home search menu
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a <i>Bambinate</i>, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Magistratura e società / cinema e letteratura
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
Magistrato di sorveglianza, Tribunale di sorveglianza di Spoleto
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a <i>Bambinate</i>, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)

«Se ho sempre odiato il dolore, questa impossibilità di senso, ho odiato ancora di più l’ingiustizia, e più ancora chi il dolore lo infligge deliberatamente a qualcun altro, il potere, qualunque potere, usato contro chi non ha strumenti per difendersi».

Paterlini lo fa dire al suo protagonista, tornato nel paese dove è cresciuto per una cena di classe che sa di regolamento di conti, a distanza di molti anni da una infanzia fatta di bambinate, come si tende a sminuirle, di branco contro il più debole, di crudeltà da dimenticare, di pulsioni represse e di adulti che non vogliono vedere cosa succede sotto i loro occhi.

L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Ragazzi che amano ragazzi si intitola un suo libro di interviste che, nel 1991, indagava il mondo dell’adolescenza, la scoperta dell’omosessualità, le timide speranze e le enormi paure dei giovani di fronte a temi all’epoca ancora inesplorati nel nostro Paese.

Nel suo nuovo romanzo ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli.

A fare da sfondo c’è una provincia emiliana che mi ricorda Pier Vittorio Tondelli, anche per il senso, tutto umano e insieme profondamente religioso, di una Via Dolorosa che la vittima delle angherie dei coetanei deve percorrere verso il suo Calvario di umiliazione.

Ha ragione il protagonista: la sopraffazione del debole è odiosa, quante volte ce lo ripetiamo, ravvisandola anche là dove ce la aspetteremmo bandita senza eccezioni? Eppure la via per non esercitarla è tanto stretta e non battuta da richiedere una quotidiana assunzione di responsabilità. Uno sforzo di coerenza e di empatia che costa il superamento della troppo umana propensione a porsi dalla parte di chi ha la forza.

«L’odore del sangue che fa accanire le belve su chi è già a terra ferito, ecco, questa è la puzza che sento io, sempre, la puzza cui non mi abituo, la puzza che mi dà il voltastomaco».

E l’io narrante, persino lui che sa definire così chiaramente questo orrore, ne è stato parte e tornerà, forse, nel finale, ad esserne stordito, senza attenuanti.

Il romanzo breve, ma durissimo, di Paterlini scuote profondamente e riporta a galla, solo che se ne abbia la forza, il dolore annidato al fondo delle nostre infanzie perfette, lì dove siamo stati vittime o carnefici, ad ogni modo parti di un ingranaggio crudele che qualcuno sostiene insegni come va il mondo, ma serve soprattutto a perpetuare un mondo in cui l’altro, il diverso, il difforme, non possono avere piena cittadinanza.

Il veleno di Bambinate può essere allora un antidoto in grado di svegliarci dal torpore in cui troppo spesso ci crogioliamo. Non una predica, ma uno stimolo alla consapevolezza. I bambini che eravamo hanno sofferto e fatto soffrire. Ora sono adulti che portano i segni di quel remoto passato, ma possono scrollarsene di dosso le scorie. E forse provare a sperimentare, a differenza del protagonista, la possibilità di essere migliori.

21 ottobre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
di Maria Giuliana Civinini
Un manifesto contro la tortura, un canto all'amore
12 aprile 2015
Massimo Ferro,
Massimo Ferro, "Non avrai le mie parole"
di Donatella Salari
Recensione di un romanzo rigoglioso di parole vive
11 aprile 2015
Bruno Capponi, l'umorista post-moderno
di Umberto Apice
Recensione a Chi nasce quadro può morire tondo, Novecento Editore, 2013
8 febbraio 2015
La regola dell'equilibrio
di Linda D'Ancona
Il ritorno dell'avvocato Guerrieri nell'ultimo romanzo di Gianrico Carofiglio
18 gennaio 2015
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Le <i>sliding doors</i> dell’accoglienza*
Le sliding doors dell’accoglienza*
di Diana Genovese
Le plurime variabili che rendono imprevedibile, incerta e in defintiva diseguale la protezione internazionale dei rifugiati in Italia sono ben rappresentate nel recente rapporto Oxfam dall'emblematico titolo − La lotteria dell'accoglienza − che interroga prima di tutto gli addetti ai lavori
17 novembre 2017
Leggendo l’<i>ultimo</i> Lipari*
Leggendo l’ultimo Lipari*
di Roberto Conti
L’articolo offre al lettore alcune riflessioni maturate dopo la lettura dell’ultima opera di Nicolò Lipari − Il diritto civile tra legge e giudizio, Giuffrè, Milano, 2017 − cercando di cogliere conferme o smentite al pensiero dell’Autore in alcuni grandi arresti della giurisprudenza delle Sezioni Unite e di tratteggiare, soprattutto con riguardo al ruolo del giudice, alcuni orizzonti che non potranno essere trascurati per rispondere in maniera adeguata alle sempre più pressanti aspettative di giustizia.
11 novembre 2017
Sul riconoscimento di un diritto a morire in maniera degna e libera: riflessioni a margine di una giurisprudenza convenzionalmente orientata
Sul riconoscimento di un diritto a morire in maniera degna e libera: riflessioni a margine di una giurisprudenza convenzionalmente orientata
di Giulia Testa
Il diritto a morire dignitosamente viene consacrato alla stregua dei diritti fondamentali dell’uomo nelle pronunce della Corte di Strasburgo, che ha progressivamente riconosciuto l’esistenza del diritto di decidere come e quando morire a partire da una lettura sistematica della Convenzione, rimodellando la concezione della sacralità della vita umana, che viene privata del suo carattere assoluto facendo appello al rispetto della vita privata, in cui ricomprendere l’importanza dell’autonomia personale, intesa come quel diritto ad autodeterminarsi, che impone un recupero del governo sul corpo
8 novembre 2017
Scoprire o creare il diritto? A proposito di un recente libro
Scoprire o creare il diritto? A proposito di un recente libro
di Enrico Scoditti
Giudicare mediante il bilanciamento dei principi costituzionali o la concretizzazione di una clausola generale non corrisponde alla scoperta di un diritto preesistente, ma alla costruzione della disciplina del caso concreto; il giudice però assume la responsabilità del perseguimento della forma ideale di bilanciamento o dell’ideale di norma riposto nella clausola generale
7 novembre 2017
Il congresso nazionale del Lapec