home search menu
Prassi e orientamenti
Ruolo e iniziative del Consiglio Nazionale Forense
di Carla Broccardo
Avvocato in Trento e membro del Consiglio Nazionale Forense
L'importante ruolo propulsivo e di supporto del CNF
Ruolo e iniziative del Consiglio Nazionale Forense

Per il buon funzionamento del nuovo processo civile telematico (PCT) un presupposto necessario è costituito da un’avvocatura dotata di adeguati strumenti tecnici e specifiche conoscenze. Il ruolo del CNF in questa fase di avvio si esprime nei seguenti fondamentali 4 fattori:

  • l’informazione
  • la partecipazione
  • la formazione
  • le proposte

L’informazione

Il CNF si è mosso innanzitutto sul piano dell’informazione e ciò per quanto riguarda due diversi aspetti:

1. il primo è quello della raccolta delle informazioni necessarie a conoscere il panorama nazionale e lo stato di informatizzazione degli uffici giudiziari e degli Ordini.  Questa attività di monitoraggio è svolta:

a) sia tramite la propria commissione informatica. È stato proposto un questionario fra gli Ordini per avere informazioni circa gli strumenti e le dotazioni necessarie per il giusto avvio del PCT, rilevando:

- il possesso della firma digitale tra gli iscritti,

- la creazione di un punto di accesso da parte dell’Ordine, 

- notizie sui costi sostenuti: se dai singoli avvocati o direttamente dai COA

- la costituzione del tavolo tecnico o commissione mista (il risultato sul punto è stato “no” 51%)

- l’esistenza di prassi o stipula di protocolli, dove il tavolo è già avviato (il risultato sul punto è stato “no” 76% e che è ancora bassa la condivisione e il lavoro sul PCT)  

b) sia in collaborazione con altri soggetti: c’è grande aspettativa per quanto potrà giungere dall’attività dell’Osservatorio permanente sull’esercizio della giurisdizione (art. 35 della legge 31 dicembre 2012, n. 247) presentato ufficialmente alla Camera dei Deputati lo scorso 23 gennaio.

L’Osservatorio è nato con l’intento di far cooperare tutte le istituzioni che si occupano dei problemi della giustizia e di poter raccogliere ed elaborare i dati raccolti anche da chi si occupa a diverso titolo dell’analisi dei dati economico-sociali. Vi hanno aderito: Ministero della Giustizia, Corte di Cassazione, CSM, Consiglio di Stato, Corte dei Conti, Avvocatura di Stato, oltre a ISTAT, ABI, ANCI, Unioncamere, CNEL, Banca d’Italia e da ultimo l’OCSE.

 

2. Il secondo, altro aspetto dell’informazione - di direzione opposta rispetto alla raccolta dei dati - è la diffusione delle informazioni:

a questo proposito vanno ricordate due attività, con riferimento ai destinatari,

- quella svolta per gli Ordini e gli avvocati attraverso la FIIF - Fondazione italiana per l’innovazione forense - che si sta muovendo per assicurare supporto ai referenti degli Ordini;

- quella svolta per i cittadini attraverso un importante veicolo di informazioni: lo sportello per il cittadino, con il quale potranno essere fatte conoscere le potenzialità date dallo strumento del PCT. Già oggi, conoscendo il numero di ruolo della causa, il cliente è in grado autonomamente di verificare attività, incombenti e rinvii della sua vertenza.  

 

La partecipazione

Il secondo fattore a cui il CNF ha rivolto l’attenzione è la partecipazione. Un esempio ne è il coinvolgimento del CNF nel progetto GOL Giustizia on-line.

Il 31 gennaio, a Roma, è stato presentato ai consiglieri degli Ordini forensi di 8 regioni (oltre 60 Ordini coinvolti) il progetto avviato da 4 strutture ministeriali (Giustizia, Coesione territoriale, Sviluppo economico e Dipartimento della funzione pubblica). Si tratta di un progetto che – in sensibile controtendenza rispetto a quanto avviene nel settore giustizia – investe risorse finanziarie per l’avvio del PCT.  Sono fondi previsti dalla riprogrammazione dei Piani Operativi nazionali delle regioni dell’obiettivo convergenza e del Mezzogiorno.  L’obiettivo è l’informatizzazione degli uffici giudiziari,

- nelle notifiche e comunicazioni

- e nei procedimenti per ingiunzione.

La partecipazione del CNF a questo progetto sarà fonte di esperienza anche per un altro fattore fondamentale nello sviluppo del PCT, quello della formazione.

