home search menu
«Personalia» sulla formazione dei giovani
Magistratura e società
«Personalia» sulla formazione dei giovani
di Bruno Capponi
ordinario di diritto processuale civile, Università Luiss Guido Carli
I corsi di laurea oggi sono avvertiti come una vera corsa a ostacoli, in cui non si distingue materia da materia ma contano soltanto i numeri e la progressione. Tenere il ritmo è l’imperativo che domina e lo sforzo compiuto è soprattutto muscolare

Nato nel 1957, appartengo a quella fortunata classe di giovani laureati autorizzati a presentarsi al concorso in magistratura con la sola legittimazione del diploma e la preparazione strettamente universitaria. Ventuno esami, più la tesi.

Una condizione che, oggi, può sembrare proiettata nel mito. Non soltanto il diploma di laurea non è più sufficiente, ma soprattutto la preparazione che serve non è più quella soltanto accademica. Eppure, il ciclo unico dura un anno in più, e il numero degli esami è quasi raddoppiato.

Come si è giunti a questo risultato?

Il primo dei fattori critici è nel cambiamento degli ordinamenti didattici, a partire dall’idea sventurata del 3 + 2 (o 4 + 1, o altre combinazioni di numeri). Giacché nessun docente intendeva essere escluso dalla formazione specialistica – la triennale omologata al super-liceo – ogni insegnamento ha avuto il suo proprio spazio prima nel triennio e poi nel biennio. L’affollamento delle materie ne ha imposto l’indiscriminata semestralizzazione. Questi fenomeni – invece che risolversi – si sono consolidati con l’avvento del ciclo unico quinquennale, inevitabile punto di arrivo dei goffi sommovimenti della didattica.

Credo che gli studenti avvertano ora il corso di laurea come una vera corsa a ostacoli, in cui non si distingue materia da materia ma contano soltanto i numeri e la progressione. Tenere il ritmo è l’imperativo che domina. Lo sforzo è soprattutto muscolare.

Alla frantumazione degli insegnamenti ha fatto sponda la crisi della manualistica, tradizionalmente pensata sulla materia più che sulla didattica. Lo studente percepisce che l’ostacolo – ogni ostacolo, senza distinguere – può essere superato con strumenti di “conoscenza pratica” alternativi al manuale classico. Sempre più spesso ci si rivolge a fonti idonee al superamento dell’esame, più che a garantire la conoscenza sistematica e completa della materia.

Anche perché – transitiamo verso un altro fattore fortemente critico – lo studente sa che, per superare i concorsi (ma parliamo soprattutto di quello per la magistratura), dovrà affrontare una diversa preparazione cui fanno da supporto manualistiche, allenamenti e informazioni diversi.

Tra il diploma di laurea e il concorso in magistratura c’è una terra di nessuno in cui faticano a trovare cittadinanza sia le SSPL, sia il tirocinio del cd. “decreto del fare”. È in questo luogo che proliferano le scuole private, auto-investitesi per fini di ottimo profitto di quella formazione “specialistica” il cui obiettivo è il superamento del concorso. Formazione e “informazioni”, sovente propalate con tecnica da insider, sono vocate alla realizzazione di questo solo risultato. Ma il costo è elevato, e non soltanto in termini di denaro.

L’analisi dei temi assegnati per le prove scritte del concorso fotografa l’anomalia: mentre, prima, la scelta degli argomenti privilegiava le preparazioni accademiche e manualistiche; ora, conta soltanto la conoscenza del caso, la cronaca, l’ultima decisione della Cassazione. La traccia che si può “indovinare” – i tenutari delle scuole private hanno grandi palle di vetro – con un setaccio dei casi degli ultimi cinque-dieci anni.

Questo sistema proietta la preparazione lungo la prospettiva di anni. Il diploma di laurea è solo il gradino iniziale di una lunga scala, che forse non tutti possono permettersi di percorrere.

È giusto fare dei nostri giovani laureati il terreno di caccia di giuristi-imprenditori privati?

Se l’accesso in magistratura è divenuto questo, va preso atto che è il caso di cambiare.

Occorre tornare a un sistema in cui il reclutamento dei giovani magistrati non avvenga alla soglia dei trent’anni.

Occorre riconoscere che il concorso non è tutto; anzi, allo stato, rischia di essere il trionfo del caso o del censo: conta il curriculum, la pratica, la prova che si possa offrire circa il possesso del fascio di buone qualità che compongono le caratteristiche del magistrato. Essere un buon giurista non è sufficiente per essere un buon magistrato.

Come ogni professione, quella del magistrato si impara con l’esercizio.

Occorre privilegiare la formazione in sedi pubbliche, facendo della Scuola anche uno strumento di accesso.

In ogni caso, è ora di iniziare a discuterne seriamente.

3 marzo 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Diritti, identità, culture (tra alti e bassi giurisprudenziali)*
di Nicola Colaianni
Nella società delle grandi migrazioni il principio della legge uguale per tutti subisce l’assalto di nuove culture e di pretesi diritti culturali differenziati. La fallacia di questa interpretazione alla luce del dettato costituzionale non di rado, tuttavia, viene fondata su un inesistente obbligo di adesione ai “valori occidentali”. Viceversa il rispetto del diritto all’identità cultural-religiosa consente una interpretazione del diritto positivo in modo accogliente le altre culture, fino a che queste non contrastino con i diritti fondamentali: un uso interculturale del diritto
24 settembre 2018
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
di Andrea Natale
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22 settembre 2018
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
di Giuseppe Calzati
Un magistrato impegnato nell’associazionismo delle origini, che previde la deriva autoritaria del fascismo e che ad esso si oppose fino alla scelta di abbandonare l’ordine giudiziario e fino al sacrificio della vita durante la Resistenza
14 settembre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
di Vittorio Borraccetti
Nella comunità del Forteto, in territorio toscano, molte persone affidate per ragioni di cura e sostegno sono state maltrattate e abusate per decenni. La lettura delle sentenze del processo conclusosi da poco in Cassazione, e anche di precedenti decisioni giudiziarie, ha fatto emergere non solo i fatti delittuosi ma anche i comportamenti negligenti se non corrivi di chi doveva vigilare
11 settembre 2018
Populismo e diritto. Un’introduzione
Populismo e diritto. Un’introduzione
di Enrico Scoditti
Populismo e diritto rinviano a forme di legame sociale antitetiche: il primo persegue la risoluzione della questione sociale e di quella identitaria senza alcuna mediazione e connessione di sistema, il secondo mira alla neutrale limitazione di ogni potere. Nel costituzionalismo del Novecento europeo si è avuta l’incorporazione nel diritto della questione sociale e di quella dell’appartenenza ad una comunità grazie alla mediazione della politica quale civilizzazione degli impulsi e addomesticamento di paure e angosce. Se la politica perde tale funzione emerge l’antitesi fra populismo e diritto e per i giuristi si apre un tempo di nuove responsabilità
10 settembre 2018