home search menu
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
Magistratura e società / cinema e letteratura
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Ordinario di Diritto processuale civile della LUISS Guido Carli
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015

Giuseppe Marotta fa l’ufficiale giudiziario. È laureato, ma non in giurisprudenza. È “napoletano” (di Pompei), ma vive e lavora a Milano senza perciò fare la caricatura a Totò. È uno che prende sul serio il suo lavoro, che pure non gli piace, e ogni giorno esce di casa sapendo di dover entrare nell’inferno degli altri. Un luogo di disperazione dove se va bene si firmano solo verbali, ma se va male sono minacce, botte, scene da apocalisse, forza pubblica, fabbro, ambulanza.

Il sottotitolo di Sfrattati avverte: entro nella vita delle persone per farle uscire di casa. Si potrebbe pensare di avere tra le mani un libro noioso, ripetitivo, farcito di tecnicismi, arido.

La sorpresa è quella di incontrare un vero scrittore, con lo stile e i tempi del narratore, che chiama gli esecutati suoi “clienti” (a rigore, il cliente dovrebbe essere il creditore procedente) e che, consapevole di dover applicare il codice di procedura (del quale probabilmente conosce qualcosa del libro III), si impegna quotidianamente nella ricerca di soluzioni che, compatibili con quel codice, “personalizzino” l’esecuzione in modo da renderla tollerabile. Ciò non avviene sempre – c’è lo sfrattato che si chiude in bagno e si spara, perché non ha trovato il coraggio di dire alla famiglia che la casa è persa – ma avviene comunque di regola: e i clienti, che pure debbono subire la violenza dello sfratto, a volte addirittura, al termine del trattamento, lo ringraziano.

Ogni storia è diversa dall’altra, e la tensione della lettura cresce. E ti rendi conto che non è possibile ottenere da qualcuno l’abbandono dell’abitazione senza prima entrare nella sua vita, capire come si è arrivati a quel punto, suggerire possibili alternative, offrire un aiuto. Quasi tutti gli sfrattati chiedono aiuto all’ufficiale giudiziario, al quale danno del tu sperando che diventi rapidamente loro amico. Il paradosso è che la persona col compito istituzionale di sbatterli fuori è, per loro, un amico che non potrà non aiutarli. È l’ultima istituzione pubblica prima di scivolare nel totale abbandono.

I clienti sono tutti dei disperati: extracomunitari, balordi, poveracci colpiti dalla “triplice” (nell’ordine: perdita del lavoro, della famiglia e della casa), vittime della giustizia non soltanto perché sfrattati ma perché non hanno avuto tempestiva tutela dei loro diritti e il mancato recupero dei loro crediti li pone nella condizione di perdere tutto. L’inefficienza della giustizia fa vittime a caso, rende l’esecutato esecutante e viceversa. Chi perde tutto a volte si spara, a volte muore d’infarto: Marotta racconta del caso in cui d’infarto muore prima il marito e poi la moglie e per quest’ultima l’infarto è la spiegazione che fa più comodo a tutti perché impedisce di vedere che un aiuto, forse, la signora alla fine se l’è dato.

Le trattative coi clienti sono estenuanti: a volte avvengono a casa in occasione degli accessi, a volte nell’ufficio di Marotta ove gli esecutati si recano alla caccia del miracolo. Pregano, minacciano, mentono, blandiscono, promettono, barano, si disperano, si umiliano, sono disposti a tutto pur di non perdere il bene primario della casa. E anche tra loro i disperati non sono tutti uguali: chi viene sfrattato dal privato per morosità può forse ancora trovare un alloggio del Comune, può chiedere aiuto agli assistenti sociali; ma chi perde la casa del Comune ha solo l’alternativa della strada. E di questi tempi sempre più disperati si ritrovano per strada, e la casa manco la cercano più.

Al primo accesso si sa che non si sfratta. E neanche al secondo. Le visite dell’ufficiale giudiziario sono una via della croce che serve soprattutto a convincere lo sfrattato ad andarsene in pace, senza danni, senza la forza pubblica. Ma per ottenere questo lo si deve convincere, serve tempo, e la convinzione non verrà certo dalla lettura del provvedimento del giudice che dispone lo sfratto: il giudice vive su un altro mondo, è a tutti gli effetti l’esponente d’un altro mondo. La consegna delle chiavi è il miraggio cui tendono atti, verbali, sottoscrizioni, moduli, avvisi.

Puoi incontrare il camorrista che chiama in aiuto la famiglia e ti minaccia offrendoti da bere, l’extracomunitario che se ne va dopo un imprecisato numero di accessi ma non senza aver distrutto l’appartamento il cui canone per anni non ha pagato e che all’inizio aveva pagato in nero. A volte la lotta è tra il ricco e il povero, a volte tra forme diverse di povertà perché esistono proprietari schiacciati dalle spese condominiali, dalle tasse, dalle proprie personali vicende e che rischiano di perdere a loro volta il bene, se non percepiscono il canone che serve a pagare il mutuo.

Al centro di questi conflitti è l’ufficiale giudiziario, un mestiere ingrato in mezzo a tante diverse conoscenze: la legge, certo, ma insieme ad essa tante altre cose che appartengono alla natura umana, spesso tra loro in conflitto, ma che consentono di andare avanti e potersi conquistare i quindici giorni d’estate con la famiglia in riviera romagnola a spingere sul pedalò, sognando vacanze in terre lontane. Sognando un lavoro diverso: di scrittore, di pubblicitario, qualcosa che sia un po’ più lontana dal dolore.

Sfrattati è un libro talmente drammatico da apparire leggiero. È la testimonianza di chi la realtà la vede tutti i giorni in faccia, e assai spesso si tratta di facce che nessuno vorrebbe mai vedere; e che, anche volendo, non riesce a vedere perché qui i riflettori restano sempre spenti. Lo spettacolo riguarda molti, ma non interessa nessuno.

20 luglio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
di Maria Giuliana Civinini
Un manifesto contro la tortura, un canto all'amore
12 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Ninna nanna per un bambino siriano, ghanese oppure marziano *
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
Quando Machiavelli cantò il Magnificat ai magistrati*
di Tommaso Greco
Il diritto e la giustizia affondano le loro radici nella sofferenza degli ultimi e nella possibilità di un loro riscatto. Ce lo ricorda, forse inaspettatamente, Niccolò Machiavelli in un suo discorso pressoché dimenticato, nel quale egli, rivolgendosi ai magistrati, riprende spunti classici e religiosi
3 luglio 2018
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
di Carlo Sorgi
Il volume curato da Marco Omizzolo rappresenta uno dei primi tentativi seri di sistematizzare l’esperienza di un venticinquennio di accoglienza dei migranti in Italia, evidenziando l’esigenza di trasformare la migrazione da fenomeno emergenziale a progetto per la crescita e lo sviluppo economico e culturale del Paese
30 giugno 2018
La richiedente
La richiedente
Smain Laacher è un componente laico (assesseur) della Cnda (Cour national du droit d’asile) francese, che ha raccolto in un saggio (Croire à l’incroyable, Gallimard, 2018) le sue riflessioni a partire dall'esperienza pluriennale nella Corte che giudica sui ricorsi dei richiedenti asilo
20 giugno 2018
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018