home search menu
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di merito
Immunità dello Stato estero per crimini internazionali e diritto di accesso al giudice: la parola alla Corte Costituzionale
di Maria Giulia Rancan
Phd Candidate - Scuola Superiore Sant'Anna
Commento alla sentenza della Corte di cassazione n. 1136/2014 ed all’ordinanza del Tribunale di Firenze del 21 gennaio 2014
Immunità dello Stato estero per crimini internazionali e diritto di accesso al giudice: la parola alla Corte Costituzionale

Il 21 gennaio 2014 segna una nuova tappa negli sviluppi della controversa vicenda legata al riconoscimento del risarcimento dei danni alle vittime dei crimini commessi dalla Germania nazista durante l’occupazione successiva alla resa italiana dell’8 settembre 1943.

Come noto, dopo il 2004, ossia dopo la storica sentenza della Corte di Cassazione n. 5044/2004 (caso Ferrini) con la quale si era

negata l’immunità alla Germania e riconosciuta la sussistenza della giurisdizione del giudice italiano nel caso in cui lo stato estero, pur nell’esercizio delle sue attività sovrane, avesse commesso atti configurabili quali crimini internazionali, si erano moltiplicati i ricorsi presentati davanti ai tribunali italiani. La Germania, a fronte delle numerose sentenze di condanna e temendo che in altri Stati si potesse seguire l’esempio italiano, si rivolse alla Corte Internazionale di Giustizia, che si pronunciò il 3 febbraio 2012 con una sentenza fortemente dibattuta in dottrina.

La Corte dell’Aja ha così condannato l’Italia per violazione della norma internazionale sull’immunità giurisdizionale dello stato estero, disponendo che “la Repubblica Italiana, promulgando l’opportuna legislazione o facendo ricorso ad altro metodo a sua scelta, dovrà fare in modo che le decisioni dei suoi giudici e quelle di altre autorità giudiziarie che violano l’immunità riconosciuta alla Repubblica Federale di Germania dal diritto internazionale siano rese inefficaci ”. Al fine di adempiere agli obblighi internazionali, nonché di adeguarsi alle decisioni della CIG (ex art. 94 Statuto ONU), è stata promulgata la legge n. 5/2013 con la quale in primo luogo l’Italia aderisce alla Convenzione di New York sulle immunità giurisdizionali degli Stati e dei loro beni e prevede poi espressamente all’art. 3 che “quando la Corte Internazionale di giustizia, con sentenza che ha definito un procedimento di cui è stato parte lo Stato italiano, ha escluso l’assoggettamento di specifiche condotte di altro Stato alla giurisdizione civile, il giudice davanti al quale pende controversia relativa alle stesse condotte rileva, d’ufficio ed anche quando ha già emesso sentenza non definitiva passata in giudicato che ha riconosciuto la sussistenza della giurisdizione ( ), il difetto di giurisdizione in qualunque stato e grado del processo”. Non sorprende quindi che, alla luce di questo intervento normativo di attuazione degli obblighi internazionali, la Corte di Cassazione proceda ad un revirement della sua precedente posizione.

La Suprema Corte, nuovamente interpellata a seguito di ricorso da parte della Repubblica Federale di Germania avverso la sentenza della Corte di Appello di Firenze (n. 490/2011) di condanna della Germania al risarcimento dei danni a favore degli eredi del Sig. Ferrini Luigi, si limita infatti, come sembra ben comprensibile, a prendere atto del mutato quadro normativo interno conseguente all’intervenuta sentenza della CIG ed a “dichiarare il difetto di giurisdizione con conseguente cassazione senza rinvio della sentenza impugnata”. Già nel corso del 2012 la Corte di Cassazione (sentenza n. 32139/2012) aveva dato prova di una certa umiltà adottando uno spontaneo atteggiamento di deferenza nei confronti dell’autorità della CIG. Essa infatti, pur ammettendo la pericolosità della decisione della CIG nel momento in cui “la predicata distinzione tra norme sostanziali e norme procedurali cagiona null’altro che l’impunità dei soggetti e finisce per riaffermare la poca persuasiva attrazione, nella sfera dell’esenzione dalla giurisdizione, propria degli atti jure imperii, di atti quali i crimini contro l’umanità che in quella categoria stentano ad essere ricompresi ”riconosce l’isolamento della propria teoria contraria ed al contempo, pur sottolineando “la totale autonomia della sua funzione da vincoli diretti ed immediati scaturenti dal dictum della CIG”, afferma comunque l’autorevolezza della decisione della Corte dell’Aja.

