home search menu
Messa alla prova e decreto penale di condanna
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza costituzionale
Messa alla prova e decreto penale di condanna
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Corte Costituzionale, Sentenza 6 luglio 2016 (dep. 21 luglio 2016), n. 201, Pres. Grossi, Rel. Lattanzi

Con la sentenza in esame, la Consulta ha dichiarato “l'illegittimità costituzionale dell'art. 460, comma 1, lettera e), del codice di procedura penale, nella parte in cui non prevede che il decreto penale di condanna contenga l'avviso della facoltà dell'imputato di chiedere mediante l'opposizione la sospensione del procedimento con messa alla prova”.

Il caso, da cui si è originato l'incidente di costituzionalità, è il seguente.

Nei confronti dell'imputato viene emesso un decreto penale di condanna per il reato previsto dall'art. 44, comma 1, lettera c), D.P.R. n. 380/01.

L'imputato propone opposizione senza richiesta di riti alternativi o di messa alla prova.

Nel corso dell'udienza dibattimentale, l'imputato chiede la sospensione del procedimento con messa alla prova.

Il Giudice, però, osserva che la richiesta di messa alla prova dovrebbe ritenersi inammissibile, atteso che, in forza dell'art. 464bis, comma 2, c.p.p., avrebbe dovuto essere presentata con l'atto di opposizione.

Sennonché, così ragionando, l'imputato vedrebbe leso il proprio diritto di difesa.

Infatti, nella specie, nel decreto penale di condanna emesso nei suoi confronti mancava l'avviso della facoltà di chiedere mediante l'opposizione la messa alla prova.

Da qui, secondo il Giudice rimettente, la necessità di sollevare, in riferimento agli artt. 3 e 24 Cost., la questione di legittimità costituzionale dell'art. 460, comma 1, lettera e), c.p.p., “nella parte in cui non prevede che il decreto penale di condanna debba contenere l'avviso all'imputato che ha facoltà di chiedere la sospensione del procedimento per messa alla prova unitamente all'atto di opposizione”.

In questo modo, se la questione venisse accolta, verrebbe posto rimedio alla lesione del diritto di difesa subita dall'imputato, atteso che quest'ultimo sarebbe rimesso in termini per chiedere la messa alla prova.

Nello specifico, secondo il Giudice rimettente, la norma censurata violerebbe l'art. 24 Cost. in quanto, in vista di una migliore tutela del diritto di difesa, la scelta dei riti alternativi, ai quali va equiparata la messa alla prova, dovrebbe essere sempre preceduta da uno specifico avviso, specialmente nei casi in cui tale scelta debba essere compiuta entro brevi termini di decadenza, che maturino fuori udienza.

Il contrasto con l'art. 3 Cost., invece, deriverebbe dal fatto che vi sarebbe una disparità di trattamento tra situazioni analoghe, dal momento che, diversamente da quanto avviene per la messa alla prova, l'avviso della facoltà di accedere ai riti alternativi e all'oblazione viene dato, a pena di nullità, unitamente al decreto di citazione a giudizio[1], al decreto penale di condanna[2] e al decreto di giudizio immediato[3], seppure in quest'ultimo caso non sia necessario far menzione dell'oblazione.

I Giudici della Consulta, come anticipato, ritengono la questione fondata, sebbene con riferimento alla censura relativa all'art. 24 Cost., rimanendo quella relativa all'art. 3 Cost. assorbita.

In particolare, la Corte, dopo aver precisato che il nuovo istituto del probation si configura come un procedimento speciale, alternativo al giudizio, e che l'art. 464bis, comma 2, c.p.p., stabilisce che, nel procedimento per decreto, la richiesta di messa alla prova deve essere presentata, a pena di decadenza, con l'atto di opposizione, constata, però, che, a differenza di quanto accade per gli altri riti speciali, l'art. 460, comma 1, lettera e), c.p.p., non prevede che all'imputato sia dato avviso della facoltà di chiedere con l'atto di opposizione la messa alla prova.

Dalla mancanza di tale avviso deriva, secondo la Corte, la perdita di una garanzia, che è essenziale per il corretto e pieno esercizio del diritto di difesa, atteso che può determinare sostanzialmente “la perdita irrimediabile” della facoltà di accedere alla messa alla prova.

Invero, secondola Corte, “quando il termine entro cui chiedere i riti alternativi è anticipato rispetto alla fase dibattimentale, sicché la mancanza o l'insufficienza del relativo avvertimento può determinare la perdita irrimediabile della facoltà di accedervi, la violazione della regola processuale che impone di dare all'imputato esatto avviso della sua facoltà comporta la violazione del diritto di difesa”.

Conseguentemente, dal momento che, nel procedimento per decreto, il termine entro cui chiedere la messa alla prova è anticipato rispetto al giudizio, la mancata previsione tra i requisiti del decreto penale di condanna di un avviso, come quello previsto dall'art. 460, comma 1, lettera e), c.p.p., per gli altri riti speciali, della facoltà di chiedere, nel fare opposizione, la messa alla prova, causa una lesione del diritto di difesa, con conseguente violazione dell'art. 24 della Costituzione.

