home search menu
Prassi e orientamenti
Il processo telematico tra norma e prassi
di Maria Giuliana Civinini
Presidente di Sezione del Tribunale di Livorno
Gli aspetti positivi del PCT per giudici e capi degli uffici e le infondate paure e rischi di aziendalismo giudiziario
Il processo telematico tra norma e prassi

Claudio Castelli ha parlato di criticità tecnologiche, criticità organizzative, criticità culturali.

Inizierò da queste ultime. Benché le prime applicazioni del processo telematico risalgano a venti anni fa, nonostante il sistema operativo sia disponibile per gli uffici giudiziari e i magistrati da dieci anni, nonostante le numerose sperimentazioni portate avanti nel tempo, il PCT è rimasto  per la stragrande maggioranza dei giudici civili sconosciuto e misterioso. 

Le statistiche e le riproduzioni grafiche sulla diffusione del telematico su scala regionale e nazionale, mostrateci da Marinai, dimostrano che la messa a regime del PCT avanza a grandi passi ma che restano ancora vaste e sconcertanti zone bianche, uffici dove siamo ancora all'anno zero.

Se il mancato interesse per gli strumenti dell'innovazione tecnologica di  alcuni capi degli uffici e alcuni dirigenti amministrativi può spiegare la lentezza nell'attuazione, deve però tenersi in conto anche una forte resistenza culturale e psicologica dei singoli magistrati. 

Una resistenza che, a mio avviso, non ha ragion d'essere.

E' vero che per alcuni aspetti il PCT rivoluziona il modo di lavorare del giudice civile. Il pensiero di sostituire al fascicolo reale il fascicolo virtuale, di dover scrivere (o supervisionare laddove si sperimentino forme di ufficio del processo o del giudice o vi sia personale sufficiente per l'assistenza in udienza - almeno per alcune attività più solenni, come i collegi) i verbali, di dover strutturare ordinatamente l'udienza chiamando una causa alla volta con una corretta gestione dei tempi e necessaria conoscenza dei fascicoli, di dover mettere da parte qualche comoda ma cattiva prassi: assumere le prove direttamente (conoscendo i fatti) anziché richieder gli avvocati di provvedervi da soli, tutto questo può generare preoccupazione o anche paura. Si tratta di sentimenti che sembrano sempre più diffusi tra i magistrati, il che contrasta con le caratteristiche di alta professionalità che dovrebbero contraddistinguerci, e che sono alimentati - secondo le regole della psicologia di massa - dagli spettri del disciplinare e delle valutazioni di professionalità.

E' mia ferma opinione che il processo telematico - che ci mette al passo con i più moderni sistemi europei e con le indicazioni della CEPEJ (Commissione Europea per l'Efficacia della Giustizia) - migliori in modo esponenziale la qualità del lavoro del giudice. Tale miglioramento è palpabile nello stesso momento in cui si apre per la prima volta un fascicolo su "consolle", si predispone un atto (che si genera secondo modelli inseriti nel sistema - normalmente frutto di una collaborazione collettiva all'interno dell'ufficio, basata anche sull'esperienza di altri uffici - con inserimento automatico dell'intestazione completa dell'atto: NRG, giudice monocratico o collegiale, oggetto della causa, nomi delle parti e dei loro difensori, e di contenuti tanto vari quanti sono i modelli), si deposita con un "clic" e si sa che il cancelliere lo riceverà in tempo reale, lo scaricherà sul SICID e potrà inviarlo tramite PEC ai difensori con un altro "clic". Si apre il fascicolo virtuale e si ha a disposizione lo storico completo e tutti i verbali nonché i documenti richiesti dal giudice (per chi fa, come me, famiglia e minori, si pensi alle relazioni dei Servizi Sociali o della GdF) nonché sempre più spesso atti di parte e CTU. Quando si ha doverosa cognizione del tema decidendum e del tema probandum si può fare udienza senza neppure guardare il fascicolo cartaceo, dalla copertina in decomposizione, normalmente privo di indice e numerazione degli atti.

Io non so nulla di informatica ma adoro la tecnologia che mi aiuta a lavorare meglio e più velocemente nell'interesse degli utenti della giustizia. L'esperienza del PCT mi fa formicolare le dita dal piacere di lavorare in modo efficiente e ordinato.

Aggiungo che il sistema è - come si dice con espressione anglofona - "user friendly", molto intuitivo nelle sue funzionalità e nelle applicazioni. Basta provare! I nostalgici delle sentenze scritte con la stilografica caricata a inchiostro bluette resistente a qualunque tentativo di fotocopia leggibile, gli amanti del profumo che emana dal fascicolo cartaceo dovranno fare uno sforzo iniziale ma, superato l'attimo, non potranno non apprezzare le comodità e le potenzialità della "consolle". Del resto siamo tutti, indipendentemente dall'età, circondati da PC, readers, tablets, smartphones e l'uso della Information Technology è conosciuto da tutti. Internet, le ricerche in rete e nei database, l'italgiureweb, COSMAG e l'intranet della Scuola della Magistratura ci hanno reso familiari con l'applicazione della tecnologia al nostro lavoro, si tratta solo di fare un passo avanti.

