home search menu
Magistratura e società
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK 2014)
L'antologia del 2014 in formato epub e mobi per tablet, e-reader, pc e smartphone con gli indici generali per autori e articoli
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK 2014)

L’anno che volge a termine è stato segnato dalla rapida ascesa di Matteo Renzi.

Conquistata la segreteria del Partito Democratico, nel volgere di qualche settimana è divenuto Presidente del Consiglio.

La Rivista ha assistito senza pregiudizi a questi eventi. Abbiamo seguito e commentato i tentativi di trovare rimedi per i problemi del Paese, stretto nella morsa di una crisi economica e, al tempo stesso, morale.

Non abbiamo nascosto che, passati i mesi, agli annunci non sono seguiti gli interventi sperati per la tutela dei diritti, per l’efficacia del processo, per l’uguaglianza sostanziale fra i cittadini.

Le annunciate riforme della giustizia civile si sono risolte in soluzioni velleitarie. L’unica urgenza è sembrata quella di riformare la responsabilità civile dei magistrati e di additarli quali cause della lunghezza dei processi.

Il Job’s act lascia perplessi per il contenuto vago e per il sacrificio dei diritti dei lavoratori.

La prevenzione e la repressione della corruzione diffusa e della criminalità organizzata sono ancora da venire. Così come manca una sanzione effettiva per le condotte che ledono l’ambiente e la salute pubblica: lo testimonia il caso Eternit.

Nel frattempo, i magistrati italiani sono chiamati ripetutamente a decidere su questioni che sono sempre state dimenticate dal legislatore. Si pensi ai diritti delle coppie di fatto, alla stepchild adoption o alla trascrizione dei matrimoni fra persone dello stesso sesso celebrati all’estero.

La circostanza che si tratti di temi eticamente sensibili, non deve fare dimenticare che ci si trova innanzi a diritti da tutelare e a persone che meritano di essere protette. 

Altre volte, i giudici sono stati chiamati a porre rimedio a interventi ideologici del legislatore. Sono i casi della legge in materia di fecondazione eterologa, oggetto di una progressiva bocciatura da parte della Consulta. E, ancora, della legge Fini Giovanardi, in materia di sostanze stupefacenti.

Ma il 2014 è stato anche l’anno di riforme importanti e giuste, i cui effetti saranno tanto positivi, quanto gli uffici giudiziari sapranno promuovere prassi virtuose. E' il caso della Messa alla Prova per gli adulti e dell'entrata in vigore del processo civile telematico. 

Abbiamo insomma, ancora per un altro anno, tenuto aperto il dibattito sulle questioni che girano attorno alla Giustizia.

I contributi selezionati in questo ebook testimoniano proprio questo sforzo: il tentativo di costruire un percorso unitario, come altrettante tessere di uno stesso mosaico.

A fine volume, poi, i lettori troveranno due indici generali, per autori e articoli, con tutte le pubblicazioni di quest’anno. 

A tutti i nostri collaboratori, a cui il nostro sito deve la sua vitalità, va il primo ringraziamento.

Dal 2015 la sfida continua e diventa più difficile e stimolante.

Dopo oltre trent’anni abbandoniamo il formato cartaceo. 

La nuova Questione Giustizia, con cadenza periodica ma sempre liberamente e gratuitamente scaricabile, sfrutterà appieno le potenzialità del digitale.

Una sfida che sarà gestita da una redazione rinnovata e allargata e da un nuovo direttore: Renato Rordorf. 

Un ringraziamento particolare va, però, a Beniamino Deidda, direttore negli ultimi anni, senza il cui entusiasmo e carisma, la Rivista non avrebbe avuto la forza di rinnovarsi. 

Intanto Buona lettura!

Giovanni Zaccaro

 

 

NOTE TECNICHE

*Questione Giustizia 2014 è nei formati epub e mobi, scaricabile e fruibile su Ipad, Kindle e qualsiasi altro tablet (o pc e smartphone) come un normale ebook.

Si può scaricare il file anche da questo link. Per Ipad e Iphone il browser consigliato è Safari. Come software per la lettura si consiglia Adobe Digital Editions Home (Windows e Mac) o iBooks (Mac)

22 dicembre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK 2015)
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK 2015)
L'antologia del 2015 in formato epub: per tablet, pc e smartphone, con gli indici analitici per autori e articoli
21 dicembre 2015
Diritti, doveri e garanzie dei magistrati (EBOOK)
Conoscere l'ordinamento giudiziario per essere protagonisti e non comparse dell'autogoverno. In occasione dell'assunzione delle funzioni da parte dei colleghi MOT, pubblichiamo le schede di ordinamento giudiziario aggiornate al gennaio 2015
9 gennaio 2015
Ripensare gli strumenti di contrasto alle mafie: proposte e riforme (EBOOK)
Il volume costituisce un'utile panoramica dei metodi di contrasto alla criminalità mafiosa e degli strumenti di prevenzione
31 dicembre 2014
Misure cautelari e limitazioni della libertà personale (EBOOK)
Numero speciale di Questione Giustizia in formato digitale con atti, relazioni e dati sul sistema delle misure cautelari personali
18 ottobre 2014
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK)
L'antologia del 2013 in formato epub per tablet, pc e smartphone con gli articoli più letti e gli indici con tutti gli autori e gli articoli
13 dicembre 2013
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Magistratura e società
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé.
28 aprile 2018
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018