home search menu
Lettere dalla Turchia
Osservatorio internazionale
Lettere dalla Turchia
di Vito Monetti
già procuratore generale della Repubblica presso la Corte di appello di Genova
presidente di Medel dal 2011 al 2014
Pubblichiamo la traduzione in italiano delle Lettere dalla Turchia edite in e-book da Medel in occasione del conferimento del premio Václav Havel per i diritti umani 2017 a Murat Arslan

In questa breve presentazione dell’iniziativa di tradurre in italiano le Letters from the Turkish Judiciary 2016-2017, pubblicate da Medel-Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés nell’ottobre 2017 [1], cercherò di non ripetere quanto – in modo chiaro e con autorevolezza – ha scritto il Bureau nella sua introduzione all’e-book che raccoglie i messaggi arrivati dalla Turchia dopo il tentativo di coup d’État del luglio 2016, inviati da magistrati in procinto di essere arrestati o appena rimessi in libertà provvisoria, oppure spediti da loro congiunti. Sono testimonianze drammatiche e dignitosissime invocazioni di aiuto e di solidarietà.

Parto da quest’ultima parola: solidarietà. È il sentimento che ha voluto esprimere l’incontro organizzato a Genova nei primi di giugno 2018 dall’Associazione nazionale magistrati e dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati, ospitando un dibattito sulla brutale repressione messa in atto dal regime turco e sul dramma che tanti nostri amici continuano a vivere.

Per l’occasione erano state stampate alcune copie delle Letters, nella versione originale in lingua inglese. Da quell’incontro è nata l’idea di consentirne una più ampia divulgazione con la traduzione in italiano, accolta con entusiasmo in Medel e dai colleghi che si sono detti disponibili a ripetere questo lavoro in altre lingue.

Con la pubblicazione dell’e-book contenente le Letters, Medel ha voluto lasciare traccia degli avvenimenti tragici del luglio 2016 che hanno colpito direttamente anche Yarsav, l’associazione di giudici e pubblici ministeri turchi aderente a Medel.

Durante il periodo della mia presidenza di Medel, erano avvenuti i primi contatti e poi la adesione a Medel di Yarsav. Avevamo seguito con attenzione la creazione della prima associazione di magistrati in Turchia e la loro adesione a Medel avvenne in tempi molto stretti. Ho un ricordo vivissimo dei rapporti molto positivi che Yarsav aveva con l’Avvocatura ed il mondo accademico, delle sale gremite e del clima di entusiasmo che caratterizzava gli incontri, un entusiasmo contagioso che, in un mio intervento ad un convegno ad Ankara con avvocati ed universitari, mi spingeva a dire che – in quella sala – parlavamo tutti un’unica “mother tongue”, basata sui principi dello stato di diritto.

Concludo questa breve introduzione con il ricordo di un episodio.

Quando, nel 2008, Yarsav era stata costituita e immediatamente sciolta dal Governo, i colleghi turchi presentarono un ricorso al Consiglio di Stato contro l’atto di scioglimento e mi suggerirono di scrivere una lettera a tutte le più alte cariche dello Stato. Lo feci, con la convinzione di scrivere sulla sabbia. E invece ricevetti una risposta dall’Ambasciatore di Turchia a Roma che mi indirizzò una lettera rispettosissima ed amicale. Scriveva «a nome del mio Presidente», forniva rassicurazioni sul rispetto che il suo Paese aveva verso i principi dello stato di diritto e ricordava le riforme già introdotte nel settore della giustizia. Il Primo ministro dell’epoca era Recep Tayyip Erdoğan.

Il Consiglio di Stato accolse il ricorso e Yarsav iniziò il suo non lunghissimo periodo di esistenza.

Se penso alla drammatica conclusione che tutto questo ha avuto, mi interrogo sul senso di tutto quel che accadde in quel breve contesto temporale e sul fatto che la Turchia era ed è un Paese troppo grande ed importante per essere tenuto sulla soglia dell’Ue così a lungo.

Torno all’oggi. Dalla data della lettera dell’Ambasciatore turco a Roma, da quell’epoca di riforme istituzionali, all’estate del 2016, erano passati poco meno di otto anni. Sembrano una eternità.

Il mio auspicio forte è che tutti si impegnino perché in Europa resti viva la memoria di quei fatti e di quella Turchia, il ricordo di quegli avvenimenti e l’attenzione verso tanti amici ancora privati della libertà personale e dei loro beni.



