home search menu
Magistratura e società
L’handicap come risorsa
anche per i tribunali
di Ivana Azzalini e Patrizia Bellucci
Laboratorio di Linguistica Giudiziaria – LaLiGi Università degli Studi di Firenze
Il manuale di Linguistica forense è il risultato delle lezioni di un corso sperimentale per perito fonico - trascrittore forense rivolto a giovani laureati non vedenti
L’handicap come risorsa anche per i tribunali

A tutti coloro che vivono con entusiasmo, curiosità, voglia di esplorare e di lasciarsi contaminare…: questa dedica, con la quale viene presentato il Manuale di linguistica forense (Bulzoni Editore, Roma, 2013) a cura di Luciano Romito, esprime già l’apprezzabile spirito di un progetto nato attraverso la positiva collaborazione tra l’I.RI.FO.R. – Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione – e il Laboratorio di Linguistica Forense dell’Università della Calabria.

Il volume, infatti, è il risultato delle lezioni di un primo Corso sperimentale (di 700 ore) per perito fonico – trascrittore forense rivolto a giovani laureati con disabilità visiva.

L’iniziativa è stata senz’altro felice e tiene conto del fatto che i ciechi hanno particolari abilità uditive ed elevata capacità di ascolto: già nella seconda guerra mondiale – come ricorda il Direttore dell’Istituto Luciano Paschetta (p. 19) – essi proprio per questo furono preziosi come “aerofonisti” per segnalare anticipatamente l’arrivo dei bombardieri, così come molti di loro da decenni lavorano come operatori ai centralini telefonici e simili.

Per di più la professione di “tecnico dell’analisi e della trascrizione di segnali fonici e di gestione della perizia di trascrizione in ambito forense” comincia ad essere opportunamente codificata – ad esempio nel decreto N. 1513 del 16 aprile 2012 della Regione Toscana, che fa anch’esso esplicito riferimento ai non vedenti – con l’obiettivo di risolvere l’assai problematica situazione attuale: Considerata la grande richiesta di perizie foniche, si è sviluppato ed è cresciuto un esercito di periti bravi e meno bravi ma tutti comunque esclusivamente con esperienza maturata sul campo e con studi e percorsi formativi personali […]. In Italia viene confusa, sempre o quasi, l’esperienza con la competenza […]. Il Giudice e il Procuratore chiedono quasi sempre solo quali e quanti incarichi abbia svolto il perito e non quali competenze abbia. Non esiste alcun controllo sugli operatori e sui metodi utilizzati, alcuni dei quali risultano essere ascientifici (L. Romito, p. 25).

Traendo spunto dall’esperienza fatta, il volume offre un percorso formativo interdisciplinare che mira a creare in modo strutturato e definito il profilo professionale del perito fonico trascrittore in ambito forense e si propone di fornire le variegate competenze essenziali per svolgere al meglio questa professione, in considerazione del fatto che la trascrizione di un dialogo o di una conversazione registrata è operazione assai complessa e strumento di ricostruzione della realtà e di ricerca della verità (L. Romito, p. 26).

L’obiettivo pubblico, dunque, è quello di cominciare a costruire un iter formativo standardizzabile, che offra competenze certe e verificabili: è proprio questa la strada da perseguire perché le perizie escano primariamente dal terreno paludoso dell’opinabile e dell’antidemocratico poi.

Il libro – che si configura, appunto, come “manuale” per corsi finalizzati a questa specifica professione – si apre con la presentazione di alcuni concetti fondamentali della linguistica generale (A. Mendicino, pp. 29-78) e, poi, della psicologia, della percezione e della scienza del comportamento (R. Servidio, pp. 79-104) oltre che del diritto e della procedura penale (C. Petitto, pp. 105-122).

I successivi tre capitoli giungono al cuore del tema e dei problemi.

