home search menu
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di merito
Riconoscimento dello status di rifugiato a cittadino nigeriano per ragioni di orientamento sessuale
di Guido Savio
Avvocato in Torino
L'orientamento sessuale espone a rischio di discriminazione molte persone in diversi paesi del mondo. Con il provvedimento annotato, il Tribunale di Bari, riconosce lo status di rifugiato ad un cittadino nigeriano a causa della sua dichiarata omosessualità
Riconoscimento dello status di rifugiato a cittadino nigeriano per ragioni di orientamento 
sessuale

Il Tribunale di Bari, con ordinanza dello scorso 23 settembre, ha riconosciuto lo status di rifugiato ad un cittadino nigeriano a causa della sua dichiarata omosessualità.

Dopo un breve excursus relativo all’onere di allegazione dei fatti, del danno grave e della sua attualità, secondo la ormai consolidata giurisprudenza della Cassazione, il Tribunale affronta il tema della mancanza di prove a suffragio delle dichiarazioni del richiedente protezione internazionale. Tema direi quasi obbligato nel caso in cui il fondato timore di persecuzione sia riconducibile all’orientamento sessuale che, come noto, può essere intuito, talvolta celato, ma sfugge agli ordinari criteri probatori, trattandosi di una condizione personale difficilmente tangibile.

Soccorre, in proposito, l’art. 3, co. 5, D.Lgs. 251/2007, a mente del quale qualora taluni elementi o aspetti delle dichiarazioni del richiedente la protezione internazionale non siano suffragati da prove, essi sono considerati veritieri se lautoritàcompetente a decidere sulla domanda [ sia amministrativa che giudiziaria] ritiene che:

a) il richiedente ha compiuto ogni ragionevole sforzo per circostanziare la domanda;

b) tutti gli elementi pertinenti in suo possesso sono stati prodotti ed èstata fornita una idonea motivazione delleventuale mancanza di altri elementi significativi;

c) le dichiarazioni del richiedente sono ritenute coerenti e plausibili e non sono in contraddizione con le informazioni generali [ c.d. Country of origin information] e specifiche pertinenti il suo caso, di cui si dispone;

d) il richiedente ha presentato la domanda di protezione internazionale il prima possibile, a meno che egli dimostri di aver avuto un giustificato motivo per ritardarla;

e) dai riscontri effettuati il richiedente è, in generale, attendibile.

Il Tribunale di Bari applica questa disposizione, specificando, nella motivazione dell’ordinanza in commento, che occorre valutare la fondatezza dei presupposti sostanziali alla stregua di una valutazione probabilistica da compiersi in forza non di mere ipotesi astratte o congetturali, ma  in base alle condizioni concrete esistenti nel Paese di origine la cui sussistenza deve pur sempre essere dimostrata dallistante quantomeno in termini di prova logica o circostanziale …”.

L’impostazione pare corretta, oltre che suffragata dalla richiamata giurisprudenza di legittimità.

Date queste premesse, la seconda parte della motivazione esamina il caso di specie, ed osserva che il ricorrente ha esposto alla Commissione territoriale competente di essere fuggito dal proprio Paese perché ricercato dalla polizia locale in quanto omosessuale e denunciato dalla madre del suo compagno dopo il decesso di costui. Dissentendo da quanto asserito dalla Commissione, che aveva denegato sia la domanda principale di riconoscimento dello status che quelle subordinate di riconoscimento della protezione sussidiaria ovvero dei motivi umanitari, il Giudicante ritiene la narrazione del ricorrente credibile perché coerente e circostanziata con riferimento a fatti, luoghi e persone. Un’unica incongruenza rilevata dalla Commissione sarebbe, ad avviso del Tribunale, irrilevante, in quanto riferita ad un solo errato riferimento temporale.

Tuttavia, occorre rilevare come difetti, nel provvedimento in esame, una esauriente narrazione del fatto, ditalchè risulta difficile la ricostruzione della vicenda specifica e, segnatamente, comprendere le eventuali differenze tra la narrazione resa in Commissione e quella resa (ove il ricorrente sia stato sentito) dinnanzi al Giudice, e la conseguente valutazione di credibilità.  Non sfuggirà, invero, la rilevanza che assume la ricostruzione del fatto in queste procedure specie se, come nel caso in esame, le dichiarazioni del richiedente relative al suo orientamento sessuale non siano - come ovvio - suffragate da prove.

