home search menu
Ricordando Massimo Pavarini
Magistratura e società
Ricordando Massimo Pavarini
di Riccardo De Vito
magistrato sorveglianza Nuoro
Il pensiero di Pavarini ha percorso ogni campo della penalità, compresi i territori ancora in larga parte inesplorati della prevenzione e della sicurezza urbana

Massimo Pavarini, penalista e criminologo, è scomparso a Bologna il 29 settembre 2015.

 

Non è mai facile scrivere di un amico nel momento del dolore per la sua scomparsa. Per Massimo Pavarini si deve superare l’ostacolo, perché Massimo di Magistratura Democratica e di Questione Giustizia è stato un amico e un compagno di viaggio prezioso.

Si può iniziare da un’immagine. Nel corso di una conferenza, lui stesso aveva parlato di sé come di un juke box che, una volta attivato, avrebbe potuto eseguire diverse composizioni in materia di carcere e pena. E in effetti, Massimo Pavarini era in grado di popolare aule, libri, piazze e conversazioni di note e cadenze di rara genialità e acutezza sul mondo della penalità. Una penalità indagata nella concretezza dei processi reali, in the facts, come avrebbe detto lui, non soltanto on the books.

La recherche di Massimo Pavarini intorno al mondo della “pena perduta” (come citava un suo titolo) prende le mosse dalle riflessioni sulle origini del sistema penitenziario, condensate in Carcere e Fabbrica. Scritta con Dario Melossi e scaturita anche dall’attenzione alle posizioni della penologia della scuola di Francoforte, l’analisi di quel volume mette in relazione l’affermarsi dell’istituzione penitenziaria con la nascente economia capitalistica e con il tentativo di risolvere, attraverso l’internamento e la neutralizzazione, il problema della miseria e della disciplina delle classi subalterne. I temi della neutralizzazione selettiva e di un diritto penale che, tutt’altro che minimo, sceglie di volta in volta il suo nemico, sono stati sempre presenti nel suo ragionamento, divenuto man mano sempre più un punto di riferimento quale controcanto alla narrativa normativa dominante della sicurezza, della recidiva reiterata, del terzo strike

Il pensiero di Pavarini ha percorso ogni campo della penalità,  compresi i territori ancora in larga parte inesplorati della prevenzione e della sicurezza urbana. Da allievo di Franco Bricola e Alessandro Baratta, tutti le regioni sono state attraversate con lo sguardo alto sull’orizzonte costituzionale e con rigorosa attenzione, tuttavia, a mettere in guardia da riduzioni semplicistiche (e antigarantiste) di una penalità “costituzionalmente orientata” a la page.

Il suo sguardo disincantato sulla pena ci ha fatto riflettere sul mito della rieducazione, per svelare il rischio di pretesa egemonica che si nasconde dietro alcune declinazioni di quel principio e il pericolo di giustificare, attraverso di esse, pratiche disciplinari al limite della disumanità.

Da queste riflessioni scaturisce la sua recente attenzione alla possibilità di fare dei diritti fondamentali in carcere, in un approccio conflittivo, una vera e propria “linea di resistenza” utile a invertire il principio di supremazia relativa dello ius puniendi; almeno fino a quando la prospettiva abolizionista – che lui, insieme a Livio Ferrari, aveva contribuito a vivificare con il manifesto No prison – non avesse reso concreta la strada di un diritto del crimine svincolato dalla duplicazione del male del delitto.

Consapevoli che non c’è altro modo per ricordare Massimo Pavarini se non quello di affidarsi alle sue stesse parole, proponiamo la riedizione di un brano dedicato ai processi di ricarcerizzazione nel mondo, pubblicato su Questione Giustizia del 2004 (n. 2-3).

Si tratta di un brano ricco di stimoli e ragionamenti, che hanno una loro validità affrancata dalla contingenza temporale. Una riflessione che testimonia tutta la fecondità di un sapere di cui siamo debitori. A partire da una fondamentale presa d’atto: Il governo della questione criminale è una delle diverse espressioni di intendere complessivamente l’ordine sociale. Dunque, non ci si può limitare ai libri e alle aule di giustizia, occorre guardare alla realtà di fuori. Su questa strada si deve continuare.

 

 

