home search menu
Salvini come Eichmann?<a title="" href="#_notatitolo1" id="_notatitoloref1">*</a>
Magistratura e società
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
professore di sistemi giuridici comparati, Università di Firenze
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici

Le esternazioni del vicepremier Matteo Salvini su un possibile censimento dei Rom non giungono inattese, visto che di Rom esplicitamente si parla nel contratto di Governo in una sezione dedicata ai “campi nomadi”. Salvini non è nuovo a dichiarazioni forti sul tema, tanto che la vera novità sarebbe quella dell’emissione di un provvedimento nella nuova veste di uomo di governo, appurato che la “questione Rom” è idonea a generare consenso.

Le reazioni sono state pure prevedibili, con alcuni commentatori che hanno richiamato lo sterminio nazista. Si va poi affermando un filone intermedio secondo il quale non sarebbe questione di razzismo, ma di reazione a un’oggettiva realtà di involuzione criminale e sfruttamento minorile, la cui negazione sarebbe dovuta a un colpevole silenzio, in deferenza al politicamente corretto, sostenuto da immarcescibili intellettuali di sinistra. Siamo, ovviamente, all’interno di una linea argomentativa ormai dominante in molti ambiti tra i “conservatori eleganti”, che qui ha tuttavia effetti lievemente surreali, considerato che quello del Rom criminale è l’unico stereotipo etnico che può essere espresso apertamente in qualunque ambiente.

Sono però altri i silenzi e le amnesie che fanno girare a vuoto il dibattito. Stupisce innanzitutto il fatto che quasi nessuno abbia voluto ricordare che esattamente dieci anni fa andò in scena lo stesso copione, con le ordinanze “emergenza nomadi” promosse da Roberto Maroni, poi giudicate illegittime dalle giurisdizioni amministrative. Ricordare l’esperimento di Maroni è utile, perché consente di mettere a fuoco il problema chiave, ossia che per malizia, prudenza o ignoranza le proposte politiche si concentrano unicamente sulla frazione del mondo Rom che vive in condizione di visibile marginalità, criminale o meno. La realtà che i Rom sono un insieme variegato di persone dai confini tutt’altro che ben definiti, che si confonde con le comunità dei cittadini dei Paesi di origine, Italia, Romania, stati ex jugoslavi e quant’altro, sembra troppo complessa o scomoda da affrontare. La donna con la gonna a fiori che mendica è considerata certamente Rom, l’uomo che abita in un condominio e fa il muratore certamente no.

Il presidente del Consiglio e il presidente della Corte costituzionale hanno subito specificato che un censimento etnico sarebbe illegittimo. Dichiarazioni rassicuranti sul piano dei principi, ma di scarso impatto pratico, perché identificare le persone “di etnia Rom” che non vivono in “campi nomadi” sarebbe impossibile prima che incostituzionale.

Identificare i Rom con gli abitanti dei campi nomadi serve certamente a alimentare gli stereotipi popolari, ma è lecito pensare che la confusione sia funzionale a legittimare – come tentò di fare Maroni  un diritto speciale per chi vive in certi luoghi, fingendo che questo non avvenga su base etnica. Riflettiamo un attimo sul punto. Molti campi nomadi sono luoghi socialmente degradati, con dinamiche tuttavia molto simili a quelle che caratterizzano certe periferie urbane, a volte le stesse dove sono dislocati i campi. Semplicemente, i campi sono luoghi in cui prevale la presenza di persone che corrispondono a una certa immagine di diversità incasellata (gli “zingari”), facilmente riconoscibile e distinguibile. Nessun governante proporrebbe regole ad hoc sul controllo degli abitanti (non Rom) dei peggiori inferni suburbani d’Italia, anche dove i tassi di criminalità sono altissimi.

Riflettere sul fatto che il problema politico è quello della reazione al Rom visibile o, con un termine oggi di moda, “percepito” sarebbe utile anche a chi vuole prendere posizione rispetto alle esternazioni di Salvini.

