home search menu
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
Leggi e istituzioni
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
di Raffaello Magi
consigliere della Corte di cassazione
Una riflessione sulle proposte “riduzionistiche” del ricorso alla suprema Corte in materia penale

1. La Corte suprema italiana vive da anni sotto l’assedio dell’eccesso di domanda.

Limitando l’osservazione al settore penale, è ormai dal 2010 che il numero dei ricorsi iscritti per anno supera le cinquantamila unità.

I tempi medi di risposta sono attualmente contenuti in circa nove mesi, il che lascia intendere il sottostante sacrificio personale degli addetti.

La lettura del dato andrebbe peraltro disaggregata, nel senso che il giudizio di legittimità non riguarda esclusivamente le decisioni sul fatto e sulla responsabilità (quelle emesse in sede di cognizione piena) ma si estende a provvedimenti cautelari (personali e reali), ai provvedimenti emessi in sede esecutiva incidenti su diritti del condannato (dagli incidenti di esecuzione in senso stretto alle decisioni della magistratura di sorveglianza), alle decisioni in tema di misure di prevenzione personale e patrimoniale, a quelle che precludono l’accesso alla rivedibilità della condanna (revisione), ai conflitti di competenza.

Su ognuno di tali settori, peraltro, incide ormai in misura sempre maggiore l’apertura del sistema giuridico all’esterno del perimetro nazionale, con frizioni o ricadute visibili di decisioni emesse dalle corti sovranazionali, sì da porre in crisi la illusoria visione piramidale del diritto di cui l’istituzione de qua è plastica espressione.

L’enorme afflusso di dati e di richieste è di per sé fonte di disagio operativo, correlato alle ambiguità di fondo che circondano il giudizio di legittimità, da sempre in bilico tra la natura formale della nomofilachia intesa come ripudio delle questioni di fatto e la natura giurisdizionale di momento di verifica, nei limiti posti dai motivi, della giustizia della decisione.

È un tema di cruciale importanza per gli assetti democratici del Paese, atteso che il diritto penale resta strumento di controllo dei comportamenti e di ricostruzione di condotte punibili solo nella misura in cui il fatto commesso sia conforme al tipo e realmente accertato al di là di ogni ragionevole dubbio.

Per tale ragione occorre ulteriormente riflettere sulle tentazioni riduzioniste dell’accesso alla Corte, sostenute da esigenze obiettive di un recupero di funzionalità che non sia portatore di inaccettabili semplificazioni, ed al contempo sul ruolo da assegnare, in prospettiva, alla Corte di legittimità.

Si tratta di un dibattito antico e difficile, su cui inevitabilmente incide l’opzione politica di fondo di cui persone e gruppi sono portatori.

2. Nell’attuale quadro normativo e organizzativo, le prime risposte alle esigenze di contenimento della domanda (ed alla gestione dell’abnorme carico), dandosi per scontata la impossibilità di accrescimento numerico degli attuali organici, sono passate attraverso l’adozione di modelli sempre più semplificati di trattazione [1] e di articolazione delle decisioni semplici [2], nonché attraverso l’abolizione della facoltà di proporre ricorso personale [3].

Si tratta di strumenti certamente utili sul piano operativo tesi al contemperamento degli interessi in gioco (si sacrifica il contraddittorio in una fase in cui è legittima la sua riduzione di incidenza, specie ove assistita da una prognosi ragionata di infondatezza macroevidente del ricorso) pur con qualche possibile cedimento sul piano dei valori di fondo (la valorizzazione del precedente, in caso di motivazione semplificata, è figlia di una logica di “parificazione dei casi” il cui governo è ampiamente discrezionale, così come il sacrificio del ricorso personale rischia di determinare sgradevoli differenziazioni censuarie).

Ciò che tuttavia resta un cantiere aperto è quello della modifica delle “chiavi di accesso” al giudizio di legittimità, in particolare, per quanto riguarda la tipizzazione dei motivi di ricorso (art. 606 cpp), più di una voce [4] si è levata circa la necessità di eliminazione del vizio di motivazione da tale quadro, specie in ipotesi di giudizio di secondo grado confermativo, sul punto, della prima decisione [5].

3. Tale direzione non va di certo ritenuta eversiva. Tutte le disposizioni legislative riflettono equilibri politico–istituzionali correlati alle consapevolezze del momento in cui vengono in essere e non vi è punto dell’ordinamento giuridico non modificabile, ferma restando la ovvia necessità di correlazione con il sistema complessivo delle fonti.

