home search menu
Quel che resta, quel che si è perduto
Magistratura e società
Quel che resta, quel che si è perduto
di Michele Passione
Avvocato del Foro di Firenze
Formazione, giustizia riparativa, vittime e colpevoli: l'opinione di un avvocato

Dopo il nostro articolo su "Formazione dei magistrati e giustizia riparativa", riceviamo e pubblichiamo un ulteriore contributo sulla vicenda.

 

Sono trascorse due settimane dal Corso svoltosi alla Scuola Superiore della Magistratura su “Giustizia riparativa e alternative al processo e alla pena”, che ha dato origine a molte polemiche, che non sono cessate neanche a distanza di tempo.

Ho partecipato a quel corso, quale relatore e componente del Tavolo di lavoro sulla RJ (Tav.13) nell’ambito degli Stati Generali dell’esecuzione penale, fortemente voluti dal Ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

Quelle che seguono sono considerazioni del tutto personali, maturate dall’esterno del contesto in cui si è sviluppata la vicenda; il pensiero di un avvocato, che da sempre si sforza di riflettere laicamente sui temi della Giustizia. Parte di esse sono state già trasmesse al Comitato Direttivo della Scuola, all’indomani del corso; quelle ulteriori tengono conto delle successive prese di posizione assunte, a vario titolo, nel dibattito politico e istituzionale.

Com’è ormai noto, l’incontro previsto per il 4 febbraio (“I percorsi della giustizia riparativa”, questo il titolo) prevedeva la presenza di Agnese Moro, Manlio Milani, Sabina Rossa, Franco Bonisoli ed Adriana Faranda (coordinati dai mediatori penali, Prof. Claudia Mazzucato, Prof. Adolfo Ceretti, Dott. Guido Bertagna), che avrebbero riferito della loro personale esperienza a 81 magistrati italiani, e 10 provenienti dall’estero. A tal proposito, è appena il caso di ricordare come “il rapporto reo/vittima” fosse proprio uno dei tre focus della sessione, che prevedeva altresì ulteriori approfondimenti su “le persone offese e il processo penale” e “il reo, la sanzione e il reinserimento sociale”.

Come si vede, e com’è stato del resto reso pubblico dal Comitato Direttivo della Scuola,... “non si configurava un’attività didattica da parte dei signori Bonisoli e Faranda, ma soltanto la testimonianza di un percorso riparativo i cui protagonisti sono le vittime dei reati”.

Quanto alla precisazione sopra citata, evidentemente condizionata dalla campagna di stampa creatasi in quelle ore (di cui si dirà più avanti), non pare secondario evidenziare come la Giustizia riparativa consente di riconoscere appieno la persona, prevedendo opportune esigenze di tutela delle vittime e al contempo promuovendo, ove possibile, il superamento di modalità reattive dell’Ordinamento imperniate su meccanismi incapacitanti. La RJ è Giustizia narrativa; pare dunque quanto meno parziale aver evidenziato il ruolo “protagonista” delle vittime, poiché l’equiprossimità è il suo dato coessenziale.

A riprova di quanto sopra, vi è da ricordare come una significativa e straordinaria esperienza riparativa sia stata raccontata nel “Libro dell’incontro”, storia di un lungo percorso, durato sette anni, tra persone coinvolte nella lotta armata tra gli anni ’70 e ’80 e le vittime o familiari di delitti di quel tempo; quel percorso, per molti versi, non è ancora terminato, perché nei cammini delle persone non vi sono certezze, e molte sono le pietre di inciampo.

Del resto, uno dei curatori del volume, Adolfo Ceretti, aveva segnalato come fosse avvertita l’esigenza da parte di coloro che hanno preso parte al percorso oggetto del libro di “interloquire con la sfera politica e con quella della giustizia”.