Prima di concludere, è opportuno evidenziare che, secondo la Corte, l'avviso non è necessario nel caso in cui il termine ultimo per avanzare la richiesta di riti alternativi venga a cadere all'interno di un'udienza, preliminare o dibattimentale, a partecipazione necessaria, in cui l'imputato è obbligatoriamente assistito dal difensore, che è tenuto a garantire una completa informazione circa la facoltà e/o la opportunità di chiedere i riti.

Quest'ultimo appunto è importante perché, alla luce delle sopra esposte argomentazioni della Corte, dalla omessa indicazione, all'interno del decreto di citazione a giudizio di cui all'art. 552 c.p.p., dell'avvertimento all'imputato della facoltà di chiedere, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento, la sospensione del procedimento con messa alla prova, non dovrebbe derivare alcuna nullità di ordine generale per violazione del diritto di difesa ai sensi dell'art. 178, comma 1, lettera c), c.p.p., avendo sbocco l'atto in questione in una udienza a partecipazione necessaria, all'interno della quale viene a cadere il termine ultimo per avanzare la richiesta di messa alla prova[4]

 


[1] Si veda l'art. 552, comma 1, lettera f) e comma 2, c.p.p.

[2] Si vedano gli artt. 460, comma 1, lettera e), c.p.p. e 141, comma 3, disp. att. c.p.p.

[3] Si veda l'art. 456, comma 2, c.p.p.

[4] Molti dei decreti di citazione a giudizio emessi dopo l'entrata in vigore della legge n. 67/14 non contengono l'avviso all'imputato della facoltà di chiedere, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento, la sospensione del procedimento con messa alla prova, non essendo tale avviso espressamente richiesto dalla legge. Non si può escludere, però, che il legislatore modifichi in futuro l'art. 552, comma 1, lettera f), c.p.p., nel senso di stabilire che il decreto di citazione a giudizio è nullo, ai sensi dell'art. 552 comma 2, c.p.p., anche nel caso in cui manchi o sia insufficiente al suo interno l'avviso all'imputato della facoltà di avvalersi della messa alla prova, in ragione degli importanti benefici che da tale nuovo istituto derivano a favore dell'imputato, che impongono un'informazione la più ampia possibile e, soprattutto, anticipata rispetto al giudizio. 

