home search menu
Osservatorio internazionale
Smuggling di migranti
di Giuseppe Licastro
Dottore in giurisprudenza. Cultore della materia
Le linee guida della D.N.A. per la soluzione dei problemi di giurisdizione penale e possibilità di intervento nel quadro del contrasto al fenomeno del traffico di migranti “alla prova” dell’incidenza del Reg. (UE) n. 656/2014*
Smuggling di migranti

Le proposte operative per la soluzione dei problemi di giurisdizione penale nazionale e possibilità di intervento (in Diritto penale contemporaneo, 3 febbraio 2014, ivi anche l’abstract del Dott. F. Spiezia relativo al documento che figura, appunto, accanto; in argomento v. A. Giliberto, Sussiste la giurisdizione italiana per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione irregolare quando gli stranieri sono stati soccorsi in acque internazionali, in Diritto penale contemporaneo, 4 giugno 2014) della Direzione Nazionale Antimafia costituiscono senza dubbio significative «proposte operative alle quali potranno ispirarsi le Procure Distrettuali chiamate a risolvere, nel corso delle proprie indagini, problemi di giurisdizione in caso di navigli operanti in alto mare ed utilizzati per il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina» (cfr. p. 25), predisposte sulla scorta appunto di rilevanti indagini che hanno accertato la partecipazione di natanti, c.d. navi madre, nella gestione del traffico volta alla sistematica applicazione di una procedura escogitata non solo allo scopo di attraversare le acque internazionali ed affiancare l’azione di imbarcazioni più piccole finalizzate allo sbarco sulle nostre coste, ma provvedere anche al trasbordo dei migranti (ovviamente) sulle imbarcazioni più piccole, nell’ultimo “percorso marittimo”: tale peculiare procedura è stata escogitata principalmente al fine di preservare il natante, c.d. nave madre e «il suo più nutrito e professionale equipaggio, da possibili attività di captazione investigativa ad opera delle Forze dell’Ordine dei Paesi europei rivieraschi e, quindi, a tenerlo al riparo dall’esercizio della giurisdizione dei suddetti Paesi, tra i quali l’Italia, quale Stato di approdo» (cfr. l’abstract del Dott. F. Spezia, cit. supra).

Il documento si caratterizza per la sensibile e attenta ricerca di possibili soluzioni «dei problemi di giurisdizione penale e di intervento cautelare» nel complesso ambito dell’«attraversamento delle acque internazionali» (cfr. p. 28) mediante un’articolata e puntuale disamina (preminente) di molteplici strumenti giuridici internazionali, europei ed interni che rivestono una “veste” rilevante (anche) nel contesto del delicato fenomeno del traffico di migranti.

Nel contesto di detta disamina occorre includere un recente strumento giuridico di diritto dell’Unione europea: si tratta del Regolamento (UE) n. 656/2014 concernente disposizioni relative alla«sorveglianza delle frontiere marittime esterne nel contesto della cooperazione operativa coordinata dall’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea» che presenta profili di interesse rilevanti e pertinenti.

Il testo del Regolamento (UE) n. 656/2014, che sostituisce nonché statuisce la cessazione degli effetti della decisione 2010/252/UE (in merito v. A. Del Guercio, Controllo delle frontiere marittime nel rispetto dei diritti umani: prime osservazioni sulla decisione che integra il codice delle frontiere Schengen, in Diritti umani e dir. int., 2011, p. 193 ss.) annullata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea con la sentenza del 5 settembre 2012 (v. specificamente la causa C-355/10), contiene diverse disposizioni che regolano i molteplici aspetti riguardanti la sicurezza in mare (art. 3), la protezione dei diritti fondamentali e principio di non respingimento (art. 4), la localizzazione (art. 5), l’intercettazione nelle acque territoriali, in alto mare, nella zona contigua (rispettivamente: artt. 6-7-8), le situazioni di ricerca e soccorso (art. 9), lo sbarco (art. 10), i meccanismi di solidarietà (art. 12). Si tratta quindi di un significativo, ulteriore attoche potrebbe assumere un ruolo rilevante nell’azione di contrasto alle diverse forme di criminalità transfrontaliera, segnatamente, alle organizzazioni criminali dedite allo smuggling di migranti (sulle suddette organizzazioni criminali  v. anche lo studio prevalentemente sociologico di F. Pastore, P. Monzini, G. Sciortino, Schengen’s Soft Underbelly? Irregular Migration and Human Smuggling across Land and Sea Borders to Italy, in International Migration, 2006, p. 95 ss.), poiché determinate disposizioni del regolamento stabiliscono, nel caso della sussistenza di motivi tali da (poter) sospettare che un natante sia utilizzato per il traffico di migranti, le misure da adottare (naturalmente, secondo la disciplina ivi prevista), che contemplano la possibilità, tra l’altro, di fermare il natante e provvedere alla visita a bordo, all’ispezione, al fine di ricercare prove a conferma di detto sospetto; qualora siano riscontrate prove nel senso appena indicato, procedere, ad esempio, al sequestro del natante.

