home search menu
Osservatorio internazionale / Europa
Valutazioni di professionalità e qualità della giustizia
di Maria Giuliana Civinini
Presidente di Sezione del Tribunale di Livorno
Il Consiglio Consultivo dei Giudici Europei adotta la sua 17° Opinione
Valutazioni di professionalità e qualità della giustizia

Il 24 ottobre 2014 il Consiglio Consultivo dei Giudici Europei, organo consultivo del Consiglio d'Europa in materia di indipendenza, imparzialità e competenza dei giudici, ha adottato l'Opinione n. 17, sulla valutazione del lavoro dei giudici, la qualità della giustizia e il rispetto per l'indipendenza giudiziaria

Per il magistrato italiano, da oltre un ventennio familiare col concetto di valutazione di professionalità, può apparire a prima vista un documento ridondante e quasi superato, soprattutto laddove si sofferma sulle ragioni della valutazione, sul perché giudicare i giudici.

Da un lato deve considerarsi che il CCGE tiene conto dell'esperienza normativa e pratica (rilevata attraverso dettagliati questionari) di tutti i paesi del CdE - tra i quali si contano nuove democrazie e sistemi che ancora e faticosamente stanno costruendo sistemi giudiziari democratici - e detta le sue raccomandazioni avendo presente questa composita realtà.

Tali raccomandazioni sono uno strumento preziosissimo, in quanto concorrono a creare la rete di standard europei che fanno da parametro per la legalità ed effettività delle riforme giudiziarie che si progettano e si realizzano in ambito CoE, sovente col supporto di esperti e progetti dell'UE e del CoE stesso. Inoltre le opinioni, portate all'attenzione del Comitato dei Ministri, possono ispirare atti del Consiglio, come la Raccomandazione CM Rec2010(12) agli Stati membri sui giudici: indipendenza, efficacia e responsabilità.

Dall'altro lato non sembra inutile per il magistrato italiano una riflessione sulle ragioni di un sistema effettivo di valutazione e sui suoi nessi coi concetti di legittimazione e responsabilità, soprattutto alla luce delle recenti tendenze di pensiero - che trovano nelle mailing list la loro apoteosi - che manifestano chiara ostilità verso valutazioni, standard di produttività, obbiettivi organizzativi, meccanismi responsabilizzanti.

L'Opinione si compone di tre parti: l'introduzione - in cui si precisa che l'obbiettivo dell'Opinione è verificare come la valutazione del lavoro individuale del giudice può migliorare la qualità della giustizia senza incidere sull'indipendenza; l'analisi delle prassi in atto negli Stati membri; l'analisi dei problemi e soluzioni con le raccomandazioni. 

Il CCGE distingue chiaramente tra sistemi informali e formali di valutazione. I primi essendo tipici di una minoranza di Paesi con tradizioni molto specifiche (UK, Olanda, Finlandia) incentrate su auto-valutazione, valutazione di pari, colloqui con i Presidenti, raccolta informale di informazioni che di fatto può avere un enorme rilievo sulla carriera e le promozioni, ci si concentrerà sull'analisi dei sistemi formali.

Le valutazioni di professionalità devono avere per fondamento previsioni normative chiare e dettagliate, eventualmente integrate dalla normativa secondaria dei Consigli di Giustizia.

Esse devono basarsi su criteri oggettivi - per evitare personalismi, favoritismi, raccomandazioni e influenze politiche - di merito, che tengano conto della qualificazione, integrità, abilità, efficacia del singolo magistrato. Richiamati i principi elaborati in materia dalla Rete dei Consigli di Giustizia e le Raccomandazioni di Kiev del 2010, si afferma che le valutazioni devono condursi sulla base di criteri qualitativi - quali competenza professionale (la conoscenza del diritto, la capacità di condurre procedimenti giudiziari, capacità di scrivere decisioni motivate), competenze personali (capacità di far fronte al carico di lavoro, capacità di decidere, apertura alle nuove tecnologie), competenze sociali, vale a dire la capacità di mediare, il rispetto per le parti, e, inoltre, la capacità di dirigere per coloro le cui posizioni lo richiedono - e quantitativi. Peraltro, una valutazione non dovrebbe essere mai il risultato della considerazione di soli dati statistico-quantitativi né essere incentrata solo sulla produttività. Quest'ultima può essere infatti influenzata da più fattori, quali le risorse a disposizione del giudice, per la messa a disposizione delle quali in modo adeguato ed efficiente sussiste una precisa responsabilità dello Stato.

