home search menu
questione pena

Questione pena

Ragioni e obiettivi di una scelta metodologicamente inedita

foto carcere

di Glauco Giostra
Presidente del comitato scientifico degli Stati generali sull’esecuzione penale

Perché di una cosa siamo certi: la società che offre un’opportunità ed una speranza alle persone che ha giustamente condannato si dà un’opportunità ed una speranza di diventare migliore

Una diversa cultura sociale della pena

I lavori conclusivi degli Stati Generali dell’esecuzione penale
foto carcere

di Marcello Bortolato
Magistrato di sorveglianza
Coordinatore del Tavolo n. 2 degli Stati generali dell’esecuzione della pena

«Bisogna aver visto»
Piero Calamandrei

Il 19 maggio 2015 il Ministro della Giustizia Andrea Orlando dava inizio nel carcere di Bollate agli ‘Stati Generali dell’esecuzione della pena’.

In un luogo divenuto il simbolo di un diverso approccio al tema della rieducazione, caratterizzato dal rifiuto di considerare il periodo della detenzione unicamente come una parentesi afflittiva, si avviava una grande consultazione finalizzata a dare un volto nuovo all’esecuzione penale, orientata al rispetto della dignità umana, informata ai valori costituzionali e in linea con le risoluzioni internazionali. Vi hanno partecipato oltre 200 tra esperti, magistrati, rappresentanti di associazioni, operatori del settore, studiosi ed uomini di cultura, distribuiti su 18 tavoli tematici: tutti i soggetti a vario titolo interessati all’universo penitenziario sono stati coinvolti. Il lavoro, sottoposto a forme diverse di consultazione pubblica (anche tra e con i detenuti), ed oggi interamente accessibile sul sito del Ministero, fornisce indicazioni preziose per l’attuazione della delega in materia penitenziaria (il disegno di legge governativo n. 2798/C all’esame del Parlamento) ma, soprattutto, configura una grande operazione culturale volta a superare un sistema ancora carcero-centrico, che identifica troppo sbrigativamente la sanzione penale con la reclusione in carcere.

logo stati generali dell'esecuzione penale

Tavoli di lavoro

tema 1
Tavolo 1
Coordinatore
Luca Zevi,
architetto
tema 2
Tavolo 2
Coordinatore
Marcello Bortolato,
magistrato Ufficio di sorveglianza di Padova
tema 3
Tavolo 3
Coordinatore
Tamar Pitch,
docente Università degli Studi di Perugia
tema 4
Tavolo 4
Coordinatore
Emanuele Bignamini,
direttore del Dipartimento dipendenze ASL 2 Torino
tema 5
Tavolo 5
Coordinatore
Franco Della Casa,
professore ordinario di diritto processuale penale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Genova
tema 6
Tavolo 6
Coordinatore
Rita Bernardini,
già deputato
tema 7
Tavolo 7
Coordinatore
Paolo Borgna,
procuratore aggiunto Tribunale di Torino
tema 8
Tavolo 8
Coordinatore
Stefano Visonà,
capo dell'Ufficio legislativo Ministero del lavoro e delle politiche sociali
tema 9
Tavolo 9
Coordinatoread interim
Mauro Palma
tema 10
Tavolo 10
Coordinatore
Francesco Maisto,
presidente del Tribunale di sorveglianza di Bologna
tema 11
Tavolo 11
Coordinatore
Nicola Mazzamuto,
presidente del Tribunale di sorveglianza di Messina
tema 12
Tavolo 12
Coordinatore
Gherardo Colombo,
già magistrato di cassazione
tema 13
Tavolo 13
Coordinatore
Grazia Mannozzi,
docente Università degli Studi dell'Insubria
tema 14
Tavolo 14
Coordinatore
Francesco Viganò,
docente Università degli Studi di Milano
tema 15
Tavolo 15
Coordinatore
Sebastiano Ardita,
procuratore aggiunto Tribunale di Messina
tema 16
Tavolo 16
Coordinatore
Riccardo Polidoro,
responsabile dell'Osservatorio sul carcere dell'Unione camere penali
tema 17
Tavolo 17
Coordinatore
Claudio Sarzotti,
docente Università degli Studi di Torino
tema 18
Tavolo 18
Coordinatore
Filippo Patroni Griffi<,
presidente di sezione del Consiglio di Stato

