home search menu
di Donatella Stasio
Lo strano caso della prescrizione <i>prendere</i> o <i>lasciare</i>
Lo strano caso della prescrizione prendere o lasciare
Il paradosso: norme subito in vigore ma applicabili solo ai fatti commessi dopo l’entrata in vigore della riforma e quindi non misurabili, quanto a efficacia, prima di 5-10 anni. La necessità di dati trasparenti e di valutazioni di impatto

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

La nuova prescrizione entrerà in vigore subito (o meglio, 30 giorni dopo la pubblicazione della riforma penale in Gazzetta ufficiale), ma per “apprezzarne” gli effetti sulla repressione della corruzione bisognerà aspettare più o meno una decina d’anni.

Le modifiche appena varate dal Parlamento si applicheranno soltanto ai fatti commessi (non scoperti, ma commessi) dopo l’entrata in vigore della riforma penale in cui sono contenute. Quindi, non anche ai processi in corso: governo e maggioranza hanno escluso espressamente di anticiparne l’operatività, anche soltanto ai procedimenti non ancora giunti alla sentenza di primo grado, come pure era stato ipotizzato. Una scelta radicale, secondo i magistrati discutibile e foriera di incertezze interpretative, ma che comunque rimanda a un futuro medio-lungo la percezione degli effetti (positivi?) delle nuove norme.

È il paradosso di una riforma prendere o lasciare, che di più proprio non si poteva fare in un panorama politico frammentato a livello di governi, coalizioni e persino di partiti; digerita a fatica anche dai tanti che l’hanno votata; considerata un pannicello caldo dai magistrati; combattuta a suon di scioperi dagli avvocati penalisti convinti che allungherà i tempi del processo.

Meglio di niente, si son detti, però, in quel di Parigi, e probabilmente anche a Bruxelles e a Vienna (forse non a Strasburgo), ovvero là dove l’Italia è stata “processata” per anni a causa dell’inadeguatezza delle norme contro la corruzione, a cominciare da quelle sulla prescrizione. Lì il bicchiere lo vedono mezzo pieno e anzi hanno temuto che venisse svuotato del tutto da una coalizione politica che – con poche eccezioni – avrebbe volentieri fatto a meno di questa riforma, rinviandola a un “poi” politico sempre promesso ma mai arrivato.

Ovviamente, del paradosso della nuova prescrizione dovranno tener conto tutti gli organismi internazionali. Come l’Ocse, che dopo anni di sorveglianza speciale sull’Italia proprio per la mancanza di una modifica strutturale della prescrizione ha valutato positivamente la riforma penale. Approvata – e forse non è un caso – sia al Senato (15 marzo) sia alla Camera (14 giugno) il giorno prima che a Parigi si riaccendessero i riflettori sul nostro Paese, per anni destinatario di raccomandazioni per implementare l’armamentario preventivo e repressivo contro la corruzione.

Il varo definitivo della riforma ha spento quei riflettori fino al 2020. L’Italia sembra avere le carte in regola, almeno secondo l’Organizzazione parigina. Per i prossimi due anni e mezzo, quindi, il Governo – anche quello che uscirà dalle urne – non avrà il fiato dell’Ocse sul collo, sebbene non tutte le raccomandazioni siano state attuate, a cominciare da quella sull’aumento delle sanzioni pecuniarie per le persone giuridiche, su cui si concentrerà la prossima verifica.

Tuttavia, la concreta efficacia della riforma penale dipenderà dai tempi e dalle modalità con cui verrà attuata.

Del resto, è sempre l’attuazione di una legge a misurare la reale volontà di cambiamento di chi l’ha approvata. Perciò l’Ocse non abbassa mai del tutto la guardia. E perciò saranno indicativi i prossimi passi del Governo, visto che la riforma contiene ben 6 deleghe da esercitare, molto ampie e su temi sensibili, tecnicamente e politicamente, che vanno dalle intercettazioni alle impugnazioni passando per il carcere.

Tra le norme immediatamente operative c’è invece quelle sulla prescrizione, anche se da qui al 2020 (data della prossima verifica Ocse) è impossibile che le statistiche registrino gli effetti che dovrebbero derivarne. Ovviamente, al netto delle altre misure acceleratorie del processo contenute nella riforma, che secondo governo e maggioranza dovrebbero contribuire anche a scongiurare o limitare le prescrizioni. Norme che hanno suscitato polemiche – come quelle sulla cosiddetta “indagine breve” – ma che sono state mantenute proprio in virtù della loro funzione acceleratoria.

In teoria, quindi, i relativi effetti sul contrasto alla corruzione potrebbero percepirsi in tempi più rapidi rispetto a quelli delle norme sulla prescrizione, che si preannunciano quasi biblici. Altrimenti potrebbe essere un problema. Per esempio, visto da Strasburgo.

