home search menu
Osservatorio internazionale / Europa
Pillole di CEDU - Le udienze pubbliche della Corte da settembre a dicembre 2013
di Francesco Buffa
Consigliere presso la Corte di Cassazione
Giurisdizione extraterritoriale, extraordinary renditions, diritti dei transessuali, violenza sui manifestanti, diritto di indossare il velo, ricongiungimento familiare dell’extracomunitario, disabile mentale di etnia rom, gabbie di metallo nei processi, diritto di partorire in casa
Pillole di CEDU - Le udienze pubbliche della Corte da settembre a dicembre 2013

CEDU, Grande Chambre, udienza del 11 dicembre 2013, Hassan c. United Kingdom, no. 29750/09

Articoli CEDU:  2, 3

Parole chiave  conflitto armato internazionale - controllo delle forze occupanti

Il caso riguarda   atti delle forze armate britanniche in Iraq e l’applicazione della Convenzione europea dei diritti dell'uomo nel contesto di un conflitto armato internazionale.

Il ricorrente è un cittadino iracheno che era un direttore generale nella segreteria nazionale del Partito Ba'ath, partito di governo sotto Saddam Hussein, ed era anche un generale a El Quds Army, l' esercito privato del partito. Nell'aprile 2003, dopo aver occupato Bassora, l'esercito britannico aveva iniziato ad arrestare membri di alto rango del Partito Ba'ath e ricercava il ricorrente.  Il caso riguarda la cattura del fratello del ricorrente  dalle forze armate britanniche e la sua detenzione a Camp Bucca in Iraq. Il ricorrente sostiene che il fratello era stato arrestato e tenuto quale ostaggio affinché il ricorrente si consegnasse alle forze britanniche di occupazione, e che il suo cadavere, successivamente trovato in altra parte del Paese, recava segni di tortura ed esecuzione.

Innanzi alle autorità nazionali il caso fu archiviato, avendo la corte ritenuto che Camp Bucca era sottoposto al controllo delle forze occupanti e non direttamente del Regno Unito, sicché il Regno Unito non aveva giurisdizione.

Innanzi alla CEDU, il ricorrente ha lamentato violazione degli art. 2 e 3 della Convenzione. Il governo del Regno Unito ha sostenuto che, nel contesto di un conflitto armato internazionale, le disposizioni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo non si debbano applicare a tutti o dovrebbero essere applicate tenendo conto del diritto dei conflitti armati, tra cui la Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949. 

CEDU, Grande Chambre, udienza del 27 Novembre 2013,  S.A.S. c . Francia, No. 43835/11

Articoli CEDU: 3, 8, 9, 10, 11, 14

Parole chiave  velo in luogo pubblico – burqa - niqab

Il caso riguarda una cittadina francese, di fede musulmana, che si lamenta di non poter indossare pubblicamente il velo integrale in seguito all'entrata in vigore nell'aprile 2011 della Legge n. 2010-1192 del 11 ottobre 2010, che vieta di nascondere il viso negli ambienti pubblici.

La ricorrente ha dichiarato di indossare il burqa (un indumento che copre completamente il corpo e comprende una maglia in faccia) e il niqab (velo di copertura della faccia tranne gli occhi) in modo da essere coerente con la sua fede e convinzioni personali.

Lamenta violazione dell'articolo 3 (divieto di trattamenti inumani o degradanti ) , 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare ) , 9 ( Diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione ),  10 (libertà espressione), l'articolo 11 (libertà di riunione e di associazione ), e 14 (divieto di discriminazione) della Cedu.

CEDU, Grande Chambre, udienza del 13 November 2013, Jeunesse v. Netherlands, no. 12738/10

Articoli CEDU:  3,5,13,14, 3 prot. 4, 1 prot. 12

Parole chiave  ingresso e soggiorno extracomunitario – ricongiungimento familiare – espulsione – matrimonio con comunitario

Il caso riguarda il rifiuto di concedere un permesso di soggiorno per una donna del Suriname, che, sposata con un cittadino olandese con tre figli, non ha lasciato i Paesi Bassi dopo la scadenza del suo visto turistico nel 1997.

