home search menu
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
Giurisprudenza e documenti
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
di Federico Bardelle
avvocato del Foro di Rovigo
assistente di diritto processuale penale presso il Dipartimento di giurisprudenza dell'Università di Ferrara
Il condannato con decreto penale, il quale non paghi la sanzione pecuniaria, può beneficiare comunque dell'effetto estintivo di cui all’art. 460, comma cinque, cpp, se l'organo esecutivo competente non ha attivato l'esecuzione della pena inflitta
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018

Nella pronuncia in commento la suprema Corte va affermando un principio in diritto che non consta di precedenti in termini: «L’effetto estintivo di cui all’art. 460, comma 5, cpp. non è condizionato dalla mancata esecuzione della pena inflitta con il decreto penale di condanna».

La vicenda prende l’abbrivio da un incidente di esecuzione promosso da XY avverso un decreto penale di condanna del gip presso il Tribunale di Ferrara, divenuto definitivo il 16 dicembre 2011, con cui egli era stato condannato, siccome responsabile del reato di cui all’art. 646 cp, alla pena principale della multa di € 5.500,00; l’incidente di esecuzione era volto ad ottenere, ai sensi del combinato disposto degli artt. 460, comma 5, e 676, comma 1, cpp, l’estinzione del reato e di ogni effetto penale del decreto penale di condanna.

Il giudice per le indagini preliminari in funzione di giudice dell’esecuzione respingeva la richiesta, perché né dal certificato del casellario né dall’istanza risultava corrisposta la pena di € 5.500,00 di multa inflitta con il decreto penale, l’ufficio recupero crediti del Tribunale aveva comunicato che dall’esame degli atti la partita risultava ancora aperta e, quindi, veniva meno l’effetto estintivo ex art. 136 disp. att. cpp, essendosi il condannato sottratto volontariamente all’esecuzione della pena.

XY proponeva opposizione ex artt. 676 e 667 cpp avanti il gip presso il Tribunale di Ferrara, competente in quanto «avverso il provvedimento del giudice dell’esecuzione, sia che abbia deciso de plano ai sensi dell’art. 667 cpp, comma 4, sia che abbia proceduto irritualmente ex art. 666 cpp, è data solo la facoltà all’interessato di proporre opposizione davanti allo stesso giudice dell’esecuzione» (Cass. 775/2007, Cass. 8124/2002; Cass. 1182/1995); nell’opposizione veniva evidenziato che il richiamo all’art. 136 disp. att. cpp risultava del tutto inconferente.

Fissata l’udienza in camera di consiglio, il giudice per le indagini preliminari in funzione di giudice dell’esecuzione respingeva l’opposizione. Secondo il giudicante nel caso di specie si verteva di una pena pecuniaria di € 5.500,00 di multa inflitta con decreto penale di condanna, in relazione alla quale non ricorrevano le cause di estinzione di cui agi artt. 171 ss. cp; il sistema di estinzione di cui all’art. 460, comma 5, cpp presuppone l’avvenuto pagamento della pena inflitta, perché, in difetto, si verrebbe a dichiarare estinta una pena per cui è ancora attuale la pretesa punitiva dello Stato, in un termine diverso e di molto inferiore a quello previsto dall’art. 172 cp; con la conseguenza che la mancata esecuzione della pena inflitta fa sì che non possa dichiararsi l’estinzione del reato, in difetto di altre cause estintive di cui agli artt. 171 e ss. cp.

XY ricorreva in Cassazione, lamentando la violazione dell’art. 606, comma 1, lett. b), cpp per inosservanza o erronea applicazione degli artt. 460 cpp, 136 disp. att. cpp e 14 Preleggi, e chiedendo, in principalità, l’annullamento senza rinvio dell’ordinanza impugnata ai sensi dell’art. 620, comma 1, lett. l), cpp e la declaratoria di estinzione del reato e di ogni effetto penale di cui al decreto penale di condanna ai sensi dell’art. 621, comma 1, cpp ovvero, in subordine, l’annullamento con rinvio dell’ordinanza impugnata ex art. 623 cpp.

