home search menu
di Donatella Stasio
Riforma penitenziaria in pericolo. Serve una mobilitazione generale
Riforma penitenziaria in pericolo. Serve una mobilitazione generale
Dopo i pareri “condizionati” del Parlamento, il varo della riforma slitta a dopo il 4 marzo ma considerata l’incertezza politica del dopo-voto si fa concreto il rischio di un inabissamento.

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

Sono giorni decisivi per la riforma dell’ordinamento penitenziario. Che, pur decimata per ragioni politiche, rimane uno snodo fondamentale per imboccare, anche culturalmente, la strada di una pena più sensata, dignitosa e rispettosa del dettato costituzionale. I decreti legislativi varati dal Governo sono stati riconsegnati dalle due Camere con pareri formalmente favorevoli, ma l’elenco delle “condizioni” poste (non semplici “osservazioni”) è talmente lungo da tradire il desiderio politico di uno stop. Il rischio concreto è che non si faccia in tempo a tagliare il traguardo prima del 4 marzo e che tutto slitti a dopo, con forti incognite legate all’incertezza del quadro politico uscente dalle urne. Ma il problema tecnico nasconde, in realtà, un problema politico, che dovrà essere sciolto appunto nei prossimi giorni.

Diciamoci la verità: una riforma del carcere come questa, per quanto parziale, è considerata troppo “eversiva” rispetto a un senso comune che – dispiace dirlo – ha smarrito ogni riferimento costituzionale anche grazie a politiche dissennate sulla sicurezza e ad allarmismi funzionali solo a raccogliere consensi. Una riforma del carcere come questa è troppo impopolare per essere approvata proprio alla vigilia delle elezioni, per di più da un Governo che, a parte il Ministro della giustizia Andrea Orlando, forse non ne percepisce neppure la reale portata ma soltanto la carica “eversiva” e perciò teme di pagarne il prezzo nell’urna, a vantaggio di chi, in primis Lega e Movimento 5 Stelle, cavalca slogan del tipo: «È un regalo ai mafiosi». E pazienza se questa rappresentazione è il prodotto di fake news ben confezionate anche con il contributo di qualche magistrato e comunque nel silenzio della maggior parte dei magistrati.

Ci sono momenti – e questo è uno di quelli – in cui il silenzio è un lusso che nessuno si può permettere. Oggi, infatti, è la stessa Costituzione ad essere percepita come “eversiva” rispetto a un senso comune diffuso e fuori controllo, che si nutre di odio, vendetta, intolleranza, discriminazioni, emarginazioni… . La “Costituzione eversiva” può sembrare un paradosso ma è purtroppo un dato di fatto e tanto dovrebbe bastare a mobilitarsi ad ogni livello, per riconciliare il Paese reale con i valori costituzionali. Nessuno può chiamarsi fuori.

Da questo punto di vista, l’approvazione della riforma del carcere è una cartina di tornasole della credibilità dello spirito costituzionale rivendicato e celebrato dalle forze politiche per i 70 anni della Costituzione. Il varo dei decreti sarebbe un segnale positivo in questa direzione.

La delega prevede una procedura rafforzata per cui, fermo restando che i pareri delle Camere sono obbligatori ma non vincolanti, il Governo deve fare un altro passaggio parlamentare se ritiene di non adeguarsi a tutte o ad alcune delle “condizioni” eventualmente indicate dal Parlamento.

Orlando è determinato ad andare avanti sulla strada già tracciata, senza cioè snaturare la riforma. Quindi, salvo qualche piccola correzione, non cambierà i testi. Che a questo punto dovranno però ripassare in Consiglio dei ministri nella versione corretta per poi essere rispediti alle Camere con la motivazione sul mancato adeguamento. E le Camere avranno 10 giorni di tempo per pronunciarsi.

Non è stato un buon segnale che il Governo abbia “saltato” il Consiglio dei ministri dell’8 febbraio, rimandando tutto alla successiva riunione a Palazzo Chigi, al momento prevista per il 21. A quel punto, però, i 10 giorni a disposizione delle Camere scadranno il 3 marzo. Impossibile immaginare un Consiglio dei ministri per quella data. Se ne riparlerà dopo il voto (le nuove Camere dovrebbero insediarsi tra il 21 e 22 marzo e in ogni caso la delega scade ad agosto).