Tuttavia, è il caso di esprimere una voce contraria a tale proposta, che ci sembra riflettere una visione “economico–aziendalista” più che “sistematico–valoriale” del giudizio di legittimità.

3.1 Un primo punto è quello della – sottesa alla proposta – idea della riduzione del valore della nomofilachia alle questioni che riguardano il diritto penale sostanziale (o le norme integratrici del precetto) e non anche quello processuale e, in particolare, probatorio.

Schematizzando al massimo il ragionamento, vi è da chiedersi quale sia il connotato attuale della nomofilachia.

Sul piano formale, dal testo dell’art. 65 della legge di ordinamento giudiziario, al di là dell’ormai datato riferimento al diritto oggettivo nazionale, comprensibile solo in chiave storica, non si trae alcuno spunto per siffatta limitazione, posto che il riferimento alla “legge” non è, ovviamente, ulteriormente connotato (...l’esatta osservanza e l’uniforme interpretazione della legge). Lì dove la legge si direziona verso le forme e le modalità dell’accertamento (e non solo verso le forme sequenziali del rito) e, soprattutto, introduce – come nel codice del 1988 e nelle successive norme novellatrici – precisi canoni di valutazione e regole di giudizio, anche la distanza tra quanto realizzato e quanto previsto in siffatto settore è violazione di legge.

Stesso discorso vale per il contenuto della previsione costituzionale di cui all’articolo 111 comma 7, ove si compie riferimento al ricorso per Cassazione per violazione di legge.

Non pare possibile attribuire alcun contenuto limitatrice a tale previsione, nella misura in cui anche il procedimento di formazione e valutazione della prova è regolamentato dalla legge, salvo intendersi sulle modalità e sull’oggetto del controllo.

Sul piano della valenza semantica, la nomofilachia è “protezione della regola”, dunque è opzione tutta politica quella che porta alla selezione preliminare delle regole da proteggere.

3.2 Ed allora viene da chiedersi quale sia il fondamento di proposizioni che si richiamano al valore della nomofilachia al fine di escludere il controllo “funzionale” sulla motivazione dei provvedimenti in sede di legittimità. Ci sembra di poter dire che riflettono una visione del fenomeno che pone al centro dell’interesse la verifica delle opzioni interpretative di diritto sostanziale, marginalizzando il processo, considerato esclusivamente, a fini di controllo, come sequenza di atti (con possibile rilievo della nullità o di altre sanzioni processuali correlate a violazioni del contraddittorio partecipativo) e non come luogo di problematicità ricostruttiva del fatto introdotto dall’accusa.

Lì dove, in particolare, il sistema processuale ha già offerto uno strumento di rivisitazione della decisione (il giudizio di secondo grado) tornare sull’esito dell’accertamento pare essere – in tale chiave – uno spreco delle già limitate risorse umane e organizzative (su ciò si fondano, in particolare, le proposte tese ad eliminare il controllo di legittimità in ipotesi di doppia conforme).

L’opzione è tutta “politica” e gli argomenti per lo più utilizzati in tale direzione non sono, secondo chi scrive, del tutto convincenti.

3.3 L’errore sulla interpretazione della norma giuridica, si dice, è sempre possibile, ma va limitato alla norma regolatrice di diritto sostanziale o a quella che influisce sulla meccanica del procedimento (presidiata da sanzione). Quanto alla motivazione ci si accontenta della sua esistenza, specie in presenza di una “doppia conforme”.

Ma, come si è detto, anche il percorso di attribuzione del valore ad un dato probatorio è fenomeno giuridico oltre che logico, specie in un contesto che eleva a regola normativa canoni esperenziali (si pensi al comma 2 e 3 dell’art. 192) e che valorizza l’aspetto funzionale della motivazione come costrutto espressivo capace di segnalare in modo persuasivo l’assenza di dubbi sulle soluzioni cui si è approdati (art. 533).

Ed allora, ci si chiede, perché il doppio errore sulla interpretazione della regola sostanziale sarebbe sindacabile e quello sulla interpretazione della regola dimostrativa non potrebbe esserlo? quale il fondamento giuridico di simile distinzione?

Affrontare temi ricostruttivi in sede di legittimità è operazione complessa, non vi è dubbio.

