home search menu
Prassi e orientamenti
Il PCT in Toscana – Diffusione 2012-2013
di Gianmarco Marinai
Giudice presso il Tribunale di Livorno e Referente Informatico Distrettuale Corte d'Appello di Firenze
Il distretto toscano tra i più attivi in Italia nell'attuazione del PCT

Con la collaborazione del CISIA di Firenze (articolazione a livello territoriale della DGSIA del Ministero della Giustizia) che ha estratto i dati statistici dai registri, ho elaborato una serie di rappresentazioni grafiche che illustrano lo stato dei servizi PCT nel distretto di Firenze al 31/12/2013 e che sono contenute nelle slides presentate.

Pct Marinai Slides

In sintesi, emerge, innanzitutto, che le cancellerie toscane sono a regime per quanto riguarda l'utilizzazione degli strumenti di comunicazione/notificazione telematica attraverso gli applicativi di ge- stione dei registri (SICIC/SIECIC), che sono, oramai, diffusi capillarmente negli Uffici del territorio.

Il distretto toscano, risulta, poi tra i più attivi in Italia quanto a numero di provvedimenti dei magistrati depositati telematicamente, segno evidente che i giudici toscani hanno investito seriamente le loro risorse nel Processo Telematico.
Alcuni Tribunali, però, non stanno ancora pienamente utilizzando l'applicativo Consolle del Magistrato che risulta in corso di installazione.

È prevedibile che il completamento della fornitura di computer portatili ai magistrati faciliterà grandemente l'adozione tra i giudici della Consolle come strumento imprescindibile di lavoro, anche fuori dall'Ufficio.
Significativo è, poi, l'alto numero dei verbali telematici, che dimostra che nei tribunali di Firenze, Livorno, Prato, ma anche di Pisa e Siena, i giudici stanno sempre più adottando una modalità di gestione dell'udienza interamente telematica (o quasi).

A parte il Tribunale di Prato, peraltro, i verbali e i provvedimenti sono utilizzati, in larga parte per il processo civile e del lavoro, e in misura molto minore per il processo esecutivo e le procedure con- corsuali.
In merito, poi, ai depositi da parte dei soggetti abilitati esterni, il Distretto toscano, seppur attivo, appare un po' in ritardo rispetto ai distretti che hanno sperimentato da più tempo i servizi PCT, forse anche per la minore necessità di tali servizi da parte degli avvocati che hanno potuto da tempo contare sull'applicativo della Regione Toscana "Cancelleria Telematica", seppur privo di valore legale. Nel corso del mese di Febbraio 2014, anche gli ultimi due Tribunali che ancora non hanno attivato la possibilità di accettare i depositi dei soggetti abilitati esterni a valore legale (Lucca e Pistoia) hanno iniziato la procedura per l'ottenimento del decreto ministeriale autorizzativo.

Sono previste, poi, nei prossimi mesi, sessioni di formazione on-site per magistrati e cancellieri, organizzate dalla DGSIA e anche dall'Ufficio Referente Distrettuale Informatico, in collaborazione con la Struttura di Formazione Decentrata della Scuola della Magistratura.

È, d'altra parte, auspicabile che il radicale cambiamento di prospettiva che l'adozione (obbligatoria) dei servizi PCT porterà, si accompagni ad una generale riorganizzazione non solo del lavoro del magistrato in udienza e fuori, ma anche delle cancellerie (che dovranno abituarsi a porre massima attenzione al corretto inserimento dei dati nei registri e alla verifica almeno quotidiana degli atti e dei provvedimenti telematici pervenuti) e degli avvocati e degli ausiliari del giudice.

Allo scopo di rendere più omogenee possibili le prassi e i metodi di lavoro nei vari Tribunali, saranno approntati appositi protocolli tra magistrati, avvocati e cancellieri, auspicabilmente uniformi a livello distrettuale.
In conclusione, il Distretto toscano appare sufficientemente preparato a raccogliere la sfida dell'obbligatorietà del PCT, anche se molto dev'essere ancora fatto per giungere all'appuntamento del 30 giugno senza difficoltà.

Non c'è dubbio, però, che la buona riuscita del progetto epocale del Processo Telematico dipenderà, in larga parte, dalla qualità e dall'efficienza del servizio di assistenza software fornita dal Ministero della Giustizia, sia per quanto riguarda la soluzione dei problemi specifici che quotidianamente si presentano (fondamentale, è, pertanto, la tempestività dell'intervento), sia per lo sviluppo e l'implementazione dei programmi che debbono essere adattati ed adeguati alle modalità di svolgimento del processo codicistico. 

