Magistratura democratica
Osservatorio internazionale / Europa
Aborto, brevi note sulla decisione del Comitato europeo dei diritti sociali in causa CGIL c. Italia
di Francesco Buffa*
Giudice distaccato alla Corte europea dei diritti dell'uomo, Strasburgo

Una nuova condanna per l’Italia viene ancora dall’Europa.

Questa volta, sempre nell’ambito del Consiglio d’Europa, la decisione è resa nell’ambito del sistema della Carta sociale europea, dal Comitato relativo previsto dall’art. 25 della Carta.

Il Comitato europeo dei diritti sociali, infatti, con decisione dell’11 aprile 2016, ha accolto il ricorso n. 91/2013 della CGIL ed ha accertato la violazione dell’art. 11 (che protegge il diritto alla salute) letto insieme all’art. E (che stabilisce il divieto di discriminazione), dell’art. 1 par. 2 primo profilo (che tutela le condizioni di lavoro) e dell’art. 26 par. 2 della Carta (che protegge la dignità sul lavoro).

La CGIL aveva in particolare lamentato che la disciplina dell’obiezione di coscienza dei medici in relazione all’aborto non fosse applicata adeguatamente nella pratica, importando violazione sia del diritto delle donne ad accedere ai servizi abortivi , sia per altro verso del diritto al lavoro e del diritto alla dignità nel lavoro dei medici non obiettori.

Secondo i dati forniti, aggiornati al 2011, oltre il 70% dei ginecologi, il 51% degli anestesisti ed il 44 % del personale non medico sono obiettori, (e tali percentuali erano il risultato di un trend assolutamente crescente nel corso degli anni), sicché gli ospedali in pratica dovevano rivolgersi frequentemente a personale privato esterno per assicurare il servizio.

Con riferimento al diritto delle donne di accesso ai servizi abortivi, il Comitato ha osservato che:

a) persistono carenze nella fornitura di servizi di aborto in Italia a causa dell’obiezione di coscienza e spesso difficoltà pratiche di accesso a tali servizi per le donne che intendono abortire; accade non di rado che, dato il carattere urgente delle procedure necessarie, le donne che intendono chiedere un aborto sono costrette a spostarsi in altre strutture sanitarie, in Italia o all'estero, ovvero decidono di interrompere la gravidanza senza il supporto o il controllo delle autorità sanitarie competenti, o sono comunque dissuase ad accedere ai servizi di aborto, per i quali invece hanno un diritto protetto dalla legge n° 194/1978;

b) le strutture sanitarie continuano a non adottare le misure necessarie al fine di compensare le carenze di fornitura del servizio causate dal personale sanitario che invoca il diritto all'obiezione di coscienza, ovvero le misure adottate sono insufficienti;

c) in questi casi, le autorità di vigilanza regionali competenti non garantiscono un'implementazione soddisfacente della disciplina legale.

Il Comitato ha quindi sottolineato che queste situazioni possono comportare notevoli rischi per la salute e il benessere delle donne, il che è in contrasto con il diritto alla tutela della salute, come garantito dall'articolo 11 della Carta sociale europea. Ne deriva l’accertamento della violazione dell'articolo 11§1 della Carta.

La decisione ha richiamato i precedenti della Corte europea dei diritti dell’uomo, che hanno affermato l’obbligo positivo degli Stati di strutturare il servizio sanitario in modo da non limitare in alcun modo le reali possibilità di ottenere l’aborto, e, per altro verso, di assicurare che l’obiezione di coscienza dei medici non impedisca in concreto l’accesso ai servizi abortivi cui le pazienti hanno diritto (CEDU P.e S. v. Portogallo, 20.10.12; CEDU RR v. Polonia, 20.11.2011; CEDU Tysiac v. Polonia 20.3.2007; CEDU A.B.C. c. Irlanda, 16.12.2010).

Sotto un secondo profilo, il ricorso della CGIL aveva lamentato altresì che i medici non obiettori sono discriminati in termini di carico di lavoro, opportunità di carriera e di tutela della salute e della sicurezza, non essendo poste in essere misure appropriate per garantire che tutto il personale medico possano effettivamente esercitare i suoi diritti lavorativi compiutamente e che tali diritti siano realmente accessibili anche al personale medico non obiettore.

Anche sotto tale profilo il ricorso è stato accolto, evidenziando il Comitato europeo che la differenza di trattamento tra medici obiettori e professionisti non obiettori costituisce una discriminazione in violazione dell'articolo 1§2 della Carta.

La decisione invece ha rigettato i capi del ricorso che lamentavano la violazione del divieto di lavoro forzato (risultando decisiva nell’ottica del Comitato la libertà della scelta dell’attività medica), del diritto a giuste e sicure condizioni di lavoro (ma solo in quanto l’organizzazione ricorrente non aveva offerto prove adeguate e analitiche sul punto).

Infine, il Comitato ha condiviso le deduzioni attoree in ordine alla violazione del diritto alla dignità del lavoro dei medici non obiettori.

