home search menu
Editoriali
A proposito di responsabilità civile dei magistrati
di Beniamino Deidda
direttore Questione Giustizia
La storia della prima volta nella quale un magistrato è stato citato in giudizio dall’imputato durante il processo
A proposito di responsabilità civile dei magistrati

A proposito del voto alla Camera sulla responsabilità civile dei magistrati*, desidero raccontare una storia, quasi un apologo.

E’ la storia della prima volta nella quale un magistrato italiano è stato citato in giudizio dall’imputato durante il processo. La legge sulla responsabilità dei magistrati era entrata in vigore nel 1987, ma per qualche tempo nessuno l’aveva utilizzata.

Finchè nel 1989 il Pretore di Firenze (che ero io), non portò a giudizio il padrone dell’Isochimica che si chiamava Graziano (quello del famoso scandalo delle “lenzuola d’oro”). Si era scoperto che migliaia di carrozze ferroviarie, piene di amianto, erano state affidate ad una ditta di Avellino, l’Isochimica appunto, per la “decoibentazione”.

Ad Avellino però venivano sommariamente ripulite e ritornavano alle Officine FS di Porta al Prato ancora piene di ciuffi di amianto, cosicchè i lavoratori fiorentini che dovevano rimettere in ordine le carrozze, rimontando i sedili, i pannelli, l’imbottitura, ecc., erano costretti a respirare le fibre di amianto che in quantità notevole ancora si trovavano sui treni.

Il Pretore volle approfondire: prese i suoi esperti (i dottori Carnevale, Merler, Silvestri, Ventura e Petrioli, il meglio della Medicina del Lavoro in Toscana e non solo) e si recò ad Avellino per vedere come si lavorava alla pulizia delle carrozze. Uno spettacolo incredibile si presentò all’improvvisa visita del Pretore: i lavoratori operavano senza nessuna protezione, in ambienti inidonei, intenti a grattare l’amianto dalle pareti delle carrozze che a ciuffi ricadeva sulla loro testa imbiancandola.

Non ci volle molto a capire che quel micidiale lavoro andava fermato. Il Pretore sospese i lavori, sequestrò i locali della ditta, fece apporre i sigilli e se ne tornò a Firenze. Il decreto di sequestro era così motivato che Graziano non ebbe modo di opporvisi. Chiese invece il dissequestro puntando sulla necessità di continuare a lavorare, di evitare il licenziamento degli operai, ecc. Il Pretore di disse subito d’accordo a condizione che il lavoro riprendesse in ambienti di assoluta sicurezza per i lavoratori: fece preparare ai suoi esperti un ‘decalogo’ idoneo a garantire la salute degli operai e lo consegnò a Graziano. Ma le condizioni furono giudicate troppo onerose e la ditta non riaprì. Non restava che andare a giudizio e il processo fu fissato per un giorno dell’ottobre 1989.

Il giorno prima dell’udienza, all’ora di pranzo, un ufficiale giudiziario bussò alla porta dell’abitazione del pretore. Consegnò una citazione in giudizio, con la quale Graziano chiedeva quattro miliardi di lire per i danni a lui provocati dal sequestro dell’Isochimica, a suo dire pretestuosamente disposto per “motivi politici”. Il giorno dopo in udienza i difensori di Graziano ricusarono il Pretore. Il ragionamento non faceva una grinza: l’imputato ha chiesto i danni al Pretore, non importa che la richiesta sia giustificata (lo vedranno i giudici della causa civile), il Pretore è ora diventato la ‘controparte’ di Graziano, dunque non può giudicarlo. Per fortuna la ricusazione non fu accolta e il processo proseguì oltre. Come andò a finire lo racconterò un’altra volta.

L’episodio che ho raccontato non ha bisogno di commenti. Solo vorrei che questa storiella istruttiva fosse letta dagli onorevoli deputati del PD, i quali con il loro voto hanno fatto passare l’emendamento leghista che consente di citare direttamente in giudizio il magistrato che ti sta giudicando. Credo che non si rendano ben conto delle conseguenze che la norma potrebbe avere.