La straniera ha lamentato, tra l’altro, il contrasto con la convenzione dell'obbligo di tornare in Suriname, al fine di ottenere un visto di soggiorno provvisorio,  e della separazione derivante dai suoi bambini nei Paesi Bassi, nonché per altro verso della sua privazione di libertà ai fini dell'espulsione e la mancanza di un ricorso effettivo.

Ha invocato gli articoli 3 (divieto di trattamenti inumani o degradanti), 5 ( diritto alla libertà e alla sicurezza ), 8 (rispetto della vita personale e familiare), 13 ( diritto ad un ricorso effettivo), 14 della Convenzione, 3, § 1 del Protocollo n ° 4, e 1 del protocollo No. 12 . La terza sezione della Corte ha dichiarato ammissibile la domanda quanto al solo motivo relativo all’art. 8.

CEDU, Grande Chambre, udienza del 16 ottobre 2013 , Hämäläinen c . Finlandia, No. 37359 / 09.

Articoli CEDU  8, 12, 14

Parole chiave transessuale – matrimonio – diversità di sesso

Il caso riguarda la denuncia di un transessuale sul fatto che non poteva ottenere il riconoscimento totale del suo nuovo genere (femminile), convertendo il suo matrimonio civile.

La ricorrente è una cittadina finlandese; maschio alla nascita, aveva sposato una donna con cui aveva avuto un figlio nel 2002. Successivamente, aveva subito un intervento chirurgico di mutamento di sesso ed aveva cambiato il suo nome, ma non era riuscita a mantenere nei suoi documenti ufficiali (carta identità, passaporto) l’indicazione del nuovo genere, né l’indicazione che era sposata.

La ricorrente e sua moglie preferivano rimanere sposati perché, in primo luogo, il divorzio era contro le loro convinzioni religiose e, in secondo luogo, perché il partenariato civile non offriva la stessa sicurezza come il matrimonio per i partners ed il loro bambino.

La richiesta di modificare il registro civile presentata dalla ricorrente era stata quindi respinta, al pari del successivo ricorso all’autorità giudiziaria nazionale e delle successive impugnazioni giudiziali, per la ragione che la disciplina finlandese sui transessuali non incideva sulla distinta disciplina nazionale del matrimonio, che presupponeva la diversità dei sessi.

La ricorrente  lamenta violazione degli articoli 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare) , 12 ( diritto al matrimonio ) e 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione. Nella sentenza di Camera del 13 novembre 2012, la Corte aveva escluso ogni violazione della Convenzione.

CEDU, Grande Chambre, udienza del 2 Ottobre 2013, Mocanu e altri v. Romania, no. 10865/09, 45886/07 and 32431/08

Articoli CEDU  2, 3, 6

Parole chiave  manifestazioni pubbliche – violenze sui manifestanti 

Il caso riguarda l'inchiesta penale sulla repressione violenta da parte delle autorità rumene contro le manifestazioni anti-governative che hanno avuto luogo nel giugno 1990 a Bucarest .

Ricorrenti sono due cittadini rumeni e  l'associazione '21 dicembre 1989': espongono che durante le manifestazioni del giugno 1990 l’esercito aveva brutalmente attaccato studenti e lavoratori che manifestavano, e che alcuni colpi di arma da fuoco erano stati sparati dall'interno dell’edificio del Ministero dell'Interno, circondato da manifestanti , colpendo il marito di uno dei ricorrenti nella testa e causando la sua morte; l’altro ricorrente, mentre camminava per andare al lavoro , era stato arrestato, portato via, poi legato e picchiato, perdendo conoscenza e risvegliandosi il giorno dopo in ospedale. Infine, i locali dell’associazione ricorrente  erano stati saccheggiati e le persone che erano presenti erano state aggredite e imprigionate, mentre erano stati sequestrati tutti i beni ei documenti  dell'associazione.

Le indagini interne erano state archiviate.

I ricorrenti lamentano la mancanza di un'indagine efficace , imparziale e approfondita per identificare e punire i responsabili della repressione violenta delle manifestazioni, invocando l'articolo 2 (diritto alla vita), l'articolo 3 (divieto di trattamenti inumani o degradanti), l'articolo 6 (diritto ad un equo processo entro un termine ragionevole).

