home search menu
<i>La convocazione</i>, un film civile
Magistratura e società
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
presidente di Sezione, Tribunale di Milano
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
<i>La convocazione</i>, un film civile

Per chi ha la “fortuna” di presiedere una sezione di Corte d’assise, l’udienza di convocazione dei giudici popolari (perché di un’udienza si tratta) è il momento più significativo per comprendere il senso di una corte composta, oltre che da giudici professionali, da comuni cittadini.

Quella «Giustizia amministrata in nome del popolo» dell’art. 110 Cost. (in altri momenti oggetto di strumentalizzazioni politiche) trova nella composizione mista della Corte d’assise il suo topos e, nel rapporto tra giudici togati e popolari, il primo incontro con i “prescelti” è certamente il momento più carico di emozioni e sensazioni. Da parte sia dei convocati, sia del giudice che attiva con loro quel primo contatto.

Quelle ore rappresentano l’home page dell’istituzione, il momento che potrà decidere se quei cittadini parteciperanno all’obbligo civico di amministrare la giustizia con passione (e, quindi, impegno) o con indifferenza e fastidio.

La convocazione, purtroppo, avviene in modo burocratico, per certi versi irritante: trovarsi a casa i carabinieri senza sapere perché provoca reazioni non positive da parte dei convocati (e bene ha fatto Enrico Maisto a indugiare sulla sensazione di fastidio mostrata da questi ultimi).

Quindi, in quell’incontro, è necessario per prima cosa superare la diffidenza di quella convocazione burocratica.

E per farlo è necessario acquisire (se non le si possiede) doti non tipiche della professionalità di giudice, essere accogliente e comprensivo, ma, nello stesso tempo, deciso nel non assecondare il fastidio che molti manifestano per quell’incarico.

Bisogna essere chiari, sinceri, non provare a bluffare con chi, alla fine, trascorrerà con te buona parte del suo tempo lavorativo per almeno tre mesi.

Bisogna farsi capire e capire i convocati, saper distinguere chi vuole togliersi solo il fastidio da chi in realtà non potrebbe reggere, per ragioni di salute personale, familiari o lavorative quell’incarico.

In quelle poche ore (tutto si risolve in una mattina) si agitano sensazioni, emozioni, diffidenze, simpatie e tanto altro.

Ma il film di Enrico Maisto è molto di più dell’osservazione su tutto questo.

È un vero film civile, dove, appunto, sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni (del “popolo” si diceva un tempo, che quell’istituzione e quell’idea guarda e valuta da fuori) sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia.

Non c’è indulgenza nel descrivere quelle sensazioni, non c’è politicamente corretto, non c’è però neanche enfasi sulle idee più critiche che il cittadino matura ed esprime in merito all’inadeguatezza dell’esercitare giustizia.

Certo, traspare anche la sensazione di inadeguatezza che molti dei convocati manifestano su di sé, ma le loro confidenze, le loro confessioni definiscono soprattutto un quadro collettivo di grande verità sulla funzione del giudicare e sulla sua inadeguatezza.

Nel film i giudici professionali sembrano, almeno in quella fase di espressione del disagio dei cittadini sulla giustizia, personaggi fuori campo; rigorosi e accoglienti, entrambe le cose nello stesso momento, senza però che il loro percorso ideale (cioè di idee) emerga nel film.

Se fosse un saggio, sarebbe giusto che quel fiume di dubbi e di critiche sul funzionamento dell’amministrazione della giustizia (ma in termini più filosofici, sul giudicare) fosse confrontato con i solidi argomenti dei giudici professionali, ma La convocazione è un film, è la narrazione del fluire delle emozioni che si sprigionano nei convocati alle quali non si deve dare risposta.

L’idea iniziale del giudice, «la vostra sensazione prevalente è la paura», certamente è vera, traspare dalle espressioni dei volti, dai movimenti dei corpi più che dalle parole dei convocati; ma la paura è presto superata dal ribollire di altre cento emozioni e sensazioni, tutte espresse con parole solo sussurrate nella prima parte del film, con le espressioni dei volti nella quiete che precede il finale.