I colpevoli hanno bisogno del racconto degli offesi, per conoscere davvero, e fino in fondo, cosa hanno fatto”, ricorda Claudia Mazzucato. Allo stesso tempo, ed anche grazie a questo percorso, gli autori di gravi delitti possono confrontarsi con i precetti ed i valori ad essi sottesi, traendo da essi il significato del disvalore del proprio agito.

In questo quadro di maturata consapevolezza e riflessione, dopo aver recepito la decisione assunta dal precedente Comitato Direttivo della Scuola, i nuovi componenti hanno tuttavia “proceduto a una nuova considerazione dell’iniziativa”, decidendo di “annullare l’incontro, ritenendolo inopportuno”, poiché l’iniziativa risultava “ormai inevitabilmente condizionata, nella sua attuazione, dalle discussioni delle ultime ore, che hanno visto anche l’intervento del Comitato di presidenza del Consiglio Superiore della Magistratura”.

Torneremo a breve sulla parte finale della decisione citata, poiché credo che in essa si annidi, al netto delle singole opinioni maturate (tardivamente) nel caso di specie, il rischio profondo della perdita di autonomia ed indipendenza della Scuola.

Tralasciando volutamente le prese di posizione delle ore precedenti la giornata del 4 febbraio, che hanno determinato la scotomizzazione della seconda sessione del corso, vorrei riflettere in questa sede su ulteriori aspetti della vicenda che, a mio modo di vedere, hanno assunto un significato che va ben oltre la già grave decisione assunta, che ha privato la platea dei presenti della possibilità di toccare con mano le enormi potenzialità sottese alla Giustizia riparativa.

In primo luogo, more solito, si è assistito ad un plateale, e scomposto, intervento dei media, soprattutto della carta stampata, che dopo aver ottenuto il risultato perseguito, senza alcun approfondimento di merito sull’iniziativa in oggetto, hanno poi taciuto, evidentemente paghi dell’obiettivo raggiunto.

Viceversa, nei giorni successivi, questa volta in continuità all’esterno con il dibattito sviluppatosi per lo più sulle varie mailing list della magistratura associata, all’opinione (?) dei cronisti si è sostituita su alcuni quotidiani la presa di posizione di altri magistrati e politici, che merita in questa sede riprendere, sia pure per sintesi.

Censurando “il modo improvvisato e imparaticcio con cui, anche ai massimi livelli istituzionali, si cerca di introdurre in Italia esperienze maturate all’estero” (citandosi, a mo’ di esempio, in un eterogeneo quadro di riferimento, perfino... “il famoso processo accusatorio all’americana”), si è contestato (anche “in omaggio alla sensibilità delle vittime”) “la disinvolta trasformazione dei due ex brigatisti in maestri dei giovani magistrati”.

Dal virgolettato di Michele Marchesiello (ex magistrato, autore, tra gli altri, del volume “Politica e Magistratura. La vocazione della responsabilità”), comparso sul Secolo XIX del 7 febbraio, si coglie la preoccupazione di tutelare la sensibilità delle vittime, così trascurando che oltre a chi, anche personalmente e dolorosamente coinvolto, aveva manifestato la propria contrarietà all’iniziativa, vi era chi, viceversa, aveva positivamente intrapreso un cammino di segno diverso. Non si tratta, all’evidenza, di operare giudizi di valore tra questo o quel pensiero, né voler riconoscere maggiore legittimazione ad esprimersi all’uno piuttosto che all’altro, bensì di liberare il campo dalla pretesa uniformità di vedute delle “vittime”, del resto resa manifesta dalla multiforme esperienza esperita in proposito anche dalle molteplici associazioni, oltre che dai singoli.

Diversamente opinando, ogni vittima resterebbe prigioniera del suo ruolo; per sempre vittima, quasi fosse uno statuto speciale, una libera scelta.

Di minore importanza, salvo forse per i soggetti evocati, il malcelato pregiudizio rispetto alla solidità scientifica e culturale dell’iniziativa contestata dall’Autore.

