home search menu
Quesito per la Ctu bancaria adottato dalla Sezione civile del Tribunale di Livorno
Prassi e orientamenti
Quesito per la Ctu bancaria adottato dalla Sezione civile del Tribunale di Livorno
di Azzurra Fodra
Giudice presso il Tribunale di Livorno
Breve introduzione alla versione modificata e corretta dopo le sentenze della Corte di Cassazione n. 12965 del 22 giugno 2016 e n. 22270 del 3 novembre 2016 in tema di usura

La Corte di cassazione con la sentenza n. 12965 del 22 giugno 2016, prendendo posizione sulla natura innovativa o di interpretazione autentica dell’art. 2 bis D.l. n. 185 del 2008 in tema di Cms (Commissione di massimo scoperto) e discostandosi dall’orientamento sino ad ora seguito dalla giurisprudenza di legittimità in materia di reato di usura, ha affermato per la prima volta in maniera chiara che la verifica del superamento del cd. tasso soglia deve avvenire per il periodo antecedente alla entrata in vigore della suddetta norma, id est primo gennaio 2010, non tenendo in considerazione la Cms.

Il principio di diritto espresso dalla Suprema corte è il seguente: «La commissione di massimo scoperto (Cms), applicata fino all'entrata in vigore dell'art. 2 bis del D.l. n. 185 del 2008, introdotto con la legge di conversione n. 2 del 2009, è in thesi legittima, almeno fino al termine del periodo transitorio, fissato al 31 dicembre 2009, posto che i decreti ministeriali che hanno rilevato il tasso effettivo globale medio (Tegm)  dal 1997 al dicembre del 2009  sulla base delle istruzioni diramate dalla Banca d'Italia, non ne hanno tenuto conto al fine di determinare il tasso soglia usurario (essendo ciò avvenuto solo dall'1 gennaio 2010); ne consegue che l'art. 2 bis del D.l. n. 185, cit. non è norma di interpretazione autentica dell'art. 644, comma 3, c.p., ma disposizione con portata innovativa dell'ordinamento, intervenuta a modificare  per il futuro  la complessa disciplina, anche regolamentare (richiamata dall'art. 644, comma 4, c.p.), tesa a stabilire il limite oltre il quale gli interessi sono presuntivamente sempre usurari. Ne deriva, inoltre, che, per i rapporti bancari esauritisi prima dell'1 gennaio 2010, allo scopo di valutare il superamento del tasso soglia nel periodo rilevante, non deve tenersi conto delle Cms applicate dalla banca ma occorre procedere ad un apprezzamento nel medesimo contesto di elementi omogenei della rimunerazione bancaria, al fine di pervenire alla ricostruzione del tasso soglia usurario, come sopra specificato».

A seguito di tale pronuncia la Corte, a pochi mesi di distanza, ha ribadito il medesimo principio di diritto con la sentenza n. 22270 del 03 novembre 2016 [«In tema di contratti bancari, l'art. 2-bis, comma 2, del D.l. n. 185 del 2008 (convertito dalla L. n. 2 del 2009), che attribuisce rilevanza, ai fini dell'applicazione dell'art. 1815 c.c., dell'art. 644 c.p. e degli artt. 2 e 3 della L. n. 108 del 1996, agli interessi, alle commissioni e alle provvigioni derivanti dalle clausole, comunque denominate, che prevedono una remunerazione, a favore della banca, dipendente dall'effettiva durata dell'uso dei fondi da parte del cliente, non ha carattere interpretativo ma innovativo, e non trova pertanto applicazione ai rapporti esauritisi in data anteriore all'entrata in vigore della legge di conversione, con la conseguenza che, in riferimento a tali rapporti, la determinazione del tasso effettivo globale, ai fini della valutazione del carattere usurario degli interessi applicati, deve aver luogo senza tener conto della commissione di massimo scoperto»].

In ragione di tali novità giurisprudenziali nella Sezione Civile del Tribunale di Livorno  di cui la scrivente fa parte  è maturata la convinzione di dovere modificare il modello di quesito bancario già concordato tra i magistrati della medesima sezione e pubblicato in questa rivista nel 2015.

Ciò al fine di adeguare l’orientamento del Tribunale ai principi espressi dalla Corte di cassazione, nonché di semplificare il quesito preesistente, soprattutto nella parte delle note esplicative in calce.

I magistrati della sezione hanno dunque inteso modificare il quesito relativo alla verifica della usura specificando che per il periodo ante 2010 il Ctu deve attenersi alle formule Banca D’Italia vigenti trimestre per trimestre e, quindi, in conformità a dette istruzioni, non tenere di conto della commissione massimo scoperto addebitata.