Nel frattempo, c’è da augurarsi che finisca il balletto dei numeri sulle prescrizioni – in funzione delle emergenze, vere o presunte, e delle contingenze politiche o giudiziarie – e che dati, statistiche e analisi restituiscano una fotografia reale dell’esistente per poter misurare l’impatto delle nuove norme. Si dice, ma non si fa.

L’ultima foto ufficiale sulle prescrizioni risale alle statistiche ministeriali inviate in Cassazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario 2017. E conviene fissarle.

Nel 2014 le prescrizioni sono state 132.859; 132.739 nel 2015. Nella relazione del Primo presidente, poi, si trova il dato 2016, pari a 139.488 prescrizioni. Che, però, diventano 145.637 nelle slide illustrate dal ministero a fine maggio, in occasione di un convegno sulla giustizia organizzato dal Movimento 5 Stelle.

Comunque sia, in quelle slide è anche documentato il trend negativo delle prescrizioni, in costante aumento dal 2012 in tutte le fasi del processo. Anche in Cassazione, sebbene i dati si limitino al periodo 2015-2016, nei quali i reati prescritti sono passati da 677 a 767 (è però rimasta invariata l’incidenza sui processi perché la Corte ha prodotto più sentenze).

Quanto al che cosa si prescrive di più al Palazzaccio, in testa ci sono “i reati contro il patrimonio diversi dai furti” (passati da 113 a 173) seguiti da quelli in materia di stupefacenti. Poi vengono i delitti contro la Pa (diminuiti da 86 a 67), senza però specificare quali, all’interno di questa categoria, si sono estinti più degli altri.

Interessante, al riguardo, un “documento riservato” della Direzione generale di statistica del ministero della Giustizia, risalente a un anno fa, sull’incidenza della prescrizione nei reati contro la Pa (pari al 12,5%, che sale al 13,2% per i reati societari: al di sopra della media generale del 9,5%). Tra i delitti prescritti nel periodo 2010-2014 non figura (non è neppure citata) l’induzione indebita, “figlia” dello spacchettamento della concussione introdotto con la legge 190/2012. Eppure, l’induzione è stato l’unico reato per il quale la pena fu clamorosamente ridotta, da 12 a 8 anni, con conseguente riduzione della prescrizione, da 15 a 10 anni (tant’è che solo ora è stata ricalibrata in aumento). Trattandosi di norma più favorevole, si applicava ovviamente ai processi in corso, in molti dei quali la concussione inizialmente contestata è stata riqualificata come induzione. Con inevitabili conseguenze sulla prescrizione: in Cassazione cominciarono quasi subito a contare decine e decine di processi prescritti. E ancora ne contano.

Ma il dato non emerge da nessuna statistica ministeriale. Ed è un altro paradosso della prescrizione, lunga o corta che sia.

La trasparenza e l’affidabilità dei dati, nonché delle analisi, sono condizione essenziale per confezionare buone leggi, che vadano oltre dei buoni titoli. E per costruire politiche – anche sulla corruzione – non sulle sabbie mobili della demagogia ma sulle solide fondamenta di progetti coerenti.

