home search menu
Il tragico romanzo dell'<i>Italia occulta</i>
Magistratura e società
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
di Paola Perrone
già presidente di Sezione della Corte d'appello di Torino
Cosa è accaduto in Italia tra il 1978 e il 1980, quando la nostra Repubblica fu esposta a rischi di involuzione eversiva? Giuliano Turone ce lo racconta in questo volume (ed. Chiarelettere) con la curiosità del giudice istruttore e la brillantezza dello storico
Il tragico romanzo dell'<i>Italia occulta</i>

Questo è un libro che non dovrebbe mancare nella libreria di nessuno. Di chi quegli anni e quelle vicende ha vissuto, per capirne di più gli stretti nessi. Di chi è nato dopo quel terribile triennio, per sapere cosa la nostra Repubblica ha dovuto affrontare e per capire fino in fondo la tragicità di quella nostra storia. Tutti per cercare di rendere un po’ più intellegibile quell’ Italia così oscura.

Giuliano Turone nel 1981 era uno dei due giudici − l'altro era Gherardo Colombo − che ordinò la perquisizione di un immobile a disposizione di Licio Gelli e si ritrovò così nelle mani la lista di 963 persone che si erano iscritte alla loggia massonica P2, provenienti da tutte le articolazioni più importanti dello Stato e della vita pubblica. Dalle carte sequestrate emergono pure tutti gli affari segreti in cui la P2 ha già avuto un ruolo di intrusione e manipolazione nel più ampio contesto di un Piano di rinascita nazionale. Questa straordinaria scoperta permette a Turone in questo libro di collegare, in una ricostruzione storica certo più libera di quella giudiziaria ma non per questo meno documentata, eventi di per sé distinti: solo per fare un esempio, l’unità di crisi che si creò per gestire con modalità opache i 55 giorni del sequestro Moro era composta quasi interamente da iscritti alla P2 (11 membri su 12).

Documento fondamentale che Turone cita è la Relazione che scrisse, a fine lavori della Commissione bicamerale sulla P2, il suo presidente, Tina Anselmi: vi compare, come metafora più espressiva di qualunque altra, una doppia piramide a forma di clessidra dove la piramide in basso è costituita dagli iscritti alla loggia massonica, il punto di contatto fra le due piramidi è il maestro venerabile aretino, la piramide superiore è costituita da personaggi che dovevano e sono rimasti segreti. Il libro di Turone cerca di fare un po’ di luce proprio in questa area oscura andando alla ricerca di fili che possano spiegare in termini plausibili tutte le suggestioni che quelle vicende mostrano. Ne emerge il quadro di una Repubblica malata ove solo pochi servitori onesti e caparbi (come lo stesso Turone, il generale Dalla Chiesa, il giudice Stiz, Tina Anselmi) permetteranno di contrastare la vittoria del Piano di rinascita nazionale.

Il libro si dà come periodo di studio il triennio dal 1978 al 1980, ma in realtà inevitabilmente gli eventi si ricollegano ad altri precedenti o successivi: e così gli eventi si dilatano per comprendere il sequestro e l’uccisione di Aldo Moro del 1978, il coinvolgimento di Andreotti nella mafia siciliana di Michele Sindona, l’omicidio di Mino Pecorelli del 1979, il dissesto della Banca Privata italiana di Sindona, l’arresto di Paolo Baffi e Mario Sarcinelli  e l’omicidio di Giorgio Ambrosoli del 1979, le stragi di Capaci e di via D’Amelio del 1992, l’omicidio del capitano dei carabinieri Emanuele Basile del 1980, il maxiprocesso a Cosa Nostra dell’86-92, l’assassinio di Piersanti Mattarella del 1980, l’uccisione del giudice Mario Amato del 1980, la strage della stazione di Bologna del 1980.

Si capisce bene come sia ampio il respiro di questo bellissimo libro e come difficili siano i tentativi di collegare tali eventi fra di loro. Turone si accinge al lavoro con la curiosità del giudice istruttore e con la brillantezza dello storico, studiando le sentenze ma andando anche alla ricerca di documenti inediti o non valorizzati nelle sentenze.

