home search menu
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di merito
Ancora sullo status di rifugiato
in favore di omosessuali
Il tribunale di Napoli ha riconosciuto il diritto alla protezione di un cittadino proveniente da un paese dove l'omosessualità è sanzionata penalmente

Continuiamo a pubblicare decisioni in materia di riconoscimento dello status di rifugiato. E' la volta di un'ordinanza del tribunale di Napoli. 

Il giudice napoletano, dopo una pregevole ricostruzione sulla disciplina in materia di "protezione umanitaria" e le caratteristiche (soprattutto in materia di poteri officiosi del giudice) processuali dei giudizi avverso i dinieghi,  ha riconosciuto il diritto alla protezione del cittadino, attivista per i diritti LGBT, proveniente da un paese ove l'omosessualità è sanzionata penalmente.

20 dicembre 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Protezione internazionale per omosessuali
Riconosciuto lo status di rifugiato per un omosessuale di etnia rohingya
Pillole di diritto dell'immigrazione
Due interessanti decisioni: con la prima si escludono le proroghe automatiche per i trattenimenti al CIE. Con la seconda si concede lo status di rifugiato ad un cittadino pakistano di religione sciita
17 gennaio 2015
Riconoscimento dello status di rifugiato a cittadino nigeriano per ragioni di orientamento sessuale
di Guido Savio
L'orientamento sessuale espone a rischio di discriminazione molte persone in diversi paesi del mondo. Con il provvedimento annotato, il Tribunale di Bari, riconosce lo status di rifugiato ad un cittadino nigeriano a causa della sua dichiarata omosessualità
10 novembre 2014
Francia, mutilazioni genitali femminili e rilevanza per lo status di rifugiato
di Giacomo Roma
All'esame del Consiglio di Stato francese la questione della protezione delle donne a rischio mutilazioni genitali in applicazione delle norme sull'asilo
12 agosto 2013
Orientamento sessuale
e status di rifugiato
di Dario Belluccio
L'esistenza, nel paese di origine del richiedente, di una norma punitiva di relazioni omosessuali, costituisce motivo per l'accoglimento della richiesta dello status di rifugiato
30 maggio 2013
Mutilazioni genitali femminili
rilevanti per status di rifugiato
di Barbara Cattelan
Due recenti pronunce riconoscono negli atti di mutilazione genitale femminile il presupposto per il riconoscimento dello status di rifugiato
28 maggio 2013
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Giurisprudenza e documenti
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
di Salvatore Messineo
Il potere di archiviazione pre-disciplinare del P.G. è libero da controlli e gli atti di archiviazione sono inconoscibili con lo strumento dell’accesso civico generalizzato
7 ottobre 2019
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
di Isabella Mariani
Prendendo spunto dalla recente ordinanza della Cassazione, sezione VI, n. 97/2019, l’autrice esamina la giurisprudenza di legittimità in ordine al rapporto tra la sentenza di primo grado che fa proprie le conclusioni nel merito della consulenza tecnica di ufficio e il contenuto dell’atto di appello che censura la decisione, alla stregua dei principi dettati dall’art. 342 cpc e interpretati dalla giurisprudenza della SC, in tema di ammissibilità dell’appello
23 settembre 2019
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
di Luca Baiada
Brevi note a Cassazione Civile, III Sezione, 25 giugno 2019, n. 21995
20 settembre 2019
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
di Federica Panno
Nota a Cassazione Civile, I Sezione, 15 marzo 2019 (dep. 15 maggio 2019), n. 13000, Pres. M. Acierno, Rel. E. Campese
13 settembre 2019
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
di Davide Barbagiovanni
La cannabis light tra legge, giudici, principio di offensività in astratto e in concreto e alcune occasioni mancate
24 luglio 2019
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
di Alberto Piccinini
Note critiche a proposito della sentenza Cass., Sezione Lavoro, n. 12365 del 9 maggio 2019
23 luglio 2019