Tuttavia, in ragione del fatto che nella sentenza n. 12965 la Corte di Cassazione, nell’argomentare le proprie conclusioni, impone all’interprete una verifica aggiuntiva sulla violazione della normativa antiusura anche con riguardo alla commissione di massimo scoperto, si è deciso di far compiere detta verifica aggiuntiva al Ctu in base alle Istruzioni Banca d’Italia Circolare 2 dicembre 2005, 1166966.

Appare utile al fine di spiegare il senso e il meccanismo di tale controllo aggiuntivo riportare per intero il passaggio motivazionale contenuto nella sentenza n. 12965 che impone al giudice di compiere tale ulteriore passaggio.  

Nella sentenza si può difatti leggere: «Ed in effetti, l'utilizzo di metodologie e formule matematiche alternative, non potrebbe che riguardare tanto la verifica del concreto Teg contrattuale, quanto quella del Tegm: il che significa che il giudice  chiamato a verificare il rispetto della soglia anti-usura  non potrebbe limitarsi a raffrontare il Teg ricavabile mediante l'utilizzo di criteri diversi da quelli elaborati dalla Banca d'Italia, con il Tegm rilevato proprio a seguito dell'utilizzo di questi ultimi, ma sarebbe tenuto a procedere ad una nuova rilevazione del Tegm, sulla scorta dei parametri così ritenuti validi, per poi operare il confronto con il Teg del rapporto dedotto in giudizio. Ciò posto, va dunque precisato che l'apprezzamento nel medesimo contesto di tutti gli elementi determinativi della rimunerazione bancaria, al fine di pervenire, come accaduto, ad una unitaria e complessiva individuazione della incidenza della loro finale entità deve in realtà essere rivisto, essendo il giudice di merito tenuto a considerare l'autonomia della Cms, elemento non coincidente ex se con gli altri conteggiabili, ratione temporis, nella specifica ricostruzione del tasso-soglia usurario. Ogni eccedenza della Cms in concreto praticata rispetto alle entità massime fissate pro tempore dalle istruzioni della Banca d'Italia non realizza pertanto di per sé un fattore rilevante al fine del superamento del tasso-soglia usurario, trattandosi di elemento diverso  nella fattispecie storica e perciò  non calcolabile nel medesimo coacervo di fattori di costo; pertanto l'eventuale usurarietà del rapporto bancario può conseguire solo da una giustapposizione che, assumendo dal valore percepito di periodo la Cms e riscontratane in ipotesi il superamento di percentuale rispetto a quella massima, vada ad aggiungere tale costo improprio e non dovuto all'interesse propriamente detto, verificando se, per tale via, non sia stato superato in modo indiretto il tasso-soglia per aver questo così oltrepassato lo spread del Tegm, addizionandosi ad un costo che, nella singola vicenda di finanziamento, abbia tuttavia operato non come Cms bensì come remunerazione sostanzialmente coincidente con l'interesse».

La Corte, quindi, richiede comunque una valutazione complessiva della incidenza della Cms sul costo del denaro, una valutazione in cui la Cms va apprezzata in maniera autonoma e in cui va verificato se la medesima Cms, ove legata alla entità della somme effettivamente utilizzate dal debitore, abbia determinato un fenomeno di usura che la stessa Corte definisce «indiretta».

I magistrati della sezione, al fine di comprendere come effettivamente ed in concreto compiere detta verifica aggiuntiva, si sono confrontati tra di loro e con esperti del settore, pervenendo alla conclusione che il  meccanismo di verifica cui sottoporre la Cms sia quello previsto nella circolare della Banca d'Italia 2 dicembre 2005, 1166966, denominato nella prassi come «meccanismo della cms soglia» che, in effetti, prevede una modalità «indiretta» di verifica.

Il meccanismo è il seguente:

- il rispetto delle «soglie» deve svolgersi separatamente, ossia, confrontando, da un lato, il Teg calcolato secondo le formule tempo per tempo vigenti (senza includervi la Cms) con i relativi tassi soglia (non comprensivi della percentuale media di Cms), e, dall'altro lato, confrontando l'ammontare della Cms applicata in concreto con la soglia massima applicabile in quel trimestre aumentata del 50%;

- il superamento, autonomo, della soglia riferita alla Cms non determina, in questa prospettiva, usurarietà del rapporto, che va invece desunta da una valutazione complessiva delle condizioni applicate;

- in particolare, va eseguito un confronto tra il «margine», inteso come differenza tra gli interessi che la banca avrebbe potuto applicare in più rispetto a quelli effettivamente applicati fino al raggiungimento della soglia trimestrale con l'ammontare della Cms applicata in concreto che supera quello della cms soglia;

- se la Cms eccedente la soglia non supera il suddetto «margine», non vi è usura.