Il CCGE considera che "la qualità, e non solo la quantità, delle decisioni giudiziarie deve essere al cuore della valutazione. Nell'Opinione n. 11(2008) il CCGE ha discusso dell'importanza di decisioni di alta qualità. Per valutare la qualità della decisione di un giudice, i valutatori devono concentrarsi sul metodo adottato dal giudice nel suo lavoro piuttosto che sul merito delle decisioni individuali. Quest’ultimo può essere considerato soltanto attraverso il processo di appello. I valutatori devono considerare tutti gli aspetti che costituiscono una buona prestazione giudiziaria, in particolare le conoscenze giuridiche, la capacità di comunicazione, la diligenza, l’efficienza e l’integrità. A tal fine i valutatori devono considerare il lavoro del giudice in tutta la sua ampiezza nel contesto in cui quel lavoro è realizzato. Pertanto il CCGE continua a ritenere problematico basare la valutazione dei risultati sul numero o la percentuale di casi riformati in appello, a meno che il numero e il modo delle riforme dimostri chiaramente che il giudice difetta della necessaria conoscenza della legge e della procedura. Da notarsi che le Raccomandazioni di Kiev e il Rapporto della RECG pervengono al medesimo risultato.”

La valutazione dovrebbe essere attribuita a giudici e i Consigli di Giustizia dovrebbero avere un ruolo nell’organizzazione della medesima. Ogni intromissione o influenza dell’esecutivo è da evitarsi.

Le fonti di informazione devono essere affidabili e messe a disposizione dell’interessato. Benché valutazione e ispezione debbono rimanere distinte, fatti scoperti nel corso di un’attività ispettiva possono essere utilizzati a fini valutativi.

Il giudice sotto valutazione ha il diritto di esprimere il suo punto di vista, può essere eventualmente sentito, ha diritto a impugnare la valutazione davanti ad una autorità indipendente o ad una corte.

I risultati della valutazione, seppur non debbano portare ad una sorta di graduatoria tra i giudici, possono essere utilizzati a fini di promozione, individuazione di bisogni normativo o attribuzione di risorse aggiuntive. “La destituzione può essere una delle conseguenza se la conclusione inevitabile del processo di valutazione è che il giudice è incapace o non intenzionato a svolgere le sue funzioni a uno standard minimo accettabile, oggettivamente giudicato.”

E’ di cruciale importanza trovare il corretto bilanciamento tra tutela dell’indipendenza e necessità di valutazione; trasparenza delle regole, criteri oggettivi, diritto al contraddittorio, valutazione qualitativa del lavoro giudiziale nel suo insieme, eccezionalità di soluzioni estreme quali la destituzione costituiscono garanzie di un buon bilanciamento.

“la formale valutazione individuale dei giudici … dovrebbe aiutare a migliorare e mantenere un sistema giudiziario di alta qualità nell’interesse dei cittadini … Questo dovrebbe aiutare anche a mantenere la fiducia del pubblico nella giustizia. Per questo il pubblico deve essere messo in condizione di comprendere i principi generali ed il procedimento di valutazione, le cui regole e metodologie dovrebbero quindi essere pubbliche. D’altro lato, secondo il CCGE, il procedimento di valutazione individuale a fini di carriera o promozione non può tenere in considerazione il giudizio della pubblica opinione su un giudice. Tale giudizio può basarsi su informazioni incomplete o persino su un completo fraintendimento del lavoro del giudice. I risultati della valutazione in principio devono rimanere confidenziali e non resi pubblici. Ciò potrebbe infatti mettere a rischio l’indipendenza per l’ovvia ragione che tale pubblicazione potrebbe screditare il giudice agli occhi del pubblico e renderlo vulnerabile ai tentativi di influenzarlo. Inoltre, la pubblicazione può esporre il giudice a attacchi verbali o di altro tipo.”