Il giorno successivo, facendo seguito alle menzionate prese di posizione apicali di cui alla nota della Scuola, sul Corriere della Sera è intervenuto il Presidente della Sesta Commissione del CSM, Luca Palamara; l’Autore ricorda come “il decreto legislativo del 2006 che ha istituito la Scuola Superiore della Magistratura ha introdotto un nuovo riparto di competenze nella materia della formazione e dell’aggiornamento dei magistrati”, e che “al Consiglio è rimasto il solo potere di formulare le linee guida generali sulla formazione dei magistrati”.

Muovendo da tale premessa, il Dott. Palamara auspica “un intervento normativo che ampli le competenze dell’Organo di autogoverno nella materia delle formazione giudiziaria in modo da renderle più confacenti alle prerogative costituzionali del CSM e consentire il superamento di quelle criticità che, com’è sotto gli occhi di tutti, in questi primi anni di funzionamento della Scuola, si sono manifestate”.

La considerazione merita un approfondimento, poiché essa muove “dalla posizione di assoluta centralità conferita dalla Costituzione al CSM a tutela dell’autonomia ed indipendenza dei magistrati, delle quali la formazione costituisce espressione e presupposto indispensabile”.

Dalle riflessioni svolte dall’Autore (ex Presidente dell’ANM) emerge, all’evidenza, una vera e propria eterogenesi dei fini; appare infatti incomprensibile come si possa immaginare di preservare l’autonomia e l’indipendenza intervenendo, consapevolmente, in uno spazio didattico e culturale proprio della Scuola, tanto da auspicare un intervento normativo.

Allo stato attuale, com’è ovvio, vi è stata una grave interferenza consiliare rispetto alle prerogative della Scuola; se si perde l’indipendenza, si perdono credibilità ed autonomia, e ciò costituisce per un magistrato il peggior rischio per la sua formazione ed il suo lavoro.

Ma vi è di più; il Dott. Palamara evoca, senza citarle, criticità evidenti nei programmi formativi, e ritiene più confacente che la Scuola si conformi, in futuro, ai desiderata del Consiglio.

Sul punto, non saprei dire più chiaramente di quanto fatto dal Prof. Valerio Onida sulle pagine del Corriere della Sera del 12 febbraio, ove si evidenzia come “una formazione solo tecnico-giuridica, o solo autoreferenziale, di categoria, non può servire allo scopo. La Costituzione ha voluto che la Magistratura avesse un suo governo autonomo (il CSM) per sottrarla alle indebite influenze di altri poteri, ma non ha voluto che essa si costituisse come un corpo separato”, rischiando così concretamente di “asservirsi strettamente a logiche di categoria o alle maggioranze politiche che si formano nel Consiglio Superiore”.

Parole chiare.

Altrettanto chiaramente, e con viva franchezza, sullo stesso quotidiano, sempre il 12 febbraio, si è espresso Luigi Ferrarella, che ha avuto il merito di rimarcare l’enorme pregiudizio che ha contraddistinto la vicenda.

Come già rilevato, il tema della RJ è stato posto dal Ministro Orlando tra quelli di studio e riflessione nell’ambito degli Stati generali dell’Esecuzione Penale (il report conclusivo del Tavolo 13, con gli annessi allegati – tra i quali quello per la “formazione in materia di giustizia riparativa per magistrati, avvocati e personale penitenziario”, è pubblicato sul sito del Ministero della Giustizia).

Anche il Legislatore, con il DDL n.2798/2014, ha ritenuto di innervare nell’Ordinamento, così allineandosi a numerosi altri Paesi, programmi di giustizia riparativa, quali “momenti qualificanti il percorso di recupero sociale, sia in ambito intra murario sia nell’esecuzione delle misure alternative”.

“Una volta capito di cosa si tratta, si può ovviamente dissentire, criticare, bocciare. Ma senza aver paura di parlarne e confrontarsi. Anche, e anzi a maggior ragione, in una Scuola della Magistratura”; così Ferrarella, sul Corriere della Sera.

