home search menu
di Donatella Stasio
Il richiamo di Mattarella contro l’individualismo dei giudici
Il richiamo di Mattarella contro l’individualismo dei giudici
Nel suo ultimo discorso ai giovani magistrati, il Capo dello Stato propone un modello dinamico di giurisdizione in antitesi a quello solipsistico coltivato in larghi strati della magistratura, e che rischia di attecchire anche tra le nuove leve

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

La coralità in luogo del solipsismo. Il confronto, l’interlocuzione, l’apertura contro l’individualismo, la diffidenza, il pregiudizio. Il palcoscenico dell’aula d’udienza contro il palcoscenico mediatico. E la toga non come abito di scena ma come abito mentale, in cui si fondono l’uomo giudice e l’uomo sociale.

L’ultimo discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ai giovani magistrati merita una riflessione ulteriore rispetto a quanto riferito dai media, che hanno enfatizzato solo un passaggio («La toga non è un abito di scena») sul presupposto che fosse stato scritto per richiamare all’ordine il giudice Piercamillo Davigo dopo le sue ultime esternazioni in Tv.

La smentita del Quirinale non è bastata ad evitare questa lettura distorsiva, ma soprattutto riduttiva di un “messaggio” di ben altro respiro. Le parole di Mattarella, infatti, propongono un modello dinamico di magistrato contrapposto a quello individualistico ed eroico molto in voga in alcuni strati della magistratura, che rischia di attecchire anche tra le giovani toghe.

Il Capo dello Stato ha esordito ricordando la «complessità» dell’attività del magistrato, perché «complessa è la realtà nella quale si colloca». E già qui si coglie la dimensione sociale della giurisdizione. Che diventa «dimensione europea» nel momento in cui si deve assicurare la piena ed effettiva tutela dei diritti. Di qui la necessità di una costante «interlocuzione» con le Corti sovranazionali.

Ma il dinamismo si coglie anche là dove Mattarella descrive «l’essenza» della funzione giurisdizionale. Che consiste nella «capacità di discernere le “regole” di legge da applicare al caso concreto; mediante un’attività sempre originale non adagiata sulla mera ripetizione; perché variegata, e costantemente in trasformazione, è la realtà» sulla quale il magistrato interviene. Segue un avvertimento: affinché l’interpretazione non si trasformi in creazione del diritto e quindi in arbitrio, il giudice deve muoversi nel «perimetro» della norma. Il passaggio si presta ad equivoci ma Mattarella, forse consapevole del rischio, più avanti precisa che il giudice non è «uno strumento meccanico, chiamato ad esercitare in modo automatico la sua funzione. A lui si chiede di valersi della sua sensibilità e del suo sapere per tradurre nella decisione la volontà sociale espressa nella legge».

C’è, in queste parole, un’eco di quelle scritte sessant’anni fa da Piero Calamandrei: «Fu detto una volta che l’opera d’arte è “une tranche de vie”, un pezzo di realtà riflessa attraverso la sensibilità dell’artista; ugualmente si potrebbe dire che la sentenza è un articolo di legge filtrato attraverso la coscienza di un giudice». Quindi: il giudice deve stare sì nel perimetro della legge ma, per applicarla fedelmente, «deve ricercarne le ragioni nella sua stessa coscienza e, quando sta per tradurla in comando concreto, ricrearla con il suo partecipe sentimento». Calamandrei sosteneva infatti che «ogni interpretazione è una ricreazione»; e che «in ogni interpretazione l’ispirazione individuale è decisiva». Perciò è indispensabile che il giudice sia «indipendente», a cominciare dai suoi «stimoli psicologici di natura egoistica».

Mattarella parla di affrancamento dalle «personali convinzioni», se non nascono dalla conoscenza dei fatti acquisiti e dalle norme dell’ordinamento. Quindi: affrancamento dalle idee preconcette, non certo dal bagaglio culturale che ogni magistrato si porta dietro e che invece è importante per cogliere l’aspetto essenziale della vicenda da giudicare.

In questo processo di «ripensamento della legge», secondo Calamandrei il giudice deve sentirsi «unicamente uomo sociale», partecipe e interprete della realtà in cui vive e non spinto a giudicare in un senso piuttosto che in un altro dal «suo particulare». La toga, aggiungeva, è «il simbolo di questa riduzione dell’uomo privato a uomo-giudice: uomo in cui il sentimento individuale è ammesso ad operare solo in funzione della sua missione sociale di giudicante».

E in questa prospettiva va letto anche il riferimento di Mattarella alla toga, che «non è un abito di scena» ma dà il «senso» della funzione giurisdizionale: anzitutto perché è «uguale per tutti» (i magistrati, infatti, si distinguono solo per funzioni) e poi perché «riveste» il magistrato facendogli dismettere i panni del pregiudizio personale.

