione non può che essere una componente dell’informazione e solo nel caso e nei limiti per cui essa – e cioè la conoscenza della riferibilità al magistrato come persona – costituisca elemento significativo dell’informazione stessa; ma in tali casi anche questa informazione non può che essere gestita con le medesime modalità e dunque in maniera impersonale.

Qualche riflessione ulteriore sulla disciplina nazionale, rispetto a quelle ovvie e di cui si è già detto, è costituita dal valore attribuito dal CCPE all’informazione come diritto della collettività.

Informare è difficile e richiede una specifica competenza.

La creazione di fiducia tra il p.m. e i membri della collettività dei media, cui tante volte fa riferimento il parere, non può prescindere dalla consuetudine lavorativa.

E' dunque ora di cessare di guardare al rapporto tra p.m. e media come patologia ma di comprendere che anche questo costituisce parte importante del lavoro di un buon pubblico ministero.

17 gennaio 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La nuova circolare del Csm sulle procure
La nuova circolare del Csm sulle procure
di Antonello Ardituro
Pubblichiamo la circolare approvata oggi, all'unanimità, dal Csm sulle procure accompagnata da una nota illustrativa di Antonello Ardituro, componente del Csm. Auspichiamo ulteriori interventi volti ad approfondire i temi che la circolare affronta. Questione Giustizia ha già programmato per il n. 1 del 2018 della Rivista trimestrale un obiettivo sul pubblico ministero
15 novembre 2017
Intercettazioni, il <i>giallo</i> della norma contro il “mercato nero” della notizia
Intercettazioni, il giallo della norma contro il “mercato nero” della notizia
di Donatella Stasio
Proposta dal Ministro della giustizia Andrea Orlando, la norma che consentiva ai giornalisti di accedere direttamente ai provvedimenti depositati, una volta depurati del superfluo e non più segreti, è stata espunta dal testo licenziato da Palazzo Chigi. La parola ora alle Camere.
13 novembre 2017
Funzioni del pubblico ministero delegabili in udienza al vice procuratore onorario in base alla nuova disciplina
Funzioni del pubblico ministero delegabili in udienza al vice procuratore onorario in base alla nuova disciplina
di Paola Bellone* e Enrica Marinelli**
Le autrici interpretano l’art. 17 del d.lgs n. 116/2017 (che completa l’attuazione della legge delega 57/2016, di riforma della magistratura onoraria). L’articolo disciplina «le attività delegabili ai vice procuratori onorari». La formulazione, in particolare, del comma 4, in base a un’interpretazione letterale, solleva dubbi circa l’introduzione di nuovi limiti − rispetto alla disciplina precedente − alla delegabilità, in udienza, delle determinazioni ex art. 444 cpp. I dubbi sono superati attraverso una lettura logica, sistematica e conforme a Costituzione e la dimostrazione che l’interpretazione letterale dell’intero articolo renderebbe inapplicabili diverse disposizioni della norma
3 novembre 2017
«No a iscrizioni frettolose». Pignatone sfata la leggenda dell’”atto dovuto”
«No a iscrizioni frettolose». Pignatone sfata la leggenda dell’”atto dovuto”
di Donatella Stasio
Il procuratore della Repubblica di Roma invia una circolare sulla gestione delle iscrizioni delle notizie di reato dopo la riforma penale entrata in vigore ad agosto, segnalando rischi e costi delle prassi basate sull’automatismo. Come per le intercettazioni, è la prima circolare sulla materia
17 ottobre 2017
Il nuovo 603.3 <i>bis</i> cpp: la rinnovazione obbligatoria dell’istruzione nell’appello <i>in pejus</i>. Brevi osservazioni (critiche)
Il nuovo 603.3 bis cpp: la rinnovazione obbligatoria dell’istruzione nell’appello in pejus. Brevi osservazioni (critiche)
di Paola Perrone
La legge n.103 del 2017, portata alla ribalta della cronaca da recentissime vicende processuali, impone oggi al giudice d’appello la rinnovazione del dibattimento in caso di impugnazione del pm della sentenza assolutoria fondata sulla valutazione della prova orale. La scelta legislativa, preceduta da una vivace dialettica giurisprudenziale, solleva interrogativi critici, e soprattutto si pone in alternativa ad una profonda riforma del sistema delle impugnazioni
6 settembre 2017
Processi e informazione. Orlando: «Prima la bonifica dei provvedimenti e solo dopo accesso aperto anche ai giornalisti»
Processi e informazione. Orlando: «Prima la bonifica dei provvedimenti e solo dopo accesso aperto anche ai giornalisti»
di Donatella Stasio
A colloquio con il Ministro della giustizia, contrario a recepire la proposta Pignatone-Cantone-Malavenda contro il “mercato nero” della notizia prima che tra i magistrati si sia radicata una cultura di «adeguatezza della motivazione» dei provvedimenti. Sulle intercettazioni non verrà nominata una Commissione ministeriale
25 luglio 2017
Intercettazioni (e non solo): la sfida dell’accesso diretto dei giornalisti agli atti depositati non più segreti
Intercettazioni (e non solo): la sfida dell’accesso diretto dei giornalisti agli atti depositati non più segreti
di Donatella Stasio