2 ottobre 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
L’estate immobile del carcere. Aspettando la <i>“rupture”</i> di Orlando
L’estate immobile del carcere. Aspettando la “rupture” di Orlando
di Donatella Stasio
Il Ministro della giustizia ha insediato prima dell’estate le Commissioni per la stesura della riforma e spinge per presentare al più presto le modifiche politicamente “più scabrose”, che la campagna elettorale può mettere a rischio. Ma l’imperativo è anche farle camminare una volta approvate
7 settembre 2017
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
di Beniamino Deidda
Più passa il tempo che ci separa dalla scomparsa di Sandro Margara (un anno, ormai), più diventa urgente la necessità di testimoniare la sua idea della giustizia e del lavoro di magistrato, la sua immaginazione, il suo coraggio. Per Qg non c’è modo migliore di ricordarlo che lasciare la parola a un compagno e amico storico di Sandro, di Magistratura democratica, di questa Rivista: Beniamino Deidda. Le poche righe introduttive che state leggendo, questa volta, non anticipano nulla del brano. Ogni lettore potrà trovarvi quel che più lo interessa o lo appassiona: un pezzo della storia di Magistratura democratica, l’invenzione del “magistrato di sorveglianza”, la passione per la Costituzione e per gli uomini, la capacità di abbassare lo sguardo sui più disgraziati. Buona lettura
29 luglio 2017
Proposte per l’attuazione della delega penitenziaria
Il carcere e quell’assenza di empatia con la Costituzione
Il carcere e quell’assenza di empatia con la Costituzione
di Donatella Stasio
Finita l’emergenza sovraffollamento, torna il clima carcerocentrico alimentato anche dalla vigilia elettorale. Eppure, l’unica ricerca statistica italiana sulla recidiva dimostra che il carcere dei diritti “conviene” alla sicurezza collettiva e anche alla crescita del Paese
12 giugno 2017
Lo <i>scandalo</i> dell'ergastolo
Lo scandalo dell'ergastolo
di Riccardo De Vito
Recensione al Manuale sulla pena dell’ergastolo di Claudio Conte (collana Il diritto in Europa oggi, Key editrice, maggio 2017)
20 maggio 2017
Questioni attuali dopo la chiusura degli Opg
Questioni attuali dopo la chiusura degli Opg
di Sabrina Bosi* e Franco Maisto**
La chiusura degli Opg e le modifiche della disciplina della misura di sicurezza detentiva – necessarie, non rinviabili ulteriormente, ma del tutto irrelate coi codici e l’Ordinamento penitenziario – hanno posto e porranno ai giuristi, agli operatori penitenziari, alle forze di polizia ed agli operatori socio-sanitari non poche questioni interpretative, organizzative, di relazioni istituzionali leali e sane tra “mondi vitali” alimentati da “saperi”, statuti deontologici e professionali diversi. Qui il punto di vista di magistrati di sorveglianza che hanno sperimentato sul campo le questioni e hanno elaborato prassi, metodi, risposte.
16 marzo 2017
La “cultura” della giurisdizione
La “cultura” della giurisdizione
di Michele Passione
Nuove considerazioni in materia di libri e 41 bis
20 gennaio 2017
Il carcere negli occhi degli studenti
Il carcere negli occhi degli studenti
di Marisa Bellini, Patrizia Mastini e la 4B del Liceo Scientifico Lorenzo Mascheroni di Bergamo
L'incontro tra i detenuti della casa circondariale di Bergamo e la classe quarta del liceo Mascheroni
25 novembre 2016
Galeotto fu (proprio) il libro?
Galeotto fu (proprio) il libro?
di Roberta Mura
Considerazioni a margine dell’ordinanza di rimessione alla Corte Costituzionale in materia di libri e 41 bis
13 settembre 2016
Quel che il reato costringe nell’ombra
Quel che il reato costringe nell’ombra
di Fabio Gianfilippi
Leggendo “Dentro” di Sandro Bonvissuto (Einaudi, 2012)
9 settembre 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
di Enrico Scoditti
Si deve a Stefano Rodotà la riscrittura del diritto civile alla luce delle clausole generali e, con gli altri giovani civilisti degli anni Sessanta del secolo scorso, il rinnovamento del sapere giuridico. Il modello di giurista come scienziato sociale, che quel rinnovamento propose, era parte della scoperta della politicità del diritto. Rodotà esaltò più di tutti il ruolo attivo del giudice nell’esperienza giuridica. Oggi che la dimensione giurisdizionale del diritto è ormai un dato acquisito la stella polare non è più puramente e semplicemente il linguaggio della politica dei diritti ma il bilanciamento quale funzione di giustizia.
20 settembre 2017
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
di Massimo Turtulici
Con una introduzione di Barbara Fabbrini (Direttore generale del personale e della formazione, Ministero della giustizia)
15 settembre 2017
Alle origini del discorso sulla mafia
Alle origini del discorso sulla mafia
di Piergiorgio Morosini
Recensione al libro di Umberto Santino La mafia dimenticata. La criminalità organizzata in Sicilia dall’unità d’Italia ai primi del Novecento (Melampo, 2017).
9 settembre 2017
Giustizia crocifissa: le ferite, mai rimarginate, del processo a Sacco e Vanzetti*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
di Beniamino Deidda
Più passa il tempo che ci separa dalla scomparsa di Sandro Margara (un anno, ormai), più diventa urgente la necessità di testimoniare la sua idea della giustizia e del lavoro di magistrato, la sua immaginazione, il suo coraggio. Per Qg non c’è modo migliore di ricordarlo che lasciare la parola a un compagno e amico storico di Sandro, di Magistratura democratica, di questa Rivista: Beniamino Deidda. Le poche righe introduttive che state leggendo, questa volta, non anticipano nulla del brano. Ogni lettore potrà trovarvi quel che più lo interessa o lo appassiona: un pezzo della storia di Magistratura democratica, l’invenzione del “magistrato di sorveglianza”, la passione per la Costituzione e per gli uomini, la capacità di abbassare lo sguardo sui più disgraziati. Buona lettura
29 luglio 2017