Seguono e concludono il documento 14 sintetiche raccomandazioni che riassumono i principi esposti. 

The Opinion’s English text can be read here  

Le texte français de l’Avis peut être lit ici  

 

Note 

La Raccomandazione CM Rec2010(12) agli Stati membri sui giudici: indipendenza, efficacia e responsabilità può leggersi qui 

Il rapporto 2012-2013 con le relative raccomandazioni della Rete dei Consigli di Giustizia può leggersi qui 

Le Raccomandazioni di Kiev KYIV RECOMMENDATIONS ON JUDICIAL INDEPENDENCE IN EASTERN EUROPE, SOUTH CAUCASUS AND CENTRAL ASIA - Judicial Administration, Selection and Accountability - Kyiv, 23-25 June 2010 possono leggersi qui 

7 gennaio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Basta aggettivi!
Basta aggettivi!
di Ilio Mannucci Pacini
Ancora a proposito di valutazioni periodiche di professionalità dei magistrati
20 marzo 2019
Commissione ministeriale per l'ordinamento giudiziario: cosa non è passato, ma di cui occorre comunque discutere
Commissione ministeriale per l'ordinamento giudiziario: più di un semplice maquillage, non ancora un progetto
L’eccellente magistrato Macis e l’immutabile linguaggio
di Giuseppe Battarino
Valutazione della professionalità dei magistrati e scelta dei dirigenti degli uffici: passano i tempi, rimangono le parole
27 febbraio 2015
Le valutazioni periodiche di professionalità dopo la riforma del 2007
Gli abstract degli articoli dell'obiettivo sul n. 6/2013 di Questione Giustizia
7 aprile 2014
"Copia e incolla" e valutazioni
di professionalità
di Daniele Cappuccio
Note a margine della delibera del Consiglio giudiziario di Genova sul "copia e incolla"
16 gennaio 2014
I doveri del dirigente nella redazione dei rapporti informativi
di Mariarosaria Guglielmi
La recente delibera del Csm sulle fonti di conoscenza utilizzabili e i poteri del dirigente nelle valutazioni di professionalità dei magistrati
13 giugno 2013
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Osservatorio internazionale
Pillole di Consiglio d’Europa n. 1
Pillole di Consiglio d’Europa n. 1
Il Comitato dei Ministri (CM), l’Assemblea Parlamentare (APCE), il Rappresentante Speciale per le Migrazioni e i Diritti Umani, la Commissaria per i Diritti Umani
4 luglio 2019
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2019: legittimità della detenzione del richiedente asilo, deroga ad alcuni diritti fondamentali durante lo stato di emergenza, diritto a un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, best interests of the child, principio del ne bis in idem
28 giugno 2019
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2019: inadeguatezza delle cure mediche durante la detenzione, diritto ad un ricorso effettivo contro il trattenimento nei centri di accoglienza, diritto al rispetto della vita familiare, diritto ad un tribunale costituito per legge, libertà di espressione
21 giugno 2019
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
di Sabrina Apa
Con due decisioni cautelari (30 aprile e 20 maggio 2019), la Cedu è tornata a pronunciarsi sulla vicenda di Vincent Lambert, il cittadino francese rimasto tetraplegico ed in stato vegetativo a seguito di incidente stradale del 2008. Subito dopo è intervenuta la Corte d’appello di Parigi, che ha sospeso ogni intervento in attesa della pronuncia del Comitato Onu sui Diritti delle persone con disabilità
19 giugno 2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14 giugno 2019
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13 giugno 2019