home search menu
Nuove schiavitù e mercato globale
Leggi e istituzioni
Nuove schiavitù e mercato globale
di Giuseppe Tucci
Ordinario di diritto privato nell'Università di Bari

Sommario:  

Premessa  

1. Storia e destino della norma: dai campi di lavoro nazisti alle nuove schiavitù post moderne.

2. La struttura della norma e le fattispecie da essa regolate.  

3. Continuità storica della schiavitù: lavoro schiavistico e libero mercato.

4. L’eredità del diritto romano e l’Europa moderna.  

5. La schiavitù e le Americhe: la Seconda Scolastica, gli Indios e la tratta atlantica degli schiavi.  

6. L’abolizione della schiavitù negli Stati nordamericani del Sud: il XIII e XIV emendamento e la sopravvivenza del contratto di peonage.  

7. Il diritto internazionale e l’abolizione formale della tratta degli schiavi all’inizio del XIX secolo.  

8. La struttura dell’art. 4 della Convenzione: la schiavitù tra proprietà e contratto.

9. L’art. 4 della Convenzione e l’art. 5 della Carta europea dei diritti fondamentali: l’integrazione tra le due norme.

10. Continua: il caso Bosphorus e il suo futuro eventuale superamento.

11. La “schiavitù”nella prospettiva dell’art. 4, comma 1°, della Convenzione.

12. La “servitù” nella prospettiva dell’art. 4, comma 1°, della Convenzione.

13. Continua: la tratta degli esseri umani come nuova schiavitù dell’età post moderna.    

14. Il contenuto ed il significato del “lavoro forzato od obbligatorio” ai sensi dell’art. 4, comma 2°, della Convenzione.

15. Le ipotesi di esclusione del “lavoro forzato od obbligatorio” ai sensi dell’art. 4, comma 3°, della Convenzione: il lavoro “normalmente” richiesto ai detenuti previsto nell’alinea a);  il servizio militare o degli obiettori di coscienza, previsto nell’alinea b).

16. Continua: il servizio previsto in caso di crisi o di calamità naturali richiamato nell’alinea c); il lavoro o il servizio rientranti nei “normali” doveri civici, previsti nell’alinea d).  

17. Gli obblighi degli Stati di fronte alla tratta degli esseri umani e l’attuazione della Direttiva 2011/36/UE: la riforma della disciplina di diritto penale.

18. Continua: la riforma della disciplina prevista per la prevenzione della stessa e per la protezione delle vittime.

19. Applicabilità della sanzione penale e strategie di prevenzione.  

20. Divieto della schiavitù, concorrenza sleale e diritti di informazione dei consumatori.  

21. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, diritti dei consumatori e tutela giurisdizionale collettiva.

22. Conclusioni: la diffusione delle schiavitù nell’età della globalizzazione.

 

21 luglio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Leggi e istituzioni
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
di Stefano Calabria
I diritti fondamentali dei migranti soccorsi in mare e il correlativo quadro dei doveri delle autorità statuali alla luce dei precedenti delle Corti sovranazionali. Qual è l’incidenza del cd. decreto sicurezza-bis? Il caso Sea Watch e la discussa questione dell’adempimento di un dovere
29 luglio 2019
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
di Ezia Maccora* e Marco Patarnello**
Il recupero dell’anzianità, l’abolizione dei semidirettivi e un capo dell’ufficio giudiziario vero dominus indiscusso: ecco i tratti salienti della proposta di riforma
15 luglio 2019
La riforma del Csm proposta dal Ministro Bonafede
La riforma del Csm proposta dal Ministro Bonafede
di Nello Rossi
Nuove regole del Csm? Sì, ma senza violare ragionevolezza e Costituzione
12 luglio 2019
Il giudice e la legge penale
Il giudice e la legge penale
di Domenico Pulitanò
Le usuali discussioni sul rapporto giudice/legge riguardano il problema dell’interpretazione. Le teorie dell’interpretazione non sono teorie sui poteri del giudice. Problemi ermeneutici si pongono per qualsiasi interprete; le differenze tra i fabbricanti di interpretazioni sono di autorevolezza o di potere decisionale
9 luglio 2019
La protezione complementare dopo il dl 113/2018: inquadramento sistematico, questioni di legittimità costituzionale *
di Fabrizio Gallo
Un tema difficile, uno sguardo diverso. L'analisi della riforma dall'angolo visuale della Pubblica amministrazione
5 luglio 2019
Il sistema delle fonti tra logiche emergenziali, “amministrativizzazione” del sistema e tentazioni monocratiche
Il sistema delle fonti tra logiche emergenziali, “amministrativizzazione” del sistema e tentazioni monocratiche
di Matteo Losana
Brevi note a margine della circolare del Ministro dell’interno n. 11001/118/7 del 17 aprile 2019
4 luglio 2019