V. Galatà (pp. 123-172) descrive gli strumenti, le tecniche e i supporti utilizzati nelle registrazioni/intercettazioni, i tipi e le modalità di intercettazione, le tecniche di riduzione del rumore nei segnali audio: infatti una parte significativa delle intercettazioni perde il proprio valore per la cattiva qualità del segnale sonoro e non di rado costringe ad arrendersi anche il miglior perito.

L. Romito – nel ricco saggio centrale dedicato a La linguistica forense (pp. 173-306) – parte dalla definizione stessa di questo specifico ambito disciplinare e, dopo aver considerato teorie e problemi connessi alla percezione, ai modelli di comunicazione e all’analisi conversazionale, analizza tipi, finalità e livelli delle trascrizioni (pp. 241-306) a partire da una opportuna comparazione tra le ben più facili trascrizioni di udienza e quelle assai più complesse di intercettazione.

In ogni caso, tutti i linguisti sono concordi nel richiamare l’attenzione sul fatto che la trascrizione, per compensare la perdita dei tratti para- ed extralinguistici annessi ai vari codici semiotici attivi nel parlato intercettato – soprattutto se faccia a faccia come nelle ambientali – necessita di alte competenze in diversi settori per eseguire al meglio, fra l’altro, la “traduzione” dall’oralità alla scrittura: Trascrivere un parlato orale significa tradurre, interpretando, un codice in un altro (p. 180) e Se la registrazione è un primo livello della realtà la trascrizione è sicuramente un secondo livello, il più importante e incisivo poiché rendiamo digitale, spaziale e visivo un atto che è continuo e uditivo. La trascrizione dovrebbe rispondere fondamentalmente a tre criteri: affidabilità, validità e sensitività (p. 289). Né si può dimenticare che la trascrizione di una intercettazione […] ricostruisce un fatto accaduto, una verità, un indizio e una prova e ciò implica che il trascrittore debba necessariamente essere un esperto (p. 244), anche perché in ogni caso egli si pone inderogabilmente a filtro tra la registrazione e il magistrato.

Ha ragione Romito quando osserva che attualmente: L’incertezza sui ruoli, sulle competenze, sulle professionalità rende inattendibile e poco oggettiva la prova voce registrata. Non raggiungendo standard elevati di competenza linguistica nella trascrizione di intercettazioni ambientali, lo stesso valore di prova della trascrizione da una parte verrà demandato all’abilità delle parti, quindi alle possibilità economiche (oggi la maggior parte dei linguisti universitari vengono contattati e nominati dalla difesa, che in molti casi ha una maggiore disponibilità economica rispetto al Tribunale o alle Procure), alla competenza della difesa o dell’accusa e dall’altra la cattiva competenza rende sempre più debole e basso il valore della prova stessa (p. 245).

M. Cronin, L. Romito e M. Albanese (pp. 307-320) affrontano poi le questioni relative alla traduzione, sia da altre lingue che dai dialetti: problema quest’ultimo troppo spesso drasticamente sottovalutato proprio per mancanza – oltre che di finanziamenti – di competenza e consapevolezza scientifica adeguata dei complessi e imprescindibili nessi che intercorrono fra lingua e cultura, lingua e mentalità.

Gli autori ripercorrono le teorie della traduzione a partire fin da Roman Jakobson che, in un saggio del 1959, indicava la traduzione come una forma di interpretazione, una ri-codificazione di una lingua nel codice di un’altra.

La questione della traduzione, che da tempo impegna traduttori e linguisti, si concentra principalmente sul rapporto tra la lingua di partenza e quella di arrivo e sulla scelta della fedeltà, linguistica o culturale, più pertinente.

Questa delicata attività – in molti Tribunali ancora troppo spesso erroneamente considerata un semplice processo di conversione “meccanica” – che, come abbiamo detto, nelle trascrizioni di intercettazione per di più si associa anche alla traduzione dall’oralità alla scrittura, ha bisogno di saperi molteplici e sicuri per rispondere a criteri di fedeltà da “contrattare” di volta in volta all’interno delle diverse culture, dei soggetti coinvolti e dei diversi registri, in una prospettiva pragmatica che vada oltre la mera superficie linguistica e riconosca e attesti il senso, la funzione e l’intenzione del messaggio: Ricevere una comunicazione in un’altra lingua significa interpretare un codice comunicativo attraverso barriere linguistiche e filtri culturali. Il giudice che legge un testo frutto di una intercettazione tradotta da un dialetto in italiano deve poter cogliere il messaggio nella sua completezza non solo linguistica ma anche culturale, l’interpretazione è una necessità pragmatica del processo traduttivo e del suo ruolo di mediatore (p. 317).