Considerato qui il nuovo status quo legislativo si deve invece osservare come una tale deferenza sia ora imposta alla Suprema Corte proprio dalla normativa interna e non dipenda più da un particolare senso di responsabilità del giudice italiano volto ad evitare ulteriori problemi all’Italia a livello internazionale.

L’annosa questione sembrava potersi pertanto ritenere conclusa, tenuto conto dell’intervento legislativo e dell’avvenuto revirement da parte della Corte di Cassazione della sua posizione forse un po’ troppo audace rispetto ai tempi del diritto internazionale.

Lo stesso giorno in cui la Suprema Corte confermava l’avvenuto arresto della propria battaglia con la sent. 1136/2014, interviene, invece, un’ordinanza del Tribunale di Firenze con cui si solleva una questione di legittimità costituzionale a protezione dei principi fondamentali dell’ordinamento. Un atto sicuramente coraggioso, in quanto in opposizione alla nuova posizione assunta dalla Suprema Corte italiana (sent. 4284/2013 e sent. 1136/2014) ed in rottura rispetto ad altri decisioni (Appello Torino, 3 maggio 2012), ma che soddisfa sicuramente le aspettative di quanti hanno avversato la decisione della CIG.

Riconoscendo in prima battuta la competenza esclusiva della Corte dell’Aja sulla questione del conflitto tra norme di ius cogens(tutela dei diritti fondamentali dell’uomo) e norme procedurali (la regola dell’immunità giurisdizionale degli Stati esteri), anche se la stessa esclude la sussistenza di un simile contrasto per effettiva incomunicabilità tra i due livelli del diritto, sostanziale e procedurale, il giudice fiorentino ritiene pertanto di dover concentrare la propria analisi sulle conseguenze che si hanno sul piano interno dell’ordinamento derivanti dall’assorbimento della consuetudine di diritto internazionale che prevede l’immunità assoluta degli stati esteri. Evidenzia infatti come, alla luce dell’interpretazione data dalla Corte di Giustizia della portata di tale consuetudine, si venga a verificare una sproporzione nel bilanciamento tra l’esigenza di tutela della sovranità dello Stato ed il dovere di assicurare tutela giurisdizionale alle vittime di crimini internazionali rispettando il loro diritto, riconosciuto anche a livello internazionale, di ottenere riparazione per i danni subiti. Come ben noto infatti, l’art. 24 Cost., che assicura all’individuo titolare di una posizione giuridica sostanziale il diritto all’accesso alla giustizia, rappresenta un principio fondamentale dell’ordinamento italiano.

L’aspetto rivoluzionario è il nuovo punto di vista adottato dall’autorità giudiziaria, che abbandona le lenti del mero diritto internazionale e trasla la problematica a livello interno, sollevando il dubbio che esista un effettivo contrasto tra la norma consuetudinaria internazionale sull’immunità, nonché le norme interne attuative della stessa e di adattamento alla sentenza della CIG (artt. 1 e 3 della legge n. 5/2013) ed il principio fondamentale costituzionale di tutela giurisdizionale dell’individuo.

Partendo dalla constatazione dell’esistenza di un impianto normativo basato su un sistema multilivello, il giudice di primo grado sviluppa due ragionamenti. Da un punto di vista prettamente giuridico osserva che l’apertura del nostro ordinamento verso le norme di diritto internazionale consuetudinario e pattizio, operata dagli artt. 10, 11 e 117 Cost., non sia incondizionata ma incontri i limiti derivanti dalla Costituzione. Assumendo che le consuetudini internazionali che penetrano il nostro ordinamento tramite l’art. 10 Cost. assumono una posizione di inferiorità rispetto alle leggi costituzionali ed abbracciando poi la giurisprudenza della Corte costituzionale che supera la distinzione tra consuetudini anteriori e successive alla Carta costituzionale (sent. N. 73/2001), si ritiene possibile operare sempre un controllo di legittimità costituzionale delle stesse. Motiva così la sua decisione di verificare la compatibilità della norma sull’immunità giurisdizionale degli Stati esteri con il principio insopprimibile di diritto di accesso alla giustizia. Ammesso ciò, diviene pertanto naturale estendere tale verifica di legittimità costituzionale anche alle norme interne derivanti dal diritto internazionale pattizio, quali l’art. 1 legge 848/1957 che recepisce l’art. 94 dello Statuto ONU, che obbliga il giudice nazionale ad adeguarsi alle decisioni della CIG, e l’art. 3 legge 5/2013, che positivizza tale obbligo in forma di adeguamento proprio al dettato della pronuncia della Corte dell’Aja del febbraio 2012.  