Non voglio negare che manchino i problemi o le criticità tecniche. C'è il grosso problema della verifica dell'autenticità della firma, per la quale è in corso di elaborazione un software per verificare la bontà delle firme digitali. Si tratta certamente di questione importante ma che non deve essere caricata di una rilevanza eccessiva. Anche per i documenti cartacei può porsi un problema di autenticità e di contraffazione e il sistema - che a mio avviso potrebbe essere ben semplificato in punto di codifica della firma - dà garanzie sufficienti tanto da rendere irrilevante la domanda sistematica della bontà della firma. 

C'è il problema della verifica della notifica effettuata via PEC ma con un po' di buon senso si può risolvere con la produzione di copia cartacea della informativa relativa alla notifica completa. 

Molte altre questioni possono presentarsi, dovute alla necessità di adattare regole di un codice scritto quando l'IT non esisteva al nuovo sistema telematico. Penso che dovremo adottare interpretazioni semplici e non eccessivamente formali. Come magistrati, siamo stati capaci di  interpretare le norme fasciste adeguandole alla Costituzione; saremo ben capaci di interpretare le norme del CPC adattandole al processo telematico! 

Nell'interpretazione dobbiamo farci guidare da alcuni principi generali di fondo: il principio di economia processuale, il principio di regolarizzazione degli atti nulli, il principio di sanatoria per raggiungimento dello scopo. 

Dovremo applicare un criterio ermeneutico che è valido per le scienze esatte e può applicarsi anche a quelle umanistiche: tra una soluzione semplice ed una complicata quella semplice è verosimilmente quella corretta.

Come i magistrati degli uffici dove il PCT ha un elevato tasso di applicazione stanno constatando, gli aspetti positivi del telematico sopravanzano ampiamente quelli negativi o problematici.

Nella mia sezione, la sezione civile del Tribunale di Livorno, tutti i magistrati usano "consolle" e nel 2013 i depositi (di verbali e provvedimenti) e le comunicazioni sono stati pressoché nella totalità telematici nel civile ordinario e nel lavoro e, più recentemente, anche nella volontaria giurisdizione collegiale e monocratica.

Questo non si è prodotto nell'ambito di un processo di burocratizzazione e adozione di un modello aziendalistico da parte del settore civile del Tribunale (l'accostamento di PCT e burocratizzazione è frequente e si basa, a mio avviso, su una mancanza di conoscenza).

L'uso di "consolle" è certamente uno degli elementi che porta il settore civile del nostro Tribunale ai primi posti nel distretto per durata dei processi e a livello di eccellenza per alcune materie (come la famiglia). Il telematico si inserisce in un contesto organizzativo e programmatico condiviso coi colleghi per eliminazione dell'arretrato delle cause ultratriennali (che si stanno progressivamente riducendo per numero totale e soprattutto sono ultratriennali sempre meno vecchie, avvicinandosi ormai a livelli fisiologici) e per l'aumento del tasso di eliminazione delle sopravvenienze.

Il "cruscotto" del Presidente, altro ottimo strumento di "consolle", consente al dirigente e al presidente di sezione un monitoraggio costante dell'andamento del ruolo generale e dei singoli ruoli, l'individuazione e il conseguente intervento sulle criticità. Dal punto di vista qualitativo l'adozione di modelli e di pezzi di motivazione (PDM) tramite "consolle" non porta a uno scadimento della qualità del prodotto giudiziario, essendo le soluzioni giuridiche e le prassi il frutto di un costante confronto e apporto di idee e di studio all'interno della sezione. La standardizzazione delle procedure e dei provvedimenti semplici (penso ad es., per quanto mi riguarda, alle separazioni consensuali) apre spazi temporali rilevanti per dedicarsi alle questioni complesse e alle attività sensibili (nel mio settore, agli ascolti del minore, ai tentativi di conciliazione, alla costruzione di progetti per l'utenza). 

La messa a disposizione dei GOT di consolle favorisce il loro utilizzo intelligente sulla base delle indicazioni consiliari. Certo, abbiamo la fortuna di avere nella nostra sezione il RID della Toscana, Marinai, che aiuta capi a colleghi e cancellerie a risolvere tutti problemi, e un foro tra i più attivi in Toscana su questo fronte, ma è certo che il PCT ha migliorato la qualità della giustizia civile a Livorno.

Ricordo che le cancellerie devono essere particolarmente seguite, informate, istruite in vista del passaggio di giugno e, in questo periodo di doppio regime per il deposito degli atti, deve essere raccomandata la massima sollecitudine per l'invio della ricevuta di deposito agli avvocati.