La rotta segnata

Questione Giustizia diventa anche, in questi giorni, Questione Pena. Con la pubblicazione della relazione finale del Comitato degli esperti intendiamo avviare anche su questa rivista il dibattito sugli esiti degli Stati Generali dell’esecuzione della pena e contribuire, dalle nostre pagine, alla consultazione pubblica.

Gli Stati Generali si sono articolati in progetti tematici importanti e partecipati. Possono segnare l’inizio di una nuova stagione riformatrice e di nuovo clima culturale attorno ai temi del carcere, della punizione, della rieducazione.

I problemi del chi e del come punire stanno e cadono insieme; rappresentano il cuore della legalità costituzionale.

Auspichiamo realmente che il titolo dell’ultimo paragrafo della relazione sia profetico, che la rotta sia segnata e che il senso costituzionale della pena si affermi nelle deleghe legislative e nelle mentalità.

Riccardo De Vito

#carcere

Capovolgere la giustizia?
Capovolgere la giustizia?
di Francesco Cascini
La Costituzione, l’ordinamento penitenziario, le regole penitenziarie europee, perfino le condanne della Cedu non hanno scalfito le fondamenta di una concezione retributiva della giustizia penale erette sul codice Rocco. Nel corso degli anni nel sistema si è strutturato un paradosso per cui convivono un eccesso di carcere ed un eccesso di impunità. Per eliminare questi eccessi va dato corpo allo scopo del diritto penale aprendo a soluzioni sanzionatorie alternative finalizzate alla riparazione del danno prodotto dal reato ed al reinserimento. Solo rendendo efficaci e veloci questi strumenti si potrà fare strada una diversa cultura della repressione penale e del carcere.
23 aprile 2018
Solo un incubo. Forse
Solo un incubo. Forse
di Glauco Giostra
La Commissione speciale della Camera non esaminerà il testo della Riforma penitenziaria, che andrà in Commissione giustizia dopo la sua costituzione. Forse il colpo di grazia a una riforma che il dibattito pubblico, anche tra magistrati, ha travisato e trasformato. I toni di quel dibattito e del clima in cui è maturato sono evocati in questo racconto allegorico.
11 aprile 2018
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
di Donatella Stasio
Le due riforme sono in bilico e solo nei prossimi giorni se ne conoscerà la sorte. A rischio soprattutto le nuove norme sugli ascolti, anche per il largo fronte contrario, che va da Lega e 5 Stelle a magistrati, avvocati e stampa
6 aprile 2018
Parole che smuovono le pietre
Parole che smuovono le pietre
di Caterina Bubba
A tre anni dalla sua uscita, Fine pena: ora di Elvio Fassone − il libro che racconta il carteggio ultredecennale tra un ergastolano e il suo giudice − è diventato uno spettacolo teatrale. Le sue pagine continuano ad agitare le nostre coscienze, emozionandoci e ponendo questo quesito: «Come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato»? Un interrogativo che coinvolge il nostro Paese in un momento storico in cui la riforma penitenziaria è stata finalmente approvata dal Consiglio dei ministri il 16 marzo 2018, anche se il suo iter non si è ancora concluso.
17 marzo 2018
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
di Davide Galliani
Una pena che distrugge e annienta una persona non è pensabile. E ciò che non è pensabile non è nemmeno giuridico. A questo serve la clemenza: a togliere di mezzo dal mondo del diritto l’inimmaginabile, il non pensabile, che ancora accade nei nostri penitenziari.
8 marzo 2018