home search menu
Prassi e orientamenti / Protocolli
Reggio Calabria, un protocollo tra gli uffici del distretto per interventi a tutela dei minori
L'intesa che riguarda tutto il Distretto della Corte d'Appello calabrese rappresenta un precedente assoluto per l'innovativa strategia di rete e le finalità perseguite
Reggio Calabria, un protocollo tra gli uffici del distretto 
per interventi a tutela dei minori

E’ stato siglato, sulla scia dei provvedimenti adottati nel 2012 dal locale Tribunale per i Minorenni, un protocollo tra tutti gli Uffici Giudiziari (giudicanti e requirenti) del Distretto della Corte d’Appello di Reggio Calabria, destinato a rappresentare, per l’innovativa strategia di rete e le finalità perseguite, un precedente assoluto.

Obiettivo dell’intesa è quello di realizzare interventi giudiziari coordinati a tutela dei minorenni disagiati, autori o vittime di reati della provincia di Reggio Calabria, territorio caratterizzato dalla capillare presenza di organizzazioni criminali a struttura familiare e dove la cultura di ‘ndrangheta rientra tra i fattori gravemente turbativi della crescita dei giovani.

Il documento introduce – per le ampie sinergie e le prassi contemplate – una rinnovata metodologia operativa nel contrasto a determinati sistemi criminali, proponendosi di arginare in via preventiva il fenomeno mafioso attraverso le necessarie “infiltrazioni” culturali e agendo sulle condizioni di vita dei giovani: l’obiettivo principale perseguito è quello di offrire adeguate tutele e alternative proposte educative ai minorenni delle c.d. ‘ndrine al fine di evitarne la strutturazione criminale.

Il protocollo, tra l’altro, disciplina un circuito comunicativo tra uffici finalizzato a fornire un’immediata tutela giuridica ai sensi degli artt. 330 e ss. c.c. alla prole di coloro che intraprendono percorsi di collaborazione con la giustizia, con l’obiettivo di evitare incongrue strumentalizzazioni di minorenni e consentirne un rapido ricongiungimento con il familiare sotto protezione: l’auspicio (sotteso) degli uffici giudiziari reggini è che la diffusione e la conoscenza di tale prassi, presupposto indefettibile per una scelta scevra da condizionamenti, possa fornire un contributo importante, incentivandolo, al fenomeno della collaborazione delle c.d. donne di ‘ndrangheta, i cui germogli si sono avuti con i casi Cacciola, Pesce e Garofalo.

Il documento, inoltre, prevede un coordinamento tra gli uffici giudiziari nei procedimenti penali per reati commessi in concorso da maggiorenni e minorenni, con l’obiettivo di razionalizzare le risorse e evitare superflue duplicazioni di attività probatorie. Infine, in armonia con le novità introdotte dalla Convenzione di Lanzarote (ratificata in Italia con L. 1° ottobre 2012, n. 172), disciplina una cooperazione nei procedimenti penali e civili per reati sessuali e/o di maltrattamenti in danno di minori, finalizzata a concentrare in un’unica soluzione l’audizione della vittima per evitarne ripetuti e traumatici esami.

 Si segnalano anche i protocolli, per materie simili, siglati a Milano, Torino, Bolzano ed in Molise nonché le linee guida nazionali per l'ascolto del minore testimone.

23 aprile 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Decadenza dalla responsabilità genitoriale nei confronti del latitante di mafia
Tribunale per i minorenni
e famiglia di ‘Ndrangheta:
quale il perimetro di azione?
Fino a dove si spingono i poteri di intervento del Tribunale per i Minorenni - e, più in generale, delle istituzioni pubbliche - a tutela dei minorenni che crescono e vengono educati in contesti familiari intrisi dei (dis)valori propri delle organizzazioni mafiose? Come conciliare il diritto alla genitorialità con la salvaguardia dell’interesse del minore?
4 febbraio 2013
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Prassi e orientamenti
La sfuggente nozione di atto contrario ai doveri d’ufficio nei delitti di corruzione
La sfuggente nozione di atto contrario ai doveri d’ufficio nei delitti di corruzione
di Eugenio Fusco
1. La crescente evanescenza dell’atto contrario ai doveri d’ufficio nei fenomeni di grande corruzione – 2. La vendita della funzione tra corruzione propria e impropria – 3. Vendita della funzione e traffico di influenze illecite – 4. Riqualificazione del fatto e dinamiche corruttive, tra iura novit curia e rispetto delle garanzie convenzionali – 5. Fenomeni corruttivi e onere di rinnovazione dell’istruttoria in appello
22 giugno 2017
Il rapporto sui provvedimenti di convalida e proroga del trattenimento emessi dal Giudice di pace di Bari
Il rapporto sui provvedimenti di convalida e proroga del trattenimento emessi dal Giudice di pace di Bari
di Dario Belluccio
La ricerca svolta dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari pone alle categorie professionali coinvolte (innanzitutto giudici di pace ed avvocati) di fronte alla necessità di avviare una seria riflessione sulla tutela della libertà personale
17 giugno 2017
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
di Sergio Paparo, Michele Monnini, Andrea Proto Pisani e Maria Silvia Zampetti (a cura)
14 giugno 2017
L'istituto dell'avocazione: prassi applicative e questioni aperte*
L'istituto dell'avocazione: prassi applicative e questioni aperte*
di Ciro Angelillis
1. Premessa - 2. Evoluzione normativa dell’istituto dell’avocazione - 3. Attuali prassi applicative: 3.1. Facoltatività dell’avocazione; 3.2. Avocazione e funzione di vigilanza del Procuratore generale presso la Corte di Appello; 3.3. La cd. avocazione facoltativa: problematiche e prassi applicative; 3.4. La cd. avocazione obbligatoria: il problema dei flussi informativi; 3.5. La gestione informatizzata dei dati; 3.6. I modelli organizzativi - 4. Il dato statistico
13 giugno 2017
Un progetto di ufficio per il processo per la sezione in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
di Roberto Braccialini
Giugno 2003. In coda ad un dibattito veramente intenso promosso dall’Associazione nazionale magistrati su protocolli, processo e organizzazione, sulla scia delle riflessioni maturate in quel contesto sul valore essenziale dell’organizzazione delle risorse a disposizione della giurisdizione per rendere effettivo il principio della ragionevole durata del processo, parte uno scambio di corrispondenza molto fitto su questi argomenti tra un giudice civile, un dirigente amministrativo ed un docente universitario che in capo a pochi mesi approda ad una felice formula organizzativa, la quale riassume in sé l’esigenza di coordinare le risorse esistenti in vista della migliore funzionalità per il processo
2 maggio 2017