 

La formazione

Accanto agli strumenti e ai supporti informatici servirà, infatti, promuovere la formazione degli avvocati: sia quella tecnico-giuridica che quella più immediatamente tecnica dell’approccio agli strumenti.

Il CNF sta elaborando specifici interventi in materia di formazione.  I destinatari sono innanzitutto:

- i referenti informatici degli Ordini: perché si è consapevoli dell’importanza che si mantenga un forte contatto fra chi partecipa al Tavolo tecnico o alla Commissione mista e il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati. A volte, infatti, i referenti informatici sono avvocati esterni al COA, non consiglieri, scelti per le loro competenze tecniche.  Ma è anche vero che sono poi i consiglieri degli Ordini che possono - nella loro attività istituzionale -  attuare le iniziative concordate o darvi maggior peso; 

- fra le altre iniziative di formazione che riguardano invece tutti gli avvocati va ricordato il Congresso di aggiornamento giuridico-forense che è giunto alla IX edizione che si terrà il 20, 21 e 22 marzo a Roma. È un’iniziativa ove trovano spazio molte sessioni parallele e il CNF in collaborazione con FIIF dedicherà una sala proprio ai temi del PCT, proponendo una sorta di vademecum per gli avvocati che muovono i primi passi verso il PCT.

L’ultimo fattore che si intendeva illustrare è quello delle proposte.

 

Le proposte

Si tratta di proposte in ambiti di intervento in cui il CNF non si muove in autonomia, ma è necessariamente uno dei soggetti coinvolti nel processo:

-       punto di accesso

il CNF è consapevole della necessità di offrire agli Ordini un punto di accesso nazionale (lo si è visto anche dalle risposte all’indagine del CNF). È difficile già oggi affermare se avverrà e quando si potrebbe realizzare; il CNF, anche attraverso la sua Fondazione per l’innovazione forense, sta però pensando a strumenti che consentano il dialogo con il Portale ministeriale del PCT, per tutti quegli Ordini che non hanno ancora attivato un loro punto di accesso e comunque il progetto per l'apertura di un punto di accesso del CNF continua ad essere coltivato.

-       disciplinare

il CNF, in quanto giudice speciale, svolge attività giurisdizionale e come le altre magistrature superiori sarebbe auspicabile potesse essere inserito nel PCT. È chiaro però che, essendo un programma chiuso, ma soprattutto seguendo nello svolgimento del procedimento disciplinare di secondo grado un rito speciale, non sovrapponibile al codice di procedura civile, sussistono delle difficoltà tecniche.

Certo è che la diffusione del PCT e la crescita di un’avvocatura abituata a relazionarsi con uffici giudiziari in modo telematico porrà in modo serio la questione dell’informatizzazione del procedimento disciplinare e farà nascere per il CNF l’esigenza di trovare una modalità per la trasmissione degli atti, dei fascicoli dai Consigli Distrettuali di Disciplina alla cancelleria giurisdizionale del CNF