Con sentenza della Camera del 13 novembre 2012, la Corte ha rilevato che la durata delle investigazioni sulla morte del marito di una delle ricorrenti e sul saccheggio della sede dell'associazione era stata eccessiva, in violazione dell'articolo 2 e dell'articolo 6 § 1 della Convenzione . La corte ha invece respinto il ricorso dell’altro ricorrente, per aver questo atteso oltre 11 anni prima di intraprendere le prime azioni per essere riconosciuto come una vittima.

CEDU, Grande Chambre, udienza del 18 Settembre 2013, Svinarenko and Slyadnev v. Russia, no. 32541/08 and 43441/08.

Articoli CEDU: 6

Parole chiave  gabbie di metallo – processi penali 

Il caso riguarda la pratica di tenere i detenuti (nel caso due cittadini russi)  in attesa di giudizio in gabbie di metallo durante le udienze nei processi che li riguardano.

I ricorrenti lamentano violazione dell'articolo 3 (divieto di tortura e di trattamenti inumani o degradanti) e  dell'articolo 6 § 1 (diritto ad un equo processo entro un termine ragionevole).

Nella sentenza della Camera del 11 dicembre 2012 , la Corte ha dichiarato all'unanimità che vi era stata una violazione dell'articolo 3 e di una violazione dell'articolo 6 § 1 .  

CEDU, Grande Chambre, udienza del 10 settembre del 2013, Centro per le Risorse legali per conto di Valentin Câmpeanu c. Romania, n ° 47848 / 08

Articoli CEDU    2,3,5,8,13,14

Parole chiave disabilità psichica – ospedale psichiatrico – cure - responsabilità

Il caso riguarda la morte all'età di 18 anni in un ospedale psichiatrico di un giovane ragazzo di etnia Rom, sieropositivo e affetto da un grave handicap mentale.

La domanda è stata presentata a suo nome da un'organizzazione non governativa, il Centro Risorse legale (LRC) .

Il giovane, abbandonato alla nascita, era stato messo in un orfanotrofio e i medici avevano scoperto presto che era sieropositivo e aveva una disabilità grave mentale. All'età di 18 anni, il signor Câmpeanu aveva dovuto lasciare il centro per bambini disabili dove stava; si era quindi cercata trovare una struttura specializzata in grado di prenderlo in carico e, dopo che numerose istituzioni avevano rifiutato di riceverlo, fu ammesso infine in un ospedale psichiatrico, dove morì dopo una settimana. Un team di osservatori CRL ha sottolineato di averlo trovato in precedenza in una stanza non riscaldata contenente un letto senza biancheria, con indosso solo un pigiama e privo dell’assistenza di cui aveva bisogno per mangiare o andare in bagno .

La denuncia penale presentata non ebbe seguito, in quanto le autorità nazionali ritennero il difetto di prova del nesso causale tra le condizioni ambientali e la morte del malato.

Si lamenta violazione degli articoli 2 (diritto alla vita) , 3 (divieto di tortura e trattamenti inumani o degradanti) , 5 ( diritto alla libertà e alla sicurezza) , 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare), 13 (diritto ad un ricorso effettivo) e 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione.

CEDU, Chambre, udienza del 3 dicembre 2013, Al Nashiri c . Polonia, n. 28761/11, e Husayn (Abu Zubaydah) c . Polonia (n. 7511/13).

Articoli CEDU  2,3,6,8,13,  1 prot. 6

Parole chiave extraordinary renditions – interrogatorio illegale – waterboarding 

I casi riguardano la "extraordinary rendition " di due uomini sospettati di atti terroristici in luoghi di detenzione segreta in Polonia, in cui sono stati utilizzati metodi di interrogatorio illegali.

Ricorrenti sono, da un lato, un cittadino saudita di origine yemenita e, dall'altro, un palestinese apolide nato in Arabia Saudita.