Salvini non è Eichmann, per il semplice motivo che regimi vessatori di diritto speciale o di “non diritto” per gli “zingari” sono stati a lungo sperimentati in Europa ben prima delle svolte totalitarie, come illustrato di recente da una storica americana, Jennifer Illuzzi, proprio con riferimento all’Italia e alla Germania tra il 1861 e il 1914 (Lives Outside the Law). La caduta dei totalitarismi non rappresentò sempre una svolta. In Francia tra il 1912 e il 1969 una legge imponeva ai “nomadi” di munirsi di un “libretto antropometrico”, il cui titolare era sottoposto a una lunga serie di obblighi fortemente limitativi della libertà personale.

Le dichiarazioni di Salvini e il contratto di Governo non contengono il germe di nuove leggi razziali, ma “semplicemente” mirano a creare una categoria di persone alle quali le istituzioni attribuirebbero una presunzione di pericolosità a prescindere dal loro comportamento individuale. Quali che siano i problemi, una soluzione del genere dovrebbe essere considerata pacificamente incompatibile con il nostro modello di stato di diritto, anche da chi non è un intellettuale di sinistra.

[*] In copertina: Vincent van Gogh, La carovana di zingari vicino Arles, 1888, Olio su tela (Musée d'Orsay, Parigi). Fonte: it.wikipedia.org

6 luglio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Ancora sul parere della Giunta del Senato per le immunità sul caso Diciotti
Accordi in forma (semi)semplificata, istanze di accesso civico e vulnus alla Costituzione
Accordi in forma (semi)semplificata, istanze di accesso civico e vulnus alla Costituzione
di Elisa Olivito
Il caso dell’accordo Italia-Niger dimostra come l’accesso civico si stia rivelando uno strumento utile e necessario per garantire la trasparenza ed il controllo democratico sulla politica estera del Governo in materia di immigrazione e asilo, stante la mancanza di strumenti e di volontà del Parlamento di salvaguardare le proprie prerogative come previsto dall’art. 80 Cost.
5 febbraio 2019
La richiesta di autorizzazione a procedere nel caso Diciotti
La richiesta di autorizzazione a procedere nel caso Diciotti
di Luca Masera
Chi fissa e quali sono i limiti all’azione politica del Governo in uno Stato democratico?
29 gennaio 2019
Eurobarometro, speciale immigrazione: in che modo le opinioni degli italiani differiscono da quelle dei cittadini europei?
Eurobarometro, speciale immigrazione: in che modo le opinioni degli italiani differiscono da quelle dei cittadini europei?
di Lenka Dražanová
La pubblicazione dell’Eurobarometro sull’integrazione degli immigrati nell’Ue (n. 469) permette di fare dei confronti tra l’Italia e gli altri Stati europei. Questa breve analisi di alcuni dati intende far luce sulla domanda se le opinioni degli italiani a proposito di immigrazione differiscano significativamente da quelle dei cittadini europei, e in caso affermativo su quali aspetti principali
19 dicembre 2018
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti 
togati del Csm: una riforma poco trasparente
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti togati del Csm: una riforma poco trasparente
di Marco Dall'Olio
L'abrogazione dell'art. 30, comma 2, del dPR 26 settembre 1958 n. 916 − avvenuta a fine anno 2017 mediante inserimento di un comma all'interno della legge di bilancio dello scorso anno − ha privato i magistrati del necessario dibattito preventivo sull'argomento
12 novembre 2018
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
di Marcello Bortolato
Il 10 novembre 2018, entra in vigore la riforma dell’Ordinamento penitenziario. Anticipiamo dal numero 3/2018 di Questione Giustizia Rivista trimestrale questo analitico commento dei decreti legislativi che hanno coagulato il vasto programma di riforma avviato dall’esperienza degli Stati generali dell’esecuzione penale. Punti di forza (pochi) e punti di debolezza (tanti) di un testo legislativo con cui gli interpreti (magistrati, avvocati, operatori del penitenziario) dovranno confrontarsi
9 novembre 2018
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
di Francesco Gianfrotta
Per risolvere il problema dei beni confiscati che non trovano un fruttuoso utilizzo, il dl sicurezza punta alla vendita: con rischi gravi che i mafiosi tornino in possesso di quanto loro sottratto, usando prestanomi. Cautele ridicole e inviti all’ottimismo: queste le nuove frontiere della lotta alle mafie e alle più gravi forme di illegalità che ci riserva il Governo in carica
29 ottobre 2018
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
di Valerio Savio
Una proposta in grado di distruggere il ruolo rappresentativo ed istituzionale del Csm. Una pubblica umiliazione/delegittimazione per la magistratura e i singoli magistrati. Una riforma cui l’Anm deve opporsi con forza, unitariamente
24 ottobre 2018
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Newsletter