13 marzo 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? 
Istruzioni per l’uso
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
di Gianmarco Marinai
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19 ottobre 2017
Un progetto di ufficio per il processo per la sezione in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
di Roberto Braccialini
Giugno 2003. In coda ad un dibattito veramente intenso promosso dall’Associazione nazionale magistrati su protocolli, processo e organizzazione, sulla scia delle riflessioni maturate in quel contesto sul valore essenziale dell’organizzazione delle risorse a disposizione della giurisdizione per rendere effettivo il principio della ragionevole durata del processo, parte uno scambio di corrispondenza molto fitto su questi argomenti tra un giudice civile, un dirigente amministrativo ed un docente universitario che in capo a pochi mesi approda ad una felice formula organizzativa, la quale riassume in sé l’esigenza di coordinare le risorse esistenti in vista della migliore funzionalità per il processo
2 maggio 2017
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
di Bruno Capponi
Quale che sia il rito, o non-rito, che siano chiamati ad applicare, i giudici civili non potranno farlo nelle condizioni date, con l’ennesima riforma a costo zero. Se qualcosa deve cambiare, l’ultima in ordine di importanza è proprio il rito
20 ottobre 2016
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
di Gianmarco Marinai
Commento a Trib. Milano 20.4.2016 e Trib. Locri 12.7.2016
26 settembre 2016
Abolizione del processo civile?
Abolizione del processo civile?
di Giuliano Scarselli
Contro il progetto che fa del rito sommario la regola generale di cognizione dei diritti civili
18 luglio 2016
La XI Assemblea Nazionale degli Osservatori sulla Giustizia civile
La Cassazione per la prima volta alle prese con i problemi del processo civile telematico
Nuovi scenari del “dominio” @giustizia.it
Deposito di atti in formato PDF immagine: la questione è ancora aperta
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Prassi e orientamenti
Reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e immigrazione: le direttive del Procuratore della Repubblica di Torino
Reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e immigrazione: le direttive del Procuratore della Repubblica di Torino
Pubblichiamo le Direttive per un più efficace contrasto dei reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e per la più rapida trattazione degli Affari dell’Immigrazione, nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone emanate il 9 luglio 2018
17 luglio 2018
Il processo volto al riconoscimento della protezione internazionale: i primi orientamenti giurisprudenziali
Il processo volto al riconoscimento della protezione internazionale: i primi orientamenti giurisprudenziali
di Salvatore Casciaro
Lo scritto costituisce il testo della relazione tenuta alle giornate di studio La protezione internazionale e umanitaria: aspetti processuali e sostanziali, promosse da Ordine degli avvocati di Bari, Asgi e Scuola superiore della magistratura
28 giugno 2018
Intangibilità della giurisdizione, giusto processo ed effettività della tutela. Domande connesse e derogabilità della giurisdizione*
di Gabriele Serra
Lo scritto affronta il tema del principio di inderogabilità della giurisdizione e della conseguente rilevabilità d’ufficio in ogni stato e grado del processo del difetto di giurisdizione, in particolare nel rapporto tra giudice ordinario e giudice amministrativo, ponendolo in relazione con i principi, di rango costituzionale, della ragionevole durata del processo e dell’effettività della tutela. In questa direzione, poste alcune brevi premesse storiche in ordine al principio di intangibilità, l’A. conduce un breve viaggio negli ordinamenti francese e tedesco, al fine di esaminare i principali istituti volti a regolare il riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo e le problematiche connesse. Su tali basi, anche comparate, viene allora esaminata, in ipotetiche quattro tappe evolutive, la giurisprudenza delle Sezioni unite della Corte di cassazione (e della Corte costituzionale), circa il bilanciamento tra i principi in esame, che ha visto una sempre maggiore erosione del principio di intangibilità della giurisdizione a fronte di esigenze di tutela della ragionevole durata del processo e dell’effettività della tutela. Alla luce di tale percorso interpretativo, l’A. affronta infine la problematica, ancora aperta, della connessione tra domande giudiziali quale istituto idoneo o meno a derogare la giurisdizione
19 giugno 2018
IoT e intelligenza artificiale: le nuove frontiere della responsabilità civile (e del risarcimento)*
di Silvia Toffoletto
Le applicazioni dell’intelligenza artificiale sono ormai “dentro” il nostro quotidiano, rendendo necessaria una regolamentazione del settore ormai improcrastinabile. Il dibattito si è aperto in sede europea, a livello dottrinale e legislativo, senza dimenticare il ruolo centrale che potranno assumere le Corti, grazie ad una giurisprudenza condivisa (Courts facing Courts), che miri ad una disciplina quanto più possibile uniforme anche dal punto di vista sostanziale in ambito europeo
13 giugno 2018
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
di Emilio Gatti
La raccolta a fini investigativi e la conservazione dei profili genetici pone delicati problemi di compatibilità delle esigenze investigative con il diritto al rispetto della vita privata e familiare previsto dall’art. 8 della Cedu soprattutto nei confronti di individui indagati ma poi assolti con sentenza definitiva. Il contributo ripercorre la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’obbligo di creare una banca dati nazionale del Dna stabilito dal Trattato di Prüm e le soluzioni adottate dal legislatore italiano che paiono rispettose dei principi convenzionali e costituzionali, in attesa di verificare la correttezza delle prassi applicative
6 giugno 2018
Cliniche legali e protezione internazionale
Cliniche legali e protezione internazionale
di Simone Spina
Le cliniche legali, promuovendo l'impegno diretto degli studenti in materie sensibili – d'interesse pubblico o collettivo – rappresentano una metodologia didattica innovativa, formativamente utile e culturalmente feconda, in quanto, a forme di trasmissione del sapere di tipo pratico-laboratoriale, uniscono l'attenzione verso i soggetti deboli e svantaggiati, quali sono i richiedenti protezione internazionale
1 giugno 2018