Viene a mente la riflessione del Prof. Lombardi Vallauri (Corso di Filosofia del diritto, Padova, 2012, p.213 ss.), secondo cui “il diritto, per sfuggire al rischio di porsi come dinamica autoreferenziale, deve essere giustificato filosoficamente a partire da opzioni valoriali che attengono alla concezione della Giustizia”, e soccorre l’insegnamento di Jacques Derrida (Forza di legge. Il fondamento mistico dell’autorità, 1994), secondo cui “Il diritto non è la Giustizia...le esperienze aporetiche sono delle esperienze tanto improbabili quanto necessarie della Giustizia, cioè di momenti in cui la decisione fra il giusto e l’ingiusto non è mai garantita da una regola”.

“Giustizia è tante cose : verità, richiamo alle responsabilità, pentimento, consapevolezza, incontro, riconciliazione, riparazione, accoglienza, memoria, tenerezza, relazione. Quello che il sistema giudiziario non dà”; così scrivono in una lettera pubblicata ne “Il libro dell’incontro” gli ex e le vittime.

Cronache finali

Il 18 febbraio prossimo, così si legge sulle notizie di cronaca, il CSM e i vertici della Scuola avranno un confronto, seguito il giorno successivo da un’iniziativa istituzionale sulla formazione dei magistrati, alla quale prenderà parte anche il Presidente della Repubblica. Secondo il Consigliere Palamara, l’incontro del 19 avrà luogo “per fissare le linee guida della formazione dei magistrati” (cui, per vero, concorre anche il Ministro della Giustizia).

C’è da augurarsi che non si approfitti della vicenda, e che il CSM non si appropri di spazi di autonomia che non gli competono, cancellando esperienze utili e irripetibili.

Sarebbe utile che gli avvocati facessero proprie, come sanno fare, le istanze di apertura culturali, politiche, giuridiche, come segnalato dal Consiglio Direttivo della Camera penale di Milano, col documento del 4 febbraio.

Ad oggi, resta la consapevolezza dell’importanza dell’incontro, del dialogo; quando le persone si parlano, quando un percorso è avvenuto, e sta avvenendo, fermarlo è impossibile. 

 