C’è il rischio obiettivo di trasformare un momento di controllo funzionale in un momento di ridiscussione del valore attribuito in sede di merito al singolo elemento, sconfinando in un territorio precluso dalla stessa ragion d’essere del giudizio di legittimità.

Ciò chiama in causa il livello di professionalità di chi è chiamato ad operare siffatta tipologia di giudizio, e la responsabilità dell’intera struttura organizzativa, anche in punto di formazione e di selezione della componente umana chiamata ad esercitare il compito.

Ma, quantomeno sul piano della effettiva tutela dei diritti dell’accusato (in quella chiave garantistica che ci sembra molto costoso abbandonare), non sembra esserci ragione per una amputazione così drastica della attuale fisionomia del giudizio di legittimità, ove si rispettino i canoni ben espressi in autorevoli interventi sul tema, secondo cui  quello che si esercita in sede di legittimità è un giudizio sul giudizio nell’ambito del quale non si attribuisce in via primaria il “peso dimostrativo” al singolo elemento di prova (attività che è di competenza esclusiva del giudice di merito) ma si verifica la complessiva congruità logica e finalistica dell’apparato motivazionale, nel senso che si può cogliere – sulla base dei motivi addotti – l’eventuale inconsistenza della induzione probatoria – quale risulta dalla carenza o incongruenza della motivazione – e pertanto sindacare il rispetto o meno dei criteri dell’induzione, ossia le condizioni epistemologiche in assenza delle quali un determinato “insieme” di dati probatori non può considerarsi, nel caso specifico, prova adeguata a sostenere l’esito del giudizio [6].

Ciò, del resto, risponde agli approdi più avvertiti della stessa corte di legittimità, sovente affannata nel delicato compito di autoregolamentare i limiti del suo intervento [7].

3.4 I valori della presunzione di innocenza e del giusto processo [8] per come recepiti nelle fonti sovranazionali – con tutto ciò che ne deriva in rapporto ai vincoli di cui all’art. 117, comma 1 Cost. – appaiono oggi presidiati, in concreto, anche dal controllo di legittimità sulla resistenza logico-giuridica dell’apparato argomentativo della decisione di condanna, aspetto che non ci sembra di secondaria importanza in un quadro di certo problematico e che necessita di riforme, anche coraggiose sul piano organizzativo [9] e normativo. Va ritenuta necessaria, restando sul tema, una riscrittura dei contenuti della disposizione dell’art. 606, comma 1, lett. e) del codice di rito, frutto di adattamenti e modifiche che non rendono del tutto chiara la possibile direzione del controllo. In estrema sintesi, ed in chiave propositiva, andrebbe meglio evidenziata la proiezione funzionale del controllo di legittimità, non solo e non tanto sui singoli passaggi argomentativi espressi in sede di merito ma sulla complessiva tenuta dell’apparato giustificativo della decisione in riferimento alle regole di giudizio tipiche di ogni fase procedimentale. Ma ciò è ben diverso da una sostanziale abolizione del momento di verifica.



[1] L’attuale previsione dell’art. 610 comma 5 bis cpp, introdotta dalla recente legge n. 103 del 23 giugno 2017, consente la decisione de plano in numerose ipotesi ricollegabili all’avvenuto vaglio preliminare di inammissibilità, nonché in riferimento ai ricorsi proposti avverso decisioni emesse ai sensi dell’art. 444 o 599–bis cpp.

[2] La cd. motivazione semplificata è promossa da un decreto presidenziale del 28 aprile 2016.

[3] Anche in tal caso si tratta di intervento realizzato con legge n. 103 del 23 giugno 2017, con le modifiche apportate al testo dell’art. 571 ed a quello dell’art. 613 cpp.

[4] Cfr. C. Brusco, La Corte di cassazione e il sistema delle impugnazioni penali: prospettive di riforma, in Questione Giustizia Trimestrale, n. 3/2017, ove si ipotizza un articolato intervento in tale direzione. Il punto è stato oggetto di discussione anche nell’ambito della Assemblea Generale della Corte del 25 giugno 2015 ma non si è tradotto in proposta operativa (si veda il punto n.8 del documento finale).

[5] Il legislatore ha realizzato una prima timida – ma significativa – apertura in tale direzione, lì dove, sempre con la riforma del 2017, ha escluso (art. 608, comma 1 bis cpp) la possibilità per il pubblico ministero di ricorrere per cassazione per vizio di motivazione (e per mancata assunzione di prova decisiva) in ipotesi di doppia conforme di proscioglimento.

