home search menu
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
Prassi e orientamenti
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
di Sergio Paparo, Michele Monnini, Andrea Proto Pisani e Maria Silvia Zampetti (a cura)

La proposta di articolato normativo qui pubblicata è il frutto delle riflessioni di un gruppo di lavoro[1] che si è confrontato sulla possibilità di dare una risposta di “pronto soccorso” alla spaventosa crisi del giudizio di cognizione di primo grado, nella condivisa valutazione della assoluta inadeguatezza delle soluzioni proposte dal disegno di legge AS 2284 (Delega al Governo recante disposizioni per l’efficienza del processo civile) attualmente all’esame del Senato[2], incentrate, sostanzialmente, sulla sommarizzazione del processo[3].

La comune valutazione che le principali cause di endemica sofferenza del processo civile sono da individuarsi, principalmente, nel sovraccarico dei ruoli di primo grado e nelle carenze strutturali in cui i giudici sono costretti ad operare (anche a causa della mancata realizzazione di un efficiente “ufficio per il processo”[4]) ha orientato la riflessione sull’opportunità di suggerire alcuni interventi che, senza alcuno stravolgimento dell’attuale impianto del codice di rito, potrebbero rendere più efficiente, e soprattutto effettivo, lo svolgimento del processo, valorizzando anche il ruolo del difensore nella fase precontenziosa ed in quella di formazione del thema decidendum e probandum del successivo, eventuale, giudizio.

Vanno lette in questa prospettiva le soluzioni suggerite nel documento.

*Lavoro destinato a Il Foro Italiano e pubblicato su gentile autorizzazione del professor Andrea Proto Pisani

 


[1] Il gruppo è composto da: avv. Giampiero Cassi, avv. Michele Monnini, avv. Sergio Paparo, avv. Cosimo Papini, prof. avv. Andrea Proto Pisani, avv. Antonio Riga, prof. avv. Giuliano Scarselli, avv. Francesco Singlitico, avv. Maria Silvia Zampetti

[2] Il testo in discussione è quello approvato dalla Camera dei deputati il 10 marzo 2016 con il AC 2953 che ha significativamente modificato l’originario disegno di legge, presentato dal Governo per iniziativa del Ministro della giustizia, predisposto sulla base del lavoro della commissione ministeriale presieduta dall’allora Presidente della Terza sezione civile della Corte di cassazione, dott. Giuseppe Berruti.

[3] Nel disegno di legge si prevede l’estensione generalizzata del processo sommario di cognizione di cui all’art. 702 bis cpc.

14 giugno 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Prassi e orientamenti
Giustizia predittiva. La qualità della giustizia in due tempi
Giustizia predittiva. La qualità della giustizia in due tempi
di Claudio Castelli* e Daniela Piana**
La giustizia predittiva, di cui già oggi si discute in molti Paesi e che viene presentata come un Giano bifronte, un grande rischio di riduzione ad una gestione automatizzata degli small claims ovvero di una differenziazione delle risposte giudiziarie che ha profili di potenziale discriminazione, è un orizzonte non più soltanto futuribile anche nel nostro Paese. Discuterne, darsi gli strumenti conoscitivi e quindi di governance per potere volgere quella che è una opportunità di cambiamento in una reale condizione di potenziamento della prevedibilità della trasparenza e del coordinamento fra sedi giudiziarie, nel pieno rispetto delle garanzie costituzionali di autonomia del giudice, è una priorità che questo lavoro mette al centro del dibattito della magistratura italiana e di tutti i protagonisti del mondo della giustizia.
15 maggio 2018
Appunti per una relazione sul terrorismo di destra *
di Giovanni Salvi
Esauritosi il conflitto tra scelte ideologiche totalizzanti, caratterizzante la guerra fredda, il collante delle destre radicali diviene l’identità etnico-nazionale. Le destre radicali europee guardano quindi all’esperienza statunitense del suprematismo bianco e del super-nazionalismo. Nel mutuarne alcune opzioni organizzative, come la leaderless resistance, il riferimento al nazi-fascismo resta nei simboli e soprattutto nell’originario richiamo al rapporto tra suolo e cultura. Un ruolo fondamentale svolge il web, il cui uso è direttamente collegato alle modifiche di strategia politica. Deve di conseguenza cambiare anche l’approccio investigativo, basata su di una approfondita conoscenza delle nuove realtà.
27 aprile 2018
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
di Giuseppe Battarino
Turno affari di pronta definizione, turno reati di “fascia B” e, addirittura, turno reati di “fascia C”. I disegni organizzativi dei nostri tribunali e delle nostre procure – al lodevole scopo di far funzionare l’elefantiaca macchina della giustizia – escogitano congegni sempre più efficientisti, che tendono all’obiettivo della ragionevole durata del processo. Ma che rischiano di sottovalutare in modo grave la irripetibilità della vicenda di ciascun imputato e di ciascuna vittima. E, allora, occorre chiedersi con l’Autore – e con un osservatore d’altri tempi – se davvero questa sia la ragionevole durata di un processo; e – più gravemente – se davvero questa sia giurisdizione.
27 aprile 2018
Giurisdizione, organizzazione, risorse, innovazione e territorio
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
di Ennio Tomaselli
Partendo da casi di cronaca, si approfondiscono problematiche sulla valutazione giurisprudenziale dell’imputabilità ex art. 98 cp, anche alla luce di dati statistici recenti. Si discute, in particolare, della correttezza formale e dell’opportunità, rispetto anche ad esigenze di chiarezza e credibilità dell’agire istituzionale, di pronunce dichiarative di non imputabilità in concreto non precedute da una valutazione collegiale e specializzata. Si segnala anche recente giurisprudenza di legittimità relativa agli infraquattordicenni, non imputabili ex lege, e si conclude sottolineando l’importanza che la giurisprudenza in questa materia, cruciale sul piano concettuale e sistematico, sia sempre più coerente con l’esigenza di una giustizia comunque a misura delle persone di minore età.
27 marzo 2018
Il giudice senza legge. Un banco di prova per la teoria della separazione dei poteri
ed una sfida per la certezza del diritto