home search menu
La Cedu e la Diaz 2.0
Osservatorio internazionale
La Cedu e la Diaz 2.0
di Francesco Buffa
Consigliere della Cassazione distaccato alla Corte europea dei diritti dell'uomo

Con la sentenza Bartesaghi Gallo ed altri contro Italia, rg. 12131/13 e 43390/13, del 22 giugno 2017, la Corte europea dei diritti dell'uomo reitera la condanna dell'Italia in relazione alle violenze della scuola Diaz occorse a margine del G8 di Genova nel luglio 2001.

In particolare, la sentenza riconosce la violazione dell'articolo 3 della Convenzione sul piano sostanziale e procedurale e condanna lo Stato italiano al risarcimento dei danni morali (differenziali rispetto alle provvisionali assegnate a livello interno) di circa € 45.000 in favore di ciascun ricorrente.

La sentenza ricalca, con maggior sintesi, il precedente Cedu Cestaro del 7 aprile 2015, rg. 6884/11, ove ricorrente era un cittadino italiano, ma si segnala perché nel caso ricorrenti erano più persone appartenenti a diverse nazionalità, sì che vi è un maggior interesse della comunità internazionale nel caso.

La sentenza riconosce che i fatti sono stati già accertati compiutamente a livello interno dai giudici nazionali e sono sintetizzabili (par. 114) in «violences commises, multiples et répétées, (qui) ont atteint un niveau de gravité absolue car commises dans tous les locaux de l’école et à l’égard de personnes à l’évidence désarmées, endormies ou assises les mains en l’air; lesdites violences étaient injustifiées et ont été exercées dans un but punitif et de représailles, visant à provoquer l’humiliation et la souffrance physique et morale des victimes».

Le violazioni della Convenzione riscontate dalla Corte europea riguardano essenzialmente due aspetti:

- sul piano sostanziale, l’inadeguatezza della legge italiana per prevenire e punire gli atti di tortura connessi commessi dalle forze dell'ordine nonché, peraltro, la mancata punizione in modo adeguato dei responsabili dei fatti illeciti;

- sul piano procedurale, la sentenza richiama in toto il precedente, che aveva rilevato l’assenza di identificazione degli autori materiali dei maltrattamenti in causa, la prescrizione dei delitti e l’indulto parziale delle pene, i dubbi sulle misure disciplinari adottate nei confronti dei responsabili dei maltrattamenti.

Quanto al primo profilo, la sentenza Cestaro aveva rilevato, in modo tanto essenziale quanto efficace (par. 221 e par. 225), che «in definitiva, al termine del procedimento penale nessuno è stato condannato per i maltrattamenti perpetrati nella scuola Diaz-Pertini nei confronti, in particolare, del ricorrente, in quanto i delitti di lesioni semplici e aggravate si sono estinti per prescrizione» e che «è la legislazione penale italiana applicata al caso di specie a rivelarsi inadeguata rispetto all'esigenza di sanzionare gli atti di tortura in questione e al tempo stesso privata dell'effetto dissuasivo necessario per prevenire altre violazioni simili dell'articolo 3 in futuro».

La sentenza Bartesaghi Gallo ribadisce che gli atti in questione vanno riguardati come tortura, violativi quindi dell'articolo 3 della Convenzione, norma che protegge un diritto assoluto e inalienabile.

Nella legislazione italiana, dai fatti del G8 (ossia da quelli che Amnesty International ha definito «la più grave violazione dei diritti umani occorsa in una democrazia occidentale nel dopoguerra»), come pure dalla Cestaro, nulla è cambiato, e manca tuttora una legge italiana sulla tortura. E ciò sebbene la previsione di un reato ad hoc risulti conforme agli standard di vari Paesi ed a vari obblighi internazionali assunti dall'Italia, e sarebbe inoltre ricca di conseguenze pratiche (tra le tante, in tema di prescrizione), opportunamente evidenziate da Guglielmo Taffini in L’infame crociuolo della verità. Uno studio sulla tortura (collana Il diritto in Europa oggi, Key editrice, 2015). Proprio in questi giorni, un disegno di legge in materia è ancora in discussione alla Camera (oggi in quarta lettura), ma in un testo che lascia insoddisfatte varie Ong e lo stesso firmatario del disegno.