La CGIL aveva in particolare sottolineato che, a causa dell'applicazione inadeguata della sezione 9 della legge n. 194/1978 e alti tassi di medici obiettori, i pochi che non erano obiettori sono costretti ad eseguire l'intero carico di lavoro di tutte le procedure di aborto richieste, il che comporta in particolare attività ripetitive abortive, spesso al di fuori del campo di formazione e specializzazione dei medici, con effetti negativi evidenti anche sulla formazione dei titoli utili per la carriera.

La situazione, secondo la CGIL, colpisce la carriera e la dignità dei medici non obiettori, in violazione del diritto alla dignità al lavoro sancito dall'articolo 26 della Carta, letto da solo o in combinato disposto con la clausola di non discriminazione di cui all'articolo E.

Per altro verso, l’organizzazione ricorrente lamentava la marginalizzazione sul lavoro del personale medico non obiettore, in concreto decisamente minoritario.

Il Comitato ha condiviso l’impostazione solo indirettamente, attraverso la mera valorizzazione del divieto di ambienti di lavoro ostili ed accertando la violazione della norma che vieta le molestie morali sul luogo di lavoro ed impone misure positive preventive adeguate.

 

*La nota è redatta a titolo esclusivamente personale e non impegna in alcun modo l’Istituzione presso la quale l’Autore presta servizio. 

12 aprile 2016
Altri articoli di Francesco Buffa*
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Emergenza COVID-19 e giudizio penale di merito: un catalogo (incompleto) dei problemi
di Luca Fidelio e Andrea Natale
Si presenta qui una mappa (inevitabilmente incompleta) dei problemi che solleva per il giudice di merito penale la disciplina emergenziale, tanto sotto il profilo dei problemi interpretativi che si possono porre nella sua applicazione, quanto sotto il profilo di alcuni profili di frizione che con il dettato costituzionale possono forse presentarsi all’interprete
16 aprile 2020
Diritto sovranazionale e diritto interno: rimedi interpretativi
di Valeria Piccone
Una riflessione sull’attuale panorama dei rapporti interordinamentali alla luce della doppia pregiudizialità per come la stessa si è dipanata nel corso dell’ultimo anno
27 dicembre 2019
Zone di transito internazionali degli aeroporti: zone grigie del diritto
di Annapaola Ammirati e Adelaide Massimi
Un commento critico a prospettive e prassi attuate dalla pubblica amministrazione
9 dicembre 2019
di Marcello Bortolato
Nell’opinione pubblica, anche qualificata, continua a essere diffusa l’idea che l’ergastolo sia una pena riducibile e che il “fine pena mai” non esista. È vero il contrario. Mentre è in calo il numero dei reati, le condanne all’ergastolo aumentano e, tra di esse, quelle all’ergastolo effettivamente senza right to hope, senza via di uscita. Ostativo, viene comunemente definito. Un magistrato di sorveglianza ci spiega bene cosa è e perché non dovrebbe avere cittadinanza nel nostro ordinamento, tanto più dopo la sentenza della Corte di Strasburgo Viola c. Italia. Lo pubblichiamo per sfatare luoghi comuni e false giustificazioni, in attesa che il 22 ottobre si pronunci la Corte costituzionale
15 ottobre 2019
di Lucia Tria
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11 ottobre 2019
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
di Daniela Cardamone
Nel sistema dei rimedi in tema di privazione della libertà personale, il diritto dell’indagato di essere sentito personalmente dal giudice assume per la Corte EDU un carattere così pregnante da svalutare qualsiasi altra garanzia procedimentale. L’indagato appare essere il principale, se non esclusivo, garante del proprio diritto di difesa restando sullo sfondo, fino quasi a scomparire, tutti gli altri attori del procedimento, ivi compreso il difensore
1 ottobre 2019
Sentenze di aprile 2019
di Marika Ikonomu e Maria Giuliana Civinini
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2019: legittimità della detenzione del richiedente asilo, deroga ad alcuni diritti fondamentali durante lo stato di emergenza, diritto a un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, best interests of the child, principio del ne bis in idem
28 giugno 2019
Sentenze di marzo 2019
di Marika Ikonomu e Maria Giuliana Civinini
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2019: inadeguatezza delle cure mediche durante la detenzione, diritto ad un ricorso effettivo contro il trattenimento nei centri di accoglienza, diritto al rispetto della vita familiare, diritto ad un tribunale costituito per legge, libertà di espressione
21 giugno 2019
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
di Sabrina Apa
Con due decisioni cautelari (30 aprile e 20 maggio 2019), la Cedu è tornata a pronunciarsi sulla vicenda di Vincent Lambert, il cittadino francese rimasto tetraplegico ed in stato vegetativo a seguito di incidente stradale del 2008. Subito dopo è intervenuta la Corte d’appello di Parigi, che ha sospeso ogni intervento in attesa della pronuncia del Comitato Onu sui Diritti delle persone con disabilità
19 giugno 2019
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13 giugno 2019