L’unico elemento di rilievo desumibile dal decreto in commento è il dato oggettivo per cui, a mente degli artt. 214 ss. del codice penale nigeriano,  sono puniti con la reclusione gli atti sessuali tra persone dello stesso sesso e che, dal gennaio scorso,  è in vigore una legge che” punisce con il carcere chi contrae matrimonio o ununione civile gay e chi rende pubblica la propria relazione omosessuale. Il provvedimento conclude per il riconoscimento dello status di rifugiato sul presupposto che è lo Stato nigeriano ad avversare sul piano normativo l’omosessualità non consentendo a tali individui la libera espressione della propria sessualitàe creando giàsul piano normativo una discriminazione tra individui che non trova alcuna plausibile giustificazione nei principi regolatori dei rapporti sociali in uno Stato democratico come lItalia. Tale ultimo riferimento pare richiamare il diritto d’asilo costituzionale di cui all’art. 10, co. 3, Cost. laddove si prevede che abbia diritto d’asilo nel territorio della Repubblica lo straniero al quale sia impedito, nel suo Paese, l’esercizio effettivo delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana.

Infine, il Tribunale dispone la compensazione delle spese a causa dellobiettiva incertezza della condizione di vita del ricorrente nel proprio Paese dorigine e la scarna documentazione prodotta, abbisognevole in quanto tale di un vaglio giurisdizionale ai fini dellapprezzamento della necessitàdi protezione. La non esaustiva descrizione del fatto impedisce al lettore di comprendere le ragioni della necessità di un vaglio giurisdizionale nel caso di specie, posto che i parametri di valutazione indicati all’art. 3, co. 5, D.Lgs. 251/2007 debbono essere attuati dall’autorità competente a decidere sulla domanda, indipendentemente dal fatto che questa sia la Commissione territoriale ( o nazionale) per il riconoscimento dello status, oppure l’ Autorità giudiziaria. Tanto considerato, non è agevole comprendere perché la Commissione non sarebbe potuta pervenire alle medesime conclusioni cui è giunto il Giudicante, sembrando, invece, che la decisione del secondo sia frutto di una diversa lettura dei fatti e non di un’attività di cooperazione istruttoria supplementare che sarebbe stata impedita alla Commissione.

Invero, molteplici fonti descrivono la gravità delle condizioni normative degli omosessuali in Nigeria. Si legge nel “Rapporto annuale 2012 di Amnesty international”, a proposito di quello Stato chesono proseguite le violazioni dei diritti umani contro persone sospettate di relazioni omo- sessuali o con identitàdi genere non convenzionale. A dicembre, il senato ha approvato un disegno di legge che impone 14 anni di carcere per i matrimoni omosessuali. Qualsiasi persona che sia testimone, fiancheggi e contribuisca alla celebrazione di un matrimonio o unione omosessualeo sostengai gruppi gay e i loro cortei o radunipuòincorrere in una sentenza di carcerazione di 10 anni. La stessa pena èapplicabile a una manifestazione pubblica di una relazione amorosa omosessualee a chiunque registri circoli e organizzazioni gay che tutelano i diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender.

Anche l’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati, i cui componenti siedono di diritto nelle Commissioni territoriali, nelle Linee guida in materia di protezione internazionale n. 9 ritiene che un'analisi adeguata per valutare se un richiedente LGBTI èun rifugiato ai sensi della Convenzione del 1951 deve partire dalla premessa che i richiedenti hanno diritto di vivere nella societàper quello che sono e non devono nascondere la loro identità. Com’èstato affermato in diverse giurisdizioni, l'orientamento sessuale e/o l'identitàdi genere sono aspetti fondamentali dell'identitàumana che sono innati o immutabili, o che una persona non dovrebbe vedersi costretta ad abbandonare o a nascondere

Le linee guida dell'ACNUR sono inoltre particolarmente nette qualora il richiedente sia cittadino di un Paese che sanziona penalmente l'orientamento omosessuale degli individui. Osserva l'Alto Commissariato che “molti richiedenti lesbiche, gay o bisessuali sono originari di Paesi in cui le relazioni consensuali fra persone dello stesso sesso sono sanzionare penalmente. È ampiamente stabilito che tali provvedimenti penali sono discriminatori e violano le norme internazionali in materia di diritti umani”. Allo stesso modo, “la detenzione, ivi compresa in istituti psicologici o medici, sulla sola base dell'orientamento sessuale e/o dell'identità di genere è considerata una violazione dei divieti internazionali contro la privazione arbitraria di libertà, e di norma costituisce persecuzione.