Infatti in ambito forense – come si ribadisce continuamente anche nel libro – la descrizione di un fatto, di un evento, potenzialmente può diventare un indizio o una prova di colpevolezza o di innocenza (p. 315) e sicuramente l’anello più importante e l’anello più debole della catena nel processo di trascrizione è il trascrittore che deve percepire, interpretare e tradurre il codice orale in codice scritto e a volte riportare un dialetto in italiano (p. 287).

Tutti i linguisti sono concordi nel considerare inaccettabile la situazione attuale, per cui In tribunale la traduzione si affida a parlanti di quella lingua […] e non a traduttori specialisti.

Quando la conversazione registrata è in dialetto, per poter ricevere l’incarico è sufficiente avere la residenza nella stessa regione o anche solo essere nati in quella regione (p. 317).

La raccolta si conclude, infine, con un saggio informatico di B. Leporini (pp. 321-371) su applicativi e software utilizzati dai non vedenti per interfacciarsi con il personal computer.

Ogni capitolo è corredato da bibliografia capace di guidare gli approfondimenti.

Complessivamente il volume accoglie e rilancia i molti punti di preoccupante debolezza scientifica nelle prassi diffuse, che non di rado vanno a depotenziare pesantemente uno strumento di tanto rilievo come le intercettazioni, ma nello stesso tempo costruttivamente indica le soluzioni possibili e “a portata di mano” che i saperi mettono a disposizione per l’obiettivo specifico dell’Istituzione Giustizia: l’accertamento della verità.

