home search menu
Rimessa alle Sezioni unite la questione sul luogo di deposito della richiesta di riesame delle misure cautelari reali
Giurisprudenza e documenti
Rimessa alle Sezioni unite la questione sul luogo di deposito della richiesta di riesame delle misure cautelari reali
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. III, Ord. 14 marzo 2017 (dep. 28 aprile 2017), n. 20255, Pres. Cavallo, Rel. Andronio

Con l'ordinanza, che qui si segnala, la Corte di cassazione ha rimesso alle Sezioni unite la questione «se la richiesta di riesame delle misure cautelari reali, di cui all'art. 324 cod. proc. pen., debba essere presentata nella cancelleria del tribunale del capoluogo della provincia nella quale ha sede l'ufficio che ha emesso il provvedimento impugnato o possa anche essere presentata nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trovano le parti private o i loro difensori»[1].

Nel caso di specie era accaduto questo.

I due ricorrenti, rispettivamente nelle loro vesti di indagato e terzo interessato, avevano presentato nella cancelleria del gip del Tribunale di Lagonegro richiesta di riesame avverso il decreto di convalida e contestuale sequestro preventivo, avente ad oggetto un terreno, che il gip di quel tribunale aveva emesso in relazione al reato di cui all'art. 256, comma 3, d.lgs n. 152/2006.

Il gip del Tribunale di Lagonegro aveva trasmesso l'atto di impugnazione al Tribunale di Potenza competente sul riesame ex art. 324, comma 5, cpp.

Il Tribunale di Potenza dichiarava inammissibile la richiesta di riesame, atteso che era stata proposta a un tribunale incompetente «in quanto diverso da quello individuato ai sensi dei commi 1 e 5 dell'art. 324 cod. proc. pen.».

Avverso tale ordinanza, i ricorrenti proponevano ricorso per cassazione per violazione degli artt. 324 e 582 cpp, sostenendo che la richiesta di riesame poteva essere alternativamente depositata anche presso la cancelleria del tribunale in cui le parti o i loro difensori si trovavano.

La Corte suprema, investita del ricorso, poiché intorno alla questione di diritto, sollevata dai ricorrenti e sopra richiamata, si contrappongono in seno alla giurisprudenza di legittimità due diversi orientamenti, ha ritenuto opportuno rimettere il ricorso al primo Presidente per l'assegnazione alle Sezioni unite.

In particolare i due orientamenti, che hanno dato origine al contrasto, possono così sintetizzarsi.

In base al primo orientamento, dal momento che il comma 2 dell'art. 324 cpp rinvia all'art. 582 cpp nella sua interezza e, dunque, pure alla regola contenuta nel suo secondo comma, le parti private o i loro difensori possono presentare la richiesta di riesame delle misure cautelari reali anche nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trovano.

Seguendo questo orientamento, per le misure cautelari reali si adotterebbe un'interpretazione del tutto analoga a quella già consolidatasi per le misure cautelari personali e maggiormente conforme al principio del favor impugnationis.

In base al secondo orientamento, invece, più restrittivo, tenuto conto di quanto dispongono i commi 1 e 5 dell'art. 324 cpp, la richiesta di riesame delle misure cautelari reali deve essere presentata, anche per via telegrafica o postale, soltanto nella cancelleria del tribunale del capoluogo della provincia nella quale ha sede l'ufficio che ha emesso il provvedimento; conseguentemente è da ritenere inammissibile l'atto di impugnazione presentato nella cancelleria di altro tribunale.

A una diversa conclusione non è possibile pervenire neppure in virtù del richiamo che, come si è visto, l'art. 324 cpp opera all'art. 582 cpp, atteso che di quest'ultima disposizione sono richiamate esclusivamente le “forme” con le quali la richiesta di riesame va presentata e non già le modalità del suo deposito.

Tale interpretazione, poi, oltre a non confliggere con il principio del favor impugnationis, porterebbe con sé il salutare effetto di semplificare e accelerare il procedimento.

Non resta, adesso, che attendere la decisione delle Sezioni unite per il componimento del contrasto[2].



[2] L'udienza davanti alle Sezioni unite è stata fissata per il 22 giugno 2017.