Concludo sottolineando l'importanza di regolare attraverso protocolli (di cui esistono già esempi come quello dell'Osservatorio per la Giustizia Civile di Firenze) le buone prassi in materia di applicazione del PCT. Sottoscrivo in pieno l'idea di un protocollo a livello di distretto, per evitare alle parti il rischio del "tribunale che vai usanza che trovi". La certezza in questa fase di transizione è un valore più di sempre. 

Questo dovrebbe essere dunque il nostro prossimo obiettivo: raccogliere intorno a un tavolo l'avvocatura distrettuale e i rappresentanti dei vari uffici per stilare il Protocollo per il PCT per la Toscana.

13 marzo 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? 
Istruzioni per l’uso
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
di Gianmarco Marinai
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19 ottobre 2017
Un progetto di ufficio per il processo per la sezione in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
di Roberto Braccialini
Giugno 2003. In coda ad un dibattito veramente intenso promosso dall’Associazione nazionale magistrati su protocolli, processo e organizzazione, sulla scia delle riflessioni maturate in quel contesto sul valore essenziale dell’organizzazione delle risorse a disposizione della giurisdizione per rendere effettivo il principio della ragionevole durata del processo, parte uno scambio di corrispondenza molto fitto su questi argomenti tra un giudice civile, un dirigente amministrativo ed un docente universitario che in capo a pochi mesi approda ad una felice formula organizzativa, la quale riassume in sé l’esigenza di coordinare le risorse esistenti in vista della migliore funzionalità per il processo
2 maggio 2017
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
di Bruno Capponi
Quale che sia il rito, o non-rito, che siano chiamati ad applicare, i giudici civili non potranno farlo nelle condizioni date, con l’ennesima riforma a costo zero. Se qualcosa deve cambiare, l’ultima in ordine di importanza è proprio il rito
20 ottobre 2016
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
di Gianmarco Marinai
Commento a Trib. Milano 20.4.2016 e Trib. Locri 12.7.2016
26 settembre 2016
Abolizione del processo civile?
Abolizione del processo civile?
di Giuliano Scarselli
Contro il progetto che fa del rito sommario la regola generale di cognizione dei diritti civili
18 luglio 2016
La XI Assemblea Nazionale degli Osservatori sulla Giustizia civile
La Cassazione per la prima volta alle prese con i problemi del processo civile telematico
Nuovi scenari del “dominio” @giustizia.it
Deposito di atti in formato PDF immagine: la questione è ancora aperta
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Prassi e orientamenti
La tenuta dei registri informatici e i risvolti sulla statistica del lavoro dei magistrati, tra bonifica dei dati e insufficienza delle griglie ministeriali*
La tenuta dei registri informatici e i risvolti sulla statistica del lavoro dei magistrati, tra bonifica dei dati e insufficienza delle griglie ministeriali*
di Marco Bisogni
L’autore individua le principali criticità delle “griglie” ministeriali e degli applicativi utilizzati per la formazione delle statistiche in ambito giudiziario. Propone, inoltre − dopo aver constatato che gli attuali sistemi sono orientati ad una rilevazione statistica di tipo meramente quantitativo (per lo più ancorata alla dicotomia sopravvenuti/esauriti) con le conseguenti inevitabili ricadute sull’impostazione del lavoro da parte del singolo magistrato (dirigente e non dirigente) − l’adozione di un diverso “paniere” statistico orientato anche alla rilevazione della qualità del lavoro svolto
20 novembre 2017
Sulla legittimazione ad agire per le discriminazioni collettive afferenti al fattore della nazionalità*
Sulla legittimazione ad agire per le discriminazioni collettive afferenti al fattore della nazionalità*
di Roberto Riverso
La questione processuale in esame – indispensabile ai fini della tutela effettiva del diritto – non è suscettibile di essere risolta sulla base di una semplice interpretazione letterale di un’unica disposizione sostanziale (l’art. 3 del d.lgs n. 215/2003) di provenienza comunitaria, dettata dall’intento di riservare ai singoli Stati la regolazione della materia dell’immigrazione; e che pertanto non interferisce con le regole processuali vigenti negli Stati membri. Si tratta invece di una questione articolata di cui il giudice deve farsi carico raccordando varie norme e principi (comunitari e costituzionali), senza parcellizzazioni, valorizzando l’interpretazione complessiva e l’intenzione dello stesso legislatore, il quale mostra in più sedi di considerare unitariamente i fattori di discriminazione, anche sotto il profilo della loro tutela processuale
2 novembre 2017
Il processo telematico e la lezione del Gattopardo
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? 
Istruzioni per l’uso
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
di Gianmarco Marinai
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19 ottobre 2017
L’affidamento del minore e la continuità affettiva: rivisitazione dell’<i>adozione mite</i> e nuove prospettive in tema di adozione
L’affidamento del minore e la continuità affettiva: rivisitazione dell’adozione mite e nuove prospettive in tema di adozione
di Valeria Montaruli
Pubblichiamo la relazione in tema di affidamento del minore tenuta a Catania il 13 giugno 2017
6 ottobre 2017
L’arte di respingere le domande tra serio e faceto