E, alla fine del suo studio, Turone riesce a fare un po’ di luce sulla presumibile identità dei personaggi che dovrebbero far parte della piramide superiore della P2: i nomi sono quelli di Giulio Andreotti e di Francesco Cossiga, oltre quelli delle alte sfere dei servizi segreti deviati.

La lettura di questo libro è appassionante ed interessante: Turone passa da un argomento all’altro con un piglio di vero scrittore, rendendo la lettura avvincente e trasmettendo al lettore la passione per la ricostruzione degli eventi che è propria del magistrato.

Accanto all’interesse per il libro, vi è però lo sconforto nel riconoscere che in quegli anni la nostra Repubblica venne esposta a rischi di involuzione eversiva, attraverso i comportamenti di tanti uomini che avevano rinnegato i loro giuramenti di fedeltà alle Istituzioni. Ci si consola ricordando che il Piano di rinascita nazionale non fu poi messo in atto; ma si ripiomba nello sconforto quando si riconoscono che alcune sue parti sono state riprese e proposte da alcune forze politiche.

6 aprile 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Tre vite per poco più di un secolo
Tre vite per poco più di un secolo
di Edmondo Bruti Liberati
Un avvocato antifascista e rivoluzionario, un magistrato eretico, una brigatista rossa. Un filo lega queste tre storie che animano Un secolo e poco più, il volume di Luigi Saraceni. Pagine profonde che delineano la parabola simbolica di oltre cento anni di storia del nostro Paese
16 febbraio 2019
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
di Francesco Gianfrotta
Per risolvere il problema dei beni confiscati che non trovano un fruttuoso utilizzo, il dl sicurezza punta alla vendita: con rischi gravi che i mafiosi tornino in possesso di quanto loro sottratto, usando prestanomi. Cautele ridicole e inviti all’ottimismo: queste le nuove frontiere della lotta alle mafie e alle più gravi forme di illegalità che ci riserva il Governo in carica
29 ottobre 2018
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
di Luigi Petrucci
La risoluzione n. 114/E emanata dall’Agenzia delle entrate il 31 agosto 2017 detta l’interpretazione dell’art. 50, comma 2, d.lgs n. 159/2011 in tema di confusione dei crediti erariali alla quale si dovranno attenere gli uffici finanziari. Pur essendo un atto formalmente volto all’interpretazione della normativa vigente, il modo innovativo in cui affronta molte delle questioni che si erano poste nella prassi e nei commenti dottrinali lo rende un atto sostanzialmente innovativo dell’ordinamento, destinato ad incidere in modo profondo nell’amministrazione dei beni in sequestro e nella fase di verifica e pagamento dei crediti sorti ante e post sequestro. L’articolo si propone di illustrare le novità in materia e le ricadute sugli adempimenti fiscali dell’amministratore giudiziario in continuità con un precedente intervento dell'Autore su questa Rivista*
15 giugno 2018
Appunti per una relazione sul terrorismo di destra *
di Giovanni Salvi
Esauritosi il conflitto tra scelte ideologiche totalizzanti, caratterizzante la guerra fredda, il collante delle destre radicali diviene l’identità etnico-nazionale. Le destre radicali europee guardano quindi all’esperienza statunitense del suprematismo bianco e del super-nazionalismo. Nel mutuarne alcune opzioni organizzative, come la leaderless resistance, il riferimento al nazi-fascismo resta nei simboli e soprattutto nell’originario richiamo al rapporto tra suolo e cultura. Un ruolo fondamentale svolge il web, il cui uso è direttamente collegato alle modifiche di strategia politica. Deve di conseguenza cambiare anche l’approccio investigativo, basata su di una approfondita conoscenza delle nuove realtà.
27 aprile 2018
La legge n. 161/2017 e le sue modifiche al d.lgs n. 159/2011 in tema di applicazione di misure di prevenzioni patrimoniali agli indiziati di reati contro la Pubblica amministrazione. Un invito alla magistratura: adelante con juicio
Mafie di mezzo
Mafie di mezzo
di Costantino Visconti
Il metodo che il sociologo Vittorio Martone impiega nel volume Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio (Donzelli, 2017) è figlio di un serio lavoro collettivo. Opere come queste possono fungere da grandangolo, aiutando il giurista a valutare la questione criminale in un contesto più ampio e problematico, senza l’assillo di strozzare l’interpretazione dei fatti nell’ottica della loro qualificazione giuridica.
9 dicembre 2017
La violazione dell’art. 2 della Cedu con riferimento all’utilizzo permissivo della forza pubblica, quando da essa sia derivata la morte come conseguenza non intenzionale
Alle origini del discorso sulla mafia
Alle origini del discorso sulla mafia
di Piergiorgio Morosini
Recensione al libro di Umberto Santino La mafia dimenticata. La criminalità organizzata in Sicilia dall’unità d’Italia ai primi del Novecento (Melampo, 2017).
9 settembre 2017
Pio La Torre, un innovatore politico
Pio La Torre, un innovatore politico
di Nando Dalla Chiesa
Pochi uomini hanno avuto un rapporto così diretto con le trasformazioni di quella che poi avremmo imparato a chiamare Cosa Nostra. E ancor meno uomini ne hanno compreso i mutamenti adeguando nel tempo le forme e le prospettive della propria azione conflittuale
8 giugno 2017
Riina, la suprema Corte e lo Stato di diritto
Riina, la suprema Corte e lo Stato di diritto
di Riccardo De Vito
La sentenza nei confronti di Totò Riina ci ricorda che per la Costituzione non c'è persona, terrorista o mafiosa che sia, che possa essere privata del nucleo fondamentale dei diritti umani
6 giugno 2017
Newsletter