Rispetto al precedente giurisprudenziale che non aveva espressamente esaminato il tema, la sentenza odierna si sofferma (par. 116) sulla responsabilità dei vertici della polizia, desumendola in particolare dalla «défaillances de la planification de l’opération de police» (in un contesto in cui «Les forces de l’ordre ne se trouvaient pas face à une situation d’urgence, à une menace immédiate empêchant de prévoir une intervention adéquate, adaptée au contexte et proportionnée aux menaces potentielles»), e soprattutto dall’assenza di direttive specifiche sull'utilizzazione della forza (laddove «malgré la présence à Gênes de fonctionnaires expérimentés faisant partie de la haute hiérarchie policière, aucune directive spécifique sur l’utilisation de la force n’a été émise et qu’aucune consigne n’a été donnée aux agents sur cet aspect décisif»).

Il paragrafo è importante perché profila la responsabilità dei vertici, dei «fonctionnaires expérimentés faisant partie de la haute hiérarchie policière».

Peraltro, il riferimento alle omissioni e defaillances non deve esser letto nel senso di uno scivolamento verso un carattere meramente colposo della responsabilità individuale per i fatti violenti, in quanto da un lato la corte non esamina il tema se non ai fini della responsabilità dello Stato (e non anche di quella penale personale degli interessati) e, per altro verso, non può dimenticarsi quanto affermato dalle sentenze dei giudici italiani rese in appello e Cassazione, che avevano rilevato, pur solo per alcuni degli alti funzionari di polizia imputati, una partecipazione diretta ed attiva in tutte le fasi dell’operazione ed una condotta accompagnata dalla «consapevolezza circa l’uso spropositato che era stato fatto della violenza nell’occasione, per l’evidenza di quella che era percepita come macelleria messicana» (così Cass. n. 38085/2012).

Come detto, la sentenza in disamina richiama il precedente per la parte in cui si ravvisa la violazione degli obblighi procedurali dell’art. 3 della Convenzione, ossia gli obblighi per lo Stato di indagare efficacemente sui fatti costituenti violazioni sostanziali della norma convenzionale.

E qui non possono non venire in mente le incisive parole di Livio Pepino, che coraggiosamente ha evidenziato come il «vero nodo dei processi», ben più dell'esistenza e dell'entità delle violenze, documentate al di là di ogni dubbio da immagini varie, riguardava il fatto che «l'accertamento dei fatti di “inusitata violenza” commessa da operatori di polizia si è scontrato con un muro di silenzi istituzionali, di omertà, di falsi, che hanno riguardato l'identità degli esecutori, la dinamica degli eventi, il contesto in cui si sono realizzati, la catena di comando che li ha determinati (o quantomeno favoriti e coperti)»[1].

Sul punto la sentenza Cestaro, richiamata dalla Bartesaghi Gallo, aveva affermato (par. 222) che «la reazione delle autorità non è stata adeguata tenuto conto della gravità dei fatti» ed è stata quindi «incompatibile con gli obblighi procedurali che derivano dall'articolo 3 della Convenzione».

Interessante è in modo particolare il paragrafo 184 della sentenza Cestaro, ove la Corte ha affermato che «per valutare il contesto nel quale è avvenuta l’aggressione del ricorrente e, in particolare, l’elemento intenzionale, la Corte non può nemmeno ignorare i tentativi della polizia di nascondere i fatti in questione o di giustificarli sulla base di circostanze fittizie»: in tal modo, la Corte sembra desumere dalla «scellerata operazione mistificatrice» (così letteralmente la sentenza Cestaro, richiamando l’espressione usata già dalla Cassazione sul punto) l’elemento intenzionale necessario per configurare la tortura, ritenendo inoltre i fatti lesivi oggetto di una vera e propria «decisione» (par. 189, in fine) e non una mera conseguenza di una situazione di tensione (par. 185).

Con la sentenza in commento, la questione Diaz innanzi alla Cedu è esaurita; non lo sono invece i fatti di Genova, essendo pendenti vari ricorsi su analoghe vicende avvenute alla caserma di Bolzaneto negli stessi giorni, sui quali la decisione della Corte europea è attesa presumibilmente per la fine dell’anno.

