home search menu
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
Magistratura e società
La Corte, un film di Christian Vincent
di Bruno Capponi
ordinario di diritto processuale civile, Università Luiss Guido Carli

Un severo presidente di corte d’assise è vittima di un grave incidente che lo ospedalizza per varie settimane. Viene curato da un’affascinante dottoressa che ha l’abitudine di stabilire un contatto umano (e fisico, sia pur casto) coi suoi pazienti. Dimesso, per poterla rivedere organizza una cena coinvolgendo goffamente il direttore del reparto, un riccastro noioso; ma quando si fa timidamente avanti riceve un garbato rifiuto.

Qualche anno dopo, la rivede in corte d’assise in veste di giurata popolare nel controverso caso di omicidio d’una neonata, consumato in ambito familiare. La dottoressa è l’unica dei giurati a intuire, contro le apparenze, la verità. Anche il presidente finisce per intuire la verità, e in un breve discorso fa quello che un presidente di corte d’assise non dovrebbe mai fare, ossia orienta il giudizio popolare proprio il giorno prima della camera di consiglio: spiegando che il fine della giustizia non è l’accertamento della verità, ma la riaffermazione della volontà della legge; che a seguito di un’eventuale assoluzione l’imputato verrebbe nuovamente giudicato su appello del procuratore. Passeranno due-tre anni (la giustizia francese è più veloce della nostra) e forse la verità verrà a galla da sola.

I giurati recepiscono il messaggio e l’imputato viene assolto.

Il presidente s’era innamorato della dottoressa per come lei svolgeva il proprio lavoro, per come gli prendeva la mano mentre era disteso sul letto d’ospedale. La relazione tra paziente e medico non è evidentemente quella tra imputato e giudice.

Per una ragione insondabile, la presenza di lei tra i giurati cambia l’atteggiamento del presidente, che tra la sorpresa generale si rivela innocentista. In genere smonta la difesa, qui smonterà l’accusa.

L’innocente che viene liberato, senza la dottoressa sarebbe certamente stato condannato proprio perché gli elementi che si dibattono nel processo non consentono di stabilire la verità: è tutto soltanto un problema di apparenze, di versioni e soprattutto di sentimenti. Una verità obiettiva non c’è mai, esiste soltanto la combinazione soggettiva degli incerti dati somministrati dal dibattimento.

Il presidente viene premiato e ottiene quel che vuole; non la verità (il destino dell’imputato gli è del tutto indifferente, come non ha difficoltà a riconoscere commentando di sfuggita il caso con la segretaria d’udienza) bensì l’attenzione della dottoressa, sotto i cui occhi complici inizia un altro dibattimento. Del quale, l’unica cosa che davvero gli interessa è che lei resti lì a guardarlo («ho bisogno di sentire i tuoi occhi su di me»).

Perché la dottoressa, che anni prima lo aveva respinto, ora sembra accettare l’impacciata e quasi disperata proposta amorosa? Non c’è alcun dubbio: per come il presidente ha saputo svolgere il suo lavoro e per come ha mostrato di saper cambiare l’atteggiamento che lo rendeva tristemente noto come “il presidente a due cifre” (gli anni che era solito comminare).

Sulla base di questa trama, difficile pensare che La Corte (titolo originale: L’ermellino) sia un film sulla giustizia; a sessant’anni, il presidente ha capito che la giustizia non esiste perché non può esistere senza verità. Esiste semmai la sanzione, ossia la riaffermazione della volontà violenta della legge: e questa impone che gli esponenti delle classi non privilegiate vadano puniti. Essi non hanno voce, neppure nei verbali di interrogatorio che sempre vengono tradotti nel linguaggio delle classi privilegiate (“tradurre è tradire”, contesta la difesa, peraltro piuttosto assente).

Non è neppure un film sull’amore, almeno nel significato tradizionale. Difficile classificare amore il sentimento represso e frustrato di lui, ancor più difficile leggere negli sguardi distaccati di lei.

Ma qualcosa in fin dei conti accade, tutto restando nel dominio del Caso: quello che li ha fatti rincontrare, quello che ha consentito all’imputato di venir assolto, quello che fa emozionare il presidente per un complice sorriso di lei. Ma cosa riservi loro il Caso, il film non lo lascia neppure intuire.

23 settembre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Io, Daniel Blake
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016
19 novembre 2016
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
di Andrea Meccia
Per adesso, il lavoro di Faenza sulla vicenda di Emanuela Orlandi, desaparecida a Roma un pomeriggio d’estate del 1983, è “soltanto” un dignitoso film, cinematograficamente non entusiasmante, ma onesto, prezioso e carico di passione
15 ottobre 2016
Indivisibili
Indivisibili
di Donatella Salari
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
9 ottobre 2016
Assalto al cielo (fallito)
Assalto al cielo (fallito)
di Andrea Meccia
Nel documentario presentato all'ultimo Festival di Venezia, Francesco Munzi tenta un'operazione rischiosa e interessante: realizzare un film lavorando soltanto su materiale di archivio. L'opera che viene fuori però risulta piatta e poco convincente, senza che emerga mai il punto di vista di chi l'ha realizzata
25 settembre 2016
Un Fiore nel carcere minorile
Un Fiore nel carcere minorile
di Ennio Tomaselli
Riflessioni sul recente film di Claudio Giovannesi e non solo
24 luglio 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Loris Bertocco. Suicidio assistito o condanna a morire?
Ricostruire la giustizia penale nel dopoguerra. I nuovi valori costituzionali e l’indipendenza del giudice
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
di Paola Perrone
La recensione a Zavorre, il testo dello storico Götz Aly (Einaudi, 2017) che ricostruisce la terribile vicenda dello sterminio pianificato di circa 200.000 disabili tedeschi durante il nazismo: ma questo libro non è solo orrore, è soprattutto rispetto per le vittime, e culto della memoria come mezzo per fare i conti con la propria storia
30 settembre 2017
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
di Claudio Castelli
Per molti uffici l’immissione di nuovo personale all’esito di questo concorso, entro la fine dell’anno, è l’ultima chiamata per la sopravvivenza del servizio giustizia
27 settembre 2017
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
di Enrico Scoditti
Si deve a Stefano Rodotà la riscrittura del diritto civile alla luce delle clausole generali e, con gli altri giovani civilisti degli anni Sessanta del secolo scorso, il rinnovamento del sapere giuridico. Il modello di giurista come scienziato sociale, che quel rinnovamento propose, era parte della scoperta della politicità del diritto. Rodotà esaltò più di tutti il ruolo attivo del giudice nell’esperienza giuridica. Oggi che la dimensione giurisdizionale del diritto è ormai un dato acquisito la stella polare non è più puramente e semplicemente il linguaggio della politica dei diritti ma il bilanciamento quale funzione di giustizia.
20 settembre 2017
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017