La Corte di cassazione, su conclusioni conformi del Procuratore generale, accoglieva il ricorso, sul rilievo che la norma di cui all’art. 460, comma 5, cpp non condiziona l’effetto estintivo del reato all’esecuzione della pena, che, nel caso in esame, non era stata attivata dall’organo esecutivo competente; conseguentemente affermava il principio in diritto in virtù del quale «l’effetto estintivo di cui all’art. 460, comma 5, cpp non è condizionato dalla mancata esecuzione della pena inflitta con il decreto penale di condanna».

Lo snodo dell’apparato motivazione della pronuncia della suprema Corte passa attraverso la corretta esegesi dell’art 136 disp. att. cpp.

La citata disposizione, infatti, prevede che «l’effetto estintivo previsto dall’art. 445 comma 2 del codice non si produce se la persona nei cui confronti la pena è stata applicata si sottrae volontariamente alla sua esecuzione».

Tale norma, quindi, circoscrive i limiti all’effetto estintivo all’ipotesi di applicazione della pena su richiesta delle parti, senza alcun riferimento, né espresso né implicito, al decreto penale di condanna.

Ubi lex voluit dixit, ubi noluit tacuit. Né è ammissibile un’esegesi che estenda l’applicazione dell’art. 136 disp. att. cpp al decreto penale di condanna, in quanto si traduce in un’interpretazione analogica in malam partem in violazione dell’art. 14 Preleggi. L’art. 460, comma 5, cpp, infatti, ha natura sostanziale, in quanto incide sulla stessa esistenza del reato, determinandone l’estinzione; tanto che tale disposizione è stata applicata anche ai decreti penali di condanna divenuti esecutivi prima dell’entrata in vigore della cd. Legge Carotti in forza del principio del favor rei di cui all’art. 2, comma 3, cp, in materia di successione di leggi penali (sostanziali) nel tempo, anziché del principio del tempus regit actum in tema di successione della legge processuale nel tempo.

Anche la Consulta, con l’ordinanza n. 407/2007, aveva dichiarato la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale degli artt. 460, comma 5, cpp e 136 disp. att. cpp, che pretendeva di estendere al rito monitorio il limite all’effetto estintivo di cui all’ art. 136 disp. att. cpp, previsto esclusivamente per il patteggiamento.

Anche a ritenere applicabile la norma da ultimo citata al decreto penale di condanna, la preclusione all’effetto estintivo ricorrerebbe solo laddove vi fosse «una determinazione volontaria di sottrazione agli effetti della condanna passata in giudicato, rintracciabile soltanto in caso di evasione, oppure di omesso pagamento della sanzione pecuniaria (Sez. 1, 24 ottobre 2013, Milan, Rv. 257621)»; la volontaria sottrazione all’esecuzione della pena, invero, prevede e presuppone che gli organi deputati a darvi esecuzione si siano attivati.

Nell’ordinanza cassata il gip presso il Tribunale di Ferrara, per escludere l’effetto estintivo nel caso di mancata esecuzione della pena, aveva valorizzato il regime della prescrizione, a tal fine richiamando l’art. 172 cp e sostenendo che l’eventuale riconoscimento dell’estinzione del reato, nonostante la mancata esecuzione della pena, comporterebbe il verificarsi dell’estinzione di quest’ultima nel decorso di un termine (nella specie, cinque anni) assai inferiore rispetto a quello stabilito dall’art. 172 cp (dieci anni).

Come sostenuto dal ricorrente, invece, la suprema Corte confermava che il richiamo all’art. 172 cp non era pertinente nel caso di specie.

La citata disposizione, infatti, tratta dell’estinzione della pena conseguente alla sua prescrizione per decorso del tempo. Nel caso de quo, invece, a venire in rilievo era l’art. 460, comma 5, cpp, che dal decorso del tempo – unitamente alla non commissione di delitti o di contravvenzioni della stessa indole – fa derivare l’estinzione del reato e di ogni altro effetto penale.

Secondo la Corte di cassazione trattasi di «concorso di cause estintive della pena inflitta, – in un caso, per il semplice decorso del tempo (art. 172 cp), nell’altro, come conseguenza dell’estinzione, dopo il giudicato, del reato (art. 460 comma 5, cpc) – che l’art. 183 cp disciplina dando prevalenza alla causa di estinzione del reato rispetto alla causa di estinzione della pena, ovvero, nel caso di cause di estinzione della medesima natura, secondo il criterio della priorità (vedi Sez. Un. 15 luglio 2010, Bracco, Rv. 247940; Sez. 1, 16 febbraio 2010, Infantino, Rv. 246508, Sez. Un. 24 settembre 2009, Martinenghi, Rv. 245162)».