A questo proposito va inoltre osservato come, ai fini del riconoscimento dello status di rifugiato, non occorra che le norme che sanzionano penalmente l'omosessualità ricevano un'applicazione sistematica. Osserva infatti l'ACNUR che “anche qualora le disposizioni che proibiscono le relazioni tra persone dello stesso sesso fossero applicate in modo irregolare, sporadico, o non trovassero affatto applicazione, queste disposizioni potrebbero far sorgere per un soggetto LGBTI una situazione intollerabile tale da costituire persecuzione”.

Tale orientamento è pienamente condiviso anche dalla Corte di Cassazione, la quale in tema di protezione internazionale a favore di soggetti LGBTI, riconosce che “per persecuzione deve intendersi una forma di lotta radicale contro una minoranza che può anche essere attuata sul piano giuridico e specificamente con la semplice previsione del comportamento che si intende contrastare come reato punibile con la reclusione(Cassazione Civile, sez VI, 29.05.2012, n. 15981).

Da quanto sinteticamente esposto, si può agevolmente desumere che la stessa Commissione territoriale di Foggia sarebbe potuta giungere alle medesime conclusioni cui è pervenuto il Tribunale di Bari, evitando al ricorrente oltre un anno di sofferente attesa. Il ruolo della giurisdizione si conferma fondamentale nel ricondurre prassi illegittime nell’alveo della legalità, come nel caso in esame, tuttavia, forse, una minore indulgenza verso la P.A., almeno in punto spese, sarebbe talvolta auspicabile.