Muovendo invece da considerazioni di cultura giuridica, il giudice osserva l’affermarsi nella prassi internazionale di un trend volto ad una sempre maggiore tutela dei diritti fondamentali dell’uomo. Come dimostrano la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’orientamento di alcune corti statali nonché l’impegno profuso dall’International Law Association, il focus del diritto internazionale sembra concentrarsi sulla figura dell’individuo, abbandonandosi così quell’approccio conservatore, legato ad una logica meramente statocentrica, che lo caratterizzava. Alla luce di ciò il giudice italiano ritiene inaccettabile che tramite il principio di uguaglianza sovrana degli Stati possa sacrificarsi una effettiva tutela dei singoli verso i crimini contro l’umanità. Sulla scorta del “last resort” argument difensivo utilizzato dall’Italia di fronte alla CIG, il Tribunale fiorentino afferma che, in assenza di rimedi alternativi per le vittime dei crimini internazionali, la tutela dei loro diritti debba essere garantita a livello interno in ossequio ai principi costituzionali. Così facendo si vuole evitare che il diniego dell’accesso alla giustizia renda tali diritti fondamentali mera lettera morta e che al contempo si avvalori per il futuro l’idea di una totale impunità nei confronti di tali crimini.

Se guardando da un punto di vista di diritto meramente interno non si può che apprezzare la concatenazione logica degli argomenti giuridici finemente elaborati dal giudice fiorentino a sostegno della questione di legittimità costituzionale, e concordare con le conclusioni a cui giunge in tale ordinanza, non pochi dubbi sorgono riguardo alle conseguenze a cui l’Italia verrebbe esposta sul piano rapporti internazionali nel caso in cui la Corte costituzionale dovesse ritenere fondata la questione di legittimità costituzionale. Certamente conscio del problema, il giudice fiorentino chiarisce di voler circoscrivere la questione sollevata solo alla giurisdizione di cognizione, escludendo il piano dell’esecuzione del giudicato, ritenuto più invasivo della sovranità statale, lasciando pertanto “la coercizione dell’obbligo accertato alle dinamiche dei rapporti tra organi politici degli stati”.

La parola ora alla Corte Costituzionale, nella speranza che tale dialogo tra Corti possa contribuire a dare una nuova spinta verso uno sviluppo progressivo del diritto internazionale. 

 

BIBLIOGRAFIA

CAPONI, Dialogo tra corti nazionali e corti internazionali 

CIAMPI, The international Court of justice between “reason of state” and demands for justice by victims of serious international crimes, in Rivista di diritto internazionale, n.2, 2012, pp. 374- 398

CIAMPI, L’Italia attua la sentenza della Corte internazionale di giustizia nel caso Germania c. Italia, in Rivista di diritto internazionale, 2013, pp. 146-149.

FONTANELLI, State immunity for international crimes: the Cassazione’s solitary breakaway has come to an End (judgement32139/2012)

MAZZESCHI, Il rapporto tra norme di ius cogens e la regola sull’immunità degli Stati: alcune osservazioni critiche sulla sentenza della Corte internazionale di giustizia del 3 febbraio 2012, in Rivista di diritto internazionale, n.2, 2012, p. 310 ss.

NIGRO, Immunità degli Stati esteri e diritto di accesso al giudice: un nuovo approccio nel diritto internazionale, in Rivista di diritto internazionale, n.3, 2013, pp. 812-846

PADELLETTI, L’esecuzione della sentenza della Corte internazionale di giustizia sulle immunità della giurisdizione nel caso Germania c. Italia: un caso in salita?, in Rivista di diritto internazionale, p. 444 ss.  

