home search menu
Il sale della Terra
Magistratura e società / cinema e letteratura
Il sale della Terra
di Bruno Capponi
Ordinario di diritto processuale civile LUISS Roma
Recensione del film-documentario di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado
Il sale della Terra

Il sale della Terra, secondo la voce narrante, è l’Uomo. In realtà (anche se occorre intendersi sul significato) il film-documentario sulla vita dell’economista-fotografo Sebastião Salgado mostra che forse non è così.

La lunga intervista – in fondo di questo si tratta – mostra un uomo ieratico, spirituale, con lo sguardo trasparente puntato oltre la superficie di quel che si vede. Eppure lui, economista, ha scelto di fare il fotografo soprattutto per testimoniare le crudeltà del mondo mediante le immagini proprio di ciò che si vede. Non c’è bisogno di introspezioni per verificare la brutalità che nel pianeta è appannaggio quasi esclusivo dell’Uomo. Nessun documento contrattuale, giudiziario, artificiale potrà essere più eloquente delle immagini della sofferenza che l’Uomo, nessuno più e meglio di lui, sa imporre al suo simile. Per ragioni che non sempre si comprendono.

La missione di Salgado lo porta ovunque ci sia da sperimentare la verità che verso la fine del film viene apertamente dichiarata: l’Uomo è un animale estremamente violento, ben più degli altri che è dato osservare nel mondo naturale. Salgado dichiara, verso l’epilogo, di essere diventato “amico” di una balena di 35 metri, che avrebbe potuto inabissare con un piccolo colpo di coda l’imbarcazione sulla quale gli uomini galleggiavano, ma non l’ha mai neppure sfiorata. Animale sensibilissimo, la sua coda fremeva se gli si sfiorava il muso.

L’osservazione e la documentazione dell’Uomo ammala Salgado: «una malattia dell’anima».

La sua salute sarà recuperata dall’osservazione della natura, di ciò che è più vicino a ciò che chiamiamo convenzionalmente “creazione” (il sale). Qui Salgado capirà che siamo parte di un genere vastissimo – «le nostre cellule sono quelle dell’iguana» – che potremmo addirittura aiutare a sopravvivere, se tutti gli Uomini fossero Salgado.

Ne abbiamo la dimostrazione.

Il film-documentario finisce col ritorno nella foresta pluviale brasiliana da cui tutto un giorno era partito. Il padre, che aveva faticosamente fatto laureare tutti i suoi numerosi figli, l’aveva vista morire a causa della siccità. Salgado e la moglie ripiantano milioni di alberi, destinati a sopravvivere ai loro salvatori. Torna l’acqua, e con essa gli animali («compreso il giaguaro»).      

A quel punto si capisce che non è un film, non un documentario, ma la testimonianza quasi religiosa di un laico che ha fatto della sofferenza il concime per trovare la forza, guarendo, per far ripartire il mondo.

Tanto le immagini dell’Uomo sono crude e violente – la morte appare in tutte le sue forme, compresa la ruspa che ammassa i cadaveri per sotterrarli senza ritualità alcuna – quanto quelle della natura sono pacificatrici. Gli spazi si aprono.

La voce narrante ci dice, all’inizio, che Salgado è più di un fotografo. In effetti ha l’aspetto di un Santo, ed è forse uno dei più puri e veri del nostro tempo.

 

19 aprile 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Il problema costituzionale dell’attuazione dei diritti sociali (con particolare riguardo al diritto all’abitazione)*
di Francesco Pallante
La possibile soluzione capace di garantire il rispetto delle priorità costituzionali di spesa potrebbe essere quella di configurare vincoli, costituzionalmente giustiziabili, non di ma al bilancio, vale a dire in favore della destinazione di risorse certe all’attuazione del contenuto minimo dei diritti
27 luglio 2018
Per la chiarezza di idee sul problema flussi migratori*
di Andrea Proto Pisani* e Giuliana Civinini**
Le grandi migrazioni determinate dalla guerra e dalla fame sono un fenomeno che interesserà tutta la nostra epoca e oltre. Per affrontarle ci vogliono chiarezza e umanità. Prioritario appare garantire l’asilo a chi ne ha diritto, riaprire i canali di migrazione regolare, evitare politiche che possono danneggiare i già precari Stati africani
26 luglio 2018
Ninna nanna per un bambino siriano, ghanese oppure marziano *
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
Quando Machiavelli cantò il Magnificat ai magistrati*
di Tommaso Greco
Il diritto e la giustizia affondano le loro radici nella sofferenza degli ultimi e nella possibilità di un loro riscatto. Ce lo ricorda, forse inaspettatamente, Niccolò Machiavelli in un suo discorso pressoché dimenticato, nel quale egli, rivolgendosi ai magistrati, riprende spunti classici e religiosi
3 luglio 2018
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
di Carlo Sorgi
Il volume curato da Marco Omizzolo rappresenta uno dei primi tentativi seri di sistematizzare l’esperienza di un venticinquennio di accoglienza dei migranti in Italia, evidenziando l’esigenza di trasformare la migrazione da fenomeno emergenziale a progetto per la crescita e lo sviluppo economico e culturale del Paese
30 giugno 2018