10 novembre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Di che cosa parliamo, quando parliamo di <i>ius soli</i>?
Alcune osservazioni sul ddl n. 2092 (Atto Senato)
Di che cosa parliamo, quando parliamo di ius soli? Alcune osservazioni sul ddl n. 2092 (Atto Senato)
di Antonello Ciervo
L’obbiettivo del ddl n. 2092 (AS), già approvato dalla Camera dei deputati in prima lettura nel mese di ottobre 2015, è quello di introdurre una serie di temperamenti ai requisiti soggettivi per la concessione della cittadinanza italiana a favore dei minori stranieri nati e cresciuti nel nostro Paese. Nel tentativo di adeguare il nostro ordinamento giuridico alla realtà sociale italiana, si facilitano moderatamente le procedure di riconoscimento della cittadinanza, senza stravolgere l'assetto normativo originario della materia, già definito con la legge n. 91/1992. L'introduzione dello ius soli temperato e del cd. ius culturae apporta solo minimi aggiustamenti necessari, per consentire alla normativa italiana vigente di essere al passo con quella degli altri ordinamenti giuridici europei
21 novembre 2017
Le <i>sliding doors</i> dell’accoglienza*
Le sliding doors dell’accoglienza*
di Diana Genovese
Le plurime variabili che rendono imprevedibile, incerta e in defintiva diseguale la protezione internazionale dei rifugiati in Italia sono ben rappresentate nel recente rapporto Oxfam dall'emblematico titolo − La lotteria dell'accoglienza − che interroga prima di tutto gli addetti ai lavori
17 novembre 2017
Sulla legittimazione ad agire per le discriminazioni collettive afferenti al fattore della nazionalità*
Sulla legittimazione ad agire per le discriminazioni collettive afferenti al fattore della nazionalità*
di Roberto Riverso
La questione processuale in esame – indispensabile ai fini della tutela effettiva del diritto – non è suscettibile di essere risolta sulla base di una semplice interpretazione letterale di un’unica disposizione sostanziale (l’art. 3 del d.lgs n. 215/2003) di provenienza comunitaria, dettata dall’intento di riservare ai singoli Stati la regolazione della materia dell’immigrazione; e che pertanto non interferisce con le regole processuali vigenti negli Stati membri. Si tratta invece di una questione articolata di cui il giudice deve farsi carico raccordando varie norme e principi (comunitari e costituzionali), senza parcellizzazioni, valorizzando l’interpretazione complessiva e l’intenzione dello stesso legislatore, il quale mostra in più sedi di considerare unitariamente i fattori di discriminazione, anche sotto il profilo della loro tutela processuale
2 novembre 2017
La “questione migranti” nei paesi Ue: alcuni dati
Il sequestro della Iuventa: Ong e soccorso in mare
Il sequestro della Iuventa: Ong e soccorso in mare
di Roberta Barberini
Il sequestro della Iuventa coinvolge questioni di diritto internazionale che mai, finora, si erano presentate, nei processi contro i trafficanti. L’apertura del procedimento ha purtroppo avuto la conseguenza di portare in secondo piano le gravi responsabilità dell’Europa nella gestione del fenomeno migratorio. Esso può essere, tuttavia, l’occasione per fare chiarezza, anche nel mondo delle Ong, su come si declinino i principi umanitari dell’accoglienza e del soccorso in mare e su come sia necessario mantenerli – nell’interesse degli stessi migranti – nella cornice di legalità con cui l’Italia, per una volta sostenuta dall’Europa, sta provando a definire un perimetro che tenga insieme diritti e doveri dell’accoglienza
18 settembre 2017
Giustizia crocifissa: le ferite, mai rimarginate, del processo a Sacco e Vanzetti*
Il “trattenimento” del migrante irregolare nei «punti di crisi» <i>ex</i> art. 10-<i>ter</i> d.lgs n. 286 del 1998 nel prisma della convenzione europea
Il “trattenimento” del migrante irregolare nei «punti di crisi» ex art. 10-ter d.lgs n. 286 del 1998 nel prisma della convenzione europea
di Fabio Cassibba
Pubblichiamo il testo della relazione svolta al convegno Ripensare le migrazioni forzate. Teorie, prassi, linguaggi e rappresentazioni, organizzato da Escapes – Laboratorio di studi critici sulle migrazioni forzate (Parma, 8-9 giugno 2017)
24 luglio 2017
Da eroi a trafficanti: le accuse ai protagonisti delle operazioni di ricerca e soccorso in mare
Da eroi a trafficanti: le accuse ai protagonisti delle operazioni di ricerca e soccorso in mare
di Paola Barretta
Le operazioni di ricerca e soccorso (SAR) dei migranti sono oggi uno dei temi principali nel dibattito politico, mediatico e pubblico. È un argomento direttamente collegato alle politiche nazionali ed europee in materia di migrazione e, più o meno indirettamente, alle politiche di sicurezza e spesso sovrapposto e intrecciato a storie umane, individuali o collettive, di speranza, gioia, sofferenza e morte
4 luglio 2017
Il rapporto sui provvedimenti di convalida e proroga del trattenimento emessi dal Giudice di pace di Bari
Il rapporto sui provvedimenti di convalida e proroga del trattenimento emessi dal Giudice di pace di Bari
di Dario Belluccio
La ricerca svolta dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari pone alle categorie professionali coinvolte (innanzitutto giudici di pace ed avvocati) di fronte alla necessità di avviare una seria riflessione sulla tutela della libertà personale
17 giugno 2017
Un progetto di ufficio per il processo per la sezione in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Giurisprudenza e documenti
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
di Federico Piccichè
Nota a Cass., Pen., Sez. IV, Sent. 16 maggio 2017 (dep. 15 settembre 2017), n. 42346, Pres. Bianchi, Rel. Ranaldi
15 novembre 2017
Breve commento all’ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Bologna del 31 agosto 2017
Breve commento all’ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Bologna del 31 agosto 2017
di Sabrina Bosi
Nella motivazione, il tribunale scevera diverse tematiche inerenti la materia delle misure di sicurezza
24 ottobre 2017
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
di Marco Vitali
Con la sentenza n. 687 del 4 novembre 2016, il Tribunale di Vicenza ha dichiarato la nullità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo poiché intimato in frode alla legge, ai sensi dell’art. 1344 cc, ed ha applicato la tutela reintegratoria prevista al comma 1 dell’art. 18 Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92/2012. Il caso induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015 che ha elevato a regola la tutela indennitaria, escludendo del tutto la tutela reintegratoria per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. Nonostante la restrizione delle tutele così attuata, le categorie civilistiche della nullità – in particolare l’illiceità della causa – devono ritenersi operanti nella materia dei licenziamenti
11 ottobre 2017
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
di Federico Grillo Pasquarelli
Con l’attesa sentenza sul caso Abercrombie la Corte di giustizia Ue ha dichiarato che il contratto di lavoro intermittente – che, in base all’art. 34 d.lgs 276/2003, poteva essere concluso “in ogni caso” con soggetti di età inferiore a 25 anni – e persino la sua cessazione automatica al compimento dei 25 anni, non contrastano con la Direttiva 2000/78 e con il principio di non discriminazione per ragioni di età: la sentenza, che trascura la precedente giurisprudenza della stessa Cgue, non convince sotto vari profili
2 ottobre 2017
L’“evoluzione” dell’assegno di divorzio. Una recente decisione della suprema Corte, tra nomofilachia e creazione giudiziaria del diritto
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 31 maggio 2017 (dep. 19 luglio 2017), n. 35590, Pres. Palla, Rel. Gorjan
22 settembre 2017