Fin dal 2015 il procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone ha rilanciato la modifica legislativa, che ora il ministro Orlando può realizzare dando attuazione alla delega sugli ascolti. Ampia condivisione tra i magistrati
6 luglio 2017
La decisione del Tribunale di Messina sulla responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione. Un punto di vista di parte
La decisione del Tribunale di Messina sulla responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione. Un punto di vista di parte
di Giuseppe Cascini* e Paolo Ielo**
La decisione del Tribunale di Messina, che ha riconosciuto la responsabilità civile del pubblico ministero per la mancata adozione di iniziative idonee ad impedire l'omicidio di una donna da parte dell'ex-compagno, ha suscitato ampia discussione, all'interno e all'esterno della magistratura. L'articolo che pubblichiamo, scritto da due pubblici ministeri di lungo corso, analizza criticamente la decisione dall'angolo visuale del pubblico ministero ed esprime le preoccupazioni di molti magistrati per i rischi derivanti da un eccessivo ampliamento del giudizio di responsabilità civile dei magistrati
5 luglio 2017
La responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione: la sottile linea fra percezione e valutazione
La responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione: la sottile linea fra percezione e valutazione
di Enrico Scoditti
La responsabilità civile del magistrato riguarda non l’interpretazione della legge o la valutazione del fatto, le quali connotano la funzione giudiziaria, ma l’errore percettivo sulla disposizione legislativa quale enunciato linguistico o sugli elementi del fatto. La sentenza del Tribunale di Messina, che ha riconosciuto la responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione, rappresenta un caso paradigmatico anche per i riferimenti al problema del nesso di causalità ed alle peculiarità della figura del pubblico ministero
26 giugno 2017
La mancata tutela della vittima e la responsabilità dei pubblici ministeri per colpa grave
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Giurisprudenza e documenti
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
di Guido Federico
Le Sezioni unite della Cassazione escludono la nullità sopravvenuta della clausola contrattuale di determinazione degli interessi, che, originariamente infra-soglia, abbia superato in corso di rapporto il tasso soglia dell’usura. Affermano inoltre che la pretesa del mutuante di riscuotere gli interessi secondo il tasso validamente concordato non costituisce comportamento contrario a buona fede. In queste brevi note viene indagata la possibilità di applicare al fenomeno della cd. “usurarietà sopravvenuta” la disposizione dell’art. 1339 cc, quale strumento idoneo ad incidere sul contenuto del contratto, non solo in chiave statica ma anche e soprattutto dinamica, in relazione al mutato contesto normativo, mediante inserzione di disposizioni aventi carattere imperativo, indipendentemente dalla nullità delle clausole contrattuali sostituite.
24 novembre 2017
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
di Federico Piccichè
Nota a Cass., Pen., Sez. IV, Sent. 16 maggio 2017 (dep. 15 settembre 2017), n. 42346, Pres. Bianchi, Rel. Ranaldi
15 novembre 2017
Breve commento all’ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Bologna del 31 agosto 2017
Breve commento all’ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Bologna del 31 agosto 2017
di Sabrina Bosi
Nella motivazione, il tribunale scevera diverse tematiche inerenti la materia delle misure di sicurezza
24 ottobre 2017
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
di Marco Vitali
Con la sentenza n. 687 del 4 novembre 2016, il Tribunale di Vicenza ha dichiarato la nullità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo poiché intimato in frode alla legge, ai sensi dell’art. 1344 cc, ed ha applicato la tutela reintegratoria prevista al comma 1 dell’art. 18 Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92/2012. Il caso induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015 che ha elevato a regola la tutela indennitaria, escludendo del tutto la tutela reintegratoria per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. Nonostante la restrizione delle tutele così attuata, le categorie civilistiche della nullità – in particolare l’illiceità della causa – devono ritenersi operanti nella materia dei licenziamenti
11 ottobre 2017
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
di Federico Grillo Pasquarelli
Con l’attesa sentenza sul caso Abercrombie la Corte di giustizia Ue ha dichiarato che il contratto di lavoro intermittente – che, in base all’art. 34 d.lgs 276/2003, poteva essere concluso “in ogni caso” con soggetti di età inferiore a 25 anni – e persino la sua cessazione automatica al compimento dei 25 anni, non contrastano con la Direttiva 2000/78 e con il principio di non discriminazione per ragioni di età: la sentenza, che trascura la precedente giurisprudenza della stessa Cgue, non convince sotto vari profili
2 ottobre 2017
L’“evoluzione” dell’assegno di divorzio. Una recente decisione della suprema Corte, tra nomofilachia e creazione giudiziaria del diritto