Si ritiene però opportuno sottolineare che il par. 11 dell’art. 7 del regolamento, dedicato proprio alla disciplina dell’intercettazione in alto mare, riprende sostanzialmente il par. 7 dell’art. 8 del Protocollo per combattere il traffico di migranti per via terra, via mare e via aria (da adesso in poi, semplicemente Protocollo sullo smuggling; il testo, p. 53 ss., consultabile anche nel sito dell’UNODC) allegato alla Convenzione delle N.U. contro la criminalità organizzata transnazionale, poiché il documento della Direzione Nazionale Antimafia (cfr. p. 25 e p. 26) partendo dalla considerazione che il Protocollosullo smuggling «segna un’ulteriore decisiva evoluzione rispetto alle soluzioni offerte dalla Convenzione di Montego Bay [ovviamente, la Convenzione delle N.U. sul diritto del mare], sia per l’espressa previsione del reato di smuggling tra quelli legittimanti l’intervento degli Stati in acque internazionali, sia perché va oltre il riconoscimento di un mero diritto di visita e controllo sulle navi sospettate in attività di traffico internazionale di migranti ovvero perché prive di bandiera o con bandiera apparente, prevedendo la possibilità di adozione di provvedimenti repressivi sulle navi visitate, nei limiti consentiti dal diritto nazionale ed internazionale», giunge al termine dell’articolata e puntuale disamina a sostenere che «il richiamo al [suddetto] diritto interno e internazionale può contribuire proprio a identificare le misure appropriate da adottare, tra le quali, appunto, il sequestro del natante con la relativa conduzione coatta al porto dello Stato (…)».

Molto importante notare che la disamina si concentra proprio sulla “portata” del par. 7 dell’art. 8 del Protocollo sullo smuggling (appare comunque utile qui considerare che nel corso delle «operazioni di sorveglianza di frontiera in mare, gli Stati membri dovrebbero rispettare i rispettivi obblighi loro incombenti» “in ossequio a” una serie piuttosto ampia e variegata, nonché aperta, di strumenti internazionali pertinenti; il considerando n. 8 richiama infatti anche la Convenzione delle N.U. sul diritto del mare, la Convenzione int. per la salvaguardia della vita umana in mare, la Convenzione int. sulla ricerca e il salvataggio marittimo, la Convenzione delle N. U. contro la criminalità organizzata transnazionale e il Protocollo sullo smuggling, la Convenzione eur. per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

Non sembra però azzardato intendere la locuzione gli Stati membri dovrebbero rispettare i rispettivi obblighi loro incombenti, con specifico riferimento alla Convenzione delle N.U. contro la criminalità organizzata transnazionale e al Protocollo sullo smuggling che rilevano in modo particolare in questa sede, nel senso di contemperare le esigenze di sicurezza e la tutela dei diritti umani fondamentali conformemente agli obblighi discendenti da questi due strumenti giuridici, specialmente dal Protocollo sullo smuggling. 