3 novembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Carlo Maria Verardi, e l’attualità del suo esempio
Carlo Maria Verardi, e l’attualità del suo esempio
di Gianfranco Gilardi
L’esperienza professionale, culturale ed umana di Carlo Maria Verardi, che insieme ad altri grandi magistrati ha segnato la storia di Magistratura democratica e della magistratura italiana, rappresenta tuttora un punto di riferimento per chiunque abbia a cuore i diritti fondamentali e voglia concorrere concretamente alla loro realizzazzione e alla salvaguardia della dignità delle persone
16 settembre 2019
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
di Stefano Calabria
I diritti fondamentali dei migranti soccorsi in mare e il correlativo quadro dei doveri delle autorità statuali alla luce dei precedenti delle Corti sovranazionali. Qual è l’incidenza del cd. decreto sicurezza-bis? Il caso Sea Watch e la discussa questione dell’adempimento di un dovere
29 luglio 2019
A proposito del decreto sicurezza-bis
A proposito del decreto sicurezza-bis
di Andrea Natale
Il contributo analizza le principali novità introdotte dal cd. decreto sicurezza-bis e riflette su possibili frizioni tra quelle disposizioni e alcune previsioni normative poste a garanzia di diritti fondamentali
20 giugno 2019
Per una costituzione democratica europea: un progetto, un metodo, un’agenda
Per una costituzione democratica europea: un progetto, un metodo, un’agenda
di Pier Virgilio Dastoli
Contrariamente al passato, dopo le elezioni europee sembra necessaria la formazione di una alleanza di innovatori pronta a battersi per un'Europa solidale fondata su una dimensione democratica che sia insieme rappresentativa, partecipativa, economica, di prossimità e paritaria
23 maggio 2019
Lettere dai magistrati turchi
Lettere dai magistrati turchi
Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
23 maggio 2019
Per il rilancio del progetto europeo
Per il rilancio del progetto europeo
di Franco Ippolito
L’Europa delle Costituzioni e delle Carte dei diritti, l’Europa della pari dignità delle persone non può chiudersi in una fortezza, alzando muri materiali o giuridici, senza tradire sé stessa e perdere la sua identità e la sua stessa “anima”
23 maggio 2019
La Giustizia in Europa  *
di Mariarosaria Guglielmi
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21 maggio 2019
L’Europa dei diritti e le migrazioni. Le norme e la realtà
L’Europa dei diritti e le migrazioni. Le norme e la realtà
di Elena Paciotti
Con la pubblicazione dell’intervento di Elena Paciotti al seminario su “L’Europa dei diritti e le migrazioni”, tenutosi alla Fondazione Basso il 15 maggio scorso, la redazione di Questione Giustizia on-line intende offrire ai lettori una serie di spunti di riflessione in vista delle elezioni del Parlamento europeo del 26 maggio 2019. I contributi che verranno pubblicati quotidianamente in questa settimana intendono porre in luce alcuni aspetti cruciali della posta in gioco e degli scenari europei che si apriranno con la nuova legislatura nell’Europa integrata dei diritti. Buona lettura!
20 maggio 2019
Apocalisse dello Stato di diritto in Turchia
Apocalisse dello Stato di diritto in Turchia
di Gualtiero Michelini
Con la sentenza del 16 aprile 2019, la Corte europea dei diritti umani dichiara arbitrario l’arresto del giudice costituzionale Alparslan Altan sulla base di sospetti non ragionevoli
22 aprile 2019
Politiche contro i migranti in violazione dei diritti umani *
di Luigi Ferrajoli
Il populismo al Governo ha un’intrinseca vocazione anticostituzionale che gli proviene dall’assunzione, come unica fonte di legittimazione del sistema politico, della volontà popolare indebitamente identificata con la volontà del ceto politico investito dal voto
22 marzo 2019
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Osservatorio internazionale
L’interpretazione delle pronunce della Corte di giustizia UE e della Corte EDU *
di Lucia Tria
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11 ottobre 2019
Rule of Law o Rule of Courts?
Rule of Law o Rule of Courts?
di Francesco Florit
Nel corso dei secoli, le istituzioni britanniche ci hanno abituato a conflitti titanici il cui esito ha segnato la tradizione del Common Law. La recente decisione della Supreme Court che ha dichiarato «unlawful, null and of no legal effect» la sospensione dei lavori del Parlamento disposta dal governo di Boris Johnson per cinque settimane rappresenta un altro di questi turning points nella storia dei rapporti tra poteri d’oltremanica. What’s next?
4 ottobre 2019
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
di Daniela Cardamone
Nel sistema dei rimedi in tema di privazione della libertà personale, il diritto dell’indagato di essere sentito personalmente dal giudice assume per la Corte EDU un carattere così pregnante da svalutare qualsiasi altra garanzia procedimentale. L’indagato appare essere il principale, se non esclusivo, garante del proprio diritto di difesa restando sullo sfondo, fino quasi a scomparire, tutti gli altri attori del procedimento, ivi compreso il difensore
1 ottobre 2019
CGUE su Xylella Fastidiosa, l’Italia è venuta meno ai suoi obblighi di contenimento e monitoraggio del fenomeno
CGUE su Xylella Fastidiosa, l’Italia è venuta meno ai suoi obblighi di contenimento e monitoraggio del fenomeno
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
Brevi note a commento della sentenza del 5 settembre 2019, Causa C−443/18
29 settembre 2019
La risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019 sull'importanza della memoria europea per il futuro dell'Europa
La risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019 sull'importanza della memoria europea per il futuro dell'Europa
di Giuseppe Battarino
Un testo che cumula ispirazioni e orientamenti differenti e che si espone al rischio di letture equidistanti di fenomeni politici non equiparabili
23 settembre 2019
Pillole di CGUE, secondo trimestre 2019
Pillole di CGUE, secondo trimestre 2019
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel secondo trimestre 2019
11 settembre 2019