home search menu
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
Magistratura e società
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
di Massimo Turtulici
Direzione generale dell'organizzazione giudiziaria e degli affari generali
Con una introduzione di Barbara Fabbrini (Direttore generale del personale e della formazione, Ministero della giustizia)

Massimo Turtulici, classe 1965, è entrato nell'Amministrazione nel 1990 ed è stato, immediatamente assegnato in sede centrale alla allora Direzione generale dell'organizzazione giudiziaria e degli affari generali.

Ha avuto la “fortuna” di partecipare all'èra dei grandi concorsi del Ministero della giustizia degli anni '90, così come la “sfortuna” di vivere il blocco del turnover e il conseguente impoverimento di esperienze professionali nell'Amministrazione giudiziaria in tema di assunzioni.

È entrato come operatore giudiziario ed è ancora operatore giudiziario, “vittima”, come del resto tutto il nostro personale amministrativo, della totale assenza di procedure di riqualificazione di questi anni.

Quando sono arrivata alla Direzione generale del personale del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria ho trovato un reparto concorsi formato da tre persone e un reparto assunzioni da quattro. L'èra dei reclutamenti era terminata e, nel tempo, erano stati rafforzati altri reparti di gestione.

Disperse le specifiche competenze, sapevo che per affrontare un concorso per il personale degli uffici giudiziari nel 2016 occorreva reinventarsi, aprirsi a nuove prospettive, cercando anche una dimensione corale nel Ministero, considerato che in altri Dipartimenti (Amministrazione giudiziaria e Minorile) dei concorsi, anche in tempi recenti, erano stati comunque banditi.

Gli occhi attenti di chi il clima e la fatica di un concorso per gli uffici giudiziari aveva vissuto, erano per me comunque importanti, soprattutto per cogliere le “sfumature” nell’impostare ex novo l’organizzazione di una tale procedura selettiva.

Ho chiesto quindi se ci fosse in servizio ancora qualcuno in tutta la Direzione che avesse direttamente partecipato all'èra dei grandi concorsi del Ministero della giustizia e ne conservasse la memoria.

In tutta la direzione, anzi in tutto il Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, solo tre persone e tra queste, appunto, Massimo Turtulici.

Ed è a Massimo – che nel tempo libero coltiva da sempre la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura tanto da aver scritto diversi articoli di critica di saggistica, pubblicati da alcuni editori nazionali – che questa Direzione ha ritenuto di dover “lasciare la penna” per una descrizione del cd. “concorsone”, visto appunto dalla parte del Ministero e di chi ha preso parte a questa sfida.

Con l’auspicio – aggiungiamo – che questo piccolo “affresco” possa costituire un insolito ma utile spunto allo sviluppo di un dibattito sugli scenari che apre un tale concorso – i cui orali sono partiti il 30 agosto – e soprattutto sulle prospettive future per il nostro personale amministrativo.

Barbara Fabbrini

***

I dati sempre altalenanti della disoccupazione in Italia registrano, secondo l’Istat, soprattutto negli ultimi mesi, lievi miglioramenti, segnali positivi per qualcuno, impalpabili per altri. Di certo c’è che prima del 2008 i disoccupati erano circa la metà degli attuali 2.800.000. Senza contare che più di un giovane su tre è senza lavoro. Ma è il numero degli inattivi, di coloro che non lo cercano più un lavoro, a rendere ancora più preoccupante l’orizzonte. Sullo sfondo di questo scenario, si inserisce la non meno delicata situazione dell’amministrazione della Giustizia. Un mondo che mostra, limitandosi all’aspetto relativo agli organici, carenze di amministrativi, la cui età media è ormai attestata ben oltre i cinquant’anni, pressoché in tutti gli uffici giudiziari. Diretta conseguenza del blocco delle assunzioni che solo di recente ha visto finalmente una inversione di tendenza. Non può meravigliare allora l’elevato numero di domande di partecipazione pervenute al primo concorso bandito dal Ministero della giustizia dopo quasi vent’anni e per una qualifica come quella dell’assistente giudiziario che certo non promette stipendi d’oro.