[6] Così L. Ferrajoli, I valori del doppio grado e della nomofilachia (ne Il giudizio di cassazione nel sistema delle impugnazioni, supplemento al n.1 /1992 di Democrazia e diritto), ove si afferma, tra l’altro, a sostegno della permanente inclusione del controllo logico del ragionamento probatorio in sede di legittimità che «nella cultura formalistica propria del nostro ceto giudiziario, l’eventuale mancanza di una sede normativamente deputata al controllo logico del ragionamento probatorio finirebbe per rafforzare la concezione già ampiamente diffusa del carattere insindacabile del libero convincimento». In analoga direzione F. Cordero, che evidenzia come il controllo sulla motivazione inadeguata risponde al sistema «implicano troppi rischi giudizi d’appello sovrani sulla quaestio facti, come lo sarebbe il verdetto di una giuria» (Procedura, 2012, p. 1147).

[7] Almeno a partire da Sez. unite n. 11 del 2000, ric. Audino.

[8] Non appare inutile evidenziare, sul tema, come la stessa Corte Europea dei diritti dell’uomo nell’interpretare la previsione convenzionale sul giusto processo (art. 6 Conv. Eur.) abbia più volte ribadito l’esistenza di spazi di verifica – a fini di rispetto della previsione convenzionale della effettività della risposta ai temi dimostrativi introdotti dalla difesa (da ultimo nella decisione di irricevibilità del ricorso Mazzarella contro Italia, Sez. I del 26 settembre 2017: «incombe alle giurisdizioni interne di rispondere ai mezzi di difesa essenziali, sapendo che l’estensione di questo dovere può variare secondo la natura della decisione e che deve dunque essere valutato alla luce delle circostanze del caso di specie» (Hiro Balani c. Spagna, 9 dicembre 1994, serie A n.303–B, § 27, e Menet c. Francia, n. 39553/02, § 35, 14 giugno 2005).32. In definitiva, la Corte si deve assicurare che la procedura nel suo insieme, «compreso il modo in cui sono state trattate le prove», ha rivestito un carattere equo ai sensi dell’articolo 6 § 1 della Convenzione...); al contempo, l’art. 48 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea nel recepire, al comma 1, il principio della presunzione di innocenza («ogni imputato è considerato innocente fino a quando la sia colpevolezza non sia stata legalmente provata») pone ulteriori condizioni in tema di legalità processuale e probatoria con innegabile valorizzazione del principio del ragionevole dubbio inteso come limite alla affermazione di responsabilità, il che renderebbe irragionevole, a parere di chi scrive, una restrizione del controllo di legittimità sul fenomeno “processo” limitato alla verifica della corretta interpretazione del diritto sostanziale con amputazione delle possibili doglianze in punto di legalità probatoria.

[9] Limitandosi al giudizio di legittimità appare di certo utile una rimodulazione della collegialità – con adozione di forme più agili rispetto all’attuale fissità dei cinque componenti – in rapporto alla tipologia ed all’oggetto dei ricorsi, sì da ottenere un recupero di risorse. In via generale ciò che va complessivamente ripensato è il giudizio di secondo grado, specie lì dove la definizione della regiudicanda in primo grado sia avvenuta con l’adozione del rito abbreviato.  