Tramite detto ragionamento la suprema Corte giunge ad affermare che «l’effetto estintivo di cui all’art. 460, comma 5, cpp non è condizionato dalla mancata esecuzione della pena inflitta con il decreto penale di condanna».

5 giugno 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e repêchage. Profili in punto di onere della prova e spunti critici
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e repêchage. Profili in punto di onere della prova e spunti critici
di Amato Carbone
Rassegna di giurisprudenza di legittimità in materia di obbligo di repêchage, oneri di prova e sanzioni per mancato assolvimento​
16 maggio 2019
La genitorialità e la gestazione per altri. L'intervento delle Sezioni unite
La genitorialità e la gestazione per altri. L'intervento delle Sezioni unite
di Maria Acierno* e Stefano Celentano**
Una prima illustrazione dei contenuti e dei principi espressi dalle Sezioni unite che negano l’iscrizione in Italia di pronuncia straniera che ha riconosciuto lo status di genitore al componente della coppia omosessuale a seguito di maternità surrogata
14 maggio 2019
Unione camere penali italiane, il “Manifesto del diritto penale liberale e del giusto processo”
Unione camere penali italiane, il “Manifesto del diritto penale liberale e del giusto processo”
Pubblichiamo il documento dell'Ucpi per avviare una discussione nella magistratura, con l’avvocatura e l’accademia sulla fisionomia del diritto penale e sulle prospettive di riforma
13 maggio 2019
Note sul ruolo della Corte regolatrice *
di Giorgio Costantino
La proposta di introdurre un Tribunale dei conflitti destinato a risolvere le questioni di legittimità al vaglio critico dei parametri costituzionali e delle ragioni storiche e politiche che vi si oppongono
9 maggio 2019
A margine della sentenza di Cassazione n. 15683/19 che ha annullato con rinvio la sentenza della Corte di appello di Ancona in materia di violenza sessuale del 23 novembre 2017
A margine della sentenza di Cassazione n. 15683/19 che ha annullato con rinvio la sentenza della Corte di appello di Ancona in materia di violenza sessuale del 23 novembre 2017
di Vincenza (Ezia) Maccora
Le sentenze che non prestano attenzione all’uso del linguaggio e alla pertinenza delle argomentazioni rischiano di essere fonte di vittimizzazione secondaria e cassa di risonanza di vecchi e resistenti stereotipi
19 aprile 2019
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
di Chiara Giovannucci Orlandi
La Corte di cassazione si pronuncia sulla presenza personale delle parti nella procedura di mediazione e, non richiesta, fornisce un’indicazione, molto opinabile, sull’effettività del «primo incontro»
18 aprile 2019
Asilo, falsi miti e poteri divinatori. Così muore il diritto al contraddittorio. Osservazioni critiche a Cass. n. 1681/2019
Asilo, falsi miti e poteri divinatori. Così muore il diritto al contraddittorio. Osservazioni critiche a Cass. n. 1681/2019
di Maurizio Veglio
Se il giudice si sottrae all'obbligo di esame del richiedente sulla base di meri argomenti logici tratti dalla lettura del verbale di audizione della Commissione territoriale lede il diritto di difesa e la possibilità di tutela giurisdizionale del diritto di asilo subisce una severa lesione, tanto più dopo l’abolizione dell’appello
16 aprile 2019
La Corte costituzionale e lo sciopero degli avvocati
La Corte costituzionale e lo sciopero degli avvocati
di Simone Perelli
Sullo sciopero degli avvocati, la Consulta, oltre a dichiarare l’incostituzionalità della norma, sconfessa la Cassazione sulla sospensione del processo a quo. Nota alla sentenza n. 180/2018
26 febbraio 2019
La Corte di cassazione e l’irretroattività del dl 113/2018: tra una decisione annunciata e spunti interpretativi futuri sul permesso di soggiorno per motivi umanitari
La Corte di cassazione e l’irretroattività del dl 113/2018: tra una decisione annunciata e spunti interpretativi futuri sul permesso di soggiorno per motivi umanitari
di Gabriele Serra
La suprema Corte ha affrontato e risolto la questione inerente la disciplina intertemporale del cd. decreto sicurezza affermando l’irretroattività dell'abrogazione della protezione umanitaria: prime riflessioni