5 settembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Un bambino e le sue mamme: dall’invisibilità al riconoscimento <i>ex</i> art. 8 legge 40
Profili di ammissibilità delle questioni incidentali di costituzionalità (rilevanza, incidentalità, interpretazione conforme)
La Corte Edu e le leggi retroattive*
Conciliare e risarcire non sono la stessa cosa. Notarella in margine ad un convegno di Villa Vigoni
<i>Sweetening the pill</i>. Il caso Taricco e l'illusionismo prospettico della Consulta
Il debito tedesco e un convegno necessario
Il debito tedesco e un convegno necessario
di Luca Baiada
Sembra prendere terreno un uso anomalo della storia, una torsione culturale a sfondo politico, uno spettacolo di beneficenza. Si confeziona una memoria furba che circonda di rispettabilità lo Stato responsabile di gravi crimini e lo ringrazia per la presa d’atto della sola colpa morale. È una linea che tende a sostituire alla responsabilità giuridica la riparazione o il lenimento. La memoria diventa un surrogato della giustizia, cioè una maschera dell’ingiustizia
24 aprile 2017
La Corte Costituzionale sceglie il rinvio pregiudiziale sul “caso Taricco”
La sentenza sulla legge Madia,
una decisione (forse) troppo innovatrice
La sentenza sulla legge Madia, una decisione (forse) troppo innovatrice
di Giacomo D'Amico
Il verdetto in esame non può passare inosservato. Il numero di commenti a caldo della sua pubblicazione lo dimostra. Questa decisione obbliga la comunità scientifica ad interrogarsi sin da subito su alcune ricadute pratiche
23 gennaio 2017
Messa alla prova e tenuità del fatto nella giurisprudenza di legittimità
Messa alla prova e tenuità del fatto nella giurisprudenza di legittimità
di Giovanni Zaccaro
Una ricognizione sui principali approdi interpretativi in materia di messa alla prova e tenuità del fatto
6 ottobre 2016
Messa alla prova e sanzioni amministrative accessorie
Messa alla prova e sanzioni amministrative accessorie
di Federico Piccichè
Cass. Pen., Sez. IV, Sent. 23 giugno 2016, n. 29639, Pres. Romis, Rel. Gianniti
27 luglio 2016
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Giurisprudenza e documenti
Come limitare l’accesso alla giustizia dei richiedenti asilo 
e contestualmente mortificare l’attività professionale di chi potrebbe tutelarli
Come limitare l’accesso alla giustizia dei richiedenti asilo e contestualmente mortificare l’attività professionale di chi potrebbe tutelarli
di Alberto Piccinini e Nazzarena Zorzella
Il cd. decreto Minniti-Orlando non limita solo le possibilità di una compiuta difesa del richiedente asilo, ma prevede anche che, se la decisione viene impugnata e il giudice «rigetta integralmente il ricorso», il gratuito patrocinio ammesso in via anticipata e provvisoria venga di fatto revocato, salvo che lo stesso giudice non indichi «le ragioni per cui non ritiene le pretese manifestamente infondate».
15 gennaio 2018
Schede brevi sulla competenza per materia delle sezioni specializzate <i>ex</i> art. 3 dl n. 13/2017 convertito con legge n. 46/2017
Schede brevi sulla competenza per materia delle sezioni specializzate ex art. 3 dl n. 13/2017 convertito con legge n. 46/2017
di Maria Concetta Causarano e Teresa Pucci (a cura)
Il dossier del Tribunale di Firenze (quarta sezione civile) con una premessa di Luciana Breggia, Presidente della sezione specializzata immigrazione e protezione internazionale
12 gennaio 2018
Riprese e fotografie di persone arrestate
Riprese e fotografie di persone arrestate
di Edmondo Bruti Liberati
Commento alla circolare emanata dal procuratore della Repubblica di Napoli il 19 dicembre scorso sulla “Diffusione e pubblicazione di immagini di persone tratte in arresto o sottoposte a fermo di polizia giudiziaria”
8 gennaio 2018
Le Sezioni unite si pronunciano sul luogo di deposito della richiesta di riesame di misure cautelari reali
Le Sezioni unite si pronunciano sul luogo di deposito della richiesta di riesame di misure cautelari reali
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. unite, Sent. 22 giugno 2017 (dep. 13 ottobre 2017), n. 47374, Pres. Canzio, Rel. Bonito
19 dicembre 2017
Gli strumenti di tutela preferenziale del credito nella crisi familiare: profili processuali dell’iscrizione ipotecaria di cui all’art. 156, comma 5 cc. Note a Corte di appello di Firenze, seconda sez. civ., 25 febbraio 2017
Gli strumenti di tutela preferenziale del credito nella crisi familiare: profili processuali dell’iscrizione ipotecaria di cui all’art. 156, comma 5 cc. Note a Corte di appello di Firenze, seconda sez. civ., 25 febbraio 2017
di Beatrice Ficcarelli
L’Autrice, delineato il quadro normativo in cui si inserisce la previsione (iscrizione di ipoteca giudiziale sulla base della sentenza che pronunzia la separazione, a tutela dei crediti di mantenimento, a contenuto non patrimoniale), ritiene non totalmente condivisibile l’orientamento giurisprudenziale della suprema Corte e della giurisprudenza di merito maggioritaria, che richiede, per procedersi a iscrizione ipotecaria, anche la sussistenza del requisito del periculum in mora. La opposta, rigorosa, interpretazione (che richiede la sola esistenza del titolo ai fini della iscrizione), viene ritenuta preferibile, ma necessitante di correttivi rinvenibili sia nella tutela di urgenza azionabile dal debitore a fronte di un danno grave e irreparabile derivante dalla iscrizione ipotecaria sia nell’alternativo ricorso, da parte del creditore, alle misure coercitive previste dall’ordinamento (o da prevedersi).
15 dicembre 2017
Un'interessante decisione sulla legge Mancino. Nota a sentenza del Tribunale di Vercelli del 24 maggio 2017
Un'interessante decisione sulla legge Mancino. Nota a sentenza del Tribunale di Vercelli del 24 maggio 2017
di Fabrizio Filice
Con la sentenza in oggetto, il Tribunale ha assolto due attivisti dall’area antagonista locale dall’imputazione del reato di cui all’articolo 3, comma 1, lett a), della l. n. 654/1975 (legge Mancino), contestata loro per avere appeso alla cancellata della Sinagoga di Vercelli un drappo con la scritta “#STOP BOMBING GAZA ISRAELE ASSASINI FREE PALESTINE”. La nota, ripercorrendo l’iter motivazionale della sentenza, illustra come sia stata decisiva la ricostruzione del contesto politico in cui si sono svolti i fatti. Nell'estate del 2014, infatti, era in corso una campagna militare delle Forze di difesa israeliane contro i guerriglieri palestinesi di Hamas, in cui sono rimasti uccisi più di duemila civili, fra cui centinaia di bambini. Determinante è stata anche la storia personale dei due imputati, che gli stessi rappresentanti delle forze dell’ordine locali, sentiti come testi istituzionali, hanno attestato essere imperniata, fin da quando erano studenti, a posizioni politiche nettamente contrarie all’antisemitismo o al revisionismo sulla Shoah, e anzi ispirate ai valori dell’antifascismo e dell’antirazzismo: posizioni che non si erano modificate nel tempo, in modo da rivelare come anche la scritta ingiuriosa oggetto di imputazione fosse attribuibile non già a un sentimento di ostilità nei confronti del popolo israeliano in quanto popolo ebraico, bensì contro la politica militare israeliana; il che, avendo riguardo all’oggettività giuridica della fattispecie, ha di fatto incrinato la sussistenza del suo elemento caratteristico, che è l’”odio razziale o etnico” quale motivo ispiratore della condotta.
13 dicembre 2017