16 novembre 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Intercettazioni/2: riforma equilibrata ma senza risorse rischio boomerang
Intercettazioni/2: riforma equilibrata ma senza risorse rischio boomerang
di Donatella Stasio
Il decreto Orlando arriva dopo 22 anni di tentativi, talvolta liberticidi. Essenziale la sperimentazione di sei mesi per dotare gli uffici di risorse umane, professionali e tecnologiche; mentre è discutibile quella di altri sei mesi finalizzata alla pubblicabilità dell’ordinanza di custodia cautelare in funzione di come i magistrati avranno “imparato” a scrivere il provvedimento.
8 gennaio 2018
Intercettazioni, torna la norma contro “il mercato nero” della notizia
Intercettazioni, torna la norma contro “il mercato nero” della notizia
di Donatella Stasio
Il ministro della Giustizia Orlando scommette sulla trasparenza e, su spinta della commissione Giustizia della Camera, ripristina nel decreto il diritto dei giornalisti di acquisire direttamente l’ordinanza di custodia cautelare, una volta depositata
22 dicembre 2017
Intercettazioni, il <i>giallo</i> della norma contro il “mercato nero” della notizia
Intercettazioni, il giallo della norma contro il “mercato nero” della notizia
di Donatella Stasio
Proposta dal Ministro della giustizia Andrea Orlando, la norma che consentiva ai giornalisti di accedere direttamente ai provvedimenti depositati, una volta depurati del superfluo e non più segreti, è stata espunta dal testo licenziato da Palazzo Chigi. La parola ora alle Camere.
13 novembre 2017
Processi e informazione. Orlando: «Prima la bonifica dei provvedimenti e solo dopo accesso aperto anche ai giornalisti»
Processi e informazione. Orlando: «Prima la bonifica dei provvedimenti e solo dopo accesso aperto anche ai giornalisti»
di Donatella Stasio
A colloquio con il Ministro della giustizia, contrario a recepire la proposta Pignatone-Cantone-Malavenda contro il “mercato nero” della notizia prima che tra i magistrati si sia radicata una cultura di «adeguatezza della motivazione» dei provvedimenti. Sulle intercettazioni non verrà nominata una Commissione ministeriale
25 luglio 2017
Intercettazioni (e non solo): la sfida dell’accesso diretto dei giornalisti agli atti depositati non più segreti
Intercettazioni (e non solo): la sfida dell’accesso diretto dei giornalisti agli atti depositati non più segreti
di Donatella Stasio
Fin dal 2015 il procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone ha rilanciato la modifica legislativa, che ora il ministro Orlando può realizzare dando attuazione alla delega sugli ascolti. Ampia condivisione tra i magistrati
6 luglio 2017
Intercettazioni, quella delega che “sottrae” al Parlamento la competenza sui diritti fondamentali. La lezione di Rodotà
Intercettazioni, quella delega che “sottrae” al Parlamento la competenza sui diritti fondamentali. La lezione di Rodotà
di Donatella Stasio
Sottrarre alla trasparenza del procedimento parlamentare la disciplina sulle intercettazioni (che tocca diritti fondamentali come privacy e libertà di informazione) e «consegnare la delega a una Commissione ministeriale, sia pure di luminari, che lavorano nell’oscurità, senza che si sappia, giorno per giorno, che cosa stanno dicendo, crea un vulnus perché si mettono le mani sulla prima parte della Costituzione dicendo invece che la prima parte è intangibile»
30 giugno 2017
Intercettazioni, <b><i>privacy</i></b> e il valore del «fattore umano»
Intercettazioni, privacy e il valore del «fattore umano»
di Donatella Stasio
Il caso Consip-Scafarto ha scoperchiato la fragilità del sistema rispetto a possibili «errori» che le nuove tecnologie (Trojan) possono moltiplicare. La capacità del sistema di gestire in modo efficace le intercettazioni è uno snodo essenziale per garantire il diritto alla privacy cui è finalizzata la riforma. Che quindi non può muoversi solo in una logica di risparmi, divieti e prescrizioni ma deve assicurare professio-nalità adeguate. La tutela dei diritti fondamentali non è a costo zero
27 aprile 2017
Le intercettazioni delle conversazioni dei difensori
Le intercettazioni delle conversazioni dei difensori
Le linee guida del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli
10 aprile 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Assunzione di lavoratori disabili e limiti del contratto a termine
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
di Antonio Scalera
La recensione al volume A che cosa serve il diritto di Vincenzo Di Cataldo (Il Mulino, 2017)
13 gennaio 2018
Mafie di mezzo
Mafie di mezzo
di Costantino Visconti
Il metodo che il sociologo Vittorio Martone impiega nel volume Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio (Donzelli, 2017) è figlio di un serio lavoro collettivo. Opere come queste possono fungere da grandangolo, aiutando il giurista a valutare la questione criminale in un contesto più ampio e problematico, senza l’assillo di strozzare l’interpretazione dei fatti nell’ottica della loro qualificazione giuridica.
9 dicembre 2017
Vite di mafia. In movimento*
Vite di mafia. In movimento*
di Marcello Ravveduto
Nel suo Vita di mafia (Einaudi, 2017), Federico Varese compie un’analisi policentrica e multidimensionale su Cosa Nostra, mafia russa, Triadi e Yakuza. Una comparazione affascinante in cui l’uso dell’io narrativo non è quello del romanzo ma quello del ricercatore che conduce la sua analisi compenetrandosi in fatti e persone
2 dicembre 2017
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
di Franco Ippolito
Stefano Rodotà è stato per tutta la vita attento osservatore e lucido analista della giurisdizione, della magistratura e dell’associazionismo giudiziario. Al suo rapporto privilegiato con Magistratura democratica ha dedicato uno spazio di attenzione l’intenso convegno La vita prima delle regole. Idee ed esperienze di Stefano Rodotà, organizzato dall’editore Giuseppe Laterza a Montecitorio il 27 novembre 2017.
30 novembre 2017
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017