Donatella Stasio

26 giugno 2017
Capovolgere la giustizia?
Capovolgere la giustizia?
di Francesco Cascini
La Costituzione, l’ordinamento penitenziario, le regole penitenziarie europee, perfino le condanne della Cedu non hanno scalfito le fondamenta di una concezione retributiva della giustizia penale erette sul codice Rocco. Nel corso degli anni nel sistema si è strutturato un paradosso per cui convivono un eccesso di carcere ed un eccesso di impunità. Per eliminare questi eccessi va dato corpo allo scopo del diritto penale aprendo a soluzioni sanzionatorie alternative finalizzate alla riparazione del danno prodotto dal reato ed al reinserimento. Solo rendendo efficaci e veloci questi strumenti si potrà fare strada una diversa cultura della repressione penale e del carcere.
23 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
di Donatella Stasio
Le due riforme sono in bilico e solo nei prossimi giorni se ne conoscerà la sorte. A rischio soprattutto le nuove norme sugli ascolti, anche per il largo fronte contrario, che va da Lega e 5 Stelle a magistrati, avvocati e stampa
6 aprile 2018
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
La qualità delle indagini e della loro resa dibattimentale, insieme alla ritenuta credibilità delle dichiarazioni delle persone offese, ha confermato, secondo i giudici dell’assise, un contesto di privazione della libertà dei migranti e di violenze di ogni tipo che scolpisce una realtà che per la sorte dei diritti umani è fondamentale non ignorare.
3 aprile 2018
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
di Ennio Tomaselli
Partendo da casi di cronaca, si approfondiscono problematiche sulla valutazione giurisprudenziale dell’imputabilità ex art. 98 cp, anche alla luce di dati statistici recenti. Si discute, in particolare, della correttezza formale e dell’opportunità, rispetto anche ad esigenze di chiarezza e credibilità dell’agire istituzionale, di pronunce dichiarative di non imputabilità in concreto non precedute da una valutazione collegiale e specializzata. Si segnala anche recente giurisprudenza di legittimità relativa agli infraquattordicenni, non imputabili ex lege, e si conclude sottolineando l’importanza che la giurisprudenza in questa materia, cruciale sul piano concettuale e sistematico, sia sempre più coerente con l’esigenza di una giustizia comunque a misura delle persone di minore età.
27 marzo 2018
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
di Donatella Stasio*
Il giurista non può chiamarsi fuori dalla responsabilità di comunicare, e di farlo in modo inclusivo, per testimoniare “la coscienza del nostro stare insieme” ed essere protagonista della “nostra storia comune”
23 marzo 2018
Parole che smuovono le pietre
Parole che smuovono le pietre
di Caterina Bubba
A tre anni dalla sua uscita, Fine pena: ora di Elvio Fassone − il libro che racconta il carteggio ultredecennale tra un ergastolano e il suo giudice − è diventato uno spettacolo teatrale. Le sue pagine continuano ad agitare le nostre coscienze, emozionandoci e ponendo questo quesito: «Come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato»? Un interrogativo che coinvolge il nostro Paese in un momento storico in cui la riforma penitenziaria è stata finalmente approvata dal Consiglio dei ministri il 16 marzo 2018, anche se il suo iter non si è ancora concluso.
17 marzo 2018
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
di Roberto Le Pera
Nota a margine del decreto emesso, ai sensi dell’articolo 11 del d.lgs 159/2001, dal Tribunale di Cosenza, sezione Misure di prevenzione, n. 618/17 RPCC, depositato il 15 febbraio 2018. Prime applicazioni di merito dei principi enunciati dalla suprema Corte a Sezioni unite con la pronuncia n. 111/2018: «A fronte di misure di prevenzione richieste o applicate nei confronti di indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso è necessario accertare il requisito dell’attualità della pericolosità del soggetto per l’applicazione o il mantenimento della misura, senza che sia possibile una presunzione di pericolosità legata alla passata partecipazione ad un gruppo associativo suscettibile di essere vinta solo in caso di dimostrazione di un formale recesso dal gruppo medesimo»
13 marzo 2018
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
di Davide Galliani
Una pena che distrugge e annienta una persona non è pensabile. E ciò che non è pensabile non è nemmeno giuridico. A questo serve la clemenza: a togliere di mezzo dal mondo del diritto l’inimmaginabile, il non pensabile, che ancora accade nei nostri penitenziari.
8 marzo 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
di Donatella Stasio
Le due riforme sono in bilico e solo nei prossimi giorni se ne conoscerà la sorte. A rischio soprattutto le nuove norme sugli ascolti, anche per il largo fronte contrario, che va da Lega e 5 Stelle a magistrati, avvocati e stampa
6 aprile 2018
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
di Donatella Stasio*
Il giurista non può chiamarsi fuori dalla responsabilità di comunicare, e di farlo in modo inclusivo, per testimoniare “la coscienza del nostro stare insieme” ed essere protagonista della “nostra storia comune”
23 marzo 2018
Carcere, quel basso profilo scelto dai magistrati che tradisce la storia dell'Anm
Carcere, quel basso profilo scelto dai magistrati che tradisce la storia dell'Anm
di Donatella Stasio
L’Anm rinuncia a una netta presa di posizione in favore della riforma Orlando. Correnti spaccate. Nel dibattito emergono posizioni burocratiche e demagogiche della giustizia e dell’esecuzione penale
27 febbraio 2018
Riforma penitenziaria in pericolo. Serve una mobilitazione generale
Riforma penitenziaria in pericolo. Serve una mobilitazione generale
di Donatella Stasio
Dopo i pareri “condizionati” del Parlamento, il varo della riforma slitta a dopo il 4 marzo ma considerata l’incertezza politica del dopo-voto si fa concreto il rischio di un inabissamento.
12 febbraio 2018
Cercasi “visione politica omogenea” per il futuro della giustizia
Cercasi “visione politica omogenea” per il futuro della giustizia
di Donatella Stasio
Il Ministro della giustizia raccoglie, al netto delle critiche, giudizi positivi sulle misure seminate ma dubita che si possa costruire una visione politica omogenea, mentre questa è, per il Quirinale, la mission prioritaria di tutti, a cominciare da chi riveste ruoli di responsabilità.
29 gennaio 2018
Intercettazioni/2: riforma equilibrata ma senza risorse rischio boomerang
Intercettazioni/2: riforma equilibrata ma senza risorse rischio boomerang
di Donatella Stasio
Il decreto Orlando arriva dopo 22 anni di tentativi, talvolta liberticidi. Essenziale la sperimentazione di sei mesi per dotare gli uffici di risorse umane, professionali e tecnologiche; mentre è discutibile quella di altri sei mesi finalizzata alla pubblicabilità dell’ordinanza di custodia cautelare in funzione di come i magistrati avranno “imparato” a scrivere il provvedimento.
8 gennaio 2018