Fascicolo 4/2018
Una giustizia (im)prevedibile?

Il dovere della comunicazione
Magistratura e società
Messa alla prova… 30 anni dopo!
Messa alla prova… 30 anni dopo!
di Cristina Maggia
La messa alla prova minorile per reati gravi: una sfida che vale la pena raccogliere. Il libro di Joseph Moyersoen raccoglie voci diverse, con un focus particolare sulla commissione di reati associativi in diversi contesti geografici
13 aprile 2019
Il diritto penale nella stagione dei populismi *
di Simone Spina
Assecondare gli umori repressivi presenti nella società alimentando insicurezza e paura, criminalizzando il diverso e l’emarginato: questi i tratti delle odierne politiche in materia penale che stridono con il volto costituzionale del diritto penale e che rischiano di trasformarlo da luogo dell’uguaglianza a luogo della discriminazione
2 aprile 2019
Verona e il Medioevo delle famiglie
Verona e il Medioevo delle famiglie
di Stefano Celentano
Dal 29 al 31 marzo, nella città veneta si terrà il World Congress of Families, un evento la cui matrice culturale, contraria a principi di “diritto vivente”, è un malcelato schiaffo alle libertà, alla dignità affettiva e relazionale dei singoli, ai diritti del corpo quali espressione della affettività e della sessualità
28 marzo 2019
La nuova cultura dell’individuo emozionale e sempre emozionato *
di Gabriella Turnaturi
Di cosa è fatta la discrezionalità dei giudici se non da un complesso intreccio fra conoscenza giuridica, sensibilità, cultura ed esperienza personale? Ancora una riflessione dopo le sentenze di Bologna e Genova su casi di femminicidio
27 marzo 2019
Diritto penale no-limits. Garanzie e diritti fondamentali come presidio per la giurisdizione *
di Vittorio Manes
Il diritto penale è diventato parte integrante della politica e, in linea con le declinazioni tipiche del populismo penale, risponde ad un nuovo paradigma che si caratterizza per l’utilizzo della penalità protesa a soddisfare pretese punitive opportunisticamente fomentate e drammatizzate ed a legittimare i nuovi assetti di potere politico. Si tratta di un diritto penale sempre più disarticolato dalle proprie premesse fondative liberali, teso al congedo dalla tipicità legale del reato, dal principio di proporzione tra reato e pena e dalla presunzione di innocenza, come dimostra la recente legge cosiddetta “spazzacorrotti”, ed affidato interamente alla gestione del giudice, con l’effetto ulteriore della sovraesposizione della magistratura rispetto a compiti impropri.
26 marzo 2019
Commiato
Commiato
Il saluto del Direttore Renato Rordorf ai lettori di Questione Giustizia
25 marzo 2019