Fascicolo 4/2018
Una giustizia (im)prevedibile?

Il dovere della comunicazione
Magistratura e società
Messa alla prova… 30 anni dopo!
Messa alla prova… 30 anni dopo!
di Cristina Maggia
La messa alla prova minorile per reati gravi: una sfida che vale la pena raccogliere. Il libro di Joseph Moyersoen raccoglie voci diverse, con un focus particolare sulla commissione di reati associativi in diversi contesti geografici
13 aprile 2019
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
di Paola Perrone
Cosa è accaduto in Italia tra il 1978 e il 1980, quando la nostra Repubblica fu esposta a rischi di involuzione eversiva? Giuliano Turone ce lo racconta in questo volume (ed. Chiarelettere) con la curiosità del giudice istruttore e la brillantezza dello storico
6 aprile 2019
Il diritto penale nella stagione dei populismi *
di Simone Spina
Assecondare gli umori repressivi presenti nella società alimentando insicurezza e paura, criminalizzando il diverso e l’emarginato: questi i tratti delle odierne politiche in materia penale che stridono con il volto costituzionale del diritto penale e che rischiano di trasformarlo da luogo dell’uguaglianza a luogo della discriminazione
2 aprile 2019
Verona e il Medioevo delle famiglie
Verona e il Medioevo delle famiglie
di Stefano Celentano
Dal 29 al 31 marzo, nella città veneta si terrà il World Congress of Families, un evento la cui matrice culturale, contraria a principi di “diritto vivente”, è un malcelato schiaffo alle libertà, alla dignità affettiva e relazionale dei singoli, ai diritti del corpo quali espressione della affettività e della sessualità
28 marzo 2019
La nuova cultura dell’individuo emozionale e sempre emozionato *
di Gabriella Turnaturi
Di cosa è fatta la discrezionalità dei giudici se non da un complesso intreccio fra conoscenza giuridica, sensibilità, cultura ed esperienza personale? Ancora una riflessione dopo le sentenze di Bologna e Genova su casi di femminicidio
27 marzo 2019
Diritto penale no-limits. Garanzie e diritti fondamentali come presidio per la giurisdizione *
di Vittorio Manes
Il diritto penale è diventato parte integrante della politica e, in linea con le declinazioni tipiche del populismo penale, risponde ad un nuovo paradigma che si caratterizza per l’utilizzo della penalità protesa a soddisfare pretese punitive opportunisticamente fomentate e drammatizzate ed a legittimare i nuovi assetti di potere politico. Si tratta di un diritto penale sempre più disarticolato dalle proprie premesse fondative liberali, teso al congedo dalla tipicità legale del reato, dal principio di proporzione tra reato e pena e dalla presunzione di innocenza, come dimostra la recente legge cosiddetta “spazzacorrotti”, ed affidato interamente alla gestione del giudice, con l’effetto ulteriore della sovraesposizione della magistratura rispetto a compiti impropri.
26 marzo 2019