____________________

[1] L. Pepino, Diaz: quello che la Corte deve chiarire, il Manifesto, 12 giugno 2012; Vds. anche E. Zucca, Genova: 14 anni dopo il luglio 2001, in numero 5-6/2015 de Il Ponte (Quale Giustizia, a cura di L. Pepino)

28 giugno 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
di Francesco Buffa
Il 12 aprile scorso, con la ratifica ad opera della Francia, si è perfezionato l’iter del Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu ed il Protocollo può entrare in vigore con decorrenza dal 1° agosto prossimo. Il Protocollo introduce il nuovo istituto del parere consultivo, che i giudici nazionali superiori possono chiedere alla Corte Edu in merito a questioni di principio riguardanti l'interpretazione o l'applicazione dei diritti e delle libertà stabiliti nella Convenzione. La prassi chiarirà l’effettiva utilità ed opportunità del ricorso al nuovo strumento.
2 maggio 2018
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
di Francesco Luigi Gatta
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
9 aprile 2018
CEDU, pillole di gennaio
CEDU, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a gennaio 2018
4 aprile 2018
Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità
Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità
di Nicola Colaianni
Osservazioni sulla sentenza della Corte europea dei diritti umani (Sekmadienis Ltd. v. Lithuania) sul caso della pubblicità a sfondo religioso utilizzata da un’azienda lituana
1 marzo 2018
CEDU, pillole di dicembre
CEDU, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a dicembre 2017
26 febbraio 2018
CEDU, pillole di novembre
CEDU, pillole di novembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a novembre 2017
8 febbraio 2018
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Oggi a Strasburgo, si celebra l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Tra gli ospiti il presidente della Corte di giustizia europea, Koen Lenaerts.
26 gennaio 2018
CEDU, pillole di ottobre
CEDU, pillole di ottobre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a ottobre 2017
19 dicembre 2017
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Osservatorio internazionale
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
di Nello Rossi
Il drammatico e infinito conflitto tra israeliani e palestinesi è caratterizzato da una costante: l’oppressione e la repressione dello Stato di Israele nei confronti del popolo palestinese. Ma, accanto a questa tragica “costante”, che ha avuto un nuovo picco nei massacri di questi mesi, si sta verificando un fatto nuovo e diverso, e cioè la creazione di due diritti differenti per i due popoli che vivono in quell’area del mondo? Si è di fronte alla istituzionalizzazione, a danno dei palestinesi, di un vero e proprio regime di apartheid, bollato come un crimine dalle Convenzioni internazionali? L’articolo tenta di rispondere a questo interrogativo attraverso l’analisi dei molteplici comportamenti vessatori e discriminatori posti in essere dalle autorità israeliane e della “mens rea” del crimine di apartheid alla luce del diritto internazionale.
23 maggio 2018
CGUE, pillole di marzo
CGUE, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a marzo 2018
18 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
di Nicola Colaianni
La Corte di giustizia si occupa per la prima volta dell’art. 4, par. 2, della direttiva 2000/78/CE sui limiti dell’esenzione delle organizzazioni di tendenza religiosa dal divieto di discriminazioni di carattere religioso in materia di lavoro. A fronte di un ordinamento come quello tedesco, che ha dato attuazione piuttosto blanda alla direttiva favorendo ampiamente l’autonomia confessionale e limitando conseguentemente il controllo giurisdizionale alla mera plausibilità del provvedimento confessionale, Corte giust. 17 aprile 2018, causa C-414/16 opta per l’interpretazione rigorosa del carattere essenziale, legittimo e giustificato del nesso tra mansioni del lavoratore e attività dell’ente, da accompagnare con l’applicazione del principio di proporzionalità (dalla stessa direttiva non richiamato espressamente). Il riconoscimento di una cognizione piena ed esauriente da parte del giudice consente una valutazione oggettiva, e non spiritualistica, del rapporto tra lavoro e tendenza in direzione di una tutela più efficace dei cittadini da discriminazioni di carattere religioso.
3 maggio 2018
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
di Francesco Buffa
Il 12 aprile scorso, con la ratifica ad opera della Francia, si è perfezionato l’iter del Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu ed il Protocollo può entrare in vigore con decorrenza dal 1° agosto prossimo. Il Protocollo introduce il nuovo istituto del parere consultivo, che i giudici nazionali superiori possono chiedere alla Corte Edu in merito a questioni di principio riguardanti l'interpretazione o l'applicazione dei diritti e delle libertà stabiliti nella Convenzione. La prassi chiarirà l’effettiva utilità ed opportunità del ricorso al nuovo strumento.
2 maggio 2018