home search menu
Il sale della Terra
Magistratura e società / cinema e letteratura
Il sale della Terra
di Bruno Capponi
Ordinario di diritto processuale civile LUISS Roma
Recensione del film-documentario di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado
Il sale della Terra

Il sale della Terra, secondo la voce narrante, è l’Uomo. In realtà (anche se occorre intendersi sul significato) il film-documentario sulla vita dell’economista-fotografo Sebastião Salgado mostra che forse non è così.

La lunga intervista – in fondo di questo si tratta – mostra un uomo ieratico, spirituale, con lo sguardo trasparente puntato oltre la superficie di quel che si vede. Eppure lui, economista, ha scelto di fare il fotografo soprattutto per testimoniare le crudeltà del mondo mediante le immagini proprio di ciò che si vede. Non c’è bisogno di introspezioni per verificare la brutalità che nel pianeta è appannaggio quasi esclusivo dell’Uomo. Nessun documento contrattuale, giudiziario, artificiale potrà essere più eloquente delle immagini della sofferenza che l’Uomo, nessuno più e meglio di lui, sa imporre al suo simile. Per ragioni che non sempre si comprendono.

La missione di Salgado lo porta ovunque ci sia da sperimentare la verità che verso la fine del film viene apertamente dichiarata: l’Uomo è un animale estremamente violento, ben più degli altri che è dato osservare nel mondo naturale. Salgado dichiara, verso l’epilogo, di essere diventato “amico” di una balena di 35 metri, che avrebbe potuto inabissare con un piccolo colpo di coda l’imbarcazione sulla quale gli uomini galleggiavano, ma non l’ha mai neppure sfiorata. Animale sensibilissimo, la sua coda fremeva se gli si sfiorava il muso.

L’osservazione e la documentazione dell’Uomo ammala Salgado: «una malattia dell’anima».

La sua salute sarà recuperata dall’osservazione della natura, di ciò che è più vicino a ciò che chiamiamo convenzionalmente “creazione” (il sale). Qui Salgado capirà che siamo parte di un genere vastissimo – «le nostre cellule sono quelle dell’iguana» – che potremmo addirittura aiutare a sopravvivere, se tutti gli Uomini fossero Salgado.

Ne abbiamo la dimostrazione.

Il film-documentario finisce col ritorno nella foresta pluviale brasiliana da cui tutto un giorno era partito. Il padre, che aveva faticosamente fatto laureare tutti i suoi numerosi figli, l’aveva vista morire a causa della siccità. Salgado e la moglie ripiantano milioni di alberi, destinati a sopravvivere ai loro salvatori. Torna l’acqua, e con essa gli animali («compreso il giaguaro»).      

A quel punto si capisce che non è un film, non un documentario, ma la testimonianza quasi religiosa di un laico che ha fatto della sofferenza il concime per trovare la forza, guarendo, per far ripartire il mondo.

Tanto le immagini dell’Uomo sono crude e violente – la morte appare in tutte le sue forme, compresa la ruspa che ammassa i cadaveri per sotterrarli senza ritualità alcuna – quanto quelle della natura sono pacificatrici. Gli spazi si aprono.

La voce narrante ci dice, all’inizio, che Salgado è più di un fotografo. In effetti ha l’aspetto di un Santo, ed è forse uno dei più puri e veri del nostro tempo.

 

19 aprile 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Magistratura e società
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé.
28 aprile 2018
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018