home search menu
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK 2015)
Magistratura e società
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK 2015)
L'antologia del 2015 in formato epub: per tablet, pc e smartphone, con gli indici analitici per autori e articoli

Si sta per concludere un altro anno, il terzo per il nostro sito. Nel 2015, alle pubblicazioni quotidiane, si è aggiunto l’esordio della rivista trimestrale, tutta digitale e liberamente scaricabile.

Tanti i temi trattati nei primi numeri: i quarant’anni dell’ordinamento penitenziario e le questioni attorno al carcere e alla pena, l’unicità della giurisdizione, la responsabilità civile dei magistrati, l’immunità giurisdizionale degli Stati, i diritti fondamentali, il Jobs act, le modalità alternativa di risoluzione delle controversie, i progetti di riforma del processo civile, la riforma della legge elettorale, l’associazionismo giudiziario, il diritto al dissenso e la repressione del dissenso.

Accanto a questi temi, quelli dell’attualità quotidiana.

Ci siamo lasciati l’anno scorso con l’impegno di verificare se le tante riforme annunciate sarebbero state in grado di affrontare le tante questioni intorno alla giustizia e ai diritti.

Abbiamo cercato di farlo anche durante tutto il 2015.

Abbiamo seguito i tentativi di abbandonare politiche legislative panpenalistiche, attraverso l’introduzione dell’istituto dell’irrilevanza penale del fatto e, da ultimo, con le parziali depenalizzazioni. Ci siamo soffermati, senza pregiudizi, sui passi difficoltosi del processo civile telematico, consapevoli che si tratti di uno strumento per una giurisdizione più veloce ed efficiente, sempre che all’impegno degli operatori della giustizia si affianchi un serio e continuo investimento ministeriale nella formazione e di implementazione delle risorse.

Siamo rimasti tutti attoniti a fronte della lucida barbarie del terrorismo, capace di aggredire la libertà di stampa e di pensiero, di sconvolgere la vita quotidiana di tutti, seminando panico nei luoghi di aggregazione, di ricreazione, di fruizione collettiva dell’arte e dello spettacolo.

Abbiamo seguito le decisioni delle corti nazionali ed europee, certi che il vaglio della giurisprudenza aiuti a comprendere i mutamenti sociali ed economici.

Chiudevamo l’antologia dell’anno scorso invocando una disciplina in materia di affettività e di legami omosessuali ma, anche oggi, constatiamo che tocca alle Corti risolvere problemi di evidente rilievo sociale e umano, rispetto ai quali il legislatore continua ad essere distratto. 

Continuiamo dunque a offrire lo spazio della nostra Rivista a chi si voglia impegnare nella costruzione di una cultura giuridica critica, laica, di respiro europeo, orientata alla promozione dei diritti, delle garanzie e dell’uguaglianza sostanziale di tutti gli esseri umani.

Questa antologia rappresenta una piccola sintesi del lavoro dell’anno che volge al termine. I contributi ripubblicati sono stati selezionati con l’unico criterio di evidenziare l’esistenza di temi ricorrenti e questioni sempre aperte. Sicuramente anche tanti altri interventi meritavano di essere ripresi ma spesso, pure pregevoli, sono stati superati dall’evoluzione giurisprudenziale o normativa.

A fine volume, poi, i lettori troveranno due indici, per autori e articoli, con tutte le pubblicazioni di quest’anno. Ai tanti collaboratori della rivista va il nostro primo ringraziamento. Nel 2016 continueremo a lavorare sempre meglio, soprattutto se maggiore sarà il contributo e lo stimolo proveniente dai lettori.

Da parte nostra, l’auspicio è quello di ritrovare presto tra le nostre firme anche quella di Annina Canepa, che tanto ha fatto, e continuerà a fare, per la promozione di Questione Giustizia.

Per il momento, buona lettura!

Giovanni Zaccaro

 

 

 

NOTE TECNICHE

*Questione Giustizia 2015 è nel formato epub, scaricabile e fruibile su smartphone, tablet e pc. Si può scaricare l'ebook anche qui

Per Ipad e Iphone il browser consigliato è Safari. Come software per la lettura si consiglia Adobe Digital Editions Home (Windows e Mac) Bluefire Reader (Windows e Mac) o iBooks (Mac)

21 dicembre 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Diritti, doveri e garanzie dei magistrati (EBOOK)
Conoscere l'ordinamento giudiziario per essere protagonisti e non comparse dell'autogoverno. In occasione dell'assunzione delle funzioni da parte dei colleghi MOT, pubblichiamo le schede di ordinamento giudiziario aggiornate al gennaio 2015
9 gennaio 2015
Ripensare gli strumenti di contrasto alle mafie: proposte e riforme (EBOOK)
Il volume costituisce un'utile panoramica dei metodi di contrasto alla criminalità mafiosa e degli strumenti di prevenzione
31 dicembre 2014
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK 2014)
L'antologia del 2014 in formato epub e mobi per tablet, e-reader, pc e smartphone con gli indici generali per autori e articoli
22 dicembre 2014
Misure cautelari e limitazioni della libertà personale (EBOOK)
Numero speciale di Questione Giustizia in formato digitale con atti, relazioni e dati sul sistema delle misure cautelari personali
18 ottobre 2014
Un anno di Questione Giustizia online (EBOOK)
L'antologia del 2013 in formato epub per tablet, pc e smartphone con gli articoli più letti e gli indici con tutti gli autori e gli articoli
13 dicembre 2013
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Magistratura e società
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé.
28 aprile 2018
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018