POCAR, La sentenza dell’Aja non convince 

RONZITTI, Tenue speranza per le vittime delle stragi naziste

SCISO, L’Italia aderisce alla Convenzione di New York sulle immunità giurisdizionali degli Stati e dei loro beni, in Rivista di diritto internazionale, n. 2, 2013, pp. 543-551

VIGANO’, La sentenza della Corte internazionale di giustizia sui crimini nazisti: illegittime le sentenze italiane di condanna dello Stato tedesco

ZACCARO, Alla Consulta l'immunità giurisdizionale dello Stato tedesco per i crimini nazisti commessi in Italia

Appello Torino, 3 maggio 2012 – Pres. Silva- Red. Maccarone, in Rivista di diritto internazionale, n.3 , 2012, p. 916-922

 

 

 

11 febbraio 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Quando il giudice deve “fare da sé” *
di Marco Ruotolo
Dove si colloca il confine tra interpretazione conforme alla Costituzione e disapplicazione della disposizione del testo normativo? Fino a che punto deve giungere lo sforzo interpretativo adeguatore del giudice remittente? Il saggio offre risposte a queste domande, unisce riflessioni teoriche e incursioni giurisprudenziali, attraversa il punto di vista della Corte costituzionale e quello dei giudici ordinari e, non da ultimo, mette in guardia da atteggiamenti supini e deresponsabilizzanti: interpretare, nel segno della Costituzione, non è, infatti, compito esclusivo della Corte costituzionale. In coda al brano, uno strumento prezioso: un breve manuale pratico per il giudice remittente
22 ottobre 2018
Un Viaggio avventuroso!
Un Viaggio avventuroso!
di Marco Patarnello
La decisione della Corte costituzionale di collocare nelle carceri il suo secondo fronte del viaggio nel Paese reale è un fatto senza precedenti. Un incontro ai massimi livelli (la più alta magistratura ed uno dei carceri più popolosi e delicati d’Italia) fra due realtà prive di contatti. Eppur funziona. Fra applausi scroscianti e qualche silenzio tattico, due mondi lontani, per tre ore, hanno comunicato guardandosi in viso, ricordando che il diritto alla dignità, come il valore della Carta costituzionale, non si arresta sulla soglia di un carcere
8 ottobre 2018
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
di Alessandra Galluccio
La dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’art. 58-quater, comma 4, ord. pen. – che prevedeva un trattamento penitenziario estremamente rigido e rigoroso per i condannati all’ergastolo ai sensi degli artt. 630, comma 3 e 289-bis, comma 3 cp (sequestro di persona a scopo di estorsione o terrorismo ed eversione, con morte del sequestrato) – è l’occasione, per la Consulta, di affermare nuovamente la centralità del finalismo rieducativo della sanzione, nella forma del reinserimento sociale del condannato che dimostri di partecipare al percorso rieducativo
16 luglio 2018
Sull’attenuazione della clausola di salvaguardia in materia di responsabilità civile del magistrato: questioni ancora aperte? *
di Federico Sorrentino
La sentenza della Corte costituzionale n. 164 del 2017, che ha ritenuto infondata la questione di legittimità costituzionale sull’abrogazione (ad opera della legge 27 febbraio 2015, n. 18) del procedimento di ammissibilità (cd. filtro) delle domande risarcitorie in tema di responsabilità civile del magistrato, non si è invece pronunziata su altre questioni coinvolgenti le modifiche apportate alla legge n. 117 del 1988. Tra queste, si esamina quella concernente l’attenuazione della cd. clausola di salvaguardia (posta a garanzia della funzione giurisdizionale), per vagliarne i possibili esiti alla luce del quadro normativo interno, costituzionale ed eurounitario
27 giugno 2018
La Corte costituzionale ed il regime delle spese di giudizio nel processo del lavoro
La Corte costituzionale ed il regime delle spese di giudizio nel processo del lavoro
di Rita Sanlorenzo
Con la sentenza n. 77 del 2018, la Corte costituzionale cancella la riforma del 2014 che limitava fortemente la possibilità di compensazione fra le parti all'esito del giudizio civile e affida al giudice, ed in particolare a quello del lavoro, uno strumento efficace di adeguamento del regolamento delle spese alle peculiarità del caso concreto.
1 maggio 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
di Gianfranco Amendola