Forse questa breve escursione non accontenterà chi della Pubblica amministrazione, nello specifico del Ministero della giustizia, ha una visione superficiale e sommaria. Troppo facilmente si cade nel pittoresco, nel folcloristico, se non direttamente nell’offesa dei tanti lavoratori che proprio in questa circostanza, dinanzi a questo cosiddetto concorsone, hanno saputo mostrare competenze e professionalità assai preziose e forse pure imprevedibili. Un patrimonio davvero meritevole di rispetto e valorizzazione. Si diceva dei numeri, almeno in questo caso erano davvero inquietanti, enfasi per nulla fuori luogo, non è cosa da tutti i giorni organizzare un concorso che ha ricevuto più di trecentomila domande di partecipazione. Una città come Catania, tanto per avere un’idea. Ce n’era di che rimanerne scioccati ed incapaci di immaginare, organizzare e avere il coraggio di condurre in porto un’avventura che non poteva certo rifarsi solamente ai fasti, ormai sbiaditi, di un lontano passato. Era un’altra Italia, quella degli anni novanta, e l’amministrazione della giustizia, non solo nei racconti di chi quella stagione l’ha vissuta in prima persona, era all’avanguardia in materia di reclutamento del personale, al punto che in meno di un decennio era stato possibile assumere decine di migliaia di persone, le stesse che adesso costituiscono il nucleo amministrativo portante dell’amministrazione. Ma non si vive di ricordi. Sarebbe stato inimmaginabile riproporre modelli e metodologie adottati all’epoca per affrontare un concorso senza precedenti per numeri, soluzioni logistiche, tre settimane circa di prove preselettive prima e scritte poi presso la Nuova Fiera di Roma, e tecniche adottate, lo svolgimento di entrambe le prove con l’ausilio di notebook ed in wi-fi. Non sarà facile dimenticare l’impatto emotivo suscitato dall’immagine di uno dei padiglioni allestiti per le prove scritte non solo con i tavolini, come dire di ordinanza, usati per qualsiasi concorso, ma anche dei notebook accesi, luminosi come finestre aperte sul futuro. Un po’ come gli sguardi e i volti dei tanti partecipanti, concentrati nell’ultimo ripasso che dovrebbe risolvere dubbi e incertezze, delle loro chiacchiere carpite, sul treno per la Fiera di Roma confuso tra la folla all’andata e al ritorno. Un carico di sogni e disillusioni, esperienze e testimonianze di un futuro sempre troppo impalpabile. Occorreva, dunque, un approccio sicuramente diverso, i numeri lo imponevano, le attese dei partecipanti, l’attenzione dei media hanno obbligato un’amministrazione dal passato forse troppo languido, a risvegliarsi, a trovare o ritrovare soprattutto al proprio interno le energie e le professionalità senza le quali difficilmente si sarebbe andati oltre alla giustificatissima ansia iniziale. Non avrei mai immaginato di rivivere il clima operoso e collaborativo di quegli anni con la stessa forza, eppure è quello che ha alimentato il lavoro delle tante persone impegnate in questa sfida. Perché di fatto si è trattato di un esperimento, che aveva avuto una sorta di prova generale con le prime procedure di riqualificazione positivamente conclusesi per i cancellieri e ufficiali giudiziari. Un azzardo, ha detto qualcuno, che ha reso necessaria la collaborazione con le altre anime dell’amministrazione della giustizia, troppo spesso chiuse in compartimenti stagni, con il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria in primis senza il cui contributo, prezioso in termini di esperienza e di operatività sul campo, difficilmente staremmo parlando di quello che si è rivelato un successo. Reso possibile dall’apporto della Direzione dei sistemi informativi e automatizzati che ha garantito un imprescindibile intervento tecnologico che certo vent’anni fa sarebbe stato inimmaginabile. Ancora una volta, a dispetto dei detrattori, l’amministrazione della giustizia ha saputo porsi all’avanguardia, ha sperimentato soluzioni tecnologiche e mostrato di sé un aspetto vincente e convincente.

Eppure non è questo l’elemento che rende maggiormente orgogliosi quanti di questa avventura sono stati protagonisti, a vari livelli certo anche se tutti accomunati da un sorprendente spirito di unità che è stata forse l’arma vincente nella gestione di una macchina organizzativa tanto impegnativa. C’è qualcosa di ancora più prezioso che ha animato il lavoro di tutte le forze messe in campo. La convinzione di avere reso possibile per qualcuno la realizzazione di piccoli grandi sogni come costruire una famiglia, comprare una casa, avere dei figli, o solo il conseguimento di aspirazioni personali.  Forse dei trecentottomila concorrenti iniziali farà parte qualcuno di quei disillusi cronici che magari arriverà all’assunzione, avrà la possibilità non solo di avere un posto di lavoro non precario, ma di immaginare un futuro. Non ci è dato sapere se migliore ma forse meno fosco sì.

