home search menu
questione pena

Questione pena

Ragioni e obiettivi di una scelta metodologicamente inedita

foto carcere

di Glauco Giostra
Presidente del comitato scientifico degli Stati generali sull’esecuzione penale

Perché di una cosa siamo certi: la società che offre un’opportunità ed una speranza alle persone che ha giustamente condannato si dà un’opportunità ed una speranza di diventare migliore

Una diversa cultura sociale della pena

I lavori conclusivi degli Stati Generali dell’esecuzione penale
foto carcere

di Marcello Bortolato
Magistrato di sorveglianza
Coordinatore del Tavolo n. 2 degli Stati generali dell’esecuzione della pena

«Bisogna aver visto»
Piero Calamandrei

Il 19 maggio 2015 il Ministro della Giustizia Andrea Orlando dava inizio nel carcere di Bollate agli ‘Stati Generali dell’esecuzione della pena’.

In un luogo divenuto il simbolo di un diverso approccio al tema della rieducazione, caratterizzato dal rifiuto di considerare il periodo della detenzione unicamente come una parentesi afflittiva, si avviava una grande consultazione finalizzata a dare un volto nuovo all’esecuzione penale, orientata al rispetto della dignità umana, informata ai valori costituzionali e in linea con le risoluzioni internazionali. Vi hanno partecipato oltre 200 tra esperti, magistrati, rappresentanti di associazioni, operatori del settore, studiosi ed uomini di cultura, distribuiti su 18 tavoli tematici: tutti i soggetti a vario titolo interessati all’universo penitenziario sono stati coinvolti. Il lavoro, sottoposto a forme diverse di consultazione pubblica (anche tra e con i detenuti), ed oggi interamente accessibile sul sito del Ministero, fornisce indicazioni preziose per l’attuazione della delega in materia penitenziaria (il disegno di legge governativo n. 2798/C all’esame del Parlamento) ma, soprattutto, configura una grande operazione culturale volta a superare un sistema ancora carcero-centrico, che identifica troppo sbrigativamente la sanzione penale con la reclusione in carcere.

logo stati generali dell'esecuzione penale

Tavoli di lavoro

tema 1
Tavolo 1
Coordinatore
Luca Zevi,
architetto
tema 2
Tavolo 2
Coordinatore
Marcello Bortolato,
magistrato Ufficio di sorveglianza di Padova
tema 3
Tavolo 3
Coordinatore
Tamar Pitch,
docente Università degli Studi di Perugia
tema 4
Tavolo 4
Coordinatore
Emanuele Bignamini,
direttore del Dipartimento dipendenze ASL 2 Torino
tema 5
Tavolo 5
Coordinatore
Franco Della Casa,
professore ordinario di diritto processuale penale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Genova
tema 6
Tavolo 6
Coordinatore
Rita Bernardini,
già deputato
tema 7
Tavolo 7
Coordinatore
Paolo Borgna,
procuratore aggiunto Tribunale di Torino
tema 8
Tavolo 8
Coordinatore
Stefano Visonà,
capo dell'Ufficio legislativo Ministero del lavoro e delle politiche sociali
tema 9
Tavolo 9
Coordinatoread interim
Mauro Palma
tema 10
Tavolo 10
Coordinatore
Francesco Maisto,
presidente del Tribunale di sorveglianza di Bologna
tema 11
Tavolo 11
Coordinatore
Nicola Mazzamuto,
presidente del Tribunale di sorveglianza di Messina
tema 12
Tavolo 12
Coordinatore
Gherardo Colombo,
già magistrato di cassazione
tema 13
Tavolo 13
Coordinatore
Grazia Mannozzi,
docente Università degli Studi dell'Insubria
tema 14
Tavolo 14
Coordinatore
Francesco Viganò,
docente Università degli Studi di Milano
tema 15
Tavolo 15
Coordinatore
Sebastiano Ardita,
procuratore aggiunto Tribunale di Messina
tema 16
Tavolo 16
Coordinatore
Riccardo Polidoro,
responsabile dell'Osservatorio sul carcere dell'Unione camere penali
tema 17
Tavolo 17
Coordinatore
Claudio Sarzotti,
docente Università degli Studi di Torino
tema 18
Tavolo 18
Coordinatore
Filippo Patroni Griffi<,
presidente di sezione del Consiglio di Stato

La rotta segnata

Questione Giustizia diventa anche, in questi giorni, Questione Pena. Con la pubblicazione della relazione finale del Comitato degli esperti intendiamo avviare anche su questa rivista il dibattito sugli esiti degli Stati Generali dell’esecuzione della pena e contribuire, dalle nostre pagine, alla consultazione pubblica.

Gli Stati Generali si sono articolati in progetti tematici importanti e partecipati. Possono segnare l’inizio di una nuova stagione riformatrice e di nuovo clima culturale attorno ai temi del carcere, della punizione, della rieducazione.

I problemi del chi e del come punire stanno e cadono insieme; rappresentano il cuore della legalità costituzionale.

Auspichiamo realmente che il titolo dell’ultimo paragrafo della relazione sia profetico, che la rotta sia segnata e che il senso costituzionale della pena si affermi nelle deleghe legislative e nelle mentalità.

Riccardo De Vito

#carcere

Pubblico ministero e riduzione della presenza carceraria durante l’emergenza coronavirus
Pubblico ministero e riduzione della presenza carceraria durante l’emergenza coronavirus
di Redazione
Pubblichiamo – per l’indubbio interesse del contenuto e del metodo che l’ha preceduta – la nota che il Procuratore generale presso la Corte di cassazione ha inviato a tutti i procuratori generali del Paese in merito all’impatto che l’emergenza epidemiologica può e deve avere sul modo di considerare – oggi – la questione carceraria
3 aprile 2020
“Cura Italia” e carcere: prime osservazioni sulle (poche) risposte all’emergenza
“Cura Italia” e carcere: prime osservazioni sulle (poche) risposte all’emergenza
di Michele Passione  
Le soluzioni per il carcere al tempo del virus. Una procedura di esecuzione pena presso il domicilio accelerata, ma limitata a pochi casi e vincolata dall’uso di (introvabili) braccialetti elettronici. Allo stato, occorre puntare su interpretazioni che ne implementino l’efficacia
19 marzo 2020
Il vecchio carcere ai tempi del nuovo colera
Il vecchio carcere ai tempi del nuovo colera
di Riccardo De Vito
Il carcere attuale è sovraffollato e pericoloso. Per evitare che il coronavirus vi penetri, con rischi per tutti, occorre pensare a risposte celeri e concrete. Non è esercizio di buonismo, ma sano realismo
11 marzo 2020
Corte costituzionale e “Spazzacorrotti”: cronaca di una rivoluzione (non) annunciata
Corte costituzionale e “Spazzacorrotti”: cronaca di una rivoluzione (non) annunciata
di Riccardo De Vito
È incostituzionale ogni retroattività delle modifiche peggiorative della disciplina sulle misure alternative alla detenzione
13 febbraio 2020
La libertà d’interpretazione dei giudici alla prova dell’ergastolo ostativo
La libertà d’interpretazione dei giudici alla prova dell’ergastolo ostativo
di Marco Del Gaudio
Ancora a proposito della sentenza della Corte costituzionale sul cd. ergastolo ostativo: la rinuncia all’automatismo vuol dire fiducia nella giurisdizione e difesa della sua autonomia
13 novembre 2019