“Modelli” di tali obblighi appunto discendenti, si palesano ad esempio in due disposizioni di quest’ultimo strumento, ossia l’art. 5, che la dottrina ritiene peraltro una disposizione «indicativa di una certa tendenza degli Stati ad impegnarsi internazionalmente al fine di non ‘criminalizzare’ i migranti», ovviamente oggetto di smuggling, «per il mero fatto della loro clandestinità» oltreché “riconoscere” la loro funzione rilevante nel corso delle indagini tese a sgominare le summenzionate organizzazioni criminali, e l’art. 16, attinente all’obbligo di salvaguardare anche il diritto alla vita di dette persone: cfr. rispettivamente G. Palmisano, Trattamento dei migranti clandestini e rispetto degli obblighi internazionali sui diritti umani, in Diritti umani e dir. int., 2009, p. 531; S. Trevisanut, Immigrazione irregolare via mare: diritto internazionale e diritto dell’Unione europea, Napoli, 2012, p. 205, nonché sul plurimenzionato Protocollo, v. la compiuta disamina p. 191 ss., ivi riferimenti bibliografici; G. Palmisano, Il contrasto al traffico di migranti clandestini dal punto di vista del diritto internazionale, in P. Benvenuti (a cura di), Flussi migratori e fruizione dei diritti fondamentali, Ripa di Fagnano Alto (AQ), 2008, p. 83).

Il contenuto del considerando n. 3 puntualizza però l’ambito di applicazione del regolamento, ossia «le operazioni di sorveglianza di frontiera condotte dagli Stati membri alle loro frontiere marittime esterne» coordinate naturalmente dall’Agenzia FRONTEX istituita all’epoca dal Regolamento (CE) n. 2007/2004 (più volte modificato: v. infra gli atti opportunamente richiamati) che svolge proprio significativi compiti di assistenza, supporto, organizzazione, analisi, nel contesto dei diversi e delicati aspetti concernenti la gestione integrata delle frontiere esterne (peraltro, l’atto in esame prevede, quale base giuridica, particolarmente l’art. 77, par. 2, lett. d del TFUE relativo alle misure necessarie per istituire gradualmente un sistema integrato di gestione delle frontiere esterne).

La suddetta puntualizzazione appare rilevante e pertinente nell’ambito delle peculiari problematiche esaminate dal prezioso documento della Direzione Nazionale Antimafia poiché occorre tenere ben presente che la sorveglianza di frontiera si prefigge di ostacolare (anche) l’attraversamento non autorizzato della frontiera finalizzato ad eludere il controllo di frontiera, vale a dire sottrarsi alle verifiche di frontiera: pertanto, detta sorveglianza include anche piani mirati all’«intercettazione di natanti sospettati di voler entrare nell’Unione senza sottomettersi alle verifiche di frontiera» (considerando n. 1).

L’“elemento” del piano appare quindi rilevante e pertinente nell’ambito delle diverse questioni che afferiscono alla giurisdizione in caso di navigli operanti in alto mare ed utilizzati per il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina proprio perché la definizione del profilo relativo all’organizzazione del piano operativo concernente aspetti molteplici dell’operazione congiunta di sorveglianza (ad esempio, l’area geografica ove si svolgerà l’operazione), “investe” la competenza dell’Agenzia FRONTEX (sulle precedenti operazioni congiunte FRONTEX v. da ultimo S. Trevisanut, Which Borders for the EU Immigration Policy? Yardsticks of International Protection for EU Joint Borders Management, in L. Azoulai, K. de Vries (eds.), EU Migration Law, Legal Complexities and Political Rationales, Oxford, 2014, p. 122 ss.).

Più in particolare, dalla “lettura” della lettera j del par. 1 dell’art. 3 bis introdotto dal Regolamento (UE) n. 1168/2011 nonché “integrato” da ultimo dal Regolamento (UE) n. 656/2014 e dalla “lettura” dell’art. 11 nonché del considerando n. 17 sempre di quest’ultimo regolamento, si evince infatti non solo il ruolo comunque significativo del direttore dell’Agenzia FRONTEX durante la fase di definizione degli aspetti relativi all’«applicazione della pertinente giurisdizione e legislazione nell’area geografica in cui l’operazione congiunta» si dispiegherà, inclusi «i riferimenti al diritto dell’Unione e internazionale» riguardanti, ad esempio, l’intercettazione, ma altresì che il piano operativo «dovrebbe essere elaborato conformemente» alla disciplina prevista dal Regolamento (UE) n. 656/2014 (sulla funzione del direttore dell’Agenzia FRONTEX, v. S. Trevisanut, Immigrazione irregolare via mare…, cit. supra, p. 294).