18 febbraio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La nuova circolare del Csm sulle procure
La nuova circolare del Csm sulle procure
di Antonello Ardituro
Pubblichiamo la circolare approvata oggi, all'unanimità, dal Csm sulle procure accompagnata da una nota illustrativa di Antonello Ardituro, componente del Csm. Auspichiamo ulteriori interventi volti ad approfondire i temi che la circolare affronta. Questione Giustizia ha già programmato per il n. 1 del 2018 della Rivista trimestrale un obiettivo sul pubblico ministero
15 novembre 2017
La nuova causa di estinzione del reato per condotte riparatorie di cui all'art. 162 <i>ter</i> cp tra (presunta) <i>restorative justice</i> ed effettive finalità deflative: prime riflessioni <i>de iure condito</i>
La nuova causa di estinzione del reato per condotte riparatorie di cui all'art. 162 ter cp tra (presunta) restorative justice ed effettive finalità deflative: prime riflessioni de iure condito
di Rocco Gustavo Maruotti
Con l’approvazione definitiva della proposta di legge C. 4368 recante Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario, che rappresenta uno dei più importanti interventi riformatori degli ultimi anni nel settore della giustizia penale, vengono introdotte rilevanti novità, oltre che sul dibattuto fronte processuale, anche sul versante del diritto penale sostanziale, tra le quali spicca la nuova causa di Estinzione del reato per condotte riparatorie di cui all’art. 162 ter cp, la quale è destinata a trovare applicazione esclusivamente con riferimento ai reati procedibili a querela soggetta a remissione, nel caso in cui, pur in presenza di condotte idonee a reintegrare l’offesa, in termini di risarcimento del danno e di eliminazione delle conseguenze del reato, persista la volontà punitiva del querelante. Si tratta, a ben considerare, di un istituto alle cui evidenti finalità deflative, potrebbe, però, non corrispondere, in concreto, un reale effetto di “alleggerimento” del sistema penale.
20 giugno 2017
Intercettazioni, le linee guida del CSM
Intercettazioni, le linee guida del CSM
La delibera approvata dal Consiglio superiore della magistratura nella seduta plenaria del 29 luglio
29 luglio 2016
Il parere del Csm sulla riforma della giustizia minorile: un compromesso alto, un impegno per tutti
Indipendenza come e indipendenza da chi
Indipendenza come e indipendenza da chi
di Luigi Marini
Un confronto con le condizioni in cui operano le magistrature degli altri Paesi consente di comprendere l'importanza delle garanzie dell'ordinamento italiano
13 giugno 2016
Nuovo Testo unico sulla Dirigenza giudiziaria: possibili effetti sui limiti del sindacato giurisdizionale
Scandicci, 3-5 febbraio 2016.  Due prospettive, due domande
Formazione dei magistrati e giustizia riparativa*
L’autogoverno e il rispetto delle tabelle nell’assegnazione dei processi: una vicenda emblematica
Note sul testo unico sulla dirigenza
Note sul testo unico sulla dirigenza
di Daniela Piana
Governare "la mise en oeuvre"
11 dicembre 2015
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Le <i>sliding doors</i> dell’accoglienza*
Le sliding doors dell’accoglienza*
di Diana Genovese
Le plurime variabili che rendono imprevedibile, incerta e in defintiva diseguale la protezione internazionale dei rifugiati in Italia sono ben rappresentate nel recente rapporto Oxfam dall'emblematico titolo − La lotteria dell'accoglienza − che interroga prima di tutto gli addetti ai lavori
17 novembre 2017
Leggendo l’<i>ultimo</i> Lipari*
Leggendo l’ultimo Lipari*
di Roberto Conti
L’articolo offre al lettore alcune riflessioni maturate dopo la lettura dell’ultima opera di Nicolò Lipari − Il diritto civile tra legge e giudizio, Giuffrè, Milano, 2017 − cercando di cogliere conferme o smentite al pensiero dell’Autore in alcuni grandi arresti della giurisprudenza delle Sezioni Unite e di tratteggiare, soprattutto con riguardo al ruolo del giudice, alcuni orizzonti che non potranno essere trascurati per rispondere in maniera adeguata alle sempre più pressanti aspettative di giustizia.
11 novembre 2017
Sul riconoscimento di un diritto a morire in maniera degna e libera: riflessioni a margine di una giurisprudenza convenzionalmente orientata
Sul riconoscimento di un diritto a morire in maniera degna e libera: riflessioni a margine di una giurisprudenza convenzionalmente orientata
di Giulia Testa
Il diritto a morire dignitosamente viene consacrato alla stregua dei diritti fondamentali dell’uomo nelle pronunce della Corte di Strasburgo, che ha progressivamente riconosciuto l’esistenza del diritto di decidere come e quando morire a partire da una lettura sistematica della Convenzione, rimodellando la concezione della sacralità della vita umana, che viene privata del suo carattere assoluto facendo appello al rispetto della vita privata, in cui ricomprendere l’importanza dell’autonomia personale, intesa come quel diritto ad autodeterminarsi, che impone un recupero del governo sul corpo
8 novembre 2017
Scoprire o creare il diritto? A proposito di un recente libro
Scoprire o creare il diritto? A proposito di un recente libro
di Enrico Scoditti
Giudicare mediante il bilanciamento dei principi costituzionali o la concretizzazione di una clausola generale non corrisponde alla scoperta di un diritto preesistente, ma alla costruzione della disciplina del caso concreto; il giudice però assume la responsabilità del perseguimento della forma ideale di bilanciamento o dell’ideale di norma riposto nella clausola generale
7 novembre 2017
Il congresso nazionale del Lapec