Il primo era sospettato nell'attacco terroristico nell'ottobre 2000 sulla nave USS Cole nella Marina degli Stati Uniti nel porto di Aden ( Yemen ), nonché nell'attacco alla petroliera francese Limburg MV è stato nel Golfo di Aden nel mese di ottobre 2002. Il secondo, considerato dalle autorità americana come un membro anziano della rete terroristica Al Qaeda,  era sospettato di essere all'origine di diverse operazioni terroristiche, compresa la pianificazione degli attentati dell'11 settembre del 2001.

I ricorrenti sostengono di essere stati oggetti di "extraordinary rendition" per conto della Central Intelligence Agency ( CIA ) americana , e cioè  di essere stati arrestati  all’estero e trasferiti dapprima in un centro di detenzione segreta in Polonia, ove sono stati sottoposti ad interrogatorio durante il quale sono stati torturati (Tra le altre cose , deducono di esser stati sottoposto alla tecnica di "annegamento simulato " –c.d. waterboarding- e posti in una scatola esposta a rumore estremo), e poi in altri Paesi fino alla Base Navale di Guantanamo Bay.

Un'inchiesta penale era stata aperta in Polonia sulle prigioni segrete della CIA situate sul territorio polacco, ma le autorità non avevano mai rivelato l'esatta portata delle investigazioni.

I ricorrenti ricordano che le consegne straordinarie sono state oggetto di varie segnalazioni e indagini, tra cui rapporti preparati dai senatore svizzero Dick Marty nel 2006, 2007 e 2011, nella sua qualità di Relatore delle indagini da parte dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa sulla accuse di prigioni segrete gestite dalla CIA in diversi Stati membri (i " Rapporti Marty "). Tali rapporti descrivono in dettaglio una fitta rete di detenzioni e trasferimenti operato per conto della CIA in alcuni Stati membri del Consiglio d'Europa.

Lamentano quindi di aver subito torture, maltrattamenti e detenzione in isolamento, lamentano che la Polonia, consapevolmente e deliberatamente, aveva autorizzato il trasferimento dal territorio polacco, nonostante il rischio reale che subissero altri maltrattamenti  e che erano stati nuovamente tenuto in isolamento , permettendo loro di essere trasferiti sotto la giurisdizione di un paese in cui era loro negato un processo equo; infine, lamentano il fatto che le autorità polacche non avevano  condotto un'indagine efficace sui fatti in questione.

Invocavano quindi l'articolo 3 ( proibizione della tortura) , l'articolo 6 (diritto ad un processo equo) , l'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare) e l'articolo 13 (diritto ad un ricorso effettivo) della Convenzione. Il primo ricorrente ha richiamato anche l'articolo 2 (diritto alla vita) e il protocollo n ° 6 alla Convenzione (abolizione della pena di morte) per quanto riguarda il suo trasferimento dalla Polonia. 

CEDU, Chambre, udienza del 10 settembre 2013, Dubská e Krejzová caso c . Repubblica Ceca ( n. 28859/11 e 28473/12)

Articoli CEDU  8

Parole chiave parto in casa – operatore sanitari 

I ricorrenti  sono cittadini cechi  che lamentano  l'impossibilità secondo il diritto ceco di partorire in casa con l'aiuto di un professionista sanitario. Dopo aver dato alla luce i suoi primi due figli a casa nel 2008 e nel 2010 , con l'aiuto di ostetriche che avevano assistito senza l'autorizzazione dello Stato, la ricorrente era incinta del suo terzo figlio ma non riusciva a trovare una levatrice , perché , sotto la nuova normativa entrata in vigore il 1 ° aprile 2012, nessuna ostetrica poteva più eseguire servizi medici senza autorizzazione, a pena di pesanti multe.

Le ricorrenti lamentano violazione dei loro diritti ai sensi dell'articolo 8 ( Diritto al rispetto della vita privata e familiare) della Convenzione.