Il contributo che pubblichiamo ragiona sulla recente decisione n. 58 del 2018, con cui la Consulta torna ad occuparsi del tema della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori negli stabilimenti dell’Ilva di Taranto. L’autore registra qualche non irrilevante mutamento di rotta nella giurisprudenza costituzionale rispetto alla precedente sentenza n. 85 del 2013 e rimarca con forza come il diritto alla salute non può soggiacere, se non a prezzo di qualche forzatura del dettato costituzionale, a bilanciamenti con altri interessi pur costituzionalmente rilevanti (essendo il diritto alla salute l’unico diritto che, non a caso, è definito fondamentale dalla nostra Costituzione).
10 aprile 2018
La salute, il lavoro, i giudici
La salute, il lavoro, i giudici
di Riccardo De Vito
Un breve commento alla sentenza (n. 58/2018) con la quale la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del cd. decreto Ilva. Vi si leggono parole chiare sul rapporto tra i diritti fondamentali della persona e iniziativa economica
24 marzo 2018
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
di Diletta Tega
Di fronte al problema di doppia pregiudizialità rappresentato dalla violazione tanto della Costituzione (e di fonti internazionali, come la Cedu, che operano attraverso la mediazione dell’art. 117, primo comma, Cost.), quanto della Cdfue, l’ordinanza in commento della Corte di cassazione, seguendo l’impostazione della sentenza costituzionale n. 269/17, solleva una articolata questione di legittimità costituzionale, nella quale operano come parametri (interposti) anche le norme della Cdfue, pure quando esse, secondo la Suprema corte, avrebbero efficacia diretta. È espressamente lasciata alla Corte costituzionale la valutazione se rivolgersi con un rinvio pregiudiziale di interpretazione alla Corte di giustizia: alle prese con dubbi di compatibilità della normativa italiana con la Cdfue, la Cassazione avrebbe voluto – e dovuto, in base all’art. 267 Tfue – far rinvio pregiudiziale alla Corte di Lussemburgo; ma consapevole di quanto affermato dalla Corte costituzionale, ha deciso di rivolgersi, in prima battuta, a Palazzo della Consulta.
12 marzo 2018
Dj Fabo: la Corte d’assise di Milano solleva una questione davanti alla Corte costituzionale*
Dj Fabo: la Corte d’assise di Milano solleva una questione davanti alla Corte costituzionale*
di Francesca Paruzzo
Contrasto tra la disposizione dell’art. 580 cp e, da un lato, gli artt. 3, 13 primo comma e 117 primo comma Cost. – in relazione, quest’ultimo, agli artt. 2 e 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo – e, dall’altro, gli artt. 3, 13, 25 secondo comma e 27 terzo comma Cost.
16 febbraio 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Giurisprudenza e documenti
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 3, Sent. 21 marzo 2018 (dep. 7 maggio 2018), n. 19689, Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi
19 ottobre 2018
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
di Elena Nadile
Commento a Cass., Sez. unite, sentenza 21 giugno 2018, n. 40983: un vero vademecum per il calcolo della pena
16 ottobre 2018
Protezione internazionale, l'ordinanza del Tribunale di Milano del 25 luglio 2018
L’ordinanza di Riace. I fatti contro le polemiche
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
di Alice Giurlanda
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 6963 del 20 marzo 2018 enuncia il seguente principio di diritto: «L’adottato ha diritto, nei casi di cui all’art. 28 c. 5 L. 184 del 1983, di conoscere le proprie origini accedendo alle informazioni concernenti, non solo l’identità dei propri genitori biologici, ma anche quella delle sorelle e fratelli biologici adulti, previo interpello di questi mediante procedimento giurisdizionale idoneo ad assicurare la massima riservatezza ed il massimo rispetto della dignità dei soggetti da interpellare, al fine di acquisirne il consenso all’accesso alle informazioni richieste o di costatene il diniego, da intendersi impeditivo dell'esercizio del diritto»
26 settembre 2018
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
di Giovanni Dinisi
La sentenza della Corte di assise di Milano rappresenta la realtà dei “campi di raccolta” dei migranti in Libia, un dato di conoscenza imprescindibile nella costruzione delle politiche migratorie europee
25 settembre 2018