home search menu
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
Prassi e orientamenti
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
di Sergio Paparo, Michele Monnini, Andrea Proto Pisani e Maria Silvia Zampetti (a cura)

La proposta di articolato normativo qui pubblicata è il frutto delle riflessioni di un gruppo di lavoro[1] che si è confrontato sulla possibilità di dare una risposta di “pronto soccorso” alla spaventosa crisi del giudizio di cognizione di primo grado, nella condivisa valutazione della assoluta inadeguatezza delle soluzioni proposte dal disegno di legge AS 2284 (Delega al Governo recante disposizioni per l’efficienza del processo civile) attualmente all’esame del Senato[2], incentrate, sostanzialmente, sulla sommarizzazione del processo[3].

La comune valutazione che le principali cause di endemica sofferenza del processo civile sono da individuarsi, principalmente, nel sovraccarico dei ruoli di primo grado e nelle carenze strutturali in cui i giudici sono costretti ad operare (anche a causa della mancata realizzazione di un efficiente “ufficio per il processo”[4]) ha orientato la riflessione sull’opportunità di suggerire alcuni interventi che, senza alcuno stravolgimento dell’attuale impianto del codice di rito, potrebbero rendere più efficiente, e soprattutto effettivo, lo svolgimento del processo, valorizzando anche il ruolo del difensore nella fase precontenziosa ed in quella di formazione del thema decidendum e probandum del successivo, eventuale, giudizio.

Vanno lette in questa prospettiva le soluzioni suggerite nel documento.

*Lavoro destinato a Il Foro Italiano e pubblicato su gentile autorizzazione del professor Andrea Proto Pisani

 


[1] Il gruppo è composto da: avv. Giampiero Cassi, avv. Michele Monnini, avv. Sergio Paparo, avv. Cosimo Papini, prof. avv. Andrea Proto Pisani, avv. Antonio Riga, prof. avv. Giuliano Scarselli, avv. Francesco Singlitico, avv. Maria Silvia Zampetti

[2] Il testo in discussione è quello approvato dalla Camera dei deputati il 10 marzo 2016 con il AC 2953 che ha significativamente modificato l’originario disegno di legge, presentato dal Governo per iniziativa del Ministro della giustizia, predisposto sulla base del lavoro della commissione ministeriale presieduta dall’allora Presidente della Terza sezione civile della Corte di cassazione, dott. Giuseppe Berruti.

[3] Nel disegno di legge si prevede l’estensione generalizzata del processo sommario di cognizione di cui all’art. 702 bis cpc.

14 giugno 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 2/2018
Giustizia e disabilità

La riforma spezzata.
Come cambia
l’ordinamento penitenziario
Prassi e orientamenti
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
di Paolo Borgna
La giustizia ha bisogno di un organico intervento riformatore, preparato da un movimento culturale ampio e profondo, sostenuto da quella cultura della giurisdizione che accomuna avvocati e magistrati
18 febbraio 2019
La maledizione di Kirchmann, ovvero che ne sarà del danno differenziale
La maledizione di Kirchmann, ovvero che ne sarà del danno differenziale
di Marco Rossetti
La riforma introdotta con l’art. 1, comma 1126 della legge n.145 del 2018 altera i principi definiti dalle supreme Corti in tema di diritto al risarcimento del danno differenziale in caso di infortunio sul lavoro, sollevando concreti dubbi di costituzionalità
6 febbraio 2019
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
di Roberto Giovanni Conti
Un’analisi ragionata sul valore e l’efficacia dei Protocolli d’intesa conclusi fra le Alte Corti nazionali e la Corte Edu, prima dell’entrata in vigore del Protocollo n. 16 annesso alla Cedu, consente all’Autore di riflettere sulla portata dei diversi strumenti che vedono a vario titolo coinvolti i giudici nazionali e sovranazionali, oltre al Consiglio superiore della magistratura
30 gennaio 2019
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
di Enrico Scoditti
È stata rimessa alle Sez. unite della Cassazione la questione della responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato. Nello scritto si propone di interpretare «violazione manifesta della legge» in termini di travisamento linguistico della disposizione o di fatto accertato ma rimasto privo di effetti giuridici nonostante l’esistenza di previsione legislativa
10 dicembre 2018
La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori
La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori
di Azzurra Fodra
Prime riflessioni a caldo di un giudice della famiglia sulla Carta adottata dall'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza
23 ottobre 2018
Quando il giudice deve “fare da sé” *
di Marco Ruotolo
Dove si colloca il confine tra interpretazione conforme alla Costituzione e disapplicazione della disposizione del testo normativo? Fino a che punto deve giungere lo sforzo interpretativo adeguatore del giudice remittente? Il saggio offre risposte a queste domande, unisce riflessioni teoriche e incursioni giurisprudenziali, attraversa il punto di vista della Corte costituzionale e quello dei giudici ordinari e, non da ultimo, mette in guardia da atteggiamenti supini e deresponsabilizzanti: interpretare, nel segno della Costituzione, non è, infatti, compito esclusivo della Corte costituzionale. In coda al brano, uno strumento prezioso: un breve manuale pratico per il giudice remittente
22 ottobre 2018