A meno che, però, non ci sia una ferma volontà politica di bruciare i tempi.

Governo e maggioranza dovrebbero anzitutto decidere di intestarsi la riforma anche a pochi giorni dal voto e poi accelerare al massimo i tempi per consentire al Consiglio dei ministri di anticipare il varo definitivo entro febbraio.

Uno scenario irrealistico, che induce a considerare la riforma già spacciata, soprattutto se si considera l’incertezza politica post voto.

Ma si può davvero accettare che, ad un passo dall’approvazione, tutto sfumi?

La riforma è un’occasione unica per voltare pagina sull’esecuzione penale e aprire la strada a una diversa concezione della pena. Che a molti sembrerà eversiva o rivoluzionaria mentre ai Costituenti sembrò semplicemente rispettosa della dignità della persona, oltre che conveniente per la sicurezza collettiva. Settanta anni fa, i Costituenti decisero che il carcere non sarebbe più stato un «cimitero dei vivi» e già allora esclusero che fosse l’unico modo per scontare la pena. Non avevano sottomano statistiche ma soltanto l’esperienza diretta di un carcere vendicativo che mortificava la dignità umana, supremo valore da tutelare anche dietro il muro di cinta. Con il passare del tempo, quella lungimiranza ha trovato conferma nelle statistiche, secondo le quali chi sconta la pena in modo flessibile – cioè in modo operoso, fruendo anche di misure alternative e comunque con un costante contatto con l’esterno – ha un tasso di recidiva del 30%, che sale al 70% per chi sconta la pena chiuso dietro le sbarre. Inoltre, le statistiche ci dicono anche che chi sconta pena in un contesto penitenziario rispettoso del dettato costituzionale ha una recidiva di 10 punti inferiore a chi, invece, affolla le patrie galere nell’ozio e nel degrado. Eppure, questo ritorno in termini di sicurezza collettiva viene ignorato proprio da chi agita le folle con l’argomento della sicurezza.

Ecco perché è doveroso mobilitarsi, e subito, per far approvare i decreti e trasformare questa piccola-grande riforma anche in un’occasione di riconciliazione del Paese reale con i suoi valori fondamentali.

Donatella Stasio

12 febbraio 2018
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13 giugno 2019
La privatizzazione della gestione dei servizi no core delle strutture penitenziarie: il caso dell’erigendo carcere di Bolzano
La privatizzazione della gestione dei servizi no core delle strutture penitenziarie: il caso dell’erigendo carcere di Bolzano
di Claudio Sarzotti
Il progetto di costruzione del nuovo carcere di Bolzano utilizza il modello del project financing non solo per l’edificazione dell’istituto, ma anche per la gestione dei servizi no core per i successivi 17 anni. Si tratta di una soluzione che, debitamente applicata e implementata, può scardinare le logiche dell’istituzione totale
31 maggio 2019
La forza di un abbraccio
La forza di un abbraccio
di Salvatore Casabona
I ristretti in regime di 41-bis ord. pen. alla prova della giurisprudenza minorile di Reggio Calabria
12 aprile 2019
Amicizie dalla libertà
Amicizie dalla libertà
di Fabio Gianfilippi
Una lettura di Liberi dentro. Cambiare è possibile, anche in carcere, un volume di Ezio Savasta (Infinito, 2019)
16 marzo 2019
Il sindaco dei diseredati e la giustizia
Il sindaco dei diseredati e la giustizia
di Giuseppe Battarino
Rocco Scotellaro, nel 1946 sindaco socialista di Tricarico, che agisce concretamente a favore dei diseredati, viene processato, incarcerato e infine assolto. Una vicenda di valore storico e simbolico
26 gennaio 2019
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
L'editoriale del n. 3/2018
L'editoriale del n. 3/2018
di Renato Rordorf
Disabilità e regime carcerario, questi i temi ai quali è dedicato il nuovo numero trimestrale di Questione Giustizia
11 dicembre 2018
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Questione penale e politiche penitenziarie, i documenti dell’Associazione italiana dei professori di diritto penale
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
di Donatella Stasio
Reati in calo, processi lenti, carceri affollate: un quadro che ci riporta indietro di dieci anni e riapre prospettive securitarie. Secondo il filosofo americano, il rispetto dei diritti umani non è un impiccio di cui liberarsi per placare la paura e riscuotere consensi
30 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018