home search menu
<i>La casa sul mare</i>, un film di Robert Guédiguian
Magistratura e società
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
consigliere della Corte di appello di Bari
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
<i>La casa sul mare</i>, un film di Robert Guédiguian
Il film è stato presentato in concorso al Festival di Venezia 2017

La Côte d’Azur di inverno, con i raggi del sole obliqui e senza l’azzurro intenso del cielo. Il volto del padre che porta i segni di un profondo dolore, mai superato, mai condiviso ed elaborato con sua figlia. La scenica terrazza della villa (“come una spilla di una donna”) sul porticciolo della calanque di Méjean, poche barche, l’acqua inquieta del mare: fa freddo, però. Joseph e Angèle, i due fratelli tornati al padre da altrove, hanno lunghi cappotti in cui si stringono e Armand, il fratello che è rimasto alla villa, ha un pullover pesante. Questo l’inizio de La casa sul mare (La villa, il titolo originale), il film di Robert Guédiguian all’ultimo festival del cinema di Venezia.

Ciascuno dei tre fratelli ha una storia di delusione, di perdita, di dolore profondo, di legami e di fratture, tra loro, con questo padre e con questo luogo. Ciascuno dei tre fratelli è cresciuto con speranze e utopie poi divenute disillusioni.

Joseph ha “il cuore che sanguina ancora”, perché, nonostante i principi del padre, non è mai riuscito ad elaborare il passaggio dalla classe sociale da cui proveniva al mondo intellettuale in cui è transitato. Entrato in fabbrica per solidarietà con gli operai, dopo aver scelto di abbandonare gli studi, ha imparato che “gli operai veri non scelgono di essere lì”.

Angèle è divenuta un’attrice teatrale di successo, ma ha il cuore congelato, perché ha perso sua figlia proprio in un incidente in quella casa sul mare, la figlia affidata a suo padre. Dopo l’incidente, anche il suo compagno è andato via e così, Angèle non è tornata alla casa sul mare per oltre vent’anni, perché non voleva “il lutto dei miei desideri, dei miei sogni, delle mie gioie, delle mie pene, né dei miei paesaggi”.

Armand è rimasto alla villa, continua a cucinare le ricette di famiglia nel ristorante da cui non vuole guadagnare e tiene i “prezzi bassi perché tutti possano andarci”.

In questa luttuosa nostalgia, il sopraggiunto stato catatonico del padre (“potrebbe durare per anni”) sembrerebbe fissare il dolore e la frattura ed escludere la possibilità di passaggio, di vita.

Anche gli anziani vicini, Martin e Suzanne non possono più uscire dalla fissità del loro passato, del loro forte affiatamento e non riescono neppure ad accettare che il loro figlio sia cresciuto e possa ora occuparsi di loro. Piuttosto, è meglio fermare la vita.

Eppure, qualcosa può succedere e succede, quando si ritrova “il centro del mondo”.

Benjamin, il giovane pescatore che non è mai andato via da questo luogo “immobile”, continua ad uscire in barca, al mattino presto e porta indietro la sua pesca. Conosce a memoria Paul Claudel e può recitarlo insieme ad Angèle che egli ama “immemorialmente” da quando è andato a vederla in città, a Marsiglia, dove un teatro c’è.

Berangère, la giovanissima compagna di Joseph, che sa di non poter amare soltanto “per pietà”, può continuare a lavorare anche nella piccola calanque, collegandosi con il suo pc e andare a correre oltre le curve della strada tortuosa e impervia.

Poi, qualcuno arriva da oltre il mare. Qualcuno estraneo, ma che ha imparato che occorre occuparsi l’uno dell’altro per (soprav)vivere.

Con delicatezza e asciuttezza, allora, la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita, mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna, perché la vita non può fermarsi: perfino, “dove sei sepolto”, anche lontano dalla terra in cui sei nato, comunque “metti radici”, per far rinascere qualcosa.

Una storia di straordinaria bellezza e consapevolezza, in cui è nell’apertura all’altro la possibilità di rinnovare il presente e di ricucirlo continuamente con il passato, perché, utilizzando parole altrui, vivre c'est trahir continûment son passé e perché la vita non torna indietro e non si ferma a ieri.

Questa apertura all’altro comincia dagli affetti e dalle relazioni vicine, dal “centro del mondo”, ma poi si realizza e porta appieno il suo frutto proprio grazie a chi proviene da oltre il mare, ha perduto tutto, ha una storia sconosciuta e non parla neppure una lingua comune: un messaggio pronunciato piano, senza retorica.

26 maggio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
Quando Machiavelli cantò il Magnificat ai magistrati*
di Tommaso Greco
Il diritto e la giustizia affondano le loro radici nella sofferenza degli ultimi e nella possibilità di un loro riscatto. Ce lo ricorda, forse inaspettatamente, Niccolò Machiavelli in un suo discorso pressoché dimenticato, nel quale egli, rivolgendosi ai magistrati, riprende spunti classici e religiosi
3 luglio 2018
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
di Carlo Sorgi
Il volume curato da Marco Omizzolo rappresenta uno dei primi tentativi seri di sistematizzare l’esperienza di un venticinquennio di accoglienza dei migranti in Italia, evidenziando l’esigenza di trasformare la migrazione da fenomeno emergenziale a progetto per la crescita e lo sviluppo economico e culturale del Paese
30 giugno 2018
La richiedente
La richiedente
Smain Laacher è un componente laico (assesseur) della Cnda (Cour national du droit d’asile) francese, che ha raccolto in un saggio (Croire à l’incroyable, Gallimard, 2018) le sue riflessioni a partire dall'esperienza pluriennale nella Corte che giudica sui ricorsi dei richiedenti asilo
20 giugno 2018
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018