Il contenuto del piano operativo risulta dunque un “elemento” strategico molto importante nell’ambito delle finalità prefissate dalle linee guida della Direzione Nazionale Antimafia: pertanto, al fine di agevolarne il perseguimento occorre considerare l’opportunità di procedere tempestivamente alla conclusione di accordi di lavoro funzionali, Agenzia FRONTEX-EUROJUST nonché Agenzia FRONTEX-EUROPOL (ai sensi dell’art. 13 introdotto sempre dal Regolamento (UE) n. 1168/2011) proprio per poter reperire informazioni che potrebbero rivelarsi molto utili, ad esempio, relative al campo d’azione previsto dall’operazione congiunta di sorveglianza (attinenti, in modo particolare, all’eventuale intercettazione in alto mare).

La nuova operazione congiunta FRONTEX denominata Tritone (probabilmente operativa entro la fine di quest’anno) che si presenta caratterizzata prevalentemente per il profilo concernente la gestione (integrata) delle frontiere (in merito, v. la pag. web dell’Agenzia FRONTEX), costituisce indubbiamente una significativa occasione proprio per saggiare la concreta rilevanza del suddetto “elemento” strategico, posto che si tratta di un’operazione predisposta allo scopo di fronteggiare, con risolutezza, l’elevata pressione dei flussi migratori irregolari diretti verso le coste meridionali del nostro Paese, che assumerà – plausibilmente – il ruolo di Stato membro ospitante, ai sensi della definizione prevista dal par. 3 dell’art. 2 del Regolamento (UE) n. 656/2014, dell’operazione marittima (vale la pena rammentare che i migranti soccorsi  dal 1 agosto 2013 al 31 luglio 2014 dalla nostra Marina militare nel quadro delle finalità prestabilite dalla più che lodevole «operazione Mare Nostrum» sono stati 62.982, altresì che gli scafisti arrestati dal 18 ottobre 2013 al 13 agosto 2014 sono stati 453:cfr. il puntuale doc., consultabile online, del Ministero dell’Interno, p. 13).

------------------------

Ulteriori riferimenti bibliografici utili: I. Caracciolo, Diritto internazionale e contrasto al traffico illecito di migranti clandestini, in M. Papa, G.M. Piccinelli, D. Scolart (a cura di), Il libro e la bilancia. Scritti in memoria di Francesco Castro, Tomo II, Napoli, 2011, p. 539 ss. – N. Parisi, I limiti posti dal diritto internazionale alle scelte di penalizzazione del legislatore interno in materia di immigrazione irregolare, in R. Sicurella (a cura di), Il controllo penale dell’immigrazione irregolare: esigenze di tutela, tentazioni simboliche, imperativi garantistici, Torino, 2012, p. 55 ss.

 