La presentazione delle slides si può scaricare qui 

Le slides n. 3, 12 e 13 (su fondo bianco e con le cartine dell'Italia) sono tratte dal rapporto "Dati Processo Civile Telematico anno 2013 - MINISTERO DELLA GIUSTIZIA"

12 marzo 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? 
Istruzioni per l’uso
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
di Gianmarco Marinai
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19 ottobre 2017
Un progetto di ufficio per il processo per la sezione in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
di Roberto Braccialini
Giugno 2003. In coda ad un dibattito veramente intenso promosso dall’Associazione nazionale magistrati su protocolli, processo e organizzazione, sulla scia delle riflessioni maturate in quel contesto sul valore essenziale dell’organizzazione delle risorse a disposizione della giurisdizione per rendere effettivo il principio della ragionevole durata del processo, parte uno scambio di corrispondenza molto fitto su questi argomenti tra un giudice civile, un dirigente amministrativo ed un docente universitario che in capo a pochi mesi approda ad una felice formula organizzativa, la quale riassume in sé l’esigenza di coordinare le risorse esistenti in vista della migliore funzionalità per il processo
2 maggio 2017
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
di Bruno Capponi
Quale che sia il rito, o non-rito, che siano chiamati ad applicare, i giudici civili non potranno farlo nelle condizioni date, con l’ennesima riforma a costo zero. Se qualcosa deve cambiare, l’ultima in ordine di importanza è proprio il rito
20 ottobre 2016
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
di Gianmarco Marinai
Commento a Trib. Milano 20.4.2016 e Trib. Locri 12.7.2016
26 settembre 2016
Abolizione del processo civile?
Abolizione del processo civile?
di Giuliano Scarselli
Contro il progetto che fa del rito sommario la regola generale di cognizione dei diritti civili
18 luglio 2016
La XI Assemblea Nazionale degli Osservatori sulla Giustizia civile
La Cassazione per la prima volta alle prese con i problemi del processo civile telematico
Nuovi scenari del “dominio” @giustizia.it
Deposito di atti in formato PDF immagine: la questione è ancora aperta
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Prassi e orientamenti
La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori
La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori
di Azzurra Fodra
Prime riflessioni a caldo di un giudice della famiglia sulla Carta adottata dall'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza
23 ottobre 2018
Quando il giudice deve “fare da sé” *
di Marco Ruotolo
Dove si colloca il confine tra interpretazione conforme alla Costituzione e disapplicazione della disposizione del testo normativo? Fino a che punto deve giungere lo sforzo interpretativo adeguatore del giudice remittente? Il saggio offre risposte a queste domande, unisce riflessioni teoriche e incursioni giurisprudenziali, attraversa il punto di vista della Corte costituzionale e quello dei giudici ordinari e, non da ultimo, mette in guardia da atteggiamenti supini e deresponsabilizzanti: interpretare, nel segno della Costituzione, non è, infatti, compito esclusivo della Corte costituzionale. In coda al brano, uno strumento prezioso: un breve manuale pratico per il giudice remittente
22 ottobre 2018
Il Consiglio giudiziario nelle riflessioni di un componente non togato*
di Alberto Roccella
Il saggio espone il ruolo e le funzioni dei Consigli giudiziari in composizione ordinaria dal punto di vista di un professore universitario di materie giuridiche e illustra l’esperienza del funzionamento del Consiglio giudiziario presso la Corte d’appello di Milano
17 ottobre 2018
Alla ricerca di buone prassi nel contenzioso famiglia: l'esperienza del Tribunale di Livorno
Alla ricerca di buone prassi nel contenzioso famiglia: l'esperienza del Tribunale di Livorno
di Azzurra Fodra
Un progetto tabellare e un protocollo di ampio respiro: così il Tribunale di Livorno attua qualità e efficacia nella gestione del contenzioso per la famiglia e i minori
2 ottobre 2018
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
di Antonello Cosentino
Il giudice comune nazionale ha sempre avuto con la Cgue relazioni più fluide rispetto a quelle intrattenute con la Cedu. A partire dalla sentenza 14 dicembre 2017 n. 269 della Corte costituzionale, però, lo schema dell’applicazione diretta del diritto euro-unitario da parte del giudice nazionale sembra essere stato rimesso in discussione. La Corte costituzionale ha rivendicato la propria centralità nella dialettica tra giudice comune, giudice costituzionale e Cgue. Dagli equilibri che si raggiungeranno in tale dialettica dipenderà grande parte del ruolo che il giudice nazionale giocherà nel futuro dell’integrazione europea
1 ottobre 2018
L’abuso del processo penale
L’abuso del processo penale
di Luigi Pacifici
L’abuso del processo costituisce una valvola di autotutela per l’ordinamento, elaborata, in ambito dottrinale e giurisprudenziale, al fine di evitare che i diritti da esso garantiti siano esercitati o realizzati, pur a mezzo di un intervento giurisdizionale, in maniera abusiva, ovvero eccessiva e distorta
19 settembre 2018