17 gennaio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Capovolgere la giustizia?
Capovolgere la giustizia?
di Francesco Cascini
La Costituzione, l’ordinamento penitenziario, le regole penitenziarie europee, perfino le condanne della Cedu non hanno scalfito le fondamenta di una concezione retributiva della giustizia penale erette sul codice Rocco. Nel corso degli anni nel sistema si è strutturato un paradosso per cui convivono un eccesso di carcere ed un eccesso di impunità. Per eliminare questi eccessi va dato corpo allo scopo del diritto penale aprendo a soluzioni sanzionatorie alternative finalizzate alla riparazione del danno prodotto dal reato ed al reinserimento. Solo rendendo efficaci e veloci questi strumenti si potrà fare strada una diversa cultura della repressione penale e del carcere.
23 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
La qualità delle indagini e della loro resa dibattimentale, insieme alla ritenuta credibilità delle dichiarazioni delle persone offese, ha confermato, secondo i giudici dell’assise, un contesto di privazione della libertà dei migranti e di violenze di ogni tipo che scolpisce una realtà che per la sorte dei diritti umani è fondamentale non ignorare.
3 aprile 2018
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
di Ennio Tomaselli
Partendo da casi di cronaca, si approfondiscono problematiche sulla valutazione giurisprudenziale dell’imputabilità ex art. 98 cp, anche alla luce di dati statistici recenti. Si discute, in particolare, della correttezza formale e dell’opportunità, rispetto anche ad esigenze di chiarezza e credibilità dell’agire istituzionale, di pronunce dichiarative di non imputabilità in concreto non precedute da una valutazione collegiale e specializzata. Si segnala anche recente giurisprudenza di legittimità relativa agli infraquattordicenni, non imputabili ex lege, e si conclude sottolineando l’importanza che la giurisprudenza in questa materia, cruciale sul piano concettuale e sistematico, sia sempre più coerente con l’esigenza di una giustizia comunque a misura delle persone di minore età.
27 marzo 2018
Parole che smuovono le pietre
Parole che smuovono le pietre
di Caterina Bubba
A tre anni dalla sua uscita, Fine pena: ora di Elvio Fassone − il libro che racconta il carteggio ultredecennale tra un ergastolano e il suo giudice − è diventato uno spettacolo teatrale. Le sue pagine continuano ad agitare le nostre coscienze, emozionandoci e ponendo questo quesito: «Come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato»? Un interrogativo che coinvolge il nostro Paese in un momento storico in cui la riforma penitenziaria è stata finalmente approvata dal Consiglio dei ministri il 16 marzo 2018, anche se il suo iter non si è ancora concluso.
17 marzo 2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
di Chiara Favilli
La Cassazione eleva l’integrazione sociale a motivo rilevante per la determinazione della vulnerabilità individuale e di riconoscimento della protezione umanitaria. Motivo autonomo, ma non indipendente dalla condizione di origine del richiedente, che implica l’accertamento del fatto che egli nel suo Paese corra il rischio di veder sacrificati i propri diritti fondamentali anche per ragioni diverse da quelle per cui opera la protezione internazionale con lo status di rifugiato e con la protezione sussidiaria. Ma al giudice del merito spetta il compito di verificare se tale rischio di pregiudizio sia attuale. E tale gravosa funzione si può e si deve giovare dell’obbligo di cooperazione istruttoria e del beneficio del dubbio.
14 marzo 2018
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
di Roberto Le Pera
Nota a margine del decreto emesso, ai sensi dell’articolo 11 del d.lgs 159/2001, dal Tribunale di Cosenza, sezione Misure di prevenzione, n. 618/17 RPCC, depositato il 15 febbraio 2018. Prime applicazioni di merito dei principi enunciati dalla suprema Corte a Sezioni unite con la pronuncia n. 111/2018: «A fronte di misure di prevenzione richieste o applicate nei confronti di indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso è necessario accertare il requisito dell’attualità della pericolosità del soggetto per l’applicazione o il mantenimento della misura, senza che sia possibile una presunzione di pericolosità legata alla passata partecipazione ad un gruppo associativo suscettibile di essere vinta solo in caso di dimostrazione di un formale recesso dal gruppo medesimo»
13 marzo 2018
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
di Diletta Tega
Di fronte al problema di doppia pregiudizialità rappresentato dalla violazione tanto della Costituzione (e di fonti internazionali, come la Cedu, che operano attraverso la mediazione dell’art. 117, primo comma, Cost.), quanto della Cdfue, l’ordinanza in commento della Corte di cassazione, seguendo l’impostazione della sentenza costituzionale n. 269/17, solleva una articolata questione di legittimità costituzionale, nella quale operano come parametri (interposti) anche le norme della Cdfue, pure quando esse, secondo la Suprema corte, avrebbero efficacia diretta. È espressamente lasciata alla Corte costituzionale la valutazione se rivolgersi con un rinvio pregiudiziale di interpretazione alla Corte di giustizia: alle prese con dubbi di compatibilità della normativa italiana con la Cdfue, la Cassazione avrebbe voluto – e dovuto, in base all’art. 267 Tfue – far rinvio pregiudiziale alla Corte di Lussemburgo; ma consapevole di quanto affermato dalla Corte costituzionale, ha deciso di rivolgersi, in prima battuta, a Palazzo della Consulta.