21 giugno 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
di Giulia Caveglia
Mentre la giurisprudenza di legittimità discute sulla legittimità o meno delle condotte di detenzione e cessione della cannabis sativa L (cannabis light), ritornare a questa sentenza appare importante per ripercorrere tutti gli orientamenti in materia di coltivazione non autorizzata e, più in genere, di offensività penale nel campo delle sostanze stupefacenti
21 febbraio 2019
Protezione umanitaria, la pronuncia della Cassazione n. 4890/2019
L’art. 147 cpc e la notifica in via telematica dopo le ore 21
L’art. 147 cpc e la notifica in via telematica dopo le ore 21
di Patrizia Papa
Brevi note a margine di Corte di cassazione, sez. VI Civile-2, ordinanza n. 31257/18
11 febbraio 2019
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
di Roberto Giovanni Conti
Un’analisi ragionata sul valore e l’efficacia dei Protocolli d’intesa conclusi fra le Alte Corti nazionali e la Corte Edu, prima dell’entrata in vigore del Protocollo n. 16 annesso alla Cedu, consente all’Autore di riflettere sulla portata dei diversi strumenti che vedono a vario titolo coinvolti i giudici nazionali e sovranazionali, oltre al Consiglio superiore della magistratura
30 gennaio 2019
Richiesta di differimento dell’udienza di riesame tra esigenze di difesa ed esigenze di celerità del giudizio
Richiesta di differimento dell’udienza di riesame tra esigenze di difesa ed esigenze di celerità del giudizio
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. II, Sent. 29 maggio 2018, n. 51932, Pres. Gallo, Rel. De Crescienzo
24 gennaio 2019
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
di Enrico Scoditti
È stata rimessa alle Sez. unite della Cassazione la questione della responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato. Nello scritto si propone di interpretare «violazione manifesta della legge» in termini di travisamento linguistico della disposizione o di fatto accertato ma rimasto privo di effetti giuridici nonostante l’esistenza di previsione legislativa
10 dicembre 2018
Il trattenimento amministrativo dello straniero nei Centri per i rimpatri non può avere finalità di prevenzione e di ordine pubblico, pena la sua radicale illegittimità
Cassazione, i principi fondamentali di disciplina dell’assegno di divorzio: libertà, autoresponsabilità e pari dignità *
di Marzia Di Bari
L’interpretazione dell’assegno divorzile, accolta dalle Sezioni Unite (sent. n. 18287/2018), alla luce dei principi costituzionali di libertà, autoresponsabilità e pari dignità, quale strumento di tutela dell’affidamento dei coniugi nel momento dello scioglimento del vincolo, autorizza la lettura del principio europeo di responsabilità in termini di reciprocità e determina il superamento delle criticità insite nell’orientamento inaugurato dalle Sezioni semplici della suprema Corte
4 dicembre 2018
Nella “fedeltà” del lavoratore subordinato il rimosso di un rapporto giuridico
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 3, Sent. 21 marzo 2018 (dep. 7 maggio 2018), n. 19689, Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi
19 ottobre 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
Giustizia e disabilità

La riforma spezzata.
Come cambia
l’ordinamento penitenziario
Giurisprudenza e documenti
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
di Giulia Caveglia
Mentre la giurisprudenza di legittimità discute sulla legittimità o meno delle condotte di detenzione e cessione della cannabis sativa L (cannabis light), ritornare a questa sentenza appare importante per ripercorrere tutti gli orientamenti in materia di coltivazione non autorizzata e, più in genere, di offensività penale nel campo delle sostanze stupefacenti
21 febbraio 2019
L’art. 147 cpc e la notifica in via telematica dopo le ore 21
L’art. 147 cpc e la notifica in via telematica dopo le ore 21
di Patrizia Papa
Brevi note a margine di Corte di cassazione, sez. VI Civile-2, ordinanza n. 31257/18
11 febbraio 2019
Richiesta di differimento dell’udienza di riesame tra esigenze di difesa ed esigenze di celerità del giudizio
Richiesta di differimento dell’udienza di riesame tra esigenze di difesa ed esigenze di celerità del giudizio
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. II, Sent. 29 maggio 2018, n. 51932, Pres. Gallo, Rel. De Crescienzo
24 gennaio 2019
Open Arms: l’avviso di conclusione indagini. Se la disobbedienza diventa violenza…
Open Arms: l’avviso di conclusione indagini. Se la disobbedienza diventa violenza…
di Andrea Natale
Riflessioni sull'avviso di conclusione delle indagini della Procura di Ragusa nei confronti di Open Arms e sulla funzione del diritto e del processo penale
18 dicembre 2018
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
di Silvia Massimi
La complessità delle norme in materia di terre e rocce da scavo è il paradigma di come il susseguirsi di regole e deroghe da fonti di diverso livello, rischi di compromettere la funzione del diritto penale in materia di tutela dell’ambiente
14 dicembre 2018
Cassazione, i principi fondamentali di disciplina dell’assegno di divorzio: libertà, autoresponsabilità e pari dignità *
di Marzia Di Bari
L’interpretazione dell’assegno divorzile, accolta dalle Sezioni Unite (sent. n. 18287/2018), alla luce dei principi costituzionali di libertà, autoresponsabilità e pari dignità, quale strumento di tutela dell’affidamento dei coniugi nel momento dello scioglimento del vincolo, autorizza la lettura del principio europeo di responsabilità in termini di reciprocità e determina il superamento delle criticità insite nell’orientamento inaugurato dalle Sezioni semplici della suprema Corte
4 dicembre 2018