home search menu
Lion, la strada verso casa
Magistratura e società
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
Pubblico ministero presso il Tribunale Minorenni di Bari
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni

Che faccio, vado o non vado? Siamo a Bari e fuori nevica. Alla fine decido di andare, approfittando del pomeriggio libero. Ed eccomi catapultata nel Cinema attraverso una storia (vera): Lion, la strada verso casa, regia di Garth Davis.

In breve la trama. Il piccolo Saroo sale per sbaglio su un treno che lo porta a Calcutta, distante migliaia di chilometri dal piccolo villaggio indiano della sua famiglia. Saroo sopravvive in una spaventosa, caotica metropoli fino a che viene messo in orfanotrofio e poi adottato da una coppia australiana. Ormai venticinquenne, il ragazzo non dimentica le proprie origini e riesce a rintracciare, con Google Earth, il suo villaggio natale.

La prima parte del film, quella “indiana” è la più suggestiva, in lingua originale e tutta centrata sugli occhioni del piccolo Saroo. Occhi pieni di amore, vivacissimi nella semplice, povera vita con la mamma ed il fratello maggiore, poi terrorizzati e persi nel viaggio in treno, nell’arrivo a Calcutta, nella vita in orfanotrofio.

Lo spettatore è lì con il bambino ad affrontare quei pericoli. Soffre e si ripromette di partire volontario per una missione umanitaria pur di non vedere mai più un bambino dolersi così.

Nella seconda parte, lo spettatore si rilassa. Si ritrova nella esotica e ricca Tasmania, in una bella casa borghese con una mamma come Nicole Kidman. Una Kidman che, a dire il vero, in questo look anni ‘80 perde un po’ del suo fascino glamour.

Saroo è diventato un ragazzo bello e di belle speranze. Si sta costruendo un futuro da manager nel settore alberghiero ed è innamorato. A questo punto, lo spettatore può tirare un sospiro di sollievo. I buoni propositi sul volontariato sono già destinati ad evaporare.

Ecco però che con un piccolo (forse banale?) trucco di sceneggiatura, Saroo rivive il suo passato, riemergono i ricordi e le sue condizioni di vita agiata diventano insopportabili. Inizia così un viaggio al contrario, un percorso interiore di conoscenza e riappropriazione delle origini ed una vera e propria ricerca del villaggio nativo sfrontatamente sponsorizzata Google Earth.

Molto ben scritto ed interpretato dalla Kidman il personaggio della madre adottiva. Una donna che decide di adottare nonostante la possibilità di poter avere figli naturali, una donna che dice a Saroo appena arrivato in Australia “ti ascolterò sempre” e lo sostiene nella decisione della ricerca delle origini.

E la ricchezza del film sta proprio nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni internazionali. C’è tutto per farlo diventare film obbligatorio per la preparazione delle aspiranti coppie adottive.

Per il grande pubblico, lacrime a catinelle. Per il cinefilo, invece, naso storto.

Happy end rassicurante per la coscienza dello spettatore occidentale.

21 gennaio 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Io, Daniel Blake
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016
19 novembre 2016
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
di Andrea Meccia
Per adesso, il lavoro di Faenza sulla vicenda di Emanuela Orlandi, desaparecida a Roma un pomeriggio d’estate del 1983, è “soltanto” un dignitoso film, cinematograficamente non entusiasmante, ma onesto, prezioso e carico di passione
15 ottobre 2016
Indivisibili
Indivisibili
di Donatella Salari
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
9 ottobre 2016
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
Mafie di mezzo
Mafie di mezzo
di Costantino Visconti
Il metodo che il sociologo Vittorio Martone impiega nel volume Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio (Donzelli, 2017) è figlio di un serio lavoro collettivo. Opere come queste possono fungere da grandangolo, aiutando il giurista a valutare la questione criminale in un contesto più ampio e problematico, senza l’assillo di strozzare l’interpretazione dei fatti nell’ottica della loro qualificazione giuridica.
9 dicembre 2017
Vite di mafia. In movimento*
Vite di mafia. In movimento*
di Marcello Ravveduto
Nel suo Vita di mafia (Einaudi, 2017), Federico Varese compie un’analisi policentrica e multidimensionale su Cosa Nostra, mafia russa, Triadi e Yakuza. Una comparazione affascinante in cui l’uso dell’io narrativo non è quello del romanzo ma quello del ricercatore che conduce la sua analisi compenetrandosi in fatti e persone
2 dicembre 2017
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
di Franco Ippolito
Stefano Rodotà è stato per tutta la vita attento osservatore e lucido analista della giurisdizione, della magistratura e dell’associazionismo giudiziario. Al suo rapporto privilegiato con Magistratura democratica ha dedicato uno spazio di attenzione l’intenso convegno La vita prima delle regole. Idee ed esperienze di Stefano Rodotà, organizzato dall’editore Giuseppe Laterza a Montecitorio il 27 novembre 2017.
30 novembre 2017
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017