15 febbraio 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2018
24 luglio 2018
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse ad aprile 2018
13 luglio 2018
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
di Marco Bignami
Viene commentata la sentenza della Grande Camera G.I.E.M. e altri c. Italia del 28 giugno 2018, attinente al regime della confisca urbanistica. Si sottolinea, in particolare, che deve ritenersi in linea di principio conforme alla Convenzione l’applicazione di tale sanzione, anche unitamente alla dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione, a condizione che sia stata accertata incidentalmente la colpevolezza dell’imputato
10 luglio 2018
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
di Emilio Gatti
La raccolta a fini investigativi e la conservazione dei profili genetici pone delicati problemi di compatibilità delle esigenze investigative con il diritto al rispetto della vita privata e familiare previsto dall’art. 8 della Cedu soprattutto nei confronti di individui indagati ma poi assolti con sentenza definitiva. Il contributo ripercorre la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’obbligo di creare una banca dati nazionale del Dna stabilito dal Trattato di Prüm e le soluzioni adottate dal legislatore italiano che paiono rispettose dei principi convenzionali e costituzionali, in attesa di verificare la correttezza delle prassi applicative
6 giugno 2018
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
di Francesco Buffa
Il 12 aprile scorso, con la ratifica ad opera della Francia, si è perfezionato l’iter del Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu ed il Protocollo può entrare in vigore con decorrenza dal 1° agosto prossimo. Il Protocollo introduce il nuovo istituto del parere consultivo, che i giudici nazionali superiori possono chiedere alla Corte Edu in merito a questioni di principio riguardanti l'interpretazione o l'applicazione dei diritti e delle libertà stabiliti nella Convenzione. La prassi chiarirà l’effettiva utilità ed opportunità del ricorso al nuovo strumento.
2 maggio 2018
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
di Francesco Luigi Gatta
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
9 aprile 2018
CEDU, pillole di gennaio
CEDU, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a gennaio 2018
4 aprile 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Osservatorio internazionale
CGUE, pillole di giugno
CGUE, pillole di giugno
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a giugno 2018
21 settembre 2018
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
di Elisabetta Grande
Qual è la fonte del diritto ad armarsi negli Stati Uniti? Un simile diritto è da sempre garantito ai cittadini americani? Quali ne sono i limiti? Esplorare la portata del diritto alle armi in quel Paese e le gravi conseguenze sulla vita e la morte di chi vi vive, significa capire le ragioni delle proteste dei tanti giovani americani per i quali quel diritto rappresenta una minaccia. Significa anche aver consapevolezza di quel che potrebbe accadere da noi qualora allargassimo le maglie della possibilità di armarci, come in base all’ultimo rapporto del Censis molti italiani parrebbero volere
12 settembre 2018
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no?
L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no? L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
di Sara Benvenuti
Può la solidarietà configurare un’ipotesi di reato? In Francia, se finalizzata a prestare aiuto all’ingresso o (fino a poco tempo fa) alla circolazione di stranieri irregolari, sì. Prende il nome, nel gergo comune, di délit de solidarité (o di délit d’hospitalité) ed è al centro di un’annosa vicenda giudiziaria che vede come protagonista, tra gli altri, Cédric Herrou, contadino francese divenuto da alcuni anni uomo-simbolo della difesa dei migranti in transito sulla Val Roia al confine con l’Italia. Sulla questione è intervenuta recentemente un’importante decisione del Conseil constitutionnel che, affermando il valore costituzionale della fraternità, sembra voler richiamare all’ordine il legislatore, imponendogli maggior cautela nel punire coloro che mossi da puro intento solidaristico prestano aiuto a stranieri irregolari sul territorio francese. Ma è realmente così?
7 settembre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
di Gualtiero Michelini
Commento a prima lettura dell’attesa sentenza della Corte di giustizia del 25 luglio 2018, nel procedimento pregiudiziale d’urgenza su rinvio dell’Alta Corte irlandese nel corso di una procedura di esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dall'autorità giudiziaria polacca. La decisione della Corte di giustizia affronta le questioni, determinate dalle riforme attuate dal governo polacco in pregiudizio dell’indipendenza del sistema giudiziario, della rilevanza giuridica e dell’impatto sull’applicazione della normativa del mandato di arresto europeo dell'avvio, da parte della Commissione europea, della procedura di accertamento della violazione sistemica dei principi di indipendenza del sistema giudiziario e dello Stato di diritto in Polonia in relazione alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
27 luglio 2018
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2018
24 luglio 2018