Come la toga, anche l’aula di udienza non è un mero simbolo della tradizione ma il luogo – l’unico – nel quale «va assicurata la realizzazione delle garanzie dettate dalla legge a tutela non solo delle parti ma anche dell’imparzialità del giudice». È nelle aule, ricorda Mattarella, che i fatti vengono ricostruiti secondo l’ordinato svolgersi del processo, non altrove.

Del resto, luogo, tempi, procedure, regole sono garanzie di trasparenza. «Doverosa» la qualifica il Capo dello Stato, fermo restando che l’attenzione dell’opinione pubblica «non può e non deve condizionare» assolutamente le decisioni.

Infine, c’è un altro versante della dimensione dinamica del magistrato ed è quello dell’ufficio giudiziario in cui è inserito. Mattarella torna a battere il tasto del confronto, della collaborazione, dell’interlocuzione con i colleghi giovani e anziani e con i dirigenti, cui spetta «doverosamente promuovere la condivisione delle scelte attraverso riunioni periodiche dell’ufficio, in modo da potenziare l’efficacia di ogni singolo provvedimento e dell’azione giudiziaria nel suo complesso». In sostanza, secondo il presidente della Repubblica, occorre «rifuggire da una visione individualistica della propria funzione, che può far correre il rischio di perdere di vista la finalità della legge e l’interesse generale della collettività».

Quest’idea dinamica di giurisdizione è oggi messa in pericolo da spinte burocratiche e da visioni eroiche della magistratura, che si nutrono entrambe di individualismo, oltre che di risentimento, di diffidenza, di pregiudizio, rifiutando ogni forma di confronto e di interlocuzione nonché di apertura verso la società. Sono facce diverse di un populismo giudiziario che sembra avanzare progressivamente nella magistratura, proprio perché si è smarrito il “senso” più profondo della toga. Perciò, forse non è azzardato pensare che, più che alle giovani toghe, il discorso di Mattarella fosse rivolto soprattutto ai novemila magistrati in servizio.

Donatella Stasio

13 ottobre 2017
1999-2019: vent’anni senza Faber. Magistratura democratica ricorda Fabrizio De André
Tre vite per poco più di un secolo
Tre vite per poco più di un secolo
di Edmondo Bruti Liberati
Un avvocato antifascista e rivoluzionario, un magistrato eretico, una brigatista rossa. Un filo lega queste tre storie che animano Un secolo e poco più, il volume di Luigi Saraceni. Pagine profonde che delineano la parabola simbolica di oltre cento anni di storia del nostro Paese
16 febbraio 2019
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
di Carlo Brusco
La recensione al volume di Edmondo Bruti Liberati (Laterza, 2018), un’opera sistematica e bene informata che, forse, mancava nel panorama storico ricostruttivo delle vicende italiane che hanno legato magistratura e società nel secondo dopoguerra
12 gennaio 2019
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Il giudice di fronte allo straniero
Il giudice di fronte allo straniero
di Luigi Zoja
Pubblichiamo la relazione tenuta dall'autore all'interno del corso Lo straniero davanti al giudice (Scuola superiore della magistratura - Firenze, 8 luglio 2015)
3 gennaio 2019
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
di Carlo Brusco
Il testo costituisce un capitolo, ancora in via di elaborazione, di un libro dedicato alle leggi razziali del 1938/1939 che verrà pubblicato, nell’80° anniversario della loro promulgazione, dalle Edizioni Gruppo Abele
22 dicembre 2018
Il valore dell’indipendenza al tempo delle leggi razziali *
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
di Paola Bellone
Un esame della disciplina sulle incompatibilità di sede introdotte dal d.lgs 116/2017 per i giudici onorari di pace e i vice procuratori onorari, con particolare attenzione alle disposizioni che sollevano dubbi di legittimità costituzionale
5 dicembre 2018
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
La magistratura al tempo delle leggi razziali *
di Piergiorgio Morosini
In un ritorno ciclico, sempre possibile, dello scarto tra giustizia e neutralità, l’ombra lunga delle leggi antiebraiche impone una rinnovata attenzione per l’assetto e i valori costituzionali. Poteri esercitati “per decreto”, remissività istituzionale, dichiarazioni di (non) appartenenza razziale sono sintomi di un’eclissi della coscienza − civile e collettiva − che porta alla persecuzione delle vite. Una lezione per il magistrato contemporaneo
28 novembre 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
di Donatella Stasio
Reati in calo, processi lenti, carceri affollate: un quadro che ci riporta indietro di dieci anni e riapre prospettive securitarie. Secondo il filosofo americano, il rispetto dei diritti umani non è un impiccio di cui liberarsi per placare la paura e riscuotere consensi
30 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018