Si vive, nel ritmo del film, la tensione iniziale (la tensione emotiva, la vitalità fisica, l’emozione derivante dall’ingresso in quel mondo – un ingresso anche fisico all’interno di un’austera aula d’udienza che rappresenta una scenografia “naturale” straordinaria) che manifesta con le voci delle “confessioni” tutto ciò che si muove nelle persone chiamate a vivere l’esperienza di una giornata particolare (non usa quell’espressione Enrico Maisto, ma questo è il senso esplicito di un dialogo tra i più diretti di alcuni dei convocati).

Poi Enrico Maisto riprende in mano la sua storia, la sua storia della convocazione: i primi protagonisti selezionati, quelli che riescono a farsi esonerare, un ritorno alla normalità delle emozioni, una sorta di quiete che la normalità riacquisita fa subentrare alla tempesta di sensazioni fino a quel momento espresse.

Sono pochi minuti di espressioni di volti, volti ai quali lo spettatore è ormai abituato, ma che lì, in assenza di sensazioni palesate con le parole, ci dicono che è cessata la tempesta.

Allora, con una storia di cui il regista ora sembra diventare la presidente Conforti, si può passare al lavoro, al processo. Fino ad allora era necessario, per la presidente chiamata a selezionare i giudici, lasciare esprimere la tempesta di passioni “popolari”, ora, di fronte ai volti acquietati, si può iniziare.

Tutto questo la presidente Conforti non lo sa (o forse lo sa bene perché è lei la regista di quella cerimonia), ma Enrico Maisto ha definito il ritmo della sua storia come la rigorosa cerimonia di cui quel giudice è il cerimoniere. Non serve la toga, non è necessaria la solennità della veste, il cerimoniere in abiti civili assume quella funzione attraverso il ritmo di quella storia collettiva.

La convocazione è veramente un film civile, sembra semplicemente l’osservazione di un’ordinaria giornata particolare, ma nelle confessioni di quel popolo si dibattono questioni centrali, quasi definitive, del vivere civile, eterne e del nostro tempo: il peso del giudicare, la funzione sociale del giudizio e della pena, l’imparzialità del giudice nel suo essere diffidente verso alcune categorie di delinquenti (che oggi, per i giudici popolari, sono i pedofili e i terroristi islamici), e tanto altro, accennato con affermazioni che, appena sussurrate, lasciano poi spazio ad altre emozioni.

20 gennaio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Io, Daniel Blake
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016
19 novembre 2016
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Magistratura e società
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
di Antonio Scalera
Cosa è un conflitto pratico? È quella situazione che si verifica quando chi agisce ha una ragione giuridica per tenere un comportamento che, tuttavia, è incompatibile con quello preteso da una ragione morale. Di conflitti pratici, argomento di particolare interesse per la filosofia del diritto, si occupa il recente libro di Damiano Canale (Laterza, 2017).
7 aprile 2018
La genesi della sentenza*
La genesi della sentenza*
di Marco Dell'Utri
Muovendo dallo spunto offerto dal libro di Pietro Rescigno e Salvatore Patti su “la genesi della sentenza”, lo scritto approfondisce la riflessione sul senso della crescente attenzione della cultura giuridica contemporanea per la figura e il lavoro del giudice, giungendo – attraverso l’impostazione storico-culturale del discorso – a prospettare taluni caratteri propri dell’evoluzione che ha investito il diritto (come fenomeno esistenziale e come prodotto della cultura e del potere) nel mondo contemporaneo, dei modi di praticarne l’incidenza sociale e degli studi che sono chiamati a coltivarlo quale autentica “arte dell’incontro”.
30 marzo 2018
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
La presentazione e il programma del quarto convegno annuale del Lapec (Roma, 20-21 aprile 2018)
25 marzo 2018
In ricordo di Eugenio Selvaggi