5 aprile 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
di Guido Federico
Le Sezioni unite della Cassazione escludono la nullità sopravvenuta della clausola contrattuale di determinazione degli interessi, che, originariamente infra-soglia, abbia superato in corso di rapporto il tasso soglia dell’usura. Affermano inoltre che la pretesa del mutuante di riscuotere gli interessi secondo il tasso validamente concordato non costituisce comportamento contrario a buona fede. In queste brevi note viene indagata la possibilità di applicare al fenomeno della cd. “usurarietà sopravvenuta” la disposizione dell’art. 1339 cc, quale strumento idoneo ad incidere sul contenuto del contratto, non solo in chiave statica ma anche e soprattutto dinamica, in relazione al mutato contesto normativo, mediante inserzione di disposizioni aventi carattere imperativo, indipendentemente dalla nullità delle clausole contrattuali sostituite.
24 novembre 2017
L'editoriale del n. 3/2017
L'editoriale del n. 3/2017
di Renato Rordorf
Due gli obiettivi al centro di questo numero: “A cosa serve la Corte di cassazione?”, “Le banche, poteri forti e diritti deboli”
13 novembre 2017
Contratti bancari e forma scritta ad substantiam
Contratti bancari e forma scritta ad substantiam
di Azzurra Fodra
Breve commento all’Ordinanza interlocutoria della suprema Corte di cassazione n. 10447 del 2017
6 giugno 2017
I mutevoli orientamenti della giurisprudenza di legittimità in materia bancaria
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Prassi e orientamenti
Giustizia predittiva. La qualità della giustizia in due tempi
Giustizia predittiva. La qualità della giustizia in due tempi
di Claudio Castelli* e Daniela Piana**
La giustizia predittiva, di cui già oggi si discute in molti Paesi e che viene presentata come un Giano bifronte, un grande rischio di riduzione ad una gestione automatizzata degli small claims ovvero di una differenziazione delle risposte giudiziarie che ha profili di potenziale discriminazione, è un orizzonte non più soltanto futuribile anche nel nostro Paese. Discuterne, darsi gli strumenti conoscitivi e quindi di governance per potere volgere quella che è una opportunità di cambiamento in una reale condizione di potenziamento della prevedibilità della trasparenza e del coordinamento fra sedi giudiziarie, nel pieno rispetto delle garanzie costituzionali di autonomia del giudice, è una priorità che questo lavoro mette al centro del dibattito della magistratura italiana e di tutti i protagonisti del mondo della giustizia.
15 maggio 2018
Appunti per una relazione sul terrorismo di destra *
di Giovanni Salvi
Esauritosi il conflitto tra scelte ideologiche totalizzanti, caratterizzante la guerra fredda, il collante delle destre radicali diviene l’identità etnico-nazionale. Le destre radicali europee guardano quindi all’esperienza statunitense del suprematismo bianco e del super-nazionalismo. Nel mutuarne alcune opzioni organizzative, come la leaderless resistance, il riferimento al nazi-fascismo resta nei simboli e soprattutto nell’originario richiamo al rapporto tra suolo e cultura. Un ruolo fondamentale svolge il web, il cui uso è direttamente collegato alle modifiche di strategia politica. Deve di conseguenza cambiare anche l’approccio investigativo, basata su di una approfondita conoscenza delle nuove realtà.
27 aprile 2018
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
di Giuseppe Battarino
Turno affari di pronta definizione, turno reati di “fascia B” e, addirittura, turno reati di “fascia C”. I disegni organizzativi dei nostri tribunali e delle nostre procure – al lodevole scopo di far funzionare l’elefantiaca macchina della giustizia – escogitano congegni sempre più efficientisti, che tendono all’obiettivo della ragionevole durata del processo. Ma che rischiano di sottovalutare in modo grave la irripetibilità della vicenda di ciascun imputato e di ciascuna vittima. E, allora, occorre chiedersi con l’Autore – e con un osservatore d’altri tempi – se davvero questa sia la ragionevole durata di un processo; e – più gravemente – se davvero questa sia giurisdizione.
27 aprile 2018
Giurisdizione, organizzazione, risorse, innovazione e territorio
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
di Ennio Tomaselli
Partendo da casi di cronaca, si approfondiscono problematiche sulla valutazione giurisprudenziale dell’imputabilità ex art. 98 cp, anche alla luce di dati statistici recenti. Si discute, in particolare, della correttezza formale e dell’opportunità, rispetto anche ad esigenze di chiarezza e credibilità dell’agire istituzionale, di pronunce dichiarative di non imputabilità in concreto non precedute da una valutazione collegiale e specializzata. Si segnala anche recente giurisprudenza di legittimità relativa agli infraquattordicenni, non imputabili ex lege, e si conclude sottolineando l’importanza che la giurisprudenza in questa materia, cruciale sul piano concettuale e sistematico, sia sempre più coerente con l’esigenza di una giustizia comunque a misura delle persone di minore età.
27 marzo 2018
Il giudice senza legge. Un banco di prova per la teoria della separazione dei poteri
ed una sfida per la certezza del diritto