Hanno assimilato senza pensare gli slogan berlusconiani del tipo ‘ingegneri, medici, notai e architetti quando sbagliano pagano; perché i magistrati no?’ Non risulta che medici e ingegneri debbano decidere tra due parti scontentandone inevitabilmente una, alla quale la legge consentirebbe ora di rifarsi sul giudice.

Ho sentito dire da un parlamentare che ha votato l'emendamento leghista che bisogna evitare un nuovo caso Tortora e che i giudici devono pagare per i loro errori. Ci sono stati errori giudiziari anche più gravi del caso Tortora, ma nessuno ha mai pensato di porvi rimedio spazzando via l’indipendenza dei giudici e quel po’ di giustizia che rimane in questo Paese.

----------------

*si fa riferimento al voto dell'11 giugno 2014, con cui la Camera dei Deputati, durante l'esame della legge comunitaria, ha approvato un emendamento, a firma di Gianluca Pini, che introduceva la responsabilità diretta dei magistrati

28 giugno 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
L'editoriale del n.3/2016
L'editoriale del n.3/2016
di Renato Rordorf
Due i temi al centro di questo numero: la giustizia tributaria e la magistratura onoraria
5 ottobre 2016
L'editoriale del n.2/2016
L'editoriale del n.2/2016
di Renato Rordorf
Due gli argomenti che animano questo numero: referendum costituzionale e corpo e diritti
20 luglio 2016
L'editoriale del n.1/2016
L'editoriale del n.1/2016
di Renato Rordorf
La formazione dei magistrati: bilancio e prospettive
17 maggio 2016
L'editoriale del n.4/2015
La nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati: il dibattito culturale dalla legge Vassalli alla legge n. 18 del 2015. Le prospettive future
La nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati: il dibattito culturale dalla legge Vassalli alla legge n. 18 del 2015. Le prospettive future
di Ezia Maccora
Le nuove norme consegnano alla magistratura un compito gravoso e indispensabile: investire sul concetto di forte professionalità del magistrato, per evitare che nel futuro il punto di equilibrio tra responsabilità da un lato, e autonomia e indipendenza dall'altro, si sposti ulteriormente a danno dei secondi
5 ottobre 2015
Questione Giustizia si rinnova
Questione Giustizia si rinnova
di Renato Rordorf
L'editoriale del numero 1/2015 della rivista trimestrale
25 marzo 2015
Responsabilità civile dei magistrati, la guida alla nuova legge
di Giuseppe Buffone
Dopo l'approvazione della legge n.18/2015, in vigore dal 19 marzo, ecco come cambia la disciplina in materia di responsabilità civile dei magistrati
9 marzo 2015
Nello Stato di diritto non c’è posto per l’eversione dei poliziotti
di Beniamino Deidda
Considerazioni sugli applausi di Rimini e il ruolo della Polizia
4 maggio 2014
Berlusconi, il "normo-inserito"
di Beniamino Deidda
Prime considerazioni sull'ordinanza di affidamento ai servizi sociali nei confronti dell'ex presidente del Consiglio
26 aprile 2014
Newsletter


Fascicolo 3/2016
La giustizia tributaria
La riforma della magistratura onoraria
Editoriali
L'editoriale del n.3/2016
L'editoriale del n.3/2016
di Renato Rordorf
Due i temi al centro di questo numero: la giustizia tributaria e la magistratura onoraria
5 ottobre 2016
L'editoriale del n.2/2016
L'editoriale del n.2/2016
di Renato Rordorf
Due gli argomenti che animano questo numero: referendum costituzionale e corpo e diritti
20 luglio 2016
L'editoriale del n.1/2016
L'editoriale del n.1/2016
di Renato Rordorf
La formazione dei magistrati: bilancio e prospettive
17 maggio 2016
L'editoriale del n.4/2015
L'editoriale del n.3/2015
"Al centesimo catenaccio. 40 anni di ordinamento penitenziario"
di Renato Rordorf
L'editoriale del numero 2/2015 della rivista trimestrale dedicato alla questione carcere
7 luglio 2015