24 febbraio 2019
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
di Giulia Caveglia
Mentre la giurisprudenza di legittimità discute sulla legittimità o meno delle condotte di detenzione e cessione della cannabis sativa L (cannabis light), ritornare a questa sentenza appare importante per ripercorrere tutti gli orientamenti in materia di coltivazione non autorizzata e, più in genere, di offensività penale nel campo delle sostanze stupefacenti
21 febbraio 2019
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Giurisprudenza e documenti
Responsabilità dello Stato per omissioni nell’attività di indagine da parte del pubblico ministero: il ruolo chiave dell’indagine sul nesso causale
Responsabilità dello Stato per omissioni nell’attività di indagine da parte del pubblico ministero: il ruolo chiave dell’indagine sul nesso causale
di Alessandro Palmieri
La sentenza della Corte d'Appello di Messina (19 marzo 2019) ha operato una significativa correzione di rotta rispetto alla decisione di primo grado da cui emergeva una visione dell’illecito aquiliano eccessivamente penalizzante per il pm e offre lo spunto per un contributo al dibattito sulla responsabilità civile per asserite carenze dei magistrati impegnati nelle indagini
15 maggio 2019
Contrasti giurisprudenziali sull'interpretazione e applicazione delle leggi di contrasto al neofascismo
Contrasti giurisprudenziali sull'interpretazione e applicazione delle leggi di contrasto al neofascismo
di Carlo Brusco
Il contrasto giurisprudenziale creatosi tra le due sentenze emesse dal Tribunale di Milano è occasione per una ricostruzione normativa e giurisprudenziale (di merito e di legittimità) sull’interpretazione e applicazione delle leggi di contrasto al neofascismo. Esiste una via interpretativa che consente in futuro di superare possibili contrasti giurisprudenziali?
14 maggio 2019
La genitorialità e la gestazione per altri. L'intervento delle Sezioni unite
La genitorialità e la gestazione per altri. L'intervento delle Sezioni unite
di Maria Acierno* e Stefano Celentano**
Una prima illustrazione dei contenuti e dei principi espressi dalle Sezioni unite che negano l’iscrizione in Italia di pronuncia straniera che ha riconosciuto lo status di genitore al componente della coppia omosessuale a seguito di maternità surrogata
14 maggio 2019
Parole in libertà, parole e libertà: la carica deontica dei diritti e i limiti istituzionali alla tolleranzaCommento a Tar Piemonte n. 447/2019
Parole in libertà, parole e libertà: la carica deontica dei diritti e i limiti istituzionali alla tolleranza
Commento a Tar Piemonte n. 447/2019
di Ilario Nasso
Il giudice amministrativo trova occasione per ribadire che «i valori dell’antifascismo e della Resistenza e il ripudio dell’ideologia autoritaria propria del ventennio fascista sono valori fondanti la Costituzione repubblicana del 1948»: sì che l’adesione a quest’ultima risulta svuotata di contenuti e di valenza sostanziale e simbolica se accompagnata dal rifiuto di quei valori che alla Costituzione hanno dato origine e che sono ad essa sottesi
3 maggio 2019
A margine della sentenza di Cassazione n. 15683/19 che ha annullato con rinvio la sentenza della Corte di appello di Ancona in materia di violenza sessuale del 23 novembre 2017
A margine della sentenza di Cassazione n. 15683/19 che ha annullato con rinvio la sentenza della Corte di appello di Ancona in materia di violenza sessuale del 23 novembre 2017
di Vincenza (Ezia) Maccora
Le sentenze che non prestano attenzione all’uso del linguaggio e alla pertinenza delle argomentazioni rischiano di essere fonte di vittimizzazione secondaria e cassa di risonanza di vecchi e resistenti stereotipi
19 aprile 2019
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
di Chiara Giovannucci Orlandi
La Corte di cassazione si pronuncia sulla presenza personale delle parti nella procedura di mediazione e, non richiesta, fornisce un’indicazione, molto opinabile, sull’effettività del «primo incontro»
18 aprile 2019