Come diceva Seneca (Lettere a Lucilio XIII) «anche se il timore avrà più argomenti, scegli la speranza e metti fine alle tue angosce». Forse è chiedere troppo persino alla speranza che per Albert Camus non era molto diversa dalla rassegnazione. «E vivere non è rassegnarsi» (L’estate a Algeri, in Noces 1936-1938) Appunto, non rassegnarsi alla vulgata corrente che vede l’amministrazione pubblica solo come un freno allo sviluppo, una pachidermica struttura che toglierebbe energie e risorse al Paese. Non rassegnarsi ad una navigazione a vista, ma impegnarsi con determinazione ed una buona dose di coraggio in una impresa in mare aperto che avrebbe spaventato chiunque, anche i più ottimisti. Perché c’è forse una forma di ottimismo ancor più forte di quello espresso dai discorsi di circostanza ed è quello del fare, con pazienza, con dedizione, con professionalità, con sacrificio. I migliori strumenti, i soli forse che possano condurre ad un esito felice qualsiasi impresa.

15 settembre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
di Claudio Castelli
Per molti uffici l’immissione di nuovo personale all’esito di questo concorso, entro la fine dell’anno, è l’ultima chiamata per la sopravvivenza del servizio giustizia
27 settembre 2017
Sulla natura (e sulla difficoltà) dei temi del concorso in magistratura
Sulla natura (e sulla difficoltà) dei temi del concorso in magistratura
di Daniele Mercadante
In merito ai temi dell’ultimo concorso in magistratura si prende atto di un nuovo indirizzo volto a concepire tracce meno specialistiche e si esprimono alcuni dubbi su questa tendenza
27 luglio 2017
La partecipazione degli stranieri extracomunitari regolari al concorso pubblico per assistente giudiziario
Sui temi che si assegnano per le prove scritte ai concorsi per la magistratura
Sui temi che si assegnano per le prove scritte ai concorsi per la magistratura
di Giuliano Scarselli
Riflessione sul concorso e la tipologia di magistrato selezionato
16 maggio 2017
L’eccesso di potere giurisdizionale e il diritto eurounitario
Cronache di un triduo concorsuale
Cronache di un triduo concorsuale
di Gì d'Andrea
La mia storia è la storia ciclica di altre migliaia di persone, ma nessuno finora si è mai preso la briga di ricordare e buttare giù qualche appunto, non dico a futura memoria, ma quantomeno per esorcizzare terapeuticamente
30 luglio 2016
L'imbroglio della semplificazione: perché siamo noi le vittime della guerra alla burocrazia
L'imbroglio della semplificazione: perché siamo noi le vittime della guerra alla burocrazia
di Giulia Locati* e Rita Sanlorenzo**
Recensione al libro di Andrea Carapellucci (ed. Castelvecchi)
4 luglio 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Loris Bertocco. Suicidio assistito o condanna a morire?
Ricostruire la giustizia penale nel dopoguerra. I nuovi valori costituzionali e l’indipendenza del giudice
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
di Paola Perrone
La recensione a Zavorre, il testo dello storico Götz Aly (Einaudi, 2017) che ricostruisce la terribile vicenda dello sterminio pianificato di circa 200.000 disabili tedeschi durante il nazismo: ma questo libro non è solo orrore, è soprattutto rispetto per le vittime, e culto della memoria come mezzo per fare i conti con la propria storia
30 settembre 2017
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
di Claudio Castelli
Per molti uffici l’immissione di nuovo personale all’esito di questo concorso, entro la fine dell’anno, è l’ultima chiamata per la sopravvivenza del servizio giustizia
27 settembre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
di Enrico Scoditti
Si deve a Stefano Rodotà la riscrittura del diritto civile alla luce delle clausole generali e, con gli altri giovani civilisti degli anni Sessanta del secolo scorso, il rinnovamento del sapere giuridico. Il modello di giurista come scienziato sociale, che quel rinnovamento propose, era parte della scoperta della politicità del diritto. Rodotà esaltò più di tutti il ruolo attivo del giudice nell’esperienza giuridica. Oggi che la dimensione giurisdizionale del diritto è ormai un dato acquisito la stella polare non è più puramente e semplicemente il linguaggio della politica dei diritti ma il bilanciamento quale funzione di giustizia.
20 settembre 2017