12 marzo 2018
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
di Davide Galliani
Una pena che distrugge e annienta una persona non è pensabile. E ciò che non è pensabile non è nemmeno giuridico. A questo serve la clemenza: a togliere di mezzo dal mondo del diritto l’inimmaginabile, il non pensabile, che ancora accade nei nostri penitenziari.
8 marzo 2018
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Leggi e istituzioni
Principio di effettività e diritto del lavoro
Principio di effettività e diritto del lavoro
di Giovanni Armone
Il principio di effettività, elaborato dalla Corte di giustizia per assicurare piena attuazione agli strumenti normativi dell’Ue privi di efficacia diretta, stenta a trovare applicazione nell’ambito del diritto del lavoro, nonostante una importante corrente di pensiero ne abbia da tempo sottolineato il radicamento nei valori costituzionali. Consapevole della crisi attraversata dal diritto del lavoro e dai suoi formanti, dottrinale e giurisprudenziale, il saggio tenta di verificare, attraverso tre esercizi applicativi su tematiche di attualità (contratti a termine, poteri officiosi del giudice e licenziamenti illeciti), se il principio di effettività possa far riacquistare al diritto del lavoro la sua tradizionale capacità di lettura della realtà sociale e di interpretazione dei cambiamenti. Il tentativo è condotto suggerendo che tale rivalutazione possa avvenire inducendo il diritto del lavoro a reimparare dal diritto civile un uso più rigoroso delle categorie e ponendole, opportunamente innervate dai principi del diritto dell’Ue, a servizio di quei valori personali che del diritto del lavoro costituiscono da sempre la cifra identificativa.
24 aprile 2018
Organizzazione giudiziaria e autonomia della giurisdizione: il ruolo del Consiglio superiore della magistratura ed il rapporto con il Ministero della giustizia
Organizzazione giudiziaria e autonomia della giurisdizione: il ruolo del Consiglio superiore della magistratura ed il rapporto con il Ministero della giustizia
di Antonello Ardituro
L'articolo è tratto dall’intervento tenuto al seminario “Le risorse per l’organizzazione e l’organizzazione delle risorse” organizzato dal coordinamento nazionale di AreaDG il 23 febbraio 2018 a Roma (Sala della biblioteca della Procura generale presso la Corte d’appello)
17 aprile 2018
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
di Gianfranco Amendola
Il contributo che pubblichiamo ragiona sulla recente decisione n. 58 del 2018, con cui la Consulta torna ad occuparsi del tema della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori negli stabilimenti dell’Ilva di Taranto. L’autore registra qualche non irrilevante mutamento di rotta nella giurisprudenza costituzionale rispetto alla precedente sentenza n. 85 del 2013 e rimarca con forza come il diritto alla salute non può soggiacere, se non a prezzo di qualche forzatura del dettato costituzionale, a bilanciamenti con altri interessi pur costituzionalmente rilevanti (essendo il diritto alla salute l’unico diritto che, non a caso, è definito fondamentale dalla nostra Costituzione).
10 aprile 2018
La salute, il lavoro, i giudici
La salute, il lavoro, i giudici
di Riccardo De Vito
Un breve commento alla sentenza (n. 58/2018) con la quale la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del cd. decreto Ilva. Vi si leggono parole chiare sul rapporto tra i diritti fondamentali della persona e iniziativa economica
24 marzo 2018
La Corte costituzionale, nel silenzio del legislatore delegato e nel contrasto tra i giudici di legittimità, apre a più ampi limiti alla sospensione dell’esecuzione della pena detentiva
La Corte costituzionale, nel silenzio del legislatore delegato e nel contrasto tra i giudici di legittimità, apre a più ampi limiti alla sospensione dell’esecuzione della pena detentiva
di Antonio Gialanella
Osservazioni in merito agli effetti sugli ordini di carcerazione emessi nei confronti di condannati a pena detentiva superiore a 3 anni e non superiore a 4 anni a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 41, depositata in data 2.3.2018, che ha dichiarato incostituzionale il quinto comma dell’articolo 656 del codice di procedura penale, «nella parte in cui si prevede che il pubblico ministero sospende l’esecuzione della pena detentiva, anche se costituente residuo di maggiore pena, non superiore a tre anni anziché a quattro anni»
19 marzo 2018
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
di Davide Galliani
Una pena che distrugge e annienta una persona non è pensabile. E ciò che non è pensabile non è nemmeno giuridico. A questo serve la clemenza: a togliere di mezzo dal mondo del diritto l’inimmaginabile, il non pensabile, che ancora accade nei nostri penitenziari.
8 marzo 2018