*Testo aggiornato alla data del 4 ottobre 2014

11 ottobre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
“Vergogna ed esclusione. L’Europa di fronte alla sfida dell’emigrazione”
“Vergogna ed esclusione. L’Europa di fronte alla sfida dell’emigrazione”
di Mariarosaria Guglielmi
Pubblichiamo l'intervento tenuto a Padova lo scorso 27 marzo, in occasione della presentazione del volume curato da Umberto Curi (Castelvecchi)
20 aprile 2017
Intermediazione e sfruttamento del lavoro: luci e ombre di una riforma necessaria. Come cambia la tutela penale dopo l’approvazione della legge n. 199/2016
Intermediazione e sfruttamento del lavoro: luci e ombre di una riforma necessaria. Come cambia la tutela penale dopo l’approvazione della legge n. 199/2016
di Francesco Gianfrotta
Emergenza criminale, il caporalato? Forse non lo è, considerando che si tratta di una questione di rilevanza penale di lunga data e presente anche nel Nord del Paese. Ma, come si vedrà, la riforma approvata dal Parlamento, pur contenendo importanti novità sul piano della repressione e della prevenzione del fenomeno, non è priva di lacune ed aspetti critici
1 marzo 2017
Migranti, Italia condannata dalla CEDU per trattenimenti illegittimi
Migranti, Italia condannata dalla CEDU per trattenimenti illegittimi
di Francesca Cancellaro
Commento a CEDU, Grande Camera, sent. 15 dicembre 2016, Khlaifia e altri c. Italia
11 gennaio 2017
Immigrazione: non servono riforme al buio
Immigrazione: non servono riforme al buio
di Simona De Napoli
Considerazioni sul progetto governativo di riforma processuale in materia di protezione internazionale ed immigrazione
21 luglio 2016
Le organizzazioni criminali e il traffico di migranti*
La rilevanza penale del fenomeno migratorio
Ricordiamoci dei diritti degli immigrati
Ricordiamoci dei diritti degli immigrati
di Guglielmo Taffini
Le linee guida del Consiglio d'Europa in materia di immigrazione
24 settembre 2015
Il naufragio
di Vittorio Gaeta
Un'opera teatrale racconta l'affondamento dell'imbarcazione albanese Katër i Radës, avvenuto nel canale d'Otranto il 28 marzo 1997
26 ottobre 2014
Le criticità di Mos Maiorum
di Fulvio Vassallo Paleologo
L’operazione che si svolgerà dal 13 al 26 ottobre dovrebbe prevenire “l’attraversamento illegale dei confini”, con un rafforzamento dei controlli, allo scopo di identificare il maggior numero di migranti che si trovano nell’area Schengen o cercano di farvi ingresso, senza regolari documenti di ingresso e di soggiorno
11 ottobre 2014
Lampedusa, se la parola diritto
è ancora una "parola vuota"
di Patrizia Bellucci ed Emilia Lacroce
Una recensione a "Lampedusa. Conversazioni su isole, politica, migranti", di Giusi Nicolini e Marta Bellingreri
19 dicembre 2013
Newsletter


Fascicolo 1/2017
Il diritto di Crono
Il multiculturalismo e le Corti
Osservatorio internazionale
CGUE, pillole di febbraio
CGUE, pillole di febbraio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte di Giustizia dell'Unione emesse a Febbraio 2017
13 aprile 2017
Sessant'anni dai Trattati di Roma: ciò che dobbiamo alla giustizia dell’Unione
CEDU, pillole di gennaio
CEDU, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a gennaio 2017: Principio di non discriminazione, diritto alle visite coniugali per i detenuti in custodia cautelare (Romania); Diritto alla libertà di espressione, proporzionalità della sanzione (Grecia)
24 marzo 2017
Violenze in danno di soggetti vulnerabili, tra obblighi (secondari) di protezione e divieto di discriminazione di genere. Corte Edu, 2 marzo 2017, Talpis c. Italia, ric. n. 41237/14 (non definitiva)
Violenze in danno di soggetti vulnerabili, tra obblighi (secondari) di protezione e divieto di discriminazione di genere. Corte Edu, 2 marzo 2017, Talpis c. Italia, ric. n. 41237/14 (non definitiva)
di Roberto Conti
La condanna dell’Italia interpella i temi del rapporto degli individui, vulnerabili e non, con lo Stato e dell’affidamento riposto nelle forze dell’ordine e nella magistratura affinché alcuni beni primari e, fra tutti, la vita e l’integrità fisica, siano protetti in modo efficace, adeguato e proporzionato da rischi che possono stimarsi come immediati e ragionevolmente prevedibili. Il fascio di questioni che la pronunzia – resa anche sotto il profilo della discriminazione per ragioni di sesso – solleva, apre nuovi orizzonti su cui l’Autore compie una prima disamina
23 marzo 2017
Due decisioni importanti del Comitato europeo dei diritti sociali in materia di licenziamento
Due decisioni importanti del Comitato europeo dei diritti sociali in materia di licenziamento
di Francesco Buffa
Il Comitato fissa alcune condizioni per i licenziamenti e indica le tutele minime spettanti ai lavoratori illegittimamente licenziati
22 marzo 2017
Il velo delle donne musulmane tra libertà di religione e libertà d'impresa
Il velo delle donne musulmane tra libertà di religione e libertà d'impresa
di Nicola Colaianni
Prime osservazioni alla sentenza della Corte di giustizia